Natale 2017: libri sotto l’albero

nataleNatale 2017: libri sotto l’albero- di Samanta Airoldi. Tra meno di un mese sarà Natale, il countdown è già iniziato e la nostra Milano ha già iniziato ad illuminarsi con luci alle finestre, luminarie che addobbano le vetrine dei negozi e babbi natale che, timidamente, fanno capolino dai terrazzini delle case.
Insieme a luci e gioia però il Natale, spesso, per molti di noi è ansia per la rincorsa al “regalo perfetto” che deve essere rigorosamente ad personam, mai banale e, soprattutto, non ripetitivo.
E cosa c’è di meglio di un buon libro per essere non banali, non ripetitivi e fare centro nei desideri di quella persona specifica?!
Un libro è sempre il regalo giusto perché unisce cultura, emozione e offre uno strumento in più per guardare il mondo, sia esso un saggio di filosofia, un dossier inchiesta sulla società o un metaforico romanzo.
Ecco alcune nuove uscite che consiglio caldamente di regalare o regalarsi per questo Natale 2017.

Claudia Zanella "meglio un giorno da Vegana"

Claudia Zanella “meglio un giorno da Vegana”

1) Meglio un giorno da Vegana (Claudia Zanella)
Il nuovo libro dell’attrice e naturopata Claudia Zanella.
Claudia, vegana da ben 10 anni, racconta con un linguaggio semplice e confidenziale come la scelta vegana sia una scelta vincente non solo in termini etici ed ecologici ma anche per la nostra salute.
Ci conduce per mano nel suo mondo di giovane donna, moglie, mamma e naturopata introducendo aneddoti e proverbi di antica saggezza popolare. Ci racconta di come e quando è cambiata la sua vita e il suo rapporto con il cibo e di come questo le abbia permesso di guarire da diverse patologie.
Il tutto con la semplicità della “ragazza della porta accanto”. Non mancano ricette ed esempi pratici di come iniziare a migliorare il proprio stile di vita a tavola ma non solo.

C. Sale Musio "Droghe Legali"

C. Sale Musio “Droghe Legali”

2) Droghe Legali ( Carla Sale Musio)
La Dottoressa Carla Sale Musio, psicoterapeuta, ci spiega in termini semplici e logici come il cibo da nutrimento, ovvero bisogno primario, sia stato stravolto e trasformato in un bisogno secondario socialmente indotto per soddisfare esigenze di mercato.
Il cibo da fonte di vita a droga che ci ha resi sempre più dipendent sia fisicamente sia, soprattutto, psicologicamente.
Oggi tutti gli eventi importanti delle nostre vite ruotano intorno al cibo: matrimoni, battesimi, ci si incontra con parenti e amici non per condividere emozioni ma per condividere cibo… Si pensa al cibo da quando ci si alza al mattino, si parla di cibo anche mentre si mangia…
Si mangia quasi mai per reale fame ma, il più delle volte, per sfogare rabbia, ansia, frustrazioni. Il tutto con il beneplacito di aziende e multinazionali che ci bombardano con continue pubblicità in radio, tv, nei cartelloni per le strade.
Un libro per renderci un pochino meno vittime di queste logiche di mercato e un filino più consapevoli nel rapportarci al cibo e nel liberarci da questa schiavitù.

Il Fiume Scorre. Riflessioni di un medico libero

Il Fiume Scorre. Riflessioni di un medico libero

3) Il Fiume scorre. Riflessioni di un medico libero (Vasco Merciadri e Daniele Boni)
Un medico e un ingegnere che si uniscono per dare voce ad un flusso di pensieri che comprende etica, esperienza di vita, sana alimentazione e senso di fratellanza.
Il Dottor Merciadri senza peli sulla lingua ne sulla penna coniuga aspetti tecnico- scientifici ed emozionali guardando la persona nella sua interezza come energia vitale, come vita in mezzo ad altre vite, come essere parte di un tutto.
Nel corso del libro viene a delinearsi la figura del medico come portatore di valori etici oltreché di sapere scientifico che deve essere sempre a disposizione del vero benessere psicofisico e giammai asservito al soldo.
Un medico che rende partecipe il paziente quale protagonista della sua vita e parte attiva della sua salute come della sua malattia/prevenzione/guarigione.
Un medico che ci riconduce a noi, perché la malattia non è un asteroide che ci colpisce a caso ma, quasi sempre, il prodotto di nostre specifiche scelte di vita. E come siamo artefici del nostro male così anche, invertendo rotta, possiamo diventare artefici del nostro benessere.

Piggasus e il pianeta Vegamo

Piggasus e il pianeta Vegamo

4) Piggasus e il Pianeta Vegamo ( Marilù Mengoni)
Il cibo non è mai solo cibo: il cibo è scelta di vita, il cibo è rapporto simbolico ma anche economico e materiale con la vita, il cibo è espressione di amore e rispetto.
E questo lo imparano i due giovani Cordelia e Filippo che ogni notte vanno con Piggasus, un maialino alato, sul pianeta VegAmo, dove la Sacerdotessa Kamin insegna loro le regole di una corretta alimentazione, rivelando segreti per rimanere in salute nel tempo.
Intanto i ragazzi devono affrontare le insidie nascoste nella loro scuola e difendere l’anziana Rosina da nemici che vogliono impossessarsi della sua piccola bottega di ortofrutta per aprire un “tempio della porchetta”.
I concetti e le regole di una sana alimentazione sono resi in questo libro facilmente comprensibili grazie allo stile divulgativo e alle esemplificazioni che vi sono contenute. Un viaggio per adulti e ragazzi, alla scoperta dei modi migliori per mantenersi in forma fisica e mentale, trovando dentro di sé la motivazione per il cambiamento.

L'Agricoltore e il Ginecologo

L’Agricoltore e il Ginecologo

5) L’ Agricoltore e il Ginecologo (Michel Odent)
Cosa accomuna l’ Agricoltura e la Nascita? Cosa hanno in comune agricoltori e ginecologi?
Entrambi hanno visto progressivamente ridursi a mera tecnica la loro funzione, il loro mestiere.
Ancora una volta il mercato, con la sua logica illogica e spietata, ha preso il sopravvento trasformando tanto l’agricoltura quanto le nascite in fonti di guadagno anche a scapito di salute e benessere dell’essere umano.
Gli studi raccolti da Odent offrono conferme scientifiche del fatto che è possibile, andando a perturbare in modo routinario e sistematico i bisogni fisiologici della donna e del neonato, interferire in modo grave sulla relazione madre bambino e quindi sulla capacità di amare dell’essere umano, che si manifesterà solo dopo anni e in varie modalità.

Gli Sdraiati

Gli Sdraiati

6) Gli Sdraiati (Michele Serra)
Lo scrittore ligure con una penna snella e a tratti ironica ci introduce nella difficile quotidianità di un padre cinquantenne e separato che condivide un bilocale con un figlio adolescente quasi estraneo.
Un romanzo – indagine sul mondo degli adolescenti di oggi e una riflessione sull’incomunicabilità tra due generazioni.
Adolescenti “sdraiati” su se stessi, chiusi in un modo che pare inaccessibile.
Eppure l’autore fa trasparire fin dalla prima pagina il suo fare il tifo per i giovani, il suo amore sfrenato per la giventù che non comprende, da cui è fortemente intimorito eppure affascinato.
Finché si scopre “superato” da un ragazzino con le sneakers e i pantaloni dal cavallo basso.

 

Samanta Airoldi

leggi anche gli altri articoli di S. Airoldi

Samanta Airoldi

contatti Milano Arte Expo: mail: milano.arte.expo@gmail.com– telefono: +393662632523

Per recensioni, redazionali e banner sul magazine online, contattate Melina Scalise, telefono +393664584532

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *