Mezzo Atelier, Giacomo Mezzadri e Joana Oliveira – Milano Arte Expo Fuorisalone 2015

Mezzo Atelier

Mezzo Atelier, Giacomo Mezzadri e Joana Oliveira – mezzo mercato eat-module, Photo Credits @Luca Rotondo

Mezzo Atelier, Giacomo Mezzadri e Joana OliveiraMilano Arte Expo, speciali  Salone del Mobile 2015 e Fuorisalone, a cura di Federicapaola Capecchi.  Lo studio e laboratorio Mezzo Atelier nasce nel 2013. L’approccio dei fondatori, Giacomo Mezzadri e Joana Oliveira, coniuga design, architettura e arte, cercando di realizzare progetti personalizzati e con caratteri specifici. Dopo aver lavorato in Olanda e in Brasile si sono installati di base tra Italia e Portogallo. >

Ad Aprile 2014, attraverso il concorso internazionale del Public Design Festival sono stati selezionati per creare ed esporre un progetto al Fuorisalone durante il Salone del Mobile a Milano. Il loro progetto – Mezzo Mercato – ha richiamato l’attenzione del pubblico italiano e internazionale, creando diverse possibilità di riprodurre e personalizzare i moduli per nuovi clienti, tra i quali Eataly con il suo progetto di street food, Street Eataly.

Mezzo Mercato è una rivisitazione degli stand di mercato tradizionali, un insieme di unità mobili che consentono più progetti spaziali e di combinare la vendita di prodotti con il tempo libero in spazi pubblici. È un prototipo di un mercato di raccolta, dove tutti sono invitati a trascorrere del tempo godendosi il cibo locale, facendo la spesa, leggendo un libro, sorseggiando un drink con gli amici.

Design Mezzo Atelier

Design Mezzo Atelier – Mezzo Mercato drink-module, Photo Credits @Luca Rotondo

Ogni modulo offre una diversa funzione in uno spazio pubblico, e insieme sono in grado di aumentare le interazioni e le dinamiche tra le persone e gli spazi creati di volta in volta. Il numero e il tipo di moduli possono facilmente adattarsi alle diverse condizioni e necessità del luogo e dell’iniziativa, e sono abbastanza leggere in modo che possano essere trasportati da una sola persona o in bicicletta.

Mezzo Atelier é stato invitato per creare una installazione durante la quarta edizione del festival di arte urbana Walk&Talk, alle Azzorre in Portogallo. Il progetto di arredo urbano, “Redesign Tradition I Play Architecture”, a Ponta Delgada, nell’isola di Sao Miguel, in collaborazione con lo studio Argot ou la Maison Mobile é stato ideato e costruito insieme agli studenti locali. Il progetto ha avuto come punto di partenza l’architettura vernacolare nelle Azzorre, in particolare le strutture rurali connesse con le produzioni agricole – ormai quasi scomparse -, che hanno fortemente segnato il paesaggio e una volta facevano parte dell’economia della regione.

La ricerca li ha portati a concentrarsi su tre tipologie, che hanno ridisegnato e trasformato in arredo urbano da integrare nello spazio pubblico delle città. Hanno voluto rinfrescare la memoria degli abitanti sorprendendoli, ispirando la curiosità e stimolando il dialogo tra i più vecchi – che potevano riconoscere le strutture originali – e i figli, tra i locali e i turisti che così possono meglio conoscere la cultura delle Isole Azzorre attraverso elementi architettonici profondamente connessi con la tradizione.

Per aprire il progetto alla comunità e ai professionisti è stato organizzato un laboratorio pratico di architettura, chiamato Redesign Tradition I Play Architecture attraverso il quale sono stati costruiti tutti gli interventi. Parallelamente al laboratorio sono stati invitati studi di architettura locali e internazionali per riflettere sul tema del laboratorio. Corn dryer – un esempio su tutti di queste strutture rurali ridisegnate/reinventate – era una struttura in legno dove le spighe di mais venivano legate e lasciate asciugare. Era molto comune nei cortili di ogni famiglia, era una struttura piccola e molto facile da costruire. Partendo da questa memoria sono state realizzate due strutture differenti, un tavolo da picnic con panche dove le persone possono stare insieme o mangiare in uno spazio pubblico, e una panca con un vaso di fiori per un chiosco di fiori, che ora può appendere le piante come se fossero spighe di mais .
Giacomo Mezzadri e Joana Oliveira ora stanno raffinando progetto e modulazione di alcuni tipi di lampade e illuminazione, e di sedie. E offrono a Milano Arte Expo MAE, queste news e preview dei progetti Mezzo Atelier.

GEOLamp di Mezzo Atelier

GEOLamp è fondata su una geometria matematicamente provata, porta con se la calcolata forma matematica e l’estetico piacere di un buon design. Il mezzo globo, genera il principio per una semplice lampada a sospensione. La semisfera di triangoli in multistrato, è assemblata attraverso un azione rappresentata dal processo inverso di sbucciare una mela, una spirale che si inserisce perfettamente in mezzo una cupola geodetica. La lampada è disadorna, ma porta con se sottili sfumature date dalle venature di ogni triangolo in betulla. Una volta accesa, il calore del legno e la forma sfaccettata di Geolamp creano una fusione interessante di ombre spigolose e una luce calda e intima.

GEOlamp di Mezzo Atelier

GEOlamp di Mezzo Atelier

GEOlamp

GEOlamp

LINEchair di Mezzo Atelier

Una linea che non si stacca mai dalla carta. Il suo percorso continuo rivela la struttura di una sedia. Il design di Line iniziata con questo esercizio di disegno ulteriormente sviluppato con modelli sperimentali utilizzando un filo di ferro. Il passo successivo è stato un prototipo in scala 1:1 con un tondino trafilato. Per questo è stato necessario creare una dima di ferro, che ha permesso replicare la sedia infinite volte. Da un tondino di metallo trafilato da 6 metri, piegato facilmente in una sedia e giuntato con un solo punto di saldatura. Questa sedia offre una struttura che permette molteplici varianti estetiche, ma seguendo sempre il suo principio fondamentale di semplicità. Il sedile e lo schienale sono gli elementi variabili che caratterizzano diversi personaggi di Line, il che rende molto flessibile e adattabile a diverse situazioni e persone. Quando si utilizza il solo ferro adeguatamente trattato, la sedia può essere usata all’esterno  mentre quando è rivestita, diventa più calda ed accogliente per interni. Il processo di costruzione di Line, è interamente realizzato a mano e auto costruito, rivisitando materiali e metodi tradizionali che stanno diventando sempre più rari al giorno d’oggi.

LINEchair di Mezzo Atelier

LINEchair di Mezzo Atelier

LINEchair

LINEchair

 

Non ci resta che un augurio: poter assaporare le creazioni di Mezzo Atelier al prossimo Salone del Mobile e Fuorisalone 2015 e, magari, all’Expo di Milano.

Federicapaola Capecchi

Mezzo Atelier: www.mezzoatelier.com
www.facebook.com/mezzoatelier

Mezzo Atelier

Giacomo Mezzadri e Joana Oliveira

e: info@mezzoatelier.com
t. (it) +39. 335 5975512
t. (pt) +351. 965501878
.
Loc. Mulino Nuovo 1  29027
Turro di Podenzano Piacenza
Italy
.
Rua José Medeiros Cogumbreiro 67
Cx. Postal 99 – 9500-459 Fajã de Baixo
Ponta Delgada – Aç

Mezzo Atelier

Giacomo Mezzadri

1980 Italy
Giacomo is multidisciplinary designer whose infinite curiosity makes him cross the borders between architecture, art and design. Having finished his architecture studies at Politecnico di Milano, he then decided to explore other scales along with the Dutch art collective Atelier van Lieshout, based in Rotterdam. There he worked for 3 years, developing objects, sculptures, art installations or exhibitions, from conception phase until the actual execution of each piece. As an inheritance of Atelier van Lieshout, Giacomo tries to keep production within 1/2 Atelier’s own workshop, managing a self-sufficient creation of furniture, lamps, small objects and installations.

Joana Oliveira

1983 Portugal
Joana drew her architectural path along the globe for some years now. Living until she was 18 years old in São Miguel Island in the Azores, she then moved to Lisbon to study Architecture. Her last year of studies was at the Bauhaus University of Weimar in Germany and soon after she started a period of four years of work in Rotterdam, where she collaborated with STAR – Strategies + Architecture, de ZwarteHond and HappelCornelisse. Later, in 2011 she searched for a new challenge and moved to São Paulo in Brazil, where she worked at Studio Arthur Casas until the end of 2013. There she also enrolled a post-graduation course in Escola da Cidade about Architecture and Urban Planning in the American continent.

Milano Arte Expo

Fuorisalone 2015 e Salone del Mobile, news, speciali video e network

Milano Arte Expo / speciali e news per il Salone e Fuorisalone 2015 e l’inizio dell’Esposizione Universale – la sede del magazine è in zona Lambrate, a due passi dagli eventi Fuorisalone Ventura Lambrate – MAE raccoglierà e pubblicherà tutte le notizie sulla partecipazione agli eventi del Salone del Mobile e dei Fuorisalone 2015. Inviateci le vostre informazioni alla mail: milanoartexpo@gmail.com.

Verranno prodotti, per l’edizione 2015 dei Saloni e dei numerosissimi eventi cittadini, redazionali, news e speciali anche in video, con abbondanti interviste e conversazioni con i protagonisti del design.

Milano Arte Expo dedicherà largo spazio anche agli spazi espositivi e location di Milano che volessero mettersi in contatto con i possibili partecipanti ai Fuorisalone 2015. Invitiamo quindi a inviarci  sin d’ora le specifiche tecniche e i dati per essere contattati.

Fuorisalone 2015 - Milano Arte Expo

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *