Gino Giuseppe Soggetti – futurismo, L'Italia futurista, arte e artisti – Chi è?

Gino Giuseppe SoggettiGino Giuseppe Soggetti – futurismo, L’Italia futurista, arte e artisti – Pittore e poeta, Gino Giuseppe Soggetti (Santa Giuletta il 13 agosto 1896- Pavia 1958) aderisce al movimento futurista e collabora a L’Italia futurista dando inoltre vita a Pavia a La Folgore Futurista con Angelo Rognoni (1896-1957). Nel 1918 partecipa all’Esposizione nazionale futurista – alla Galleria Centrale di Milano – e alla Mostra nazionale futurista che si tiene a Piacenza. >

Nel 1922 Soggetti è alla Esposizione futurista internazionale – al Winter Club di Torino. Al I Congresso nazionale futurista (del 1924) si allontana dal movimento a causa di divergenze politiche con Filippo Tommaso Marinetti, dopo la marcia su Roma: Soggetti era rappresentante delle correnti anarchiche di Torino e Novara. Nel 1926 è invitato da Enzo Benedetto (detto Record da Filippo Tommaso Marinetti, Benedetto si avvicinò al secondo futurismo proprio dal 1924 e fu attivo come futurista fino alla fine: un precursore del neo-futurismo contemporaneo) alla Mostra dei pittori futuristi alla IV Biennale di Reggio Calabria. 1930: grazie a Fillia (Luigi Colombo, noto con lo pseudonimo di Fillìa – Revello, 3 ottobre 1904 – Torino, 10 febbraio 1936) è alla Biennale di Venezia. Nel 1933 Gino Giuseppe Soggetti fa parte del gruppo futurista pavese, con un riavvicinamento al movimento. Tra l’altro Soggetti, nel 1922 fondò la casa editrice Avanguardia, che ebbe l’obiettivo di favorire i giovani scrittori. Continuò anche a scrivere dopo essersi distaccato dal Futurismo ufficiale, giungendo nel secondo Dopoguerra a recuperare una forma di espressione più tradizionale.

Cfr. Futurismo Pavese, a cura di Rossana Bossaglia, S. Zatti, catalogo della mostra, Ticinum Edizioni, Pavia, 1983; Gino Soggetti. Parolibertà, a cura di S. Ferrari, Edizioni dell’Orso, Alessandria, 2001.

MAE Milano Arte Expo –mail:milanoartexpo@gmail.com.

Milano Arte Expo

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *