Alessandro Trovati fotografo: a Spazio Tadini con la rivista fotografica Image Mag

Spazio Tadini

Olimpiadi di Pechino 2008, Valentina Vezzali – Alessandro Trovati Pentaphoto

Alessandro Trovati fotografo: a Spazio Tadini con la rivista fotografica Image Mag. Mercoledì 9 novembre 2016 alle ore 19:30, nella Casa Museo di via Jommelli 24 a Milano (vedi MAPPA), il secondo Incontro con L’Autore ciclo di appuntamenti con la fotografia e gli autori  > vedi dettagli al LINK – è con Alessandro Trovati, tra i migliori fotografi sportivi italiani e grande esperto di giochi olimpici.

Alessandro Trovati

Alessandro Trovati

Da Atene 2004 a Pechino 2008 a Londra 2012 a Pechino 2012 possiamo dire che Alessandro Trovati ha fotografato i più grandi momenti e protagonisti della storia delle recenti Olimpiadi. Ricordate lo sguardo stupito di Usain Bolt (Pechino 2008) quando vinse l’oro nei 100 metri? Pur arrivando primo ha un’espressione di stupore per il nuovo record raggiunto – 9”69 – più che di esultanza. Quella fotografia è di Alessandro Trovati. E Valentina Vezzali inginocchiata a terra che urla al cielo? Sempre Pechino 2008 e anche quello scatto è di Trovati. Come sua è la foto di Yuri Chechi (Atene 2004) quando vince l’oro agli anelli nella ginnastica artistica, delle sorelle Venus e Serena Williams (Londra 2012), del Triathlon, di Tomba, di Pantani, e potremmo davvero andare avanti ancora e ancora.

Trovati, Canon ambassador, figlio d’arte di Armando fondatore dell’agenzia Pentaphoto, da più di 25 anni segue le più importanti manifestazioni sportive mondiali. Ha vinto numerosi premi tra cui “Foto dell’anno 2012” con uno scatto sul triathlon, “Momenti di Sport Campione d’Italia” 2012 e 2014 e altrettanti riconoscimenti nazionali e internazionali.

Le sue fotografie hanno la forza e il fascino della capacità di fissare l’attimo così come il gesto atletico, di immortalare gioia, fatica, dolore; di dare una suggestione particolare, a volte unica, non solo alla prestazione atletica in sé e per sé ma alla situazione tutta, come, per esempio, la fotografia di un ciclista colto all’interno di un tunnel stradale, davanti ai fari delle auto di gara, solo, verso il traguardo.

Ha una passione per il bianco e nero anche se usa spesso il colore. Ha un senso della posizione o innato o incredibile: è riuscito in più di un’occasione – quando tutti i colleghi sono ammassati nello stesso posto col rischio di fare tutti la stessa foto – a trovare un angolo perfetto per un’inquadratura speciale. Questo è frutto di esperienza e creatività, ed è ciò che gli da una marcia in più rispetto a molti altri.

Dalle sue fotografie è evidente come, negli anni, abbia sviluppato oltre l’esperienza sul campo anche molto, e soprattutto, l’immaginazione, ciò che gli permette di realizzare delle foto davvero esclusive. Non solo ha conoscenza degli sport che va a fotografare – le sue tre passioni sono lo sci, il ciclismo e la Formula Uno – ma altrettanto ha la capacità di immaginare e condensare in un attimo passato, presente, futuro di una fisicità, di un gesto, di un momento e di un’emozione, che rimane nel tempo. Alessandro Trovati riesce a fermare in un fotogramma l’importanza e l’unicità del gesto atletico, della situazione e dello sportivo, a volte, persino anticipando, prevedendo e immaginando millesimi, attimi in progressione di quella prestazione. E riesce a farlo non solo negli eventi internazionali, quando l’atleta è alla sua massima espressione, ma anche quando ha un incarico per una marca di abbigliamento o di accessori sportivi. Indubitabilmente Trovati ama essere immerso nell’azione e si percepisce dalle angolazioni e dai momenti che riesce a restituire, persino in subacquea, dalla creatività d’azione che ha, dalla dinamicità di quell’attimo, di quella immagine in cui si muove tutta la storia vista, immaginata e da raccontare. Ah … piccola curiostà … l’80-90% delle fotografie … le scatta in manuale!

Federicapaola Capecchi

Mercoledì 9 novembre 2016 alle ore 19:30 potrete incontralo dal vivo, all’interno delle attività e delle mostre dedicate alla fotografia a cura di Federicapaola Capecchi e della collaborazione/gemellaggio tra Spazio Tadini, Mosé Franchi e Image Mag, la rivista bimestrale di grande formato che racconta storie di fotografi e di fotografia. Federicapaola Capecchi introdurrà l’autore e, insieme a Mosé Franchi, direttore della rivista Image Mag, intervisterà Alessandro Trovati. Consigliata la registrazione: federicapaola@spaziotadini.it

Alessandro Trovati

http://www.alessandrotrovati.com/it/index.html

http://www.alessandrotrovati.com/it/about.html

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *