Pio Tarantini – Fotografia: la scuola di Franco Fontana in mostra a Milano

mostre fotografiche Milano

mostre fotografiche Milano – Pio Tarantini, recensione della mostra Fontana e Quelli di Franco Fontana a Spazio Tadini

Pio TarantiniFotografia: la scuola di Franco Fontana in mostra a Milano. La mostra visibile nelle sale dello Spazio Tadini fino al 20 novembre – vedi dettagliFontana e Quelli di Franco Fontana,  presenta una selezione di alcune tra le più note opere del fotografo modenese e molte altre opere ‒ disseminate negli ampi e articolati spazi della struttura ‒ di 31 fotografi che hanno seguito i workshop di Fontana nel corso del tempo.

Marco La Vista

Marco La Vista, Presenze assenti

Sull’esposizione ha già scritto su queste pagine, oltre a Francesco Tadini, Federicapaola Capecchi che, insieme a Mosé Franchi, direttore della rivista Image Mag, ne è la curatrice: mi permetto dunque di aggiungere soltanto qualche ulteriore considerazione su questo interessante progetto, rivelatore di quanto e come un fotografo italiano ormai storicizzato e contraddistinto da uno stile fortemente caratterizzato possa influenzare il linguaggio di una vasta schiera di fotografi che evidentemente hanno trovato in lui il punto di riferimento della loro espressività.
Il linguaggio fotografico di Franco Fontana, come è noto, è caratterizzato da un uso particolare del colore, in cui la saturazione accentua gli effetti grafico-pittorici delle sue opere. I paesaggi, naturali e urbanizzati, alcuni loro dettagli, a volte presenze umane fermate in ambientazioni di impronta metafisica, i suoi vari soggetti insomma sono ripresi sempre con un ricercato gusto compositivo e cromatico che avvicina la sua fotografia più al versante di un’esperienza artistico-pittorica che non a quello della documentazione ‒ scelta stilistica che lo stesso autore rivendica quando dichiara che la fotografia è soprattutto interpretazione.

Francesco Bucchianeri

Francesco Bucchianeri

Questa scelta creativa è stata molto apprezzata da un vasto pubblico italiano e internazionale ‒ Fontana è uno dei pochi fotografi italiani affermatosi all’estero su vasta scala ‒ e dai potenziali acquirenti, privati amanti della fotografia e collezionisti, che trovano nelle sue opere il legame diretto con la fotografia d’arte.
Tralascio in questa sede l’annoso dibattito su arte e fotografia e sugli equivoci cui esso ha dato luogo: mi interessa invece, relativamente a questo progetto realizzato dallo Spazio Tadini, accennare ai risultati raggiunti dalla schiera di fotografi selezionati per la mostra e che testimoniano del largo riscontro incontrato dallo stile di Fontana.
Le opere dei fotografi allievi di Fontana attraversano una molteplicità di linguaggi e soggetti, accomunati ‒ chi con risultati marcati, chi invece discostandosene notevolmente ‒ dal modus operandi stilistico del loro maestro.
Impossibile in questa sede citare le numerose presenze e relativi linguaggi e tematiche; basti dire che l’aspetto positivo dell’esposizione è quello di non aver dato luogo a un linguaggio uniformato, supinamente adagiato sullo stile di Fontana. Al contrario la molteplicità di proposte si articola in tanti differenti approcci stilistici che vanno dai paesaggi e ambientazioni più vicine al modus operandi di Fontana a ricerche in cui risulta difficile ricondurre lo stile al maestro: questo significa che gli allievi hanno saputo assorbire le lezioni di Fontana ma hanno anche saputo affrancarsene, cercando e trovando altre strade. In fin dei conti questo dovrebbe essere il ruolo di un maestro: un ruolo maieutico, che riesca a tirare fuori i talenti degli allievi indicando loro altri percorsi possibili e non facendone degli stanchi epigoni.

Pio Tarantini

contatti Milano Arte Expo: mail: milano.arte.expo@gmail.com – telefono: +393662632523

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *