Novità ecosostenibili: Aerogel di cellulosa biodegradabile e Bobina B.A.C – di Samanta Airoldi

sviluppo sostenibile

Sviluppo sostenibile – novità: Aerogel di cellulosa biodegradabile (dall’Università di Singapore) e Bobina B.A.C (da Velagapudi M. Rao e Nikola Tesla) – di Samanta Airoldi. Dai laboratori di ricerca alle passerelle il Verde spopola e il rispetto per l’ambiente si aggiudica il ruolo di protagonista indiscusso del 2016! Consapevolezza, crescente attenzione e inventiva: questi gli ingredienti principali per prodotti finali che faranno la differenza negli anni avvenire e modificheranno, in meglio, le nostre abitudini.

All’estero, per ora, sono un po’ più avanti con le scoperte ma…tenetevi pronti: Milano non si ferma mai e presto, in sella ai nostri tacchi 12, li raggiungeremo e supereremo con la nostra solita folle eleganza 😉

Per il momento ecco due scoperte che si distinguono per innovazione ed ecosostenibilità:

1) Aerogel di cellulosa biodegradabile

Aerogel di cellulosa

Aerogel di cellulosa

Un team di ricercatori della facoltà di Ingegneria della National University of Singapore ha scoperto, recentemente, un materiale decisamente “futurista”: un aerogel di cellulosa biodegradabile, ricavato dalla carta straccia.

Wow…folle, fashion e, soprattutto, “green”!

Si tratta di un prodotto non tossico, ultraleggero, flessibile, estremamente resistente e idrorepellente che può trovare impiego in diversi settori: dagli imballaggi alla produzione di materiali isolanti fino al settore biomedico e, inoltre, può essere applicato efficacemente per bonificare i liquidi contaminati dalle fuoriuscite di petrolio.

Se questo prodotto, il cui brevetto è stato già depositato in USA- India- Cina- Sud Est asiatico, raggiungerà il mercato, i benefici per l’ambiente saranno moltissimi.

Consideriamo, infatti, che gli aerogel utilizati fino ad ora vengono realizzati con la silice (SiO2), un composto del silicio non rispettoso dell’ambiente.

Al contrario, un aerogel in cellulosa si può ricavare fino all’85% dalla carta riciclata non producendo danni per l’ecosoistema ma solo benefici: la produzione di aerogel in cellulosa richiederebbe una quantità di energia del 70 % inferiore rispetto agli aerogel in silicio dando luogo, di conseguenza, a meno emissioni e meno diossine.

Questi nuovi aerogel , inoltre, presentano una capacità di assorbimento del petrolio fino a quattro volte superiore rispetto agli assorbenti commerciali disponibili sul mercato risultando, quindi, utilissimi nel processo di bonifica del terreno.

Senza contare l’enorme riduzione dello spreco di carta!

Questa scoperta “green” ci piace proprio tanto!

2) Bobina B.A.C

Bobina BAC

Bobina BAC

La seconda rivoluzionaria scoperta “green” ci arriva da un ingegnere indiano Velagapudi M. Rao e da Nikola Tesla : la Bobina B.A.C, ovvero Bobina Bifiliare Chiusa Autoinduttiva.

Si tratta di un dispositivo che si autoalimenta dalle frequenze presenti nell’aria e dalle cariche elettriche presenti nei fluidi.

Bobina Bifiliare Chiusa Autoinduttiva

Bobina Bifiliare Chiusa Autoinduttiva

Questa nuova bobina avrebbe anche la capacità di migliorare la qualità dell’aria e dei fluidi da cui si alimenta riducendone l’inquinamento.

La Bobina B.A.C può essere applicata sia alle automobili sia alle tubature di acqua e gas. Permette una riduzione dei consumi e una migliore efficienza.

Per il momento non sono ancora stati effettuati studi ufficiali per mancanza di finanziamenti, pertanto tutti i risultati positivi sono frutto di testimonianze di persone che si sono costruite autonomamente la bobina e ne hanno sperimentato gli effetti.

Infatti questo geniale dispositivo può essere realizzato gratuitamente da tutti.

Per info su come costruirsi la bobina B.A.C: http://www.ecocreando.weebly.com

Invenzioni che fanno bene a noi, all’ambiente e ci fanno pure risparmiare… Quest’anno il Verde vince su tutta la linea 😉

Samanta Airoldi

…. > leggi anche gli altri articoli di “Perle di Follia” di Samanta Airoldi, rubrica  art fashion – design & lifestyle del magazine / blog Milano Arte Expo.

 

Samanta Airoldi

 

MAE Milano Arte Expo, diretto dalla giornalista Melina Scalise (anche ufficio stampa e co – ideatrice / presidente della Casa Museo e location eventi Fuorisalone 2016, mostre d’arte contemporanea, di fotografia e di design Spazio Tadini HUB, con Francesco Tadini) – mail: milano.arte.expo@gmail.com –  ms@spaziotadini.it – ringrazia la dottoressa Samanta Airoldi,  fashion blogger e filosofa per il testo e la selezione fotografica dedicati ai nuovi progetti e idee ecosostenibili dal mondo: Aerogel di cellulosa biodegradabile e la Bobina B.A.C.

Melina Scalise

Melina Scalise, direttore del magazine d’Arte Design Fashion Fotografia e Lifestyle fondato insieme a Francesco Tadini

Milano Arte Expo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *