Maria Giovanna Farina – Essere donna oggi – intervista di Samanta Airoldi per Milano Arte Expo

Maria Giovanna Farina

Maria Giovanna Farina intervistata da Samanta Airoldi a Spazio Tadini Milano

Maria Giovanna FarinaEssere donna oggi – intervista di Samanta Airoldi per Milano Arte Expo (magazine Culture & Fine Art, Fashion & Lifestyle di Spazio Tadini HUB). Formazione filosofica, amore spassionato per il buon Socrate da cui ha ereditato la pungente ironia funzionale a portare a galla, senza troppi imbellettamenti e sofismi, la verità nella sua semplicità… Questa è Maria Giovanna Farina: filosofa e consulente filosofico che, attraverso i suoi libri, promuove la crescita ed il benessere delle persone.

Maria Giovanna Farina

Maria Giovanna Farina – Il Giardino delle Mele – opera in copertina di Daniela Carcano

Nel suo ultimo libro “Il giardino delle Mele” (Silele Edizioni, 2015), Maria Giovanna ci invita ad entrare in un giardino…Ma non un giardino qualunque: IL GIARDINO, quello in cui tutto ebbe inizio, quello in cui Eva tentò Adamo…o forse no, forse fu Adamo a tentare Eva.

Con acuta irriverenza e serissima ironia la filosofa capovolge lo scenario e descrive un mondo parallelo in cui gli uomini vivono come, nella società attuale, vivono le donne e viceversa. E se fosse stato Adamo a sedurre Eva? Si chiede Maria Giovanna

Ma che cosa significa, per una filosofa contemporanea nonché donna in tutte le sue sfaccettature, essere donna oggi?

Essere donna oggi significa, prima di tutto, essere indipendente, economicamente e psicologicamente. Se sei indipendente puoi scegliere: non stai con un uomo per il bisogno di essere accudita ne’ perché non hai i mezzi per arrivare a fine mese.

Se sei indipendente sei libera nel senso più autentico del termine: sai stare a tu per tu con te stessa e puoi essere te stessa al 100%. Se vivi con qualcuno deve essere una scelta indipendente dalle contingente”

A tal proposito Maria Giovanna Farina porta in luce un aspetto fondamentale della società di oggi: la confusione vigente tra Bisogni e Desideri.

Il bisogno non ti dà la possibilità di scegliere, ti costringe: non posso scegliere se dormire, nutrirmi, respirare… Essi sono bisogni primari a cui nessun essere umano può sottrarsi a meno che non voglia morire.

Il desiderio, invece, è un “surplus” senza il quale posso continuare a vivere: scelgo di avere un oggetto o no, scelgo di accompagnarmi a qualcuno oppure no…Il desiderio è la sfera del libero arbitrio per eccellenza!

La società odierna, purtroppo, tende ad annullare questa distinzione fondamentale e a trasformare ogni cosa in un bisogno. Così accade che molte, troppe donne convivano o, addirittura, sposino uomini che non amano realmente e con cui non si sentono neppure in sintonia spinte da una sorta di costrizione sociale che induce, a tutti i costi, il bisogno di essere sempre accompagnate.

La donna che esce di casa da sola o che trascorre le feste senza un compagno o, ancora, che acquista casa da sola viene ancora guardata con occhio stupito e, talvolta, compassionevole come se non avere un uomo debba necessariamente essere una condanna e non una scelta libera e consapevole.

Maria Giovanna Farina

Maria Giovanna Farina – LA VIOLENZA NON DEVE VINCERE, logo di Daniela Carcano

Il fenomeno aberrante della violenza sulle donne è sempre esistito purtroppo. Sono cambiate le forme con cui si manifesta.

“In passato la violenza era più “primitiva”: la moglie veniva soprattutto picchiata. Alla violenza fisica, oggi, si accompagna un più subdolo massacro psicologico: la graduale distruzione della buona considerazione di sè, l’annullamento dell’autonomia della compagna, l’isolamento e il venirsi a creare di una progressiva sottomissione psicologica ed intellettuale.

Non a caso, oggi più di ieri, sono in aumento uomini che scelgono donne anagraficamente parecchio più giovani; non per fattori meramente estetici e sessuali ma anche interiori: la donna giovane è una sorta di “discepola” che non raggiungerà mai le vette del maestro, con cui il confronto non sarà mai alla pari. Purtroppo questo aspetto della violenza non è evidente, ma se ci riflettiamo ci rendiamo conto che è una modalità per sottomettere e lasciarsi sottomettere”

Da filosofa e consulente filosofico, Maria Giovanna Farina conosce bene il potere del linguaggio, delle parole quali strumento atto a solleticare il pensiero e, talvolta in grado di mutare la “forma mentis”.

Samanta Airoldi

Samanta Airoldi a Spazio Tadini nel corso della presentazione al lìbro di Maria Giovanna Farina

Cosa ne pensi del termine “femminicidio“? Uccidere una donna significa uccidere un essere umano, così come uccidere un uomo. Che bisogno c’era di coniare un termine specifico? Non si corre, forse, il rischio di accrescere il divario tra i due sessi?

“Personalmente non avrei creato questo nuovo termine ma trovo, tuttavia, non sia stata una scelta inutile. Ne comprendo la necessità, è un voler sottolineare il crimine che viene perpetrato purtroppo ogni giorno.

Uccidere una donna è, sicuramente, grave al pari di uccidere un uomo ma, con il termine “femminicidio” penso si sottolinei un fatto fondamentale: uccidere la donna significa anche uccidere la Vita!

Personalmente uso il termine “Massacro del femminile” La donna è, potenzialmente, madre: ucciderla significa annientare la possibilità stessa della vita, il cuore pulsante della stessa umanità”

Maria Giovanna crede moltissimo nella forza dell’Amore: “E’ una potente terapia, ai giovani dico “facciamoci d’amore” piuttosto che di sostanze. I ragazzi di oggi dovrebbero ritornare a gioire per un amore, a struggersi per la passione, a stordirsi fino a non capire più nulla e ad accettare anche la sconfitta del tradimento. In questo modo imparerebbero la frustrazione della perdita e la felicità della conquista.

L’amore come imprescindibile possibilità per salvarci dall’odio e dalla violenza; l’amore come fondamento su cui costruire una società in cui donne e uomini, a partire dal “giardino” collaborino all’insegna di rispetto e stima reciproci.

Perché gli uomini “sani”, sensibili, intelligenti e rispettosi esistono e sono moltissimi…Solo una volta divenute consapevoli di noi stesse e del nostro valore, autonome e, dunque, realmente libere saremo in grado di sceglierli e di amarci e rispettarci.

Essere donna oggi non è né più semplice né più complicato di quanto lo fosse ieri per le nostre mamme o nonne. Sono cambiate le forme di violenza, sono cambiati gli strumenti e il linguaggio, sono cambiati gli usi e costumi ma anche noi possiamo e dobbiamo cambiare.

Dobbiamo saper scegliere prima di tutto noi stesse e, di conseguenza, compagni che non ci “amino da morire” ma che ci “amino da vivere“! Come Maria Giovanna afferma nel suo libro.

Note Biografiche: Maria Giovanna Farina è Filosofa, Consulente filosofica e Analista della Comunicazione. Creatrice della rivista filosofica online L’accento di Socrate, dirige la collana Filosofia Pratica per l’editore KKIEN Publishing International

Tutte le sue attività e pubblicazioni sono visionabili sul suo sito:

Http://www.mariagiovannafarina.it

Samanta Airoldi

…. > leggi anche gli altri articoli della rubrica “Perle di Folllia” di Samanta Airoldi!

 

Samanta Airoldi

MAE Milano Arte Expo, diretto da lady Melina Scalise (giornalista e ufficio stampa nonché ideatrice presidente della Casa Museo e location eventi, Fuorisalone 2016 Porta Venezia / Loreto / Lambrate, mostre d’arte contemporanea, di fotografia e di design Spazio Tadini HUBcon Francesco Tadini) – mail: milanoartexpo@gmail.com –  ms@spaziotadini.it – ringrazia lady Samanta Airoldi per il testo e le immagini dedicati alla filosofa Maria Giovanna Farina.

Melina Scalise

Melina Scalise, direttore del magazine d’Arte Design Fashion Fotografia e Lifestyle fondato insieme a Francesco Tadini

Partecipa a Instaworld Milano 2015/2016  concorso fotografico  organizzato dal magazine Milano Arte Expo Photo Prize attraverso il social dedicato alla fotografia Instagram. Seguirà una grande mostra fotografica a Milano nel 2016.

Milano Arte Expo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *