Barbara Nahmad, Federico Rui Arte Contemporanea Milano: EDEN – recensione di Annalisa D’Amelio

Barbara Nahmad

Barbara Nahmad

Mostre Milano 2016: Barbara Nahmad EDEN, Federico Rui Arte Contemporanea (vedi MAPPA) aperta dal 25 febbraio al 22 aprile – recensione di Annalisa D’Amelio The Art Runner Milano Arte Expo (Fine Art, Design, Fashion & Lifestyle magazine di Spazio Tadini HUB). Orari da martedì a venerdì 15.00-19.00, sabato su appuntamento. Sono solita dirigermi verso certezze quando si tratta di arte. Certezze in merito a: ricerca, tecnica e bellezza. E’ la seconda volta che vado a trovare Federico Rui in anteprima per poter vedere una nuova mostra nella sua galleria e non mi sono sbagliata. Qualche giorno fa mi sono presentata alla sua porta in pieno allestimento.

BARBARA NAHMAD

BARBARA NAHMAD, Babies, 2013 olio su tela, cm 120×130

Ho avuto modo di vedere le opere dell’artista Barbara Nahmad. Opere di grande impatto emotivo e di grande bellezza tecnica. Ma non solo, questo ciclo di opere portano inevitabilmente il fruitore a porsi delle domande. Questa mostra rappresenta, a mio modesto parere, un viaggio a ritroso nel passato.

Il periodo di analisi su cui si concentra l’artista sono gli anni Quaranta e Cinquanta in Israele, attraverso una serie d’immagini che ne raccontano e focalizzano momenti evocativi e ricostruttivi di una storia lunga e travagliata ma non priva di speranza per il futuro. L’artista si ferma essenzialmente su immagini che ritraggono l’infanzia e il trascorso quotidiano dei bambini a quel tempo.

Dove in una realtà apparentemente priva di speranze per il futuro vige una grande coesione tra gli esseri umani sin da piccoli, non esiste più il concetto di solitudine, ma prevale quello di coesione e alleanza per poter crescere da soli ma insieme.

BARBARA NAHMAD

BARBARA NAHMAD, Youth Coir, 2012 olio su tela, cm 130×110

La mostra s’intitola “Eden” il Giardino della speranza e della bellezza, diviene cosi` una mostra dal grande significato storico, artistico, teologico e antropologico.


Non mi voglio dilungare, svilirei la bellezza delle immagini che portano con loro una grande potenza visiva.
Come sempre, ringrazio Federico per la possibilità che mi concede, di appagare la mia curiosità.
Colgo l’occasione per invitare tutti voi a vedere questa raffinata ed elegante mostra i cui lavori sono stati scelti come sempre, con grande maestria stilistica e di significato.


Il mio in bocca al lupo per la mostra questa volta è:
“Dei fatti maturano nell’ombra, perché mani non sorvegliate da nessun controllo tessono la tela della vita collettiva, e la massa ignora.

E quando i fatti che hanno maturato vengono a sfociare, e avvengono grandi sventure storiche, si crede che siano fatalità come i terremoti. Pochi si domandano allora: “se avessi fatto anch’io il mio dovere di uomo, se avessi cercato di far valere la mia voce, il mio parere, la mia volontà, sarebbe successo ciò che e` successo?”.

A prestissimo!

Annalisa D’Amelio, The Art Runner

Leggi anche gli altri articoli della rubrica The Art Runner di Annalisa D’Amelio per Milano Arte Expo.

Annalisa D'Amelio

BARBARA NAHMAD | BIOGRAFIA

Barbara Nahmad è nata nel 1967 a Milano, dove vive e lavora. Si diploma presso l’Accademia di Belle Arti di Brera nel 1990.
Principali mostre personali: 2000 / Studio d’Arte Cannaviello a cura di Alberto Fiz; 2005 / Yesterday Now, Fondazione
Bandera, Milano; 2005 / Tavole della Protesta, Istituto italiano di Cultura, Ljubljana, Slovenia; 2008 / Canto General, Ermanno
Tedeschi Gallery, Milano e Roma; 2010 / All’ultimo respiro, Ermanno Tedeschi Gallery, Milano; 2013 / Galerie De Tween
Pauwen, Den Haag, The Nederlands / 2014 Eden, Ermanno Tedeschi Gallery, Tel Aviv; 2015 / Eden quando tutto il mondo
era giovane, Spazio Natta, Como.
Principali mostre collettive: 2000 / PAC, Milano; 2004 / XIV Quadrenniale di Roma, Anteprima, Torino; 2007 / Arte italiana
1968-2007 Pittura, Palazzo Reale, Milano; 2007 / New reality painters, PAC, Milano; 2009 / Face to Face, Dètournement
Venise 2009, 53ima Biennale di Venezia, Venezia; 2009 / Campolungo, L’orizzonte sensibile del Contemporaneo, Complesso
Monumentale del Vittoriano, Roma; 2011 Elevazioni e permutazioni, Museo ebraico, Venezia; 2015 / Imago Mundi,
Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Torino, Fondazione Cini, Venezia.
Il 22 maggio, 12ma giornata internazionale dei Musei, si inaugurerà la personale al Museo Ebraico di Bologna a cura di
Vittoria Coen.

MAE Milano Arte Expo, diretto dalla giornalista (e presidente di Spazio Tadini HUB di Milano fondata con Francesco Tadini) Melina Scalise  – mail: milanoartexpo@gmail.com –  ms@spaziotadini.it – ringrazia Annalisa D’Amelio – art blogger e curatrice per il testo sulla  mostra Eden di Barbara Nahmad alla galleria Federico Rui Arte Contemporanea.

Melina Scalise

Melina Scalise

 

Milano Arte Expo

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *