Filippo Scimeca scultore e pittore: Da un universo all’altro – di Annalisa D’Amelio

Filippo Scimeca

Filippo Scimeca – Lo spazio entro lo spazio – Bronzo lucidato su noce di cm20x67x87 – 198

Filippo Scimeca scultore e pittore: Da un universo all’altro – di Annalisa D’Amelio The Art Runner di Milano Arte Expo (magazine Fine Art, Design, Fashion & Lifestyle di Spazio Tadini HUB). Ci sono dei momenti in cui avverto la necessità e il bisogno di confrontarmi e soprattutto di apprendere. Questo mio personale bisogno lo colmo dirigendomi direttamente da chi ritengo adatto e adeguato per colmare le mie esigenze. Questa volta sono andata da chi ritengo sia il migliore a dare e trasmettere: Filippo Scimeca (vedi > website). Artista e docente storico dell’Accademia di Belle Arti di Brera, sessantanni della sua vita trascorsi all’insegna dell’arte. Lì, nella sua “aula 45”, si è evoluto come uomo, artista e insegnante. 

Filippo Scimeca

Filippo Scimeca – Monumento ai caduti di Milena CL – bronzo su acciaio – 1981

Ci siamo sentiti prima delle feste natalizie, ma per impegni di entrambi non è stato possibile incontrarsi; siamo rimasti che ci saremmo sentiti dopo le festività.

Preciso e puntuale e uomo di parola, mi ha fissato l’appuntamento.

Sono nel suo studio a Milano, mentalmente libera e desiderosa di apprendere.

Ho volutamente deciso che non avrei fatto lui nessuna domanda specifica, ma lo avrei fatto parlare liberamente. Volevo che mi raccontasse la sua storia dagli inizi alla fine.

Giovanissimo, appena ventenne ha il suo primo ruolo in cattedra. Per poi farne l’unico motivo di vita e professionale.

Ha iniziato il suo lavoro come scultore, ma non era contento di fermarsi alla semplice riproduzione umana, Filippo Scimeca cercava altro: “Sono passato dal figurativo alla forma per la ricerca di pura emozione. Ho dovuto faticare per abbandonare il figurativo, ma volevo trasmettere in assoluto l’emozione pura, spogliandolo del suo significato.”

Filippo Scimeca

Filippo Scimeca – Mater semper – Monumento dedicato ai migrati di Borgetto Pa – Bronzo e travertino, 1988

L’arte non ha bisogno di significato, è l’innamoramento la cosa importante; questa è l’arte: “Non devi sapere il perché, l’arte ti deve arrivare priva di ragione, come quando ami qualcuno, lo ami senza una ragione.”

Io penso che l’arte debba necessariamente avere un valore sociale e lasciare una traccia per l’umanità, ma questo lo si può avere solo se arrivi all’anima, all’essenza.

Mi ha parlato delle sue tecniche didattiche agli studenti del primo anno e di come lui intende l’insegnamento e la trasmissione non solo della tecnica, ma del “sapore” dell’arte. Ve lo racconto: lui proponeva nel periodo iniziale dell’Accademia la raffigurazione di una modella, per poi passare alla modella in movimento, dando la possibilità agli studenti di cogliere per poi passare allo svolgimento di temi essenziali, volete un esempio?; “Il profumo del mare”, “Il rumore dei passi sopra l’erba”, gli studenti così erano formati a fasi e passaggi, facendoli arrivare all’anima della loro anima. Gli studenti così, non si omologavano tra di loro, ma ognuno rappresentava se stesso. Copiare non è creare.

Picasso diceva: “Io non ho stima per coloro che trovata la formula di successo, si ripetono per tutta la vita, questo è essere mestierante, la morte del filosofo e del poeta.”

L’arte ci preserva dall’alienazione, sapere di poter sfruttare l’emisfero destro dove governa la creatività. Solo quando siamo di fronte ad un opera d’arte siamo di fronte alla nostra anima. Il ‘900 rappresenta il momento della svolta nel mondo dell’arte, si passa dal figurativo all’astratto, dove la forma non è più sorretta da un significato. L’arte deve servire a travasare il mondo interiore.

Nel 2004-2005 passa alla creazione di sculture in legno.

Filippo Scimeca è un artista poliedrico, la sua specializzazione è la scultura, ma non si è risparmiato di misurarsi anche con altri linguaggi; pittura, disegno.

Ho il piacere di mostrarvi attraverso alcune immagini la sua storia e la sua evoluzione come uomo, come artista e come insegnante. Affinché possiate osservare il suo storico e il suo sviluppo creativo, ho chiesto lui di fornirmi delle stesse immagini che ho avuto io stessa il piacere di vedere durante il nostro bellissimo incontro.

> clicca una delle seguenti  immagini per vedere la galleria a pieno schermo >>

Sono onorata e felice di aver trascorso del tempo con una persona meravigliosa, un grande artista e con l’insegnate che a tutti posso augurare di avere nella vita.

Ringrazio di cuore Filippo per il tempo dedicatomi e per la bellissima trasmissione di sapere.

La mi personale dedica per Filippo è: “L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è”. Paul Klee

A prestissimo!

Annalisa D’Amelio, The Art Runner

Leggi anche gli altri articoli della rubrica The Art Runner di Annalisa D’Amelio per Milano Arte Expo.

Annalisa D'Amelio

Filippo Scimeca

Nato a Baucina (Pa) nel 1945.

Ha studiato al liceo Artistico e all’Accademia di Belle Arti di Palermo. Dal 1968 al1995 ha insegnato Scultura e Decorazione presso Accademia di Belle Arti di Palermo, dal 1995 al 1997 Scultura nell’Accademia di Belle Arti “Albertina” di Torino e dal 1997 Scultura all’Accademia di Brera di Milano. Dal 1967 ha realizzato un grande numero di mostre personali partecipando anche a numerose collettive in Italia e all’estero.
Di Filippo Scimeca sono collocati numerosi monumenti pubblici e sue opere sono presenti in musei e collezioni private in Italia e all’estero.

Nel 2015 ha esposto a Milano nel contesto dell’importante mostra collettiva Dialoghi Milanesi alla Casa Museo Spazio Tadini, per la rassegna Milano in Arte 1945 – 2015 patrocinata dal Comune di Milano.

 

Ultime monografie su Filippo Scimeca:
– Francesco Carbone, “Filippo Scimeca”, Edizione Giada, Palermo 1988
– Filippo Scimeca, “Il divenire del tempo”, Edizione Ila Palma, Palermo 1994
– Filippo Scimeca, “Palermo-Milano ed oltre”, Arianna Sartori Editore, Mantova 2003
– Filippo Scimeca, “Il Senso della Forma”, Arianna Sartori Editore, Mantova 2006
– Filippo Scimeca, “Forma Spazio Tempo”, Arianna Sartori Editore, Mantova 2007
– Rolando Bellini, “Scimeca”, Palazzo della Permanente, Milano 2010

Sulla ricerca artistica e sulle opere di Filippo Scimeca hanno scritto Francesco Paolo Abbate – Claudio Alessandri – Maria Rosaria Alessi – Adriano Antolini – Paola Artoni – Giorgio Auneddu – Filippo Azzarello – Rolando Bellini – Massimo Bellomo – Massimo Bignardi – Giovanni Bonanno – Giuseppe Bonini – Mario Borgese – Liana Bortolon – Milly Bracciante – Valentina Brandani – Pietro Cagnazzo – Angelo Calabrese – Luciano Caramel – Francesco Carbone – Claudio Cerritelli – Marcello Colusso – Silvestre Cuffaro – Luigi D’Agostino – Nicolò D’Alessandro – Raffaele De Grada – Giusy Diana – Giorgio D Genova – Roberto Di Liberti – Gianna Di Piazza – Luigi Erba – Pietro Errante – Dora Favatella – Michela Fragale – Aldo Gerbino – Paolo Giansiracusa – Cristina Giudice – Lorella Giudici – Franco Grasso – Antonina Greco – Rosetta Ingrao – Giuseppe La Monica – Giuseppe Lo Bianco – Giorgio Lodetti – Piero Melati – Pino Mantovano – Giuseppe Maniscalco – Alfredo Marsala – Francesco Mazzola – Franco Migliaccio – Francesco Modica – Laura Oddo – Francesco Ortugno – Gianni Ottaviani – Fabbrizio Parachini – Francesca Pensa – Barbara Pietrasanta – Calogero Antonio Pinnavaia – Remo Alessandro Piperno – Roberto Presicci – Giacomo Purpura – Eugenio Rizzo – Albano Rossi – Lia Russo – Gemma Salvo Barcellona – Giuseppe Sciabica – Fiammetta Sciacca – Giuseppe Servello – Giorgio Seveso – Gaspare Signorello – Cristina Sirchia – Enrico Somma – Francesco Marcello Scorsone – Vinny Scorsone – Toni Toniato – Disma tumminello – Alberto Veca.

MAE Milano Arte Expo, diretto dalla giornalista (e presidente di Spazio Tadini HUB di Milano fondata con Francesco Tadini) Melina Scalise  – mail: milanoartexpo@gmail.com –  ms@spaziotadini.it – ringrazia Annalisa D’Amelio – art blogger e curatrice della mostra Welcome to the Jungle (vedi recensione di Stefano Malvicini e vedi website dell’esposizione) in corso fino al 29 gennaio 2016 in via Jommelli 24 alla Casa Museo Spazio Tadini – per il testo e le immagini riguardanti l’artista Filippo Scimeca.

Melina Scalise

Melina Scalise

Partecipa al concorso fotografico  organizzato dal magazine Milano Arte Expo Photo Prize “Instaworld Milano 2015 /2016 attraverso il social dedicato alla fotografia Instagram. Seguirà una grande mostra fotografica a Milano nel 2016.

Milano Arte Expo

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *