Klimt Milano Palazzo Reale: la mostra Alle origini di un mito

Gustav Klimt, Fuochi fatui, 1903, Olio su tela, cm 52 x 60, Collezione privata europea ©Alfred Weidinger

Gustav Klimt, Fuochi fatui, 1903, Olio su tela, cm 52 x 60, Collezione privata europea ©Alfred Weidinger

Klimt Milano Palazzo Reale: apre mercoledì 12 marzo al pubblico la mostra Klimt Alle origini di un mito in collaborazione con il Museo Belvedere di Vienna (Österreichische Galerie Belvedere), a cura di Alfred Weidinger, grande studioso di Klimt e vice direttore del Belvedere. Inaugura una esposizione dedicata all’artista che ci ha lasciato poco più di 200 dipinti (20 saranno in mostra a Milano), di cui molti – tra cui i grandi pannelli dell’Università – sono andati perduti in un incendio alla fine della Seconda guerra mondiale. La mostra di Klimt viene promossa dal Comune di Milano-Cultura, organizzata e prodotta da Palazzo Reale, 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e Arthemisia Group, con la collaborazione per l’Italia della studiosa klimtiana Eva di Stefano. >

Saranno venti gli oli di Gustav Klimt a Palazzo Reale che il pubblico potrà ammirare dal 12 marzo al 13 luglio 2014. Una raccolta straordinaria se si pensa che il Museo Belvedere, in occasione del 150° anniversario della nascita di Klimt, ha esposto un totale di quaranta oli nella grande mostra del 2012 che dava conto della formazione, dello sviluppo e dell’apice della carriera artistica del genio austriaco.

Gustav Klimt, Salomè, 1909, Olio su tela, cm 178 x 46, Venezia, Ca’ Pesaro Galleria Internazionale d’Arte Moderna ©2014 Foto Scala, Firenze

Gustav Klimt, Salomè, 1909, Olio su tela, cm 178 x 46, Venezia, Ca’ Pesaro Galleria Internazionale d’Arte Moderna ©2014 Foto Scala, Firenze

La riproduzione dell’originale del “Fregio di Beethoven” – esposto nel 1902 a Vienna all’interno del Palazzo della Secessione costruito nel 1897 – occupa un’intera sala in mostra, “immergendo” il visitatore nell’opera d’arte totale, massima aspirazione degli artisti della Secessione Viennese, sulle note della Nona sinfonia di Beethoven. Tutto il percorso espositivo si avvale di un allestimento che integra tematiche e opere.

La mostra si propone di indagare i rapporti familiari e affettivi di Klimt, esplorando gli inizi della sua carriera alla Scuola di Arti Applicate di Vienna e la sua grande passione per il teatro e la musica attraverso l’esposizione di opere provenienti anche da altri importanti musei, tra cui diversi capolavori come Adamo ed Eva, Salomè, Girasole e Acqua in movimento.

“Nell’ambito di un progetto culturale che vede Milano al centro del panorama dei grandi eventi espositivi internazionali, questa mostra rappresenta un capitolo di notevole qualità e importante significato – ha dichiarato l’Assessore alla Cultura Filippo Del Corno –. I capolavori in mostra, infatti illustrano compiutamente diverse fasi della vita di Klimt e, accompagnati da una ricca documentazione, ricostruiscono il contesto di formazione della personalità dell’artista fin dalle sue prime esperienze giovanili”.

Particolare attenzione sarà dedicata all’opera giovanile di Klimt, alla sua formazione presso la Kunstgewerbeschule viennese e ai suoi inizi come decoratore dei monumentali edifici di rappresentanza lungo il Ring, sulla scia di Hans Makart, indispensabili presupposti della sua evoluzione in direzione della modernità perché, come scrive in catalogo Agnes Husslein-Arco, direttore del Belvedere: “Pochi sanno che la Künstler-Compagnie, la Compagnia degli Artisti costituita nel 1881 da Gustav Klimt, da Franz Matsch (compagno di Klimt alla Kunstgewerbeschule dell’Österreichisches Museumfür Kunst und Industrie) e da Ernst Klimt, fratello minore di Gustav, fu attiva per quasi dodici anni, distinguendosi soprattutto nella decorazione pittorica di edifici pubblici, specialmente teatri. A tali incarichi si dovette, in fondo, anche il successo di questa società di pittori, e in particolare di Gustav Klimt, sulla scena artistica viennese”.

L’expo Klimt. Alle origini di mito accompagna così il visitatore in un percorso alla scoperta di un artista divenuto mito attraverso alcuni dei capolavori più noti del maestro austriaco che, ancora oggi, incantano e che in mostra i visitatori possono ammirare: da Adamo ed Eva alla Famiglia, dal Girasole a Fuochi Fatui, da Acqua in movimento a Salomè, senza tralasciare i paesaggi evocativi come Dopo la pioggia o Mucche nella stalla e i grandi ritratti femminili.

La mostra si apre con il contesto famigliare: accanto a opere dei fratelli Ernst e Georg, sono esposti anche ritratti giovanili fatti da Gustav a membri della sua famiglia, nonché fotografie originali provenienti dal lascito dell’artista.
La seconda parte della mostra è dedicata all’apprendistato dei fratelli Klimt alla Scuola d’Arte Viennese, nell’ambito della quale fondarono, insieme a Franz Matsch, la cosiddetta Künstler-Compagnie (Compagnia degli Artisti): le opere presenti illustrano pertanto la formazione di Klimt pittore storicista e il suo rapporto con l’arte di Hans Makart.
La crisi klimtiana dopo lo scioglimento della Künstler-Compagnie è contestualizzata nella crisi dell’arte viennese stessa, che sfocerà nella fondazione della Secessione.

1897 – Viene fondata a Vienna la Secessione, un’associazione di artisti che ha il fine di internazionalizzare l’arte austriaca, superare lo storicismo accademico e creare una nuova estetica onnicomprensiva dall’architettura alle arti applicate. Klimt è il presidente.

Qui una scelta di opere della prima fase della Secessione diventa dunque testimonianza del rifiuto definitivo della tradizione storicistica e del successivo passaggio all’avanguardia internazionale.
Due sale saranno dedicate al ritratto e al paesaggio, generi prediletti da Klimt dalla fondazione della Secessione. Tre importanti ritratti femminili – Signora davanti al caminetto e i due Ritratto femminile – eseguiti da Gustav Klimt tra il 1894 e il 1898, approfondiscono il primo tema, illustrando, al tempo stesso, il particolare rapporto dell’artista col genere femminile. In esposizione anche alcune lettere d’amore scritte a Emilie Flöge, scoperte in tempi recenti, che gettano luce sull’intimità della sua vita amorosa.
Nella sala dei paesaggi, oltre a due importanti dipinti di Klimt – Dopo la pioggia e Mucche nella stalla – è offerta una panoramica sul paesaggismo austriaco del tempo, dalle prime tendenze impressionistiche di fine Ottocento ai dipinti secessionisti di Carl Moll e di Koloman Moser.
Altri due dipinti, Fuochi fatui e La famiglia, illustreranno la pittura simbolista di Klimt, sezione che conclude l’esposizione.

KLIMT. Alle origini di un mito
Palazzo Reale, Milano

12 marzo – 13 luglio 2014
Orari: LUN 14.30 – 19.30 | MAR, MER, VEN, DOM 9.30 – 19.30 | GIO, SAB 9.30 – 22.30
Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura
Per prenotazioni e informazioni: +39 02 54917

http://www.klimtmilano.it
http://www.comune.milano.it/palazzoreale
#klimtmi

Seguilo su:
http://www.facebook.com/palazzorealemilano
http://www.facebook.com/24ORECultura
http://www.facebook.com/ArthemisiaGroup

MAE Milano Arte Expo, blogzine – mail: milanoartexpo@gmail.com – ringrazia l’ufficio stampa del Comune di Milano per le informazioni sul  programma relativo alla mostra Klimt Alle origini di un mito a Palazzo Reale.

Milano Arte Expo

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. aprile 4, 2014

    […] e Fuorisalone 2014 –  le mostre Klimt. Alle origini di un mito (vedi precedente articolo al >LINK) e Vassily Kandinsky. La Collezione del Centre Pompidou rimarranno  aperte dal giovedì al sabato […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *