MACAO Milano, mostra Collettivo Fotografico Krisis, progetto collaborativo con Milano Città Aperta – di Michele Ulisse Lipparini

Macao Milano mostra del collettivo Krìsis - Brando Cimarosti - Sulle tracce del T-Rex

Macao Milano mostra del collettivo Krìsis – Brando Cimarosti – Sulle tracce del T-Rex

MACAO Milano, mostra del Collettivo Fotografico Krisis, progetto collaborativo con Milano Città Aperta – di Michele Ulisse Lipparini per Milano Arte Expo, qui gli altri articoli di Lipparini –  KRISIS – Non possiamo pretendere che le cose cambino, se continuiamo a fare le stesse cose. La crisi è la più grande benedizione per le persone e le nazioni, perché la crisi porta progressi. La creatività nasce dall’angoscia come il giorno nasce dalla notte oscura. È nella crisi che sorge l’inventiva, le scoperte e le grandi strategie. Chi supera la crisi supera sé stesso senza essere superato. (Albert Einstein). Il luogo: Macao, gli spazi che un tempo furono la Borsa del Macello. La città: Milano, in viale Molise 68 (MAPPA). In questo avamposto della contaminazione artistica – una struttura meravigliosa che necessita fondi per qualche ristrutturazione ma che nel frattempo ha ricevuto una vitale iniezione di nuova linfa, l’energia creativa delle persone che intravvedono un orizzonte – si sono incontrati per alcuni mesi i fautori di MilanoCittàAperta – vedi LINK rivista online di fotogiornalismo, e i membri del collettivo fotografico di Macao, e hanno dato vita al Collettivo Fotografico Krisis, secondo una logica di condivisione e confronto, in una dinamica di partecipazione orizzontale. >

Un gruppo di fotografi che ha lavorato su un tema comune per cercare di sviscerare questo concetto, nella sua complessità di trauma e terapia al tempo stesso. E hanno partorito una mostra, la prima mostra, quella che battezza Macao come spazio espositivo a Milano. Introdotta dalla sintesi incisiva di Albert Einstein, la crisi non viene indagata nell’appiattimento di una prevedibile narrazione che ruoti solo attorno alle questioni socio-economiche, e il risultato si compone di sei storie, per sei sguardi del tutto differenti, si spazia da una chiave più canonica, quella di Carlo Rotondo con Trincee Urbane, per un racconto che premia la dignità senza compiacimento né compatimento, facile tranello per chi usa questo registro, all’ironia del T-Rex che prende il sopravvento sulla città, trasformando le ansie post-nucleari nipponiche in angosce post-bucoliche contemporanee in Sulle tracce del T-Rex di Brando Cimarosti, per arrivare alla rappresentazione del percorso evolutivo anche randomico che contraddistingue l’individuo in questa fase scardinata di senso e progettualità, ma che offre il destro a una possibilità di mutare il proprio stato, e il transito è segnato da un tratto di luce quasi magmatica, nelle immagini di Flavio Moriniello, con Dentro Nuove Alterazioni.

La “crisi”, tema infinito, rischia implicitamente un riscontro caotico e inconcludente, al contrario in questo caso lo spettro di voci narranti mette in scena un affresco armonioso e, soprattutto, se ne esce con la voglia di saperne di più. E magari di partecipare.

Michele Ulisse Lipparini

Clicca su una delle immagini seguenti per vedere la galleria a pieno schermo:

Mostre Milano ed eventi expo 2013:

MACAO Milano

Collettivo Fotografico Krisis

progetto collaborativo con Milano Città Aperta

mostra fotografica

Trincee urbane – Carlo Rotondo
Identità provvisorie – Andrea Isola
Sulle tracce del T-Rex – Brando Cimarosti
Distopia – Tiziano Berti, Edoardo Mozzanega
Dentro nuove alterazioni – Flavio Moriniello
Sensazioni – Viridiana Cosenza

Gli assi della crisi (copertina) – Mirko Namra

La mostra a MACAO Milano del Collettivo Fotografico Krisis rimarrà aperta fino al 15 ottobre, dal lunedì al venerdì, dalle 16 alle 20. Ingresso gratuito.

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia Michele Ulisse Lipparini per il testo sulla mostra a Macao Milano del Collettivo Fotografico Krisis.

Milano Arte Expo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *