LM Gallery e Spazio Tadini: un ponte d’arte tra Milano e Latina con la mostra STATE OF TENSION

LM Gallery Arte Contemporanea Latina

LM Gallery Arte Contemporanea Latina

Lucio Perna, Marco Ulivieri, Fausta Bonfiglio, Rosanna Forino, Silvana Pincolini in mostra a LM Gallery Arte Contemporanea (vedi MAPPA). Inaugura sabato 5 marzo STATE OF TENSION, esposizione che prosegue la collaborazione – che prevede una programmazione comune annuale – tra Spazio Tadini Hub di Milano e la galleria condotta da Matteo Di Marco e Lea Ficca a Latina.

Marco Ulivieri

Marco Ulivieri – una delle opere in mostra alla LM Gallery di Latina

Come citato nel testo, in “State of Tension l’instabilità domina lo spazio e lo invade delicatamente, facendo percepire nell’opera tutta la fragilità del mondo odierno“.
A LM Gallery saranno presenti dunque delle opere volte a far riflettere sulla necessità di trovare un baricentro in un mondo in cui ogni equilibrio si è dissolto e ogni certezza si è spostata, così come il ruolo dell’uomo.

Una lettura esistenzialista dei lavori di questi cinque artisti, legati ora, per la prima volta, in un percorso essenziale ma comunicativo ed estremamente raffinato.
Forma e concetto si fondono in questa mostra per regalare al visitare uno spazio libero dalla certezza dell’opera tradizionale, volto piuttosto ad avvolgerci nella tensione di un contraddittorio e infelice mondo contemporaneo, che forse solo l’arte può consolare.

 

 

STATE OF TENSION

Fausta Bonfiglio, Marco Ulivieri, Rosanna Forino, Silvana Pincolini e Lucio Perna

A cura di: Melina Scalise, Francesco Tadini, Matteo Di Marco e Lea Ficca

opening: sabato 5 marzo ore 17
dal 7 al 26 marzo 2016

LM Gallery Arte Contemporanea
via N. Mazzocchi Alemanni 29 (ex via dell’Agora) Latina
0773-283400 / 334-9110163 / 333_4056596
www.lmgallery.it
info@lmgallery
lmgallery@libero.it

La LM Gallery Arte Contemporanea è stata fondata nell’ottobre 2014 da Lea Ficca e Matteo Di Marco. Pittura, scultura e fotografia sono i principali interessi della galleria, che alterna artisti storicizzati come Giorgio De Chirico, Picasso, Kandinskij e Mimmo Rotella, ad artisti odierni e attualmente attivi nel panorama dell’arte contemporanea. Oltre agli eventi che si susseguono in sede, la LM Gallery lavora anche in spazi pubblici e museali di altre città, fra cui Bologna, Roma e Milano.

Lucio Perna

Lucio Perna

Lucio Perna – opera in mostra a Latina alla LM Gallery in collaborazione con Spazio Tadini HUB / Milano Arte Expo magazine

A Milano alla fine degli anni Seassanta, entra in contatto con il mondo artistico milanese e segue corsi di perfezionamento sulla tecnica del colore.

E’ proficuo l’incontro con Remo Brindisi, con Ernesto Treccani ed Aligi Sassu e con giovani di buon talento fra i quali Enrico Muscetra.

Partecipa a numerose iniziative culturali.
Concorre a rifondare e lanciare l’associazione culturale ed artistica “Proposte d’Arte” alla quale partecipa attivamente e presso la quale organizza e tiene seminari di ricerca e sperimentazione.

Nel marzo del 1998 fonda il movimento “SYMBOLICUM” con Federico Honegger,Fabio Masimo Ulivieri e col poeta e critico d’arte PEDRO FIORI teorico del gruppo.
Il manifesto del movimento viene ufficialmente presentato alla mostra del 20 ottobre dello stesso anno presso la galleria milanese Antonio Battaglia Arte Contemporanea e alla V edizione di “ARTEFIERA MILANO”.

Lucio Perna

Lucio Perna – monografia edita da Mazzotta

La pittura di Perna, in oltre vent’anni di attivit?, si sviluppa alla ricerca di un linguaggio che partendo da una figuralit? emblematizzante (il ciclo delle “Sirene” 1972-80 e quello delle “Maschere” 1980-88), giunge all’attuale ricerca simbolica (I Miraggi) iniziata alla fine degli anni 80.
Con i pi? recenti lavori, (OLI e TECNICHE MISTE) sintetizzando le precedenti esperienze e seguendo un processo multimediale, Perna traccia un percorso di ricerca molto personale che travalica l’etichetta dell’astrazione o il richiamo informale.

Nei suoi lavori si legge un gesto liberatorio che lacera e crea. Di volta in volta si muove come un geologo o un topografo declinando sulle superfici le emozioni attraverso aggiustamenti tonali e modulati spostamenti prospettici.
La concezione dello spazio, pur non rinunciando ad una certa tensione prospettica, d? pi? il senso dell’illusione, del miraggio come simulazione della visibilit?.
Miraggio poeticamente inteso e rappresentato come ironico inganno dove la relazione non ? pi? tra vicino e lontano, come nell’ordine classico, ma tra visibile ed ignoto.

Lo spazio dell’immagine si espande come una “magia cromatica”. Le strutture vengono ridotte all’essenziale.
Segni, forme, colori si fondono nella sua iconologia in “silenziosi messaggi di parole mai dette”: un linguaggio-stile fatto di silenzi.
Lo spazio sensibilizzato nell’opera tende ad uscire dalla limitata superficie traizionale verso dimensioni, spazialit? nuova, diversa,”virtuale”.

Ricerca espressiva questa che avvicina Perna al movimento artistico- culturale “GEOGRAFIA EMOZIONALE”, nato negli Stati Uniti America al l’inizio di questo nuovo secolo, del quale ? teorica Giuliana BRUNO, docente ad Harvard, e che in Italia ? sostenuto e divulgato dalla rivista “ARIA”.

Perna ha esposto in numerose gallerie italiane ed europee , in importanti Centri d’arte e cultura.

 

Fausta Bonfiglio

Fausta Bonfiglio

Fausta Bonfiglio

Fausta Bonfiglio nasce a L’Aquila il 6 giugno 1941. Abita a Milano e ha lo Studio in Via Venini, 83 Il suo recapito telefonico è: 02/6700272 – 02/2841247
Si diploma al Liceo Artistico di Brera, frequenta la Scuola di Scultura del Castello Sforzesco e l’Accademia di Brera sezione Scultura ed è allieva del professor Alic Cavaliere e di Giorgio Veronesi.
Ha lavorato per due stagioni, negli anni ’60, ad Albissola ed è venuta a contatto con artisti del calibro di Lucio Fontana, Mario Rossello ed Agenore Fabbri.
Ha lavorato per 30 anni nella scuola come docente ed ha attivato laboratori creativi per la lavorazione della ceramica.

Dal 1980 al 1990 ha partecipato al MACEF come designer esponendo oggettistica per l’arredamento.
Attualmente svolge la sua attività di scultrice ceramista nel suo studio/laboratorio di Milano, in Via Venini 83.
Ha partecipato a diverse mostre collettive e personali ed è stata presentata in occasione di alcune mostre personali dal Professor Giorgio Braga e da Valeria Vaccari.

 

Rosanna Forino

Rosanna Forino

Rosanna Forino – l’altra moneta 80×80

Dopo un periodo iniziale di studi all’Accademia di Brera (Milano), approfondisce disegno, pittura e incisione sotto la guida del maestro Augusto Colombo.
Negli anni ’50 frequenta gli artisti milanesi: Baj, Dova, Veronesi, Dangelo; scopre Chagall, Kandinskij e Picasso.
Negli anni ’60 la sua pittura diventa “non-oggettiva”: dipinge le astrazioni mediterranee. Lavora in Costa Azzurra e alterna soggiorni tra Nizza, Montecarlo e Antibes, dove realizza La ragazza dai capelli rossi.
Nel 1972 la prima personale a Vicenza, Galleria al Corso. Due anni più tardi espone a Bergamo, Galleria Modì.
Del 1979 è la personale antologica al Palazzo dell’Arengario di Milano.
Dal 1979 inizia la collaborazione con la Galleria Schettini con una personale (saggi di Marcello Venturoli, Gianni Vianello, Carlo Munari, Lella Tucci).
Partecipa regolarmente ai Salons di Arles (Palais des Congrés), Marseille, Avignon, Montecarlo.
A Parigi incontra André Verdet, Christian D’Orgeix, Salvado Jacinto. È di questo periodo la metamorfosi tra le forme reali e il paesaggio interiore, segno distintivo della sua espressione artistica.
Dal 1981 presenta la propria opera in Inghilterra, Francia, Germania, dove Alexander Schwarz organizza esposizioni a Gelsenkirchen, Wulfrath, Kleve, Koblenz.
Nel 1985 a Venezia personale alla Galleria Il Canale.
Nel 1986 inizia la lunga collaborazione con la Galleria Vismara Arte, condotta da Zita Vismara, con un’esposizione personale.
Tra il 1987 e il 1989 hanno luogo altre esposizioni in Olanda e a New Orleans.
Nel 1989 personale allo Studio 111 di Milano, curata da Vittoria Marinetti.
Nel 1990 è invitata alla Fondazione Culturale Sovietica di Mosca: personale antologica (catalogo Electa con saggi critici di Dmitrij Sarabianov, Riccardo Barletta, Lalla Romano, Vittoria Marinetti, Marcello Venturoli, Gianni Vianello, Sergio Dangelo).
Nel 1992 espone al Musée Municipal de Saint Paul de Vence.
Nel 1993 è presente a Tokyo (TIAS, Fiera Arte Contemporanea), a New York (Artexpo) e a Dallas (Market Hall).
È dello stesso anno la personale allaVismara Arte di Milano: Un recente ancestrale.
Seguono le personali allo Spazio Arte San Fedele di Milano (1996) e alla Gallerie Bronne di Montecarlo (2000); nel settembre dello stesso anno è invitata a Rodi all’International Forum for a Culture of Peace by Mediterranean Women Creators-Unesco.
Del 2001 è la personale ad Urbino alla casa natale di Raffaello, testo di Flaminio Gualdoni.
Nel 2004, personale alla Galleria Scoglio di Quarto, Milano.
Dal 2005 è presente in permanenza all’Istituto Italiano di Cultura di Bruxelles e alla Quadreria Museo CRAS di Spilimbergo; allestisce una personale al Museo La Mals a Sochaux.
Sempre nel 2005 è invitata a Pechino a The Second Beijing International Art Biennale China.
Del 2006 è la personale all’Antico Palazzo di Città a Mondovì, testo di Alberto Veca.
Del 2008 la personale alla Galleria Vinciana di Milano con testo di Alberto Veca.
Nel 2010 personale alla Galleria Cortina di Milano, testo di Luca Pietro Nicoletti.

Tra le recenti collettive:

Museo della Permanente di Milano
Orenda Art International di Parigi; Complesso Santa Caterina e Oratorio Disciplinanti di Finalborgo; Onishy Gallery di New York
Forum des Artistes de Monaco, Montecarlo
Casa de Vacas di Madrid (Aiap Unesco)
Centro Italiano Arte e Cultura di Torino, Londra
Artic Blue Gallery, Ibiza
Fiera dell’Arte, Bergamo, (Scoglio di Quarto)
Tempo Art Museum, Pechino, Xingshikou Road, Beijing City(acquisizione opera)
Artefiera, Genova (Centro artistico Bludiprussia).

Marco Ulivieri

Marco Ulivieri

Marco Ulivieri

Marco Ulivieri è nato a Castelfiorentino nel 1975.
Da molti anni è impegnato in una costante ricerca pittorica.
Dal 2006 è collaboratore dell’artista Marco Bagnoli.
Coopera con istituzioni pubbliche e private svolgendo attività didattiche e laboratori.

E’ stato presentato a Milano con la mostra personale a Spazio Tadini A fuoco solido da Miroslava Hajek nel novembre del 2014: “(…) Ulivieri persegue una ricerca della visualizzazione della parte pura dell’abisso.

Scostandosi dalla mera manualità sfrutta l’attività del pendolo, il suo movimento, anche se controllato e predisposto, e reinventa così il concetto di spazio con un’opera che rimarca la coscienza della continuità della rappresentazione spaziale e del suo svolgimento temporale.”

Silvana Pincolini

Silvana Pincolini, artista Milanese, si è formata a Brera negli anni 60/70. Negli anni successivi incontra Albe Steiner e Liisi Beckmann, grazie ai quali completa la sua formazione grafica e di scenografia.
Altro momento importante è la scoperta della cultura antroposofica, alla quale si avvicina con la nascita delle sue figlie. Si è occupata di didattica e poi per un lungo tempo, di ambientazioni e scenografie per la pubblicità.
Negli ultimi anni il suo interesse è focalizzato sulla scultura organica e sul linguaggio tridimensionale sempre con spirito curioso e di ricerca. Ama giocare assemblando materiali naturali diversi e varie tecniche.
Attualmente vive e lavora tra Milano e la Maremma dove ha il suo laboratorio e tiene corsi di modellaggio e scultura.

LM Gallery Latina

Sullo sfondo della locandina l’opera di Silvana Pincolini – in mostra a LM Gallery Latina in collaborazione con Spazio Tadini Hub / Milano Arte Expo magazine

 

 

MAE Milano Arte Expo, diretto da Melina Scalise giornalista (e presidente di Spazio Tadini HUB di via Jommeli 24 a Milano fondata con Francesco Tadini); mail: milano.arte.expo@gmail.com –  ms@spaziotadini.it – ringrazia per la collaborazione Matteo Di Marco e Lea Ficca di LM Gallery Arte Contemporanea.

Melina Scalise

Melina Scalise, direttore Milano Arte Expo magazine e fondatrice della Casa Museo milanese insieme a Francesco TadiniMilano Arte Expo

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *