Spazio Tadini Milano: Associazione per i Diritti Umani e EVROS, porta orientale d’Europa di Mauro Prandelli

Spazio Tadini Associazione per i Diritti Umani

Spazio Tadini Associazione per i Diritti Umani

Spazio Tadini Milano: Mauro Prandelli – L’Associazione per i Diritti Umani si presenta con un evento / expo di fotogrtafia rivolto in particolare agli alunni della 3° media dal titolo EVROS, porta orientale d’Europa. Un muro contro l’immigrazione Presso la Casa Museo Spazio Tadini, Via Jommelli, 24 (MM Loreto/Piola vedi MAPPA) a Milano alle ore 9.00 di martedì 11 marzo 2014. Vi sarà la partecipazione di Mauro Prandelli, fotografo e ideatore della mostra “EVROS – Porta orientale d’Europa. Un muro contro l’immigrazione”, che sarà allestita negli spazi espositivi messi a disposizione da Spazio Tadini.

Mauro Prandelli proietterà le fotografie anche sullo schermo per poterle commentare e raccontare al pubblico la sua esperienza: il viaggio, l’incontro con i migranti, le politiche immigratorie dell’Unione Europea. Per riflettere su un tema di grande attualità e per parlare dei diritti di tutte e di tutti, di coloro che cercano un futuro di pace.
A seguire, verrà presentato il lavoro realizzato dalla classe 3F della scuola media statale “G.B. Cairoli” di Milano.
L’Associazione per i Diritti Umani si rivolge a tutta la cittadinanza, ma in questo caso, si rivolge in particolare agli studenti, i futuri cittadini, per sensibilizzarli alla tutela del diritto alla vita che deve essere il diritto di base di tutti. Viviamo in società multiculturali, il fenomeno migratorio ha fatto parte, da sempre, della Storia dell’umanità e crediamo che sia giusto riflettere su questo argomento, nell’ottica dell’accoglienza e del rispetto delle diversità.
Mostra fotografica: EVROS – PORTA ORIENTALE D’EUROPA. UN MURO CONTRO L’IMMIGRAZIONE.
Un fiume di 160 km separa la Grecia dalla Turchia ed è diventato una delle vie preferenziali per l’immigrazione verso l’Europa “ricca”. Nel 2011 Frontex, forza militare formata e sostenuta dall’Unione europea, ha dato il via al “Progetto Poseidon” teso a controllare e bloccare il flusso migratorio. La mostra fotografica di Mauro Prandelli racconta le storie dei migranti: le loro paure, i loro sogni, le loro sconfitte. Racconta dei loro viaggi, dei loro sentimenti. Con uno sguardo attento e rispettoso.

MAURO PRANDELLI

Nasce a Brescia nel 1979. Dopo aver conseguito il diploma in informatica nel 1998 approccia il mondo della comunicazione multimediale, con interessi che spaziano dall’animazione 3d allo sviluppo web. Nel 2007 si avvicina alla fotografia lavorando come assistente per un fotografo specializzato in eventi, avendo così la possibilità di approfondire la tecnica e i mezzi in diverse situazioni. Dopo due anni avvia la propria attività di free lance operando nella fotografia e video industriale e come fotografo di still life. Nel 2011, spinto dalla voglia di approfondire le tematiche della comunicazione attraverso l’immagine e dalla necessità di raccontare delle storie di carattere sociale, consegue il Master di Reportage presso l’Accademia di Fotografia John Kaverdash di Milano. Oggi, dopo aver prodotto altre storie sia in Italia che all’estero, si dedica in maniera continuativa alla fotografia di reportage per descrivere il mondo che lo circonda attraverso le luci e le ombre che lo disegnano.

Per informazioni:
Associazione Per i Diritti Umani
peridirittiumani@gmail.com
www.peridirittiumani.com

Informazioni :

SPAZIO TADINI Via Niccolò Jommelli 24, 20131 Milano –  +39 02 26 82 97 49 – http://www.spaziotadini.wordpress.com

MM Loreto, MM Piola, Bus 62, 81

Ufficio stampa – Melina Scalise, mob. 3664584532 , ms@spaziotadini.it – Francesco Tadini, mob. 3662632523 , mail: ft@spaziotadini.it

MAE Milano Arte Expo  – mail: milanoartexpo@gmail.com – ringrazia Alessandra Montesanto per le informazioni relative all’evento EVROS, porta orientale d’Europa. Un muro contro l’immigrazione presso l’associazione culturale e Casa Museo Spazio Tadini.

Milano Arte Expo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *