Cesare Giardini, La Gilda del Mac Mahon: mostra a Milano a cura di Fortunato D'Amico

Cesare Giardini, La Gilda del Mac Mahon - mostra

Cesare Giardini, La Gilda del Mac Mahon – mostra

Cesare Giardini, La Gilda del Mac Mahon – Omaggio a Giovanni Testori: mostra a Milano a cura di Fortunato D’Amico. Inaugurazione giovedì 24 ottobre 2013 alle 18,30 presso la galleria Lazzaro by Corsi (MAPPA) di Milano. L’expo di Cesare Giardini proseguirà fino al 9 novembre. Testo critico di Fortunato D’Amico: La Milano “On the Road” della Gilda –  Cesare Giardini incontra Giovanni Testori, il cantore della Milano operaia degli anni cinquanta, quella delle fabbriche e del grigiore angosciante della periferia nel periodo prima del vertiginoso boom economico, che nel decennio seguente avrebbe coinvolto la città in una rocambolesca trasformazione di cui portiamo i segni della decadenza proprio in questi tempi. I sobborghi popolari raccontati da Testori sono i luoghi abitati dalla massa dei salariati impegnati nella lotta quotidiana per la sopravvivenza, alla ricerca perenne di un lavoro per sbarcare il lunario. La condizione condivisa di povertà diffusa creava i requisiti ideali per l’affermazione di personaggi bizzarri, che con le loro azioni caratterizzavano la vita e le storie del quartiere ed erano presi a riferimento ogni qualvolta si rendeva necessario divulgare la vita Bohémienne della comunità. 

Sono sfondi letterari ideali alla pittura di Cesare Giardini, artista animato dalla volontà di emozionare il suo pubblico esaltando sulla tela personaggi umili, straordinari per la loro capacità di esprimere valori umani, in cui ognuno di noi può riconoscersi attraverso un immediato contatto empatico. Nel 1959, anno in cui è pubblicata La Gilda del Mac Mahon, a Milano, tra le storie della cronaca romantica cittadina, c’è anche la Mala, interpretata da lestofanti pieni di umanità, attenti a non compromettersi troppo con la legge e fieri del loro essere gentiluomini… ma con un mestiere molto particolare.

Giovanni Testori ritratto da Cesare Giardini

Giovanni Testori ritratto da Cesare Giardini

E’ cosi anche per Rita, in arte Gilda, nome scelto per imitare un’omonima diva di Hollywood, che sogna una vita diversa, da quella miserabile di tutti i giorni qualificata dal suo mestiere di prostituta. Gilda vive e lavora volentieri per aiutare Gino, il suo amore. Ma quando lui esce dal carcere, la tradisce per un’altra perché preferisce sposare una donna onesta.
In questa mostra Cesare Giardini coglie tra le righe dei pensieri, sintetizza le emozioni e li ritrae, dando un volto e un’ anima a ciò che normalmente si cela dietro le apparenze, i costumi, le facili conclusioni.

I suoi ritratti riordinano il racconto di Testori ampliandone la lettura e diventando esse stesse una nuova mise en scène teatrale.
I corpi nudi e quelli atteggiati di Gilda vestita mentre tenta di sedurre i passanti, evidenziano la capacità caricaturale acquisita dall’artista in questi anni di attività e di studio, utilizzata per regalarci attraverso il disegno semplice e un uso del colore di immediata comunicativa, il pathos di uno sguardo rubato verso l’indiscreto.
Tutto questo Cesare Giardini lo fa con coerenza, continuando il suo viaggio verso i luoghi della conoscenza e della memoria che si confondono con città, panorami, canzoni, racconti, idealizzazioni profonde dei rapporti tra uomo e donna, e dell’umanità con la natura. Egli è libero di reinterpretare le linee ritmiche, le arie melodiche, le atmosfere registrate durante il tour.

Potremmo definire Cesare Giardini uno scenografo, un regista che mette a punto il suo copione e definisce i fondali delle tele ascoltando le opinioni dei tanti amici che visitano il suo studio e che sono invitati a discutere con lui il tema del confronto. Istintivamente, e con una grande attitudine alla sintesi, egli compone il film pittorico che ha sognato e condiviso con altri.
Cesare Giardini, con queste opere dedicate alla Milano della Gilda del Mac Mahon, non solo ci fa emozionare, ma ci invita a riflettere sui valori e sull’umanità che Milano ha perduto in quest’ultimo mezzo secolo in cui la città è diventata metropoli “da bere” e poi capitale della finanza.

Fortunato D’Amico

Clicca su una delle seguenti immagini per aprire la galleria a pieno schermo:

Mostre a Milano ottobre e novembre 2013:

24 ottobre – 9 novembre 2013

Cesare GIARDINI LA GILDA DEL MAC MAHON

Inaugurazione della mostra : giovedì 24 ottobre ore 18,30 – Cocktail

Archivio Galleria Lazzaro by Corsi Milano

GALLERIA LAZZARO by CORSI Milano ArteOrario: da martedì a sabato: 9,00 – 13,00 / 15,00 – 19,00 o su appuntamento

www.gallerialazzaro.it  –  lazzarocorsi@tin.it

via Cenisio,50     20154  Milano –  Telefono e Fax  0236521958

Per informazioni dettagliate e per leggere altri testi critici su Cesare Giardini, vedi sito web : http://www.cesaregiardini.com/

Cesare Giardini Mostre:

Mostre personali

2013, Milano, Galleria Lazzaro by Corsi, ” La Gilda del Mac Mahon” Omaggioa Giovanni Testori, a cura e testo di Fortunato d’Amico.
2013, Vigevano, Spazio b. “Italy tours” a cura di Fortunato d’Amico.
2013, Vigevano, STav Autolinne. Presentazione del grande quadro “La leggenda della Stav”.
2012, Vigevano, Pinacoteca del Castello sforzesco di Vigevano “Parole cantate” Ritratti di donne dalle canzoni. Amministrazione comunale e assessorato alla cultura di Vigevano,. A cura e testo in catalogo di Fortunato d’Amico.
2011. Vigevano. Associazione Rocco Scotellaro.
2011, Milano. Galleria Lazzaro by Corsi. “Il codice Giardini”. Cura e testo di Fortunato D’Amico, catalogo.
2010, Vigevano. Spazio b. ” Hortus-gafico”, cura di Fortunato D’Amico.
2010, Vigevano. Cavallerizza del Castello visconteo sforzesco. “Viaggio nel mito”. Assessorato alla cultura cittÎ di Vigevano.
2010, Pavia. UniversitÎ Degli Studi. Aula Volta. “Il viaggio della mente” Tendenze attuali dell’arte contemporanea. Lezione al corso di laurea di Comunicazioni Intermediali e multiculturali.
2009, Borgomanero, Novara. “La via lattea”. Fondazione Marazzi e galleria Arte-Borgo. Testo di Luisanna Dal_, catalogo.
2009, Vigevano. Sala dell’affresco, Castello visconteo sforzesco. Assessorato alla cultura cittÎ di Vigevano. “Catrame”, omaggio a Lucio Mastronardi, testo di Federica Dafarra. catalogo.
2008, Napoli. Castel de l’Ovo “Viaggi corsari”, cura di Ornella Tozzi, testo di Rossana Bossaglia, catalogo.
2008, Milano. Spazio Tadini. “Viaggi possibili”. Tesri di Grazia Chiesa e Francesco Tadini, catalogo.
2008, Milano. Studio Neo Geo. “Passaggi e paesaggi”. Testo di Luca Arnaudo, catalogo. ”La memoria e l’invenzione,” testo in catalogo di Luca Arnaudo.
2007, Milano. Studio Neo Geo. “Il ritorno dei Tartari”. Da e per Dino Buzzati, cura di Grazia Chiesa e con un testo di presentazione di Rossana Bossaglia.
2007, Vigevano, Teatro Cagnoni. Presentazione e donazione del ritratto di Lucio Mastronardi con un testo di Rossana Bossaglia. Serata di premiazione del premio letterario Lucio Mastronardi.
2007, Vigevano, Cavallerizza del Castello.Opere sul viaggio durante la Settimana Letteraria Vigevanese, assessorato alla cultura cittÎ di Vigevano.
2007, Milano. Studio D’Ars. “Il ritorno dei Tartari”. Da e per Dino Buzzati, cura di Grazia Chiesa con un testo di presentazione di Rossana Bossaglia
2006, Trapani. Galleria d’arte Domenico Li Muli, Provincia di Trapani, Palazzo Riccio di Morana. “Orizzonti”, testo di Viola Lilith Russi, catalogo.
2007, Vigevano. Presentazione in Piazza ducale dell’autobus Stav: Il ratto d’Europa.
2005, Vigevano, Piazza Ducale, presentazione dell’ Autobus Stav: New York, presentazione di Vito Giuliana.
2005, Vigevano. Museo Internazionale della Calzatura. Castello di Vigevano. Assessorato alla cultura cittÎ di Vigevano. “Scarpe, Viaggi e Fantasia”, presentazione di Giuseppe Castelli.
2005, Vigevano. Fondazione Arti e Mestieri Vincenzo Roncalli, “Viaggio a New York”, in collaborazione con Libreria Bocca, Milano.
2004, Cortina d’Ampezzo. Spazio Arte Cultura, “Oggi si parte”, testo di Milena Milani.
2004, Milano. Spazio Bocca in libreria, “Souvenir de Vojage”, testo di Milena Milani, catalogo libreria Bocca.
2004, Pavia. Santa Maria Gualtieri.Assessorato alla cultura cittÎ di Pavia. “Appunti di viaggio”, testo di Luisanna Dal_, catalogo.
2003, Sondrio, Palazzo Pretorio, sala del cinquecento. Assessorato alla cultura cittÎ di Sondrio. “I giorni della merla”, testo di Floriano De Santi, catalogo.
2003, Milano. Banca Industria Commercio, Cortile della seta. “Viaggi colorati”, testi di Milena Milani, Raffaele De Grada, Luciano Caramel, Floriano De Santi, catalogo.
2002, Brescia. Galleria Sculptures. “Viaggi e viaggiatori”. Personale. Testo di Floriano De Santi, catalogo.
2002, Borgomanero,.gGalleria Borgoarte. “RosEvento”, testo di Lorella Giudici, catalogo.
2002 Vigevano, Sala dell’Affresco, Castello di Vigevano. Assessorato alla cultura cittÎ di Vigevano. “Le rose di Prevert”.
2000. Cortina d’Ampezzo. Spazio Cultura. “Viaggiatori di montagna”, testo di Milena Milani.
2000, Montecarlo, Principato di Monaco. Galerie Patio Art. “Invitation au voyage”, testo di Milena Milani, catalogo.
1999, Vigevano. Sala dell’Affresco, Castello di Vigevano e sala Ottocento di Palazzo Roncalli. Assessorato alla cultura della cittÎ di Vigevano, Presidente della Fondazione Vincenzo Roncalli. “Antologica”. Testo di Gilberto Madioni e Luciano Caramel, catalogo.
1999, Milano. Fondazione Marco Mantovani. “Un pittore e il suo viaggio”. Conferenza di presentazione di Raffaele De Grada.
1997, Marbella. Galeria de arte El Catalejo. “El Viaje”, catalogo della galleria.
1997, Como. Galleria d’arte Il Salotto. “Contrabbandieri di sogni”. Testo di Michele Caldarelli.
1996, Milano. Galleria d’arte Il Cannocchiale. “Il Viaggio”. Cura e testo di Luciano Caramel, catalogo della galleria.
1996, Vigevano. Realizzazione della collezione di tazzine da caffÓ: ” Luci del Mediterraneo”.
1995, Ginevra. Foire international d’art. A cura della galleria Il Cannocchiale, Milano, catalogo della Fiera.
1994, Vigevano. Palazzo della Fondazione Vincenzo Roncalli. “L’uomo che parla con le cascate”,Testo di Ferruccio Massimi.
1993, Sorrento. Circolo Sorrentino. “Luci del Mediterraneo”.
1993, Mondello, Palermo. UniversitÎ degli studi di Palermo. “Il personaggio letterario”.
1993, Napoli. Spazio Intramoenia. “La stanza del sultano”.
1992, Vigevano. Galleria Capricorno. “Memorie di fine millennio”.
1992, Roma. “Fiera internazionale dell’Arte”.Catalogo RomaExpo.
1992, Napoli. Ferrovie dello stato. Collocazione di due opere su alluminio nel sottopassaggio pedonale della metropolitana di Napoli, nell’occasione del primo restauro.
1991, Bologna. Galleria Spazio 10.
1991, Sanremo. Assegnazione del primo premio alla biennale internazionale d’arte cittÎ di Sanremo con il quadro: “Ritratto di Majakowsky”.
1991, Vigevano. Palazzo della Fondazione Vincenzo Roncalli. Presentazione del volume dipinto e rilegato a mano: “Pablo e Rafael”. Introduzione di Gianni Colli.
1991, Milano. Galleria Agape. “L’oro del Reno”, testo di Angela Madesani.
1990, Milano. Caffe letterario Port Noy. Presentazione del volume dipinto e rilegato a mano: “Pablo e Rafael”. Introduzione di Edoardo Franceschini.
1989, Roma. Galleria 28. Presentazione del volume dipinto e rilegato a mano: “Pablo e Rafael”. Introduzione di Aldo Braibanti.
1985, Roma. Galleria 28. “Tappeti volanti”, testo di G.M. Bonifati.
1978, Vigevano. Galleria Il Nome. A cura di Giorgio Forni

Mostre collettive

2013, Vigevano, Pinacoteca del Castello sforzesco, ” Ticino, fiume azzurro”.
2013, 2013, Matera, gemellaggio Vigevano Matera, esposizione del Trittico del grande viaggiatore intrepido
2013, Vigevano, Pinacoteca del Castello sforzesco; “Ticino, il fiume azzurro”
2012, Trento, “Natività” a cura sello spazio Tadini, Milano
2011, Novara. Archivio di Stato. “150° Unità d’Italia”, cura di Vittorio Tonon.
2011, Vigevano. Spazio Rocco Scotellaro. “Shoa”, cura di Vincenzo Pellitta.
2010, Sartirana, Pavia. Castello di Sartirana.”Visioni del sacro”, cura e testo di Giuseppe Castelli, catalogo.
2009, Milano. “Berlino oltre il muro” Spazio Tadini. Cura di Melina Scalise e Francesco Tadini.
2009, Scicli, Ragusa. “Berlino oltre il muro” Spazio Tadini. Cura di Melina Scalise e Francesco Tadini.
2009, Valona, Albania.. “Berlino oltre il muro” Spazio Tadini. Cura di Melina Scalise e Francesco Tadini.
2009, Vigevano. “Casa di bambola”. Strada coperta, Castello visconteo sforzesco di Vigevano. Cura di Mariangela Maritato.
2010, Novara. Archivio di Stato, “Il tempo”, cura di Vittorio Tonon.
2010, Milano. Spazio Tadini. “NativitΔ, cura e testo di Melina Scalise, catalogo.
2009, Cesano Maderno. Palazzo Arese Borromeo. “1000 artisti a Palazzo”, catalogo Mondadori, testo di Luciano Caramel.
2007, Venezia. Vetreria Berengo. “Padiglione Italia,13×17″, 1000 artisti per un’indagine eccentrica sull’arte in Italia, cura e testi di Philippe Daverio e Jean Blachaert, catalogo Rizzoli.
2007, Milano, Libreria Bocca. “Omaggio a Pasolini”, cura di Viola Lilith Russo, catalogo.
2007, Roma, Studio Mic di Roma.”Padiglione Italia, 13×17″, cura di Philippe Daverio e Jean Blancheart, catalogo Rizzoli.
2007, Roma, Galleria fratelli Alviti. “Padiglione Italia, 13×17″, cura di Philippe Daverio e Jean Blancheart, catalogo Rizzoli.
2007. Bologna, Chiesa di Santa Cristina. “Padiglione Italia, 13×17″, cura di Philippe Daverio e Jean Blancheart, catalogo Rizzoli.
2006, Vigevano, Cavallerizza del Castello visconteo sforzesco. “Artisti vigevanesi”, cura di Giuseppe Castelli, catalogo.
2006, Vigevano, Sala dell’affresco, Castello visconteo sforzesco. “Quattro studi per un ritratto di Virginia Woolf”, “Una stanza tutta per te”, cura e testo di Viola Lilith Russi. D’ars Agengy, Milano, catalogo.
2006, Francavilla al Mare, Palazzo Michetti. “Padiglione Italia, 13 x 17″, cura di Philippe Daverio e Jean Blancheart, catalogo Rizzoli.
2006, Milano, Palazzo della Ragione. “Ciao Gaber”, testi di Giacomo Lodetti, catalogo edizioni Libreria Bocca.
2006, Sartirana, Pavia. Castello di Sartirana. “40 artisti in Lomellina”. Testo di Marco Leva, catalogo.
2006. Napoli, Chiesa di San Severo. , “Padiglione Italia, 13 x 17″, Cura e testo di Philippe Daverio e Jean Blancheart, catalogo Rizzoli..
2006, Milano. Politecnico, Campus Bovisa. ” Padiglione Italia, 13 x 17″”, cura e testo di Philippe Daverio e Jean Blanchaert, catalogo Rizzoli.
Roma, Lavatoio Contumaciale. “Segni d’amore”,per Pier Paolo Pasolini, cura e testo di Viola Lilith Russi, catalogo.
2006. Firenze, UniversitÎ degli studi. “Omaggio a Tiziano Terzani”, cura di S. Pancera, catalogo.
2005, Milano. Libreria Bocca. “Segni d’amore”, per Pier Paolo Pisolini, testo e cura di Viola Lilith Russi, catalogo.
2003, Milano. Galleria Ciovasso: “Ciclosofie”, cura di Giovanni Billari, testo di Giorgio Seveso, catalogo.
2005, Milano, Fondazione Marco Mantovani, cura e resto di Raffaele De Grada, catalogo.
2005, Milano. Galleria Quinto Cortile: “Primaveresche”, cura e testo di Donatella Airoldi, catalogo.
2004, New York, Javits Convention Center, International Art Expo, catalogo.
2003, Varese, “Amarcord Albisola”. Museo civico, cura della galleria Blu di prussia testo di Milena Milani, catalogo.
2003, Santo Stefano, Imperia. Museo della bicicletta. “Ciclosofie”, cura di di Giovanni Billari, testo di Giorgio Seveso, catalogo.
2003, Milano. Galleria Ciovasso. “Ciclosofie”, cura di Giovanni Billari, testo di Giorgio Seveso, catalogo della galleria.
2003, Cortina d’Ampezzo, “Amarcord Albisola”. Museo civico, cura della galleria Blu di Prussia, testo di Milena Milani, catalogo.
2003, Albisola, Savona, Museo della ceramica. “Amarcord Albisola”, cura della galleria Blu di Prussia, testo di Milena Milani, catalogo.
2002. Marbella. Galeria de arte El Catalejo, “Collettiva internazionale”, catalogo della galleria.
2002, Roma, Palazzo delle Nazioni. “artisti per l’Euro”. Collettiva itinerante internazionale di artisti della ceramica. Cura e testo di Milena Milani, catalogo.
2002, Milano. Galleria Quinto Cortile. “Umanidi”, cura e testi di Roberto Borghi e Donatella Airoldi, catalogo
2001, Palazzolo sull’Oglio, Brescia. Studio F.22. Piccolo formato, a cura di Franco Rossi, catalogo.
2001, Milano, Antica biblioteca Convento di Sant’ Antonio. “Sette stanze per un giardino”. Collettiva. A cura e testo di Carlo Franza, catalogo.
2001, Albisola. Saletta storica del Bar testa. “Omaggio a Mario Rossello”, cura e con testo di Milena Milani.
1999, Vigevano. Sala dell’Affresco, Castello di Vigevano. “Cent’anni di pittura vigevanese”. Cura e testi di Giuseppe Franzoso, catalogo.
1992, Napoli, Studio Archimass. “Alchimie”
1988, Roma. Palazzo del C.N.A. “il sangue della tua ferita”. Collettiva internazionale dedicata al musicista Mikis Theodorakis, cura di Ferruccio Massimi, testi di G.M. Bonifati e G. Salierno, catalogo.
1983, Roma.”Chi ha bruciato la prateria”, collettiva internazionale a cura della galleria 28. Testi di Ferruccio Massimi, Franca Savarese e Harold Bradley, catalogo.
1963, Milano. Palazzo della Permanente. Collettiva giovani artisti delle scuole lombarde.

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia Fortunato D’Amico per il testo e l’ufficio stampa della mostra per le news e le fotografie delle opere di Cesare Giardini per l’expo La Gilda del Mac Mahon – Omaggio a Giovanni Testori .

Al seguente link  > VEDI ARTICOLI  tutti i testi di Fortunato D’Amico.

MILANO arte

Potrebbero interessarti anche...

Una risposta

  1. ottobre 6, 2013

    […] Cesare Giardini, La Gilda del Mac Mahon – Omaggio a Giovanni Testori: mostra a Milano a cura di Fortunato D’Amico. Inaugurazione giovedì 24 ottobre 2013 alle 18,30 presso la galleria Lazzaro by Corsi (MAPPA) di Milano. L’expo di Cesare Giardini proseguirà fino al 9 novembre. Leggi tutto su milanoarteexpo.com […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *