Migliori ristoranti etnici a Milano, zona Porta Venezia

ristoranti etnici Milano

Migliori ristoranti etnici Milano, Porta Venezia

Migliori ristoranti etnici a Milano, zona Porta Venezia selezionati da Samanta Airoldi. In questi anni si parla molto di multiculturalismo e multietnicità: libri, dibattiti, conferenze su un tema che preme sempre di più. Milano è una metropoli dai mille volti che promuove la ricchezza e gli scambi e questa ricchezza si concretizza in un’offerta variopinta e multi sfaccettata in tutti i settori, in primis quello enogastronomico.

In particolare c’è una zona di Milano che, da sempre, è sinonimo di colori, suoni, sapori che provengono da mille paesi diversi: Porta Venezia.

Proprio a due passi dalla centralissima metropolitana, in viuzze perpendicolari alla fashionissima Corso Buenos Aires si apre un crocevia dove terre lontane che si affiancano nel nome della buona cucina.

In questo storico quartiere multisfaccettato e colorato non è affatto strano, infatti, imbattersi in un arabeggiante caffé che serve tè verde marocchino a fianco ad una tradizionale focacceria siciliana che sforna panzerotti e frigge arancine e panelle mentre di fronte sorge un ristorante giapponese fusion che, a sua volta, convive in allegria a pochi passi da un’osteria toscana.

In questo articolo, non potendomi soffermare su tutta l’immensa varietà gastronomica che questo bellissimo quartiere offre, ho voluto operare una mia personalissima selezione di locali etnici che, secondo me, non potete proprio perdervi 😉

Ristorante Indiano The Dhaba (via Panfilo Castaldi 22)

The Dhaba cucina tipica indiana

The Dhaba cucina tipica indiana

Ottimo cibo, profumo di spezie, gentilezza e cortesia: tutto questo è il The Dhaba, un ristorante indiano che si distingue per la ricca proposta gastronomica nonché per l’eccellenza delle materie prime.

Due sale dai toni caldi e illuminate da luci soffuse; camerieri vestiti con abiti tradizionali e cibo che profuma di India.

L’attenzione per l’aspetto gastronomico è accompagnata da un’altrettanto vigile occhio di riguardo per il locale, l’atmosfera e, ovviamente, il cliente; colori, odori e sapori: qui tutto è pensato per regalare un’esperienza multisensoriale unica e piacevolissima!

I piatti propongono la cucina tipica indiana con un’ottima scelta vegetariana e vegana che si affianca ad un’ampia selezione di ricette a base di pollo, agnello e pesce.

Tra i piatti vegetariani sono decisamente da provare le Began Ka Bhartha: melanzane cotte al forno con pomodoro e cipolla; e le Malai Kofta: crocchette di verdure cotte nella tipica salsa indiana leggermente piccante.

Gli amanti della carne e del pesce non resteranno delusi da un invitante Ghost Madras: agnello piccante al curry o da un aromatico Bangla Fish Curry, ovvero un curry di pesce misto. Il tutto accompagnato dal golosissimo pane tipico, il Naan: una morbida focaccia farcita, a piacere, con patate, formaggio, agnello o spezie.

Molto interessanti i dolci quasi tutti a base di latte, riso o cocco.

Se siete indecisi vi consiglio di optare per il menù degustazione.

Ristorante Svedese Björk Swedish Brasserie (via Panfilo Castaldi 20)

Björk Swedish Brasserie e i tipici Smorrebrod

Björk Swedish Brasserie

E, se siete a Porta Venezia, scoprirete che i confini sono solo una convenzione perché proprio accanto all’indianissimo The Dhaba sorge Bjork: unico e straordinario ristorante/ brasserie svedese a Milano.

Locale particolarissimo e piacevolissimo a partire dall’arredamento tutto in legno chiaro e dal design minimal.

Qui potrete gustarvi i piatti tradizionali della tradizione nordica: gli smorrebrod- i classici toast aperti ricoperti da un generoso strato di burro salato sovrastato da salmone o altri ingredienti a piacere; le piccole polpette di manzo e maiale ; le caldissime zuppe di cavolfiore; il merluzzo affumicato; la renna; etc…

All’ingresso sarete accolti con il sorriso da tre professionisti del settore gastronomia che dietro ad un invitante bancone gremito di ogni delizia nord europea, sapranno consigliarvi al meglio in merito ai prodotti in vendita che potrete sia consumare in loco sia portare a casa.

Bjork offre anche un’ampissima scelta di prodotti alimentari tipici da acquistare tra cui i burrosissimi biscotti racchiusi in tonde scatole di latta da collezione oppure i cioccolatini , il burro salato, i cetrioli in salamoia, etc

A completare l’eleganza del locale anche una selezione di complementi d’arredo dal design essenziale nordeuropeo.

Ristorante Warsà Eritreo (Via Melzo 16)

Ristorante Warsà

Ristorante Warsà

Tipico ristorante che profuma di Africa!

Cucina saporita, speziata e corposa: non uscirete da qui con la fame, statene pur certi!

La peculiarità di Warsa (come della maggior parte dei ristoranti Eritrei ed Etiopi “doc”) è l’assenza di posate: qui dovrete “sporcarvi le mani”… ma lo farete con immenso piacere 😉

Viene servito un piatto al centro della tavola e da quel piatto si serviranno tutti i commensali, come nelle famiglie africane… come nelle famiglie italiane di qualche decennio fa… come in molte famiglie di campagna ancora oggi… Bellissimo!

Ristorante Warsà

Ristorante Warsà

Il cibo come elemento di condivisione e di unione: e nulla unisce più di un’ eccellente portata.

Le portate, solitamente, si presentano strutturate così: al centro del piatto la pietanza di carne o pesce prescelta e tutto intorno differenti contorni e salse, per soddisfare un po’ tutti i gusti.

A completare la bellezza di questo suggestivo locale: luci calde e soffuse e mattonelle a vista.

Ristorante Saba cucina Etiope ed Eritrea (Via Lazzaro Palazzi 10)

Ristorante Saba

Ristorante Saba

Tanto giallo e legno scuro, queste le note predominanti di questo locale affascinante e semplice al contempo, proprio come l’ Africa. Saba raccoglie il meglio della tradizione Etiope ed Eritrea.

Ampi specchi alle pareti gialle, tavolini quadrati, bassi e dal design essenziale che danno subito l’idea di solidità e robustezza, sedie ampie su cui adagiarsi per gustarsi con calma una cena ottima e abbondante.

Per chi volesse immergersi ancora più a fondo nella tradizione è possibile cenare seduti su sgabellini bassi di legno di fronte al Mesob, il tipico ripiano in paglia

Anche qui tutto si mangia, rigorosamente, con le mani, anzi con l’ Ingera una piadina tipica composta da un mix di farine che accompagna ogni piatto assolvendo alla funzione sia di pane sia di posata per “catturare” il cibo 🙂

Accanto a piatti tradizionali a base di manzo o pollo ci sono anche ottime possibilità di scelta per vegani e vegetariani in quanto il menù abbonda di ortaggi e legumi.

Se i carnivori adoreranno il Kitfo, macinato di manzo con curry a base di peperoncino africano, e si perderanno nel Dhoro Wot che unisce pollo, lenticchie e uovo sodo, i vegani faranno il bis di Alicia: un succulento stufato di carote, patate, fagioli e verze.

Imperdibili per tutti i Sambusa: fagottini di pasta fillo farciti o con manzo o con lenticchie

NUN Taste of Middle East (Via Spallanzani 36)

Nun Milano

Nun Milano

E infine, per una cena veloce ma non per questo meno succulenta, Nun offre un vasto assortimento di kebab componibili a piacimento, ovvero con la possibilità di scegliere i singoli ingredienti sulla base dei propri gusti o scelte alimentari.

Questo locale, dall’allure giovane e fusion, ha “rivisitato” in chiave europea il kebab, piatto tipico della cucina mediorientale.

Nun the taste of Middle East

Nun the taste of Middle East

Da Nun nulla di preconfezionato: sarete voi a decidere il tipo di pane, la farcitura, i condimenti e il contorno.

Potrete decidere se optare per un panino, una piadina araba o una vegana con olio extra vergine di oliva e se farcirla con carne di pollo oppure falafel o melanzane fritte.

Ottime possibilità di condimenti, salse e contorni per vegani e vegetariani.

Da Nun non mangerete il solito kebab a dimostrazione che anche un panino può diventare “multiculturale” 😉

Migliori ristoranti etnici a Milano zona Porta Venezia

di Samanta Airoldi

leggi anche gli altri articoli di S. Airoldi

Samanta Airoldi

contatti Milano Arte Expo: mail: milano.arte.expo@gmail.com – telefono: +393662632523

Per recensioni, redazionali e banner sul magazine online, contattate Melina Scalise, telefono +393664584532

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *