La Rava e la Fava Milano: Trattoria ristorante – recensione Roanna Weiss Milano Arte Expo

La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano

La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano

La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano (MAPPA) – recensione e foto di Roanna Weiss per Milano Arte Expo. I ristoranti sparsi per la città di Milano hanno tutti qualcosa da offrire, ma quando trovi quel posticino dove sei il benvenuto come se fosse la cucina di casa dello chef, ti rendi conto di aver trovato un gioiello dentro una metropoli. Alla Trattoria La Rava e la Fava lavorano instancabilmente, facendo pietanze piemontesi e italiane con amore. Questa locanda piccola e accogliente, con posto esterno riscaldato nell’inverno, è stata recentemente ristrutturata e restaurata come un capolavoro artistico. Il colore principale, verde, è rilassante e porta la natura della campagna nel mezzo della nostra città. Il caloroso sorriso della proprietaria, Clarissa Barcovich, originaria di Vercelli, ti accoglie e può consigliarti in un batter d’occhio il piatto perfetto per te. Gli antipasti, primi e secondi vanno dal tradizionale all’innovativo. Ci sono tanti piatti preferiti qui… le Polpette di Fave mi ispirano per la loro leggerezza e retrogusto di erbe che non posso ancora definire con precisione. Per chi conosce il “Welsh Rarebit” (un piatto di pane tostato con fonduta di formaggio) come un piatto di conforto dell’infanzia, troverete lo stesso abbraccio per il vostro palato nel Tortino di Porri e Patate servito con Fonduta di Toma. I Gobboni di magro di Vercelli si scolgono in bocca e la Panissa Vercellese, preparato con Barbera è un viaggio in Piemonte da solo, e per i secondi, troverete piatti tradizionali con dei piccoli accorgimenti che li rendono speciali, portandovi da una stradina tranquilla della nostra Milano a una veranda di una locanda sulla strada di viaggio di un tempo lontano, per non dimenticare i dolci fatti in casa!

Per festeggiare l’anno nuovo, chef Clarissa ha preparato un apericena per la domenica del 12 gennaio. Con una grande selezione di vini piemontesi, erano preparati nel momento i suoi piatti più pregiati. Con la sala affollata del via vai di gente, nostra figlia di 22 mesi ha vissuto l’esperienza e i piatti con gusto. E’ questo un altro punto di forza del locale: dare il benvenuto ai più piccoli in qualsiasi momento. La famiglia in Italia è importante non solo nella quotidianità, ma anche nel momento sacro della condivisione del pasto. Nell’antica medicina tradizionale di India, Ayurveda, ritroviamo le parole famose di Ippocrate: “Fai che il cibo sia la tua medicina e che la medicina sia il tuo cibo”. Oltre i piatti in sé, è l’amore e la cura che vanno nella preparazione e nel momento di gustarli, è con chi condividi il tuo pasto ed è il momento di raccogliere gratitudine per avere uno chef che si ricorda bene di te ogni volta che attraversi la porta e dice “ovviamente con la piccola” quando passi dicendo che vieni quella sera per cena…

Roanna Weiss

——

La Rava e la Fava Milano

The restaurants in our city all have something to offer, but when you find that place were you are welcomed as if it’s the chef’s own kitchen at home, you’ve found a jewel in the metropolis. At the Trattoria La Rava e La Fava, Milan, they work tirelessly to make dishes with love from Piedmont and the rest of Italy. This small welcoming locanda, with heated outdoor seating in the winter, was recently refurbished and restored like a masterpiece of art. The main colour, green, is relaxing and brings countryside nature into the middle of our city. The warm smile of owner, Clarissa Barcovich, who comes from Vercelli, welcomes you and recommends in the blink of an eye the perfect dish for you. The antipasti, first and second courses range from the traditional to the innovative. There are many favourite dishes here… the Fava Bean Patties inspire me for their lightness and an aftertaste of fresh herbs that I can’t quite put my finger on. For those who know “Welsh Rarebit” (a dish made with toast and melted cheese) as a childhood comfort food, you’ll find the same embrace for your palate in the Leek and Potato Pie with Toma Fondue. The Gobboni di Magro of Vercelli melt in your mouth and the Panissa Vercellese, prepared with Barbera is a trip to Piedmont alone, and for the second course, you’ll find traditional dishes with small changes making them special, taking you from a quiet Milanese street to the veranda of a locanda along the road of bygone days, not to forget the homemade desserts. I suggest finishing your meal with the apple cake!

To celebrate the New Year, chef Clarissa prepared a dinner-aperitivo for Sunday, 12 January. With a large selection of wines from Piedmont, the restaurant’s finest dishes were prepared. With the restaurant full and the coming and going of people, our 22 month old daughter lived the experience and the food with gusto. This is another strong point: welcoming the littlest ones in any moment. Family in Italy is important not only in daily life, but in particular in the sacred moment of breaking bread. In the ancient traditional medical system of India, Ayurveda, we find the famous words of Hippocrates: “Let food thy medicine and medicine thy food.” Beyond the dishes in themselves, it is the love and care that go into preparing them and in tasting them, it is who you share them with and it is the moment of giving thanks for a chef who remembers you every time you cross the threshold and says, “bring your little girl” when you pass by saying that you’ll be there for dinner that evening…

Trattoria La Rava e La Fava, Via Principe Eugenio, 28

+39.02.3360.2175

www.trattorialaravaelafava.it

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia Roanna Weissclicca qui per leggere tutti i suoi articoli per la recensione e le fotografie alla Trattoria La Rava e La Fava di Milano in via Principe Eugenio.

Milano Arte Expo

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *