Giovanni Sesia – Praline, prelibatezze dal mondo dell’arte – mostre Milano Arte Expo 2015

Giovanni Sesia

Giovanni Sesia

Giovanni Sesia, mostre Milano Arte Expo 2015. Il format web e tv Praline, prelibatezze dal mondo dell’arte di Sergio Mandelli e Ly thi Thanh Thao (vedi LINK) in collaborazione con Milano Arte Expo presenterà una grande mostra a Milano dal 15 gennaio 2015 al 8 febbraio. Inaugurazione giovedì 15 gennaio 2015 ore 18,00 alla Casa Museo Spazio Tadini di Milano in via Jommelli 24 (vedi MAPPA).  Testo di Sergio Mandelli per la puntata n° 6 di Praline dedicata a Giovanni Sesia: – La creazione dello stile di un artista ha sempre a che fare con la sua storia personale; a volte capita che sia un singolo evento a segnarne per sempre le caratteristiche peculiari. Questo si è verificato, ad esempio, con l’artista di cui vi voglio parlare oggi, Giovanni Sesia, nato nel 1955 a Magenta, e diplomatosi in pittura alla fine degli anni settanta presso l’accademia di Brera di Milano. >

Giovanni Sesia per quasi vent’anni opera come pittore nell’ambito dell’astrazione informale

Nel 1998 avviene un fatto che cambia radicalmente il suo modo di operare nel mondo dell’arte. Viene in possesso di un intero archivio di fotografie risalenti all’inizio del Novecento.

Con sua sorpresa scopre che si tratta di ritratti di ospiti di una casa di cura per malati mentali, ossia di un manicomio.

Giovanni Sesia

Giovanni Sesia, installazione

L’impressione provata è fortissima, tanto da indurlo, da artista, a rendere giustizia a questi personaggi, visibilmente sofferenti e che hanno abbandonato questo mondo senza lasciare alcuna traccia.

Decide cioè di ingrandire queste immagini e di utilizzarle come sfondo per la sua opera pittorica.

Le immagini vengono trattate con colore bruno e con rare tracce di altri colori, perlopiù rosso. Infine vengono commentate con con una grafia pressoché illeggibile.

Il risultato è stupefacente: nascono alcune opere impressionanti, fra le più forti che si siano potute vedere in quegli anni.

La sua opera comincia ad attrarre l’attenzione dei protagonisti della critica italiana.

Nel 2005 Sandro Parmiggiani lo vuole alla mostra Il volto della follia. Nel 2006 è Vittorio Sgarbi a chiamarlo per la mostra Il male; sempre nello stesso anno partecipa alla mostra Da Dada curata da Achille Bonito Oliva, dove espone una scultura.

Nel frattempo lui si rende conto che quello che lo interessa veramente non è tanto il soggetto della malattia mentale, quanto la memoria, la meditazione su un patrimonio di immagini che appartengono alla nostra storia comune.

Sergio Mandelli

Sergio Mandelli nella puntata di Praline dedicata a Giovanni Sesia

Nascono in questo modo alcune serie di lavori decisamente affascinanti.

Comincia con alcuni oggetti che lui trova per casa, come vecchie lenzuola, sedie, barattoli che lui utilizza per dipingere.

Ma poi il discorso si allarga, nascono i lavori dedicati ai paesaggi, ai fiori, alle moto.

Quest’ultimo soggetto attrae l’attenzione della direzione di una delle case produttrici di moto più famose del mondo, la Ducati, la quale gli commissiona la realizzazione di una serie di lavori in occasione dell’ottantesimo anniversario della fondazione del marchio.

L’anno successivo è quello del trionfo della Ducati e di Stoner nel campionato mondiale di moto GP.

Giovanni Sesia viene richiamato a Bologna per realizzare l’immagine ufficiale dell’evento.

Da quel momento l’arte di Giovanni Sesia diventa un caso nazionale, e i suoi interventi sono richiestissimi sia da parte delle aziende sia da parte di enti pubblici.

Un altro aspetto del lavoro di Giovanni Sesia è quello delle installazioni, ossia opere concepite per una particolare occasione, generalmente una mostra, e in cui sono previsti inserimenti di vari elementi, come oggetti, filmati, foto, sculture ecc.

L’opera che vi presento oggi è dedicata ad uno dei simboli dell’industria e del costume italiano, la Vespa, una moto che è diventata essa stessa un marchio, sinonimo di scooter.

Anche in questo caso Giovanni Sesia sottopone l’immagine ad un trattamento di tipo pittorico. Ovviamente si tratta di un uso particolare del colore, che viene sparso sulla superficie con l’aria compressa; poi troviamo, qua e là, degli scarabocchi; troviamo dei numeri che rimandano a una serie misteriosa; trovia

E come se le memorie suscitate da questa Vesta siano rimaste attaccate e siano offerte insieme a lei.

Sono sincero: io ho scelto questo soggetto perché mi è particolarmente caro: anch’io ho avuto una moto di questo tipo, che mi ha accompagnato negli anni della mia gioventù per migliaia di chilometri.

E potete immaginare facilmente quante sensazioni mi può suscitare un’immagine di questo tipo.

Sergio Mandelli

Giovanni Sesia

è tra i cinquanta artisti selezionati:

Tra le mostre 2014 – 2015 in collaborazione con Milano Arte Expo: 

Praline. Prelibatezze dal mondo dell’arte

a cura di Sergio Mandelli e Ly thi Thanh Thao

Dal 15 gennaio 2015 al 8 febbraio una mostra a Milano porterà nella città di Expo 2015 le opere selezionate da Sergio Mandelli e Ly thi Thanh Thao. Artisti: Wenten Rubuntja, Roberto Crippa, Emilio Tadini, Luca Alinari, Lucio Del Pezzo, Robert Gligorov, Davide Coltro, Tino Stefanoni, Giovanni Sesia, Giorgio Albertini, Franco Mazzucchelli, Dario Brevi, Umberto Mariani, Graziano Carotti, Wainer Vaccari, Antonella Mazzoni, Lorenzo Piemonti, Jan Knap, Giovanni Cavaliere, Mark Kostabi, Matteo Basilé, Bruno Chersicla, Dario Ghibaudo, Enrico Robusti, Eric Serafini, Giuliano Della Casa, Pierluigi Pusole, Paolo Iacchetti, Luciano Minguzzi, Paco Minuesa, Barbara Nahmad, Ivano Sossella, Emilio Isgrò, Titti Garelli, Andrea Chiesi, Enzo Esposito, Renata Boero, Gabriella Benedini, Medhat Shafik, Valentino Vago, Beppe Bonetti, Andrea Zucchi, Omar Ronda, Dinh Quang Le, Florencia Martinez, Tommaso Cascella, Gianfranco Notargiacomo, Gianni Asdrubali, Marco Cornini.

La mostra – prende il nome dal noto format televisivo – (vedi LINKPraline. Prelibatezze dal mondo dell’arte – inaugura giovedì 15 gennaio 2015 ore 18,00 alla Casa Museo Spazio Tadini di Milano in via Jommelli 24 (vedi MAPPA).

Giovanni Sesia in Praline, prelibatezze dal mondo dell’arte:

[youtube https://www.youtube.com/watch?v=vN2__cBn8Og]

Praline, Prelibatezze dal mondo dell’arte

MAE Milano Arte Expo –mail:milanoartexpo@gmail.com- ringrazia Sergio Mandelli e Ly thi Thanh Thao per la collaborazione e la notizia della mostra a gennaio 2015 presso la Casa Museo Spazio Tadini di Praline Prelibatezze dal mondo dell’arte e per il testo della sesta puntata del format tv su Giovanni Sesia. 

Milano Arte Expo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *