Pina Inferrera, Galleria d’Arte Moderna Musei di Nervi: mostra a cura di Fortunato D’Amico e Maria Flora Giubilei

Pina Inferrera, Galleria d´Arte Moderna Musei di Nervi mostra a cura di Fortunato D'Amico e Maria Flora Giubilei

Pina Inferrera, Galleria d´Arte Moderna Musei di Nervi mostra a cura di Fortunato D’Amico e Maria Flora Giubilei

Pina Inferrera, Musei di Nervi: mostra a cura di Fortunato D’Amico e Maria Flora Giubilei. Inaugurazione venerdì 27 settembre 2013 ore 17. Alla Galleria d´Arte Moderna Musei di Nervi (MAPPA), Genova – nella villa settecentesca Grimaldi Fassio – apre l’expo ACCENTI E PAROLE TRONCHE. Il vernacolo di Pina Inferrera che proseguirà fino al 24 novembre. La mostra è parte della rassegna artistica Natura ConTemporanea. Fortunato D’Amico, dal catalogo della mostra – sfoglialo al >LINK: (…) Nei processi di divulgazione inscenati nelle opere di Pina Inferrera ,possiamo riconoscere una trasmutazione di attributi concettuali interiori, dal microcosmo interiore al macrocosmo filosofico orientato a mostrare l’universo come un insieme armonico, ideato da  infiniti algoritmi frattali indissolubilmente legati da logiche  sincroniche. Panorami volutamente azzerati dalla presenza umana, dove non compare nessuno, e dove talvolta si intravede e si dilegua la  figura di Pina, destinata ad apparire e svanire come uno essere ultraterreno, e a  confondersi tra le piante aghiformi nella loro ritmico alternarsi in rigide scansioni.

Ecco, Terra e Natura diventare materiale di riflessione, inducendo la logica del pensiero a inventare stratagemmi utili ad estraniare la propria essenza e proiettare il Sè sopra un altro soggetto. Il fine è guardarsi dall’esterno, con l’occhio critico ed esigente di chi ha preso le giuste distanze emotive e deve riprogettarsi senza farsi dominare dai condizionamenti ricevuti dal regime educativo della famiglia e della società.  Il paesaggio desolato è il luogo del colloquio interiore, dove purificare la propria natura e ritornare a stare insieme agli altri ordinatamente seguendo dei principi, che a partire dal profondo si innalzano verso l’alto. L’ecologia diventa la scienza per la purificazione dell’animo umano e consente, a chi si avvicina con devozione rispetto, di elevarsi negli stadi superiori della vita.

Dopo l´inaugurazione venerdì 27 settembre, alle ore 18, Paolo Mighetto e Marco Minari, di AIAPP (Associazione di Architettura del Pesaggio, Sezione Piemonte-Valle d´Aosta), che ha concesso il patrocinio alla mostra di Pina Inferrera, racconteranno in anteprima il progetto del Convegno Mondiale IFLA che si terrà a Torino nel 2016 e condurranno il pubblico in un “viaggio paesaggistico” con la conferenza dal titolo “Arte e paesaggio, un dialogo possibile“. Il dialogo tra arte e paesaggio è da sempre ricco e fecondo e rappresenta oggi uno dei terreni di sperimentazione di nuove forme di linguaggio che possano poi essere applicate anche nelle trasformazioni urbane. Attraverso la proiezione di immagini e di un video, i due specialisti proporranno un itinerario tra le Landesgartenschau, le Bundesgartenschau tedesche e la manifestazione di Chaumont (Val de Loyre) in cui il tema arte e paesaggio è declinato, sia come riqualificazione urbana, sia come sperimentazione di linguaggio.

Pina Inferrera

Pina Inferrera

Pina Inferrera

Dagli esordi l’indagine artistica di Inferrera – vedi sito web: http://www.pinainferrera.com/ – è rivolta all’esplorazione della realtà circostante, e spazia dall’osservazione della natura, l’ambiente e l’uomo, all’analisi di reperti. In particolare l’artista ha indagato la realtà industriale di cui ha analizzato il rapporto con l’uomo e l’habitat. I materiali di scarto delle piccole o grandi industrie sono stati fotografati, recuperati e poi adoperati per la realizzazione di sculture dalle dimensioni imponenti, opere site-specific capaci di ridisegnare lo spazio.
Dal Duemila Inferrera si è focalizzata sull’utilizzo della fotografia e del video. Dà vita a immagini che si muovono fra reale e surreale, panorami dalla natura incontaminata in cui l’uso particolare della luce suggerisce una dimensione emotiva ed esistenziale
Le opere di Pina Inferrera sono pubblicate su cataloghi, libri d’arte, riviste, quotidiani, siti. Hanno scritto del suo lavoro: G. Scardi, R. Mutti, D. Curti, M. Campitelli, L. Caramel, M. Tagliafierro, R. Ridolfi, R. Moratto, M. Galbiati, M. Cilena Sanguini, C. Guerra, G. Bonomi, G. Gellini, R. Bellini, A. Madesani, T. Trini, G. Marziani, F. D’Amico, C. Canali, F. Gallo. Ha esposto oltre che in varie città d’Italia, anche a Londra, New York, Locarno, Lugano, Francoforte, Istanbul, Tournai, Parigi.
Ha collaborato con la galleria Maria Cilena di Milano, la galleria Raffaella De Chirico di Torino, la galleria Giacomo Manzoni di Milano, la galleria Bruna Soletti di Milano. Nata a Messina, Pina Inferrera si è diplomata in scultura all’Accademia di Belle Arti di Brera, vive e lavora a Mozzo (BG).

Vive e lavora a Mozzo (Bg).

Fra le installazioni permanenti di Pina Inferrera:

Robots, Politecnico, Bovisa, Milano.
Crisalide, Public-Art Vercelli, evento collaterale Guggenheim Venezia.
Crisalide Ara, Museo A. Malandra, Vespolate, NO.
Dafne, Cesap, Zingonia, BG.
Gesù cade ancora, Masserano, Biella.
Crisalide Sol, EmmegiGroup, Milano

Mostre personali di Pina Inferrera

Pina Inferrera mostra Musei di Nervi

Pina Inferrera mostra Musei di Nervi

2013

Nel Silenzio, Photofestival, galleria Manzoni, Milano.
Nel Silenzio, a cura di Gabi Scardi, ex Chiesa di San Francesco, Taormina.
BAF, stand Juliet.

2012

Come Raggiungerti, a cura di D. Curti, galleria Raffaella De Chirico, Torino.
Atmosfere, a cura di Roberto Mutti, Galleria Maria Cilena, Photofestival, Milano.
ArtFactory, stand Juliet, Catania
Baf, stand Juliet, Bergamo

2011

Rerum Natura, a cura di R. Mutti; ha partecipato al Photofestival, Milano
Fiera della Nautica, galleria MareLia, Messina.

2010

Somnia, a cura di A. Madesani, galleria Bruna Soletti, Milano.
P.AR.CO. Padiglione Arte Contemporanea, a cura di C. Massini – Casier (Tv)
BAF, Arte Fiera, Nexus Ars Gallery, Bergamo.

2009

L’Anima dell’Acqua, contemporary art, Cà d’Oro, evento in concomitanza 53° Biennale di Venezia.
Clicking the Cosmos, videoinstallazione in Arca, ex chiesa San Marco, evento collaterale al Guggenheim, Vercelli.
Plasicand’Art, stand all’interno di Plast ’09 a Rho-fiera a cura di J. Blanchaert, catalogo Ediz. P. Daverio, Milano.
Crisalide, installazione Public Art, BAF fiera dell’arte, a cura di S. Radici, Bergamo.

2008

Ophelia, installazione site specific Castello-Ricetto Villata (VC) a cura di M. Mander, evento coll. Guggenheim di Vercelli.
Ophelia, Trono, installazioni fiera dell’arte BAF, a cura di S. Radici, Bergamo.

2007

Ophelia, installazione e video, Palazzo Comunale Altan Rota, S.Vito al Tagliamelnto (PN), a cura di L.Giudici.
Ophelia, installazione e video, Museo Civico d’Arte Palazzo Ricchieri, Pordenone, a cura di M. Galbiati.
Ophelia, installazione Teatro delle Muse, piazza Cavour, Ancona, a cura di R. Ridolfi.

2006

Crisalidi., quattro grandi installazioni site specific e video, Fiera del lusso, Verona.

2005

Germinazioni, Museo d’Arte Moderna e Contemporanea A. Malandra, Vespolate, (No), a cura di G. Scardi.

2004

Robots, installazioni per Plastics Pipes convegno internazionale Hotel Dino Baveno (No) a cura di M.Campitelli.

2003

Germinazioni, Installazione Fiera Him Texil, Francoforte, Germany, a cura di L. Radici.

2002

Crisalidi, installazione site specific Fiera Expofil, Parigi, France.
Gocce, Installation, Festival del Cinema di Locarno, Switzerland, a cura di M. Tagliaferro.
Gocce, International Short Film Festival, 3rd edition, Milano, a cura dli M. Tagliafierro.
Frammenti, Museo d’Arte Moderna Pagani, Castellanza (Va), a cura di L. Giudici.
Crisalide di Cris, Bertolt Brecht, Milano, a cura di T. Trini.

1998

Valore aggiunto, oggetti d’uso come materiale d’arte, Mulino Vecchio Bellinzago (No), a cura di G. Seveso.
Sculture da indossare, Arengo del Broletto, Novara, a cura di A. Appiani.
Le visioni dell’utile, Festival della Terra delle Gravine, Mottole (Ta).

1997

Clonazione, Palazzos Longoni, Borgolavezzaro (No), a cura di M. Rosci e Associazione Culturale IdeaVita.
Presentimenti, Arengo del Broletto, Novara, a cura di M. Rosci e E. De Paoli.
Il Mondo il paese di tutti, installazione permanente, scuola media Paladina (Bg), a cura di A. Locatelli.

1996

La dignità materica nell’arte, Palazzo Longoni, Borgolavezzaro (No), a cura di A. Appiani.
Puliamo il mondo – installazioni con materiali di recupero, Sala consiliare comune di Paladina (Bg).
Riciclo/Riuso, Fort Crest, San Donato Milanese (Mi), a cura di G. Salami.

1994

Percorsi, Sala dell’Assessorato alla Cultura della Provincia, Bergamo, a cura di P. Emanuele

Mostre collettive – Pina Inferrera

2013

Io Klimt, a cura di Francesco Gallo, Sala dell’Arengo Palazzo dei Consoli, Gubbio.

2012

Da Basilico a Cresci, Galleria Manzoni, Milano
AAF, Galleria SpazioFarini6, Superstudio Più, Milano
Spazio Farini6, collettiva. Milano

2011

Istanbul, gemellaggio 10 artisti selezionati per la fiera dell’arte di Istanbulz
Biennale di Venezia, Padiglione Italia, Palazzo delle Esposizioni, Sala Nervi Torino, a cura di V. Sgarbi
Paratissima, collaterale Artissima, Poetica 012., a cura di C. Canali e F. D’Amico, Torino
Arcaicità e futuro ecosostenibile a cura di M. Vitiello, Novara
Biennale di Venezia, Padiglione Italia, Ala Napoleonica di Palazzo Te, Mantova, a cura di V. Sgarbi
Galleria L. Di Sarro, Roma + Trebisonda, Perugia + Ex-Lanificio, Napoli – L’Apparenza Ambigua, a cura di G. Bonomi
Fotografia come espressione, a cura di R. Mutti, Galleria Bruna Soletti, Milano
BAF gall. Hi-Life. Bergamo
Futuro Arcaico, Sal8 di Syusy Blady (evento collaterale fiera di Bologna) a cura di C. Massini

2010

Da Agnetti a Beecroft, a cura di R. Mutti, Galleria Bruna Soletti, Milano
Fiera Bologna Arte-Libro, galleria Derbylius/galleria Raffaghello.
Galleria Derbylius, L’Apparenza Ambigua, a cura di G. Bonomi
Arte sul Territorio, Fondazione Marazza, Borgomanero (No), a cura di A. Madesani
Collettiva, Oggetti contundenti, Brescia.
Aam, Sole 24ore, Milano.
Clicking the cosmos, Public Art, città di Vercelli a cura di C. Massini, G. Lalatta.

2009

Clicking the cosmos, Auditorium S. Chiara, Vercelli, a cura di R. Bellini, C. Guerra.
Clicking the territory, Castello-Ricetto di Villata (VC) a cura di M. Mander, C. Guerra, O. Spatola, T. Trini – evento collaterale al Guggenheim di Venezia a Vercelli.
BAF, fiera dell’arte, Bergamo.

2008

ConTemporary Art, AAM, Superstudio Più, Milano.
Triennale Internationale de la Tapisserie et des Arts du Tissu de Tournai, Belgio.
Una casa di carta per mia madre a cura di M. Mander, Museo Malandra, Vespolate (No).
Clicking the Territory, Museo Malandra Vespolate (No), Casa del Lago Verbania, Castello Vigevano, Castello Villata (Vc) evento coll. al Guggenheim di Venezia a Vercelli, a cura di M.Mander, O.Spatola.
Alchimia e Arte, Chiesa Sant’Agostino, Novara.
Salone del Mobile, Milano.
Fiera del Lusso, Vicenza.
Arte Mutante – Alchimie surreali, Studiodieci- citygallery , a cura di L. Giudici.
BAF, fiera dell’arte , Galleria 10.2!, Associazione Culturale IdeaVita, Bergamo.

2007

Terre d’Acqua In-Via l’arte, Auditorium S. Chiara, Chiostro della Canonica, Università A. Avogadro di Novara, a cura di M. Galbiati.
Donne fuori dal limite, Museo Malandra, Vespolate (No), a cura di R. Moratto.
Miart, fiera internazionale dell’arte, Galleria 10.2!, Milano.
I colori dell’estasi, C. Comunale d’Arte Exmà, Cagliari – Superstudio Più, Milano, a cura di L. Giudici.

2006

Un senso per l’arte, mostra tattile, ex Chiesa S. Agostino, in collaborazione GAMEC Bergamo, a cura di G. Brambilla.
Il proprio luogo, Castello Borromeo di Corneliano Bertario, Milano, a cura di M. Galbiati e R. Ridolfi.

2004

Artextil, a cura di Luciano Caramel, grande installazione + colonna sonora, Como.
Ophelia, Aqua vita et mors, Fondazione Bricherasio, Torino e APT Gallery, London, a cura di M. Campitelli.

2003

Imagerie Art Fashion, Sala Leonardo, Musei del Canal Grande, Trieste, a cura di M. Campitelli.

2002

Other Fashion, Mittelmoda, International Lab, Quartiere Fieristico, Gorizia, a cura di M. Campitelli.
Riparte, International art fair 2002, VIII edizione, Galleria M. Cilena, Hotel Ripa, Roma.
Preghiera al sole, Palazzo Arengo del Broletto, Novara, a cura di M. Hajek e T. Trini.
Musicar(t) e la vita, installation, 2nd editino, Galleria Diecidue, Gaggiano (Mi).

2001

Preghiera alla terra, Arengo del Broletto Novara, Museo d’Arte Moderna Pagani, Castellanza (Va), a cura di L. Giudici e T. Trini.

2000

Art in Ice, Concorso Internazionale V edizione – Livigno (So), Italy.
Sacro e Profano nell’arte, Palazzo Longoni, Borgolavezzaro (No) e Palazzo Arengo del Broletto, Novara, a cura di T. Trini.
Celluloidee, Chiostro di S. Agostino, Bergamo, in collaborazioene con LAB, A. Signorelli, Bergamo.
Foresta come intreccio di segni, Mulino Vecchio di Bellinzago (No).
Paraventi, a c. di D. Airoldi – Salone del Mobile di Milano, Quinto Cortile, Milano.
RecuperArti, Palazzotto Comunale Orta S.Giulio (No).
Arte in Vista MOMI (Moda Milano), Fiera, Gall. Scoglio di Quarto, Milano.

1998

Arte e Natura, Villa Erba, Cernobbio (Co).

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia l’ufficio stampa della mostra ACCENTI E PAROLE TRONCHE. Il vernacolo di Pina Inferrera curata da Fortunato D’Amico e Maria Flora Giubilei per le informazioni.

Milano Arte Expo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *