Mostre fotografiche a Milano tra Natale e Capodanno 2017

mostre fotografiche Milano

Bob Geldof al trucco

Mostre fotografiche a Milano tra Natale e Capodanno 2017. Molteplici le esposizioni che si possono visitare durante le feste natalizie, tra di queste ve ne sono diverse di fotografia che, a noi di Mae, paiono di grande interesse. Segnalazioni di Federicapaola Capecchi.

mostre fotografiche Milano

Milano Muore sotto le bombe

La mostra Milano: storia di una rinascita, a Palazzo Morando, espone fotografie d’epoca, reperti e oggetti bellici, manifesti, locandine, cimeli, raccontando momenti e anni cruciali della storia di Milano: dai bombardamenti del ’43 alla ricostruzione morale e urbanistica degli anni ’50. Racconta di come Milano seppe affrontare egregiamente la drammatica situazione post bellica.

È una mostra accuratamente studiata e strutturata, fin dal sito, dove trovate vari link, tra cui quello che rimanda al blog della Mostra dove sono raccontate, anno per anno, episodio per episodio, vicende importanti come la riapertura del Teatro alla Scala già nel 1946, la mostra su Picasso a Palazzo Reale del ’53 con l’esposizione di Guernica, la storia di Villa Triste e del rifugio antiaereo di Piazza Duomo, e molte altre.

Una serie di conferenze e di appuntamenti con l’approfondimento – storico, sociale, urbano, architettonico – accompagnano tutto il corso della mostra. Sabato 14 gennaio 2017 si tiene per esempio la conferenza “Milano muore sotto le bombe”e il 21 gennaio la conferenza “Milano rinasce, esperimenti urbani e speculazioni”, entrambe di Valentino Scrima.

Numerosi anche i laboratori e workshop per studenti, affiancati alla mostra. Percorsi didattici e tematici per scuole di primo e secondo grado, ma anche per adulti. Rigorosamente tutto in Bianco e Nero.

http://www.milanostoriadiunarinascita.it/

“Milano: storia di una rinascita” dal 10 novembre 2016 al 12 febbraio 2017

Armin Linke

Armin Linke – l’apparenza-di cio che non si vede 628×353

L’apparenza di ciò che non si vede, la mostra di Armin Linke, fotografo e filmaker milanese ma berlinese di adozione, al PAC Padiglione di Arte Contemporanea. Centosettanta fotografie accompagnate da testi e audio, selezionate tra le oltre ventimila fotografie che compongono l’archivio di Armin Linke, che da più di vent’anni viaggia per il mondo a documentare gli effetti della trasformazione globale. L’apparenza di ciò che non si vede non si limita al momento espositivo ma è un progetto articolato e complesso volto anche a riflettere sulla leggibilità dell’immagine e l’approccio soggettivo a questioni di carattere globale. Oltre alle fotografie di Armin Linke questo progetto consta di alcune installazioni di artisti invitati a dialogare con l’archivio di Linke: Ariella Azoulay (Tel Aviv, 1962), Bruno Latour (Beaune, 1947), Peter Weibel (Odessa, 1944), Mark Wigley (Palmerston North, 1956), Jan Zalasiewicz (Manchester 1954), Franco Farinelli (Ortona, 1948), Lorraine Daston (East Lansing, Michigan, 1951) e Irene Giardina (Catania, 1971) e una nuova installazione dei precedenti interventi. Armin Linke combina una serie di tecnologie e di elaborazioni delle immagini contemporanee al fine di offuscare i confini tra finzione e realtà. Linke sfida le convenzioni della pratica fotografica, per cui la questione di come la fotografia è visualizzata e letta diventa sempre più importante. La mostra è a cura di Ilaria Bonacossa e Philipp Ziegler

http://www.pacmilano.it/exhibitions/armin-linke-lapparenza-di-cio-che-non-si-vede/

“L’apparenza di ciò che non si vede” dal 16 ottobre 2016 al 6 gennaio 2017

Behind “the Wall” retrospective – Photographs by David Appleby, alla Arteutopia Hernandez Art Gallery. 47 fotografie in bianco e nero di grande formato, realizzate da Appleby sul set, durante la lavorazione del visionario film di Alan Parker, tra il 1979 ed il 1980, con le animazioni di Gerald Scarfe e l’ineguagliato live tour, forse il più coinvolgente e sbalorditivo live act mai realizzato. La mostra racconta non solo un capolavoro cinematografico e musicale, ma anche l’atmosfera di quel momento. Soprattutto è una documentazione di un making of che restituisce con entusiasmo e naturalezza tutto il mondo e i gesti del dietro le quinte. Geldof-Pinky al trucco per trasformarsi nel dittatore; l’allestimento delle impalcature che sorreggono i bambini diretti di “Another brick in the Wall”; Alan Parker che spiega al giovane Pinky come reggere il topo nella sequenza di Comfortably numb, eccetera. Fa parte della mostra una selezione di bozzetti e disegni originali di Gerald Scarfe. La mostra Behind the Wall è ideata e prodotta da Arteutopia e Clarart e porta per la prima volta in Italia gli scatti di David Appleby, il fotografo inglese che documentò le riprese di The Wall, il celebre film dell’82 ispirato all’album di culto dei Pink Floyd.

http://www.arteutopia.it

Behind the Wall, dal 25 novembre 2016 al 15 gennaio 2017

Bob Geldof

Bob Geldof sitting comfortably numb

Chinascape: from Rural to Urban, Spazioborgogno. 16 fotografi cinesi contemporanei, oltre 40 fotografie a raccontare la trasformazione economica, politica, culturale della cina. La mostra, a cura di Wang Chunchen, capo del Dipartimento di Curatorial ricerca presso il Museo dell’Accademia Centrale di Belle Arti (CAFA), indaga e documenta un Paese in continua mutazione ed evoluzione. Chinascape documenta il risultato e l’effetto delle trasformazioni della scena contemporanea cinese, tanto nello spazio quanto nel tempo. È un viaggio – tanto fisico quanto mentale – dalle campagne alle megalopoli, impreziosito nelle riflessioni e nelle suggestioni dalle potenzialità della fotografia come linguaggio anche artistico. La mostra è ideata e realizzata dal CAEG, China Arts and Entertainement Group, con l’IGAV, Istituto Garuzzo per le Arti Visive di Torino, sarà aperta al pubblico fino a sabato 7 gennaio 2017. Gli artisti esposti sono: Chen Weiqun, Fu Wenjun, He Chongyue, Huang Qingjun, Jia Youguang, Liu Bolin, Liu Ren, Ma Liang, Miao Xiaochun, Shao Zenong & Mu Chen, Wang Chuan, Wang Gongxin, Yan Yongliang, Yao Lu, Yang Yong, Zhang Dali.

Chinascape: from Rural to Urban, dal 26 novembre 2016 al 7 gennaio 2016

www.igav-art.org

https://spazioborgogno.com

Selezione di

mostre fotografiche a Milano

di

Federicapaola Capecchi

contatti Milano Arte Expo: mail: milano.arte.expo@gmail.com – telefono: +393662632523

Per recensioni, redazionali e banner sul magazine online, contattate Melina Scalise, telefono +393664584532

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *