Turi Simeti continua la mostra Opere Bianche alla Galleria Dep Art di Milano fondata da Antonio Addamiano

Turi Simeti Opere Bianche Galleria DEP ART

Turi Simeti con Opere Bianche – artista (classe 1929) con quotazioni in sicura ascesa nel mercato dell’arte internazionale – continua la mostra alla Galleria Dep Art di Milano, via Comelico 40 (vedi MAPPA) fondata da Antonio Addamiano. L’esposizione è curata da Federico Sardella il quale, insieme ad Addamiano, ha anche avviato l’archiviazione delle opere – vedi website http://www.turisimeti.it/ –  di uno degli artisti più influenti dell’art world italiano. (La visita alla mostra, che chiuderà il 19 dicembre, è altamente consigliata da Milano Arte Expo magazine della Casa Museo Spazio Tadini diretto da Melina Scalise).

Opere Bianche di Turi Simeti comprende una ventina di quadri a rilievo bianchi, realizzati fra i primi anni Sessanta e il 2015.

Turi Simeti Opere Bianche Galleria Dep Art - allestimento della mostra - Opere Bianche foto di Bruno Bani

Turi Simeti Opere Bianche Galleria Dep Art – allestimento della mostra – Opere Bianche foto di Bruno Bani

Turi Simeti, fin dagli esordi – nasce ad Alcamo il 5 agosto 1929 per trasferirsi a Roma nel 1958, dove conosce – e ne frequenta lo studio – Alberto Burri.  Lunghi periodi trascorsi a Londra, Parigi e Basilea accentuano il suo confronto con il contesto artistico internazionale.

Tappa non secondaria nella carriera artistica di Turi Simeti è l’invito alla mostra internazionale Zero Avantgarde, che parte nel 1965 nello studio di Lucio Fontana a Milano, proseguendo poi nelle gaIlerie Il Punto di Torino e Il Cavallino di Venezia.

All’indagine puramente bidimensionale, l’artista risponde con il perfezionamento del luogo della pittura che diviene tridimensionale, inizialmente con applicazioni sulla tela di elementi a rilievo e poi con l’estroflessione che segna il primo passo verso una sorta di pittura-oggetto, attraverso una ideale dialettica tra le spinte di una struttura interna e le forme volte all’esterno.

In un contesto di una rigorosa aspirazione riduzionista, il suo linguaggio acquista ben presto una definita riconoscibilità, attraverso l’uso della monocromia e del rilievo come uniche procedure compositive.

Turi Simeti

Turi Simeti, 3 tondi bianchi 1988 , 90×100 cm

Figura emblematica e cifra iconica di questa ricerca è l’ellisse che per Turi Simeti è il principio sul quale si struttura la sua arte e che lo ha accompagnato per tutta la sua carriera artistica.

Dal testo di Federico Sardella, curatore della mostra Opere Bianche alla Dep Art: (…) Per Simeti, del resto, il bianco è tradizione senza essere maniera da oltre cinquanta anni. Non c’è colore più indicato a rivestire le superfici delle sue tele a rilievo, non c’è pittura che meglio riassume il bisogno di silenzio e di assoluto che lo anima e non c’è posizione più esatta per incedere, mosso da una irrefrenabile, adolescenziale voglia di fare e di lavorare che lo porta, quotidianamente e senza soste, a dar vita, di giorno in giorno, a sempre diverse, nuove opere. Questa urgenza di licenziare pezzi, questo suo inaspettato procreare senza limiti mi hanno molto colpito perché, nel momento della piena maturità e del meritato successo, invece di allentare la cinghia e di godere degli effetti benefici delle oscillazioni del gusto, Turi Simeti lavora come e più di prima. Lavora ogni giorno, provando un indescrivibile piacere nel portare a compimento i suoi dipinti. Agisce senza soste, ripete gli stessi gesti, compie le medesime verifiche e, spesso ritornando sui suoi passi, perpetua una metodica che non ha altro che sé come referente principale.

 

Turi Simeti

Turi Simeti Opere Bianche – allestimento della mostra – foto Bruno Bani

La rassegna alla Galleria Dep Art di Milano propone tele esclusivamente bianche di dimensioni differenti e di epoche diverse, con una particolare attenzione alla produzione più recente.
La mostra è accompagnata da una monografia bilingue italiano ed inglese di circa 120 pagine con testo critico di Federico Sardella, la riproduzione di tutte le opere esposte, una selezione delle più importanti opere dell’artista ed apparati inediti concepiti per l’occasione dal curatore della rassegna con la collaborazione dell’Archivio Turi Simeti.

Questa esposizione segna il passaggio della galleria Dep Art, fondata da Antonio Addamiano nel 2006, nella nuova sede di via Comelico – sempre a Milano – uno spazio di 260 mq distribuito su due livelli, strutturato per rispondere alle esigenze espositive degli importanti artisti rappresentati da Dep Art. La galleria prosegue così nella sua crescita: nel corso degli anni ha stretto infatti legami con le istituzioni pubbliche territoriali e internazionali, coinvolto personaggi di rilievo in ambito culturale e dato avvio all’archiviazione delle opere di Turi Simeti, del quale, con la cura di Antonio Addamiano e Federico Sardella, entro il 2016, sarà dato alle stampe il Catalogo Ragionato delle opere su tela.

MAE Milano Arte Expo magazine, diretto dalla giornalista (e presidente della Casa Museo Spazio Tadini fondata con Francesco Tadini) Melina Scalise  – mail: milanoartexpo@gmail.com –  ms@spaziotadini.it – ringrazia l’ufficio stampa della Galleria Dep Art per le informazioni e le fotografie delle opere e dell’allestimento della mostra di Turi Simeti Opere Bianche.

Partecipa al nostro concorso fotografico  Photo Prize “Instaworld Milano 2015/2016″ su Instagram.

Milano Arte Expo

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *