Serge Poliakoff, galleria Lorenzelli Arte 2009 – Milano Mostre Expo Documenti d’arte contemporanea

Serge Poliakoff - 25. Composition abstraite, 1966 (1953), tempera su tela, cm 60x73

Serge Poliakoff – 25. Composition abstraite, 1966 (1953), tempera su tela, cm 60×73

Serge Poliakoff – galleria Lorenzelli Arte di Milano. Matteo Lorenzelli mette a disposizione della documentazione storica on line sulle mostre d’arte contemporanea di Milano Arte Expo una serie di cataloghi. Qui pubblichiamo il testo introduttivo dello stesso Matteo Lorenzelli alla mostra dedicata a Serge Poliakoff  nel novembre 2009  e alcune indicazioni biografiche sull’artista. Segue (vedi > LINK) il testo di Claudio Cerritelli dal titolo Cercare lo spazio … nel colore totale. A proposito delle composizioni astratte di Poliakoff.

Matteo Lorenzelli – Questo omaggio all’arte di Serge Poliakoff a 40 anni dalla sua scomparsa non solo esprime la stima e il rapporto di amicizia che hanno legato e ancora idealmente uniscono i Lorenzelli a questo straordinario protagonista dell’astrattismo storico, ma soprattutto l’apprezzamento per la coerenza intellettuale e il sentimento poetico della pittura che ha contraddistinto la sua singolare vicenda creativa.

Consapevole di aver rappresentato per Poliakoff un importante tramite con la cultura artistica italiana la Lorenzelli Arte ripropone con intatto entusiasmo una fase decisiva della maturità pittorica di Poliakoff, con opere delle quali è forse pleonastico indicare la suprema qualità, la continua tensione formale nel cercare l’essenza dello spazio attraverso il calibrato fermento del colore.

Lorenzelli Arte Milano, novembre 2009 - Serge Poliakoff

Lorenzelli Arte Milano, novembre 2009 – Serge Poliakoff

Al di là di ogni riflessione sulla pregnanza storica della sua visione totale, equidistante sia dalla cifra geometrica che dalla sensibilità gestuale, il cammino indicato da Poliakoff può servire per riconciliarsi con la pittura a più livelli di senso. In quanto storia creativa vissuta a passo lento e con profonda meditazione, in quanto impegno etico nel sostenere l’emozione dello sguardo in rapporto al respiro illimitato della luce, infine come modello di comportamento per chi non ha mai interrotto I’esercizio quotidiano della pittura immaginando sempre di trovarsi altrove, sia nelle profondità impercettibili del colore che nelle vibrazioni segrete della luce.

Una lezione, dunque, che viene dalle magie del passato ed è rivolta al presente in atto, sempre in procinto di tramutarsi in nuovi orizzonti possibili, un’occasione preziosa per coloro che contemplano la pittura e per quelli che la fanno senza tregua, soprattutto per quei giovani che nell’era della globalizzazione credono nella necessità individuale di esprimersi al di fuori di ogni spettacolarità comunicativa fine a se stessa.

Matteo Lorenzelli

Serge Poliakoff, 7. Composition abstraite, 1960 (1964), gouache sur papier, cm 47x63

Serge Poliakoff, 7. Composition abstraite, 1960 (1964), gouache sur papier, cm 47×63

Biografia di Serge Poliakoff

Serge Poliakoff nasce a Mosca 18 gennaio 1900.

Serge Poliakoff, Composition abstraite, 1956 (1959), olio su tavola, cm 45x60

Serge Poliakoff, Composition abstraite, 1956 (1959), olio su tavola, cm 45×60

Nel 1923 si trasferisce a Parigi, e tra il 1928 e il 1929 studia all’Académie Frochot e alla Grande Chaumiere. Espone per la prima volta in gruppo alla Galerie Drouant di Parigi nel 1931. Nel 1935 lascia Parigi e si trasferisce per due anni a Londra, dove segue i corsi alla Slade School of Art. Si interessa ai primitivi italiani e alle pitture dei sarcofagi egiziani che vede esposti al British Museum. Serge Poliakoff si sposa con Marcelle Perreur-Lloyd. Nel tempo libero suona la chitarra e partecipa come comparsa in alcuni film dove interpreta la parte del musicista. Nel 1937, ritornando a Parigi, incontra Vassilij Kandinskij. Il suo primo quadro astratto viene esposto nel 1938 alla Galerie Niveau di Parigi, e lo stesso anno l’artista ha modo di conoscere anche Sonia e Robert Delaunay.

Frequenta strettamente i due artisti e nel contempo segue i corsi teorici sui contrasti simultanei di Robert. Rimane profondamente influenzato da questi corsi, così come riceverà una grande impressione anche dalla personalità di Otto Freundlich. Dal 1939 partecipa al Salon des Indipendentes, fino al 1945. Espone nel 1945 i suoi primi quadri astratti alla Galerie L’Esquisse di Parigi, e nel frattempo partecipa anche al Salon des Réalités Nouvelles.

Serge Poliakoff, Composition abstraite, 1954, olio su tela, cm 100x81

Serge Poliakoff, Composition abstraite, 1954, olio su tela, cm 100×81

Nel 1946 Serge Poliakoff espone in due mostre organizzate nella Salle du Centre des Recherches, in rue Cijas, dove si raggruppava, a quel tempo, l’avanguardia della pittura astratta. Espone quindi con Cesar Domela, Hans Hartung, Auguste Herbin e Gerard Schneider alla Galerie Denise René di Parigi. Prende parte al Salon de Mai, dove continuerà ad esporre regolarmente, e partecipa al Salon des Surindépandants. In questo periodo, per vivere, oltre che suonare la chitarra, esegue per un piccolo periodo disegni per tessuti. Nel 1947 riceve il Premio Kandinskij.

Espone nel 1948 in diverse mostre organizzate dalla Galerie Denise René di Parigi, e più tardi, espone anche nei paesi scandinavi: tiene una personale alla Galerie Tokanten di Copenhaghen. Un suo quadro viene acquistato dal Musée des Beaux Arts de Grenoble. Nel 1950 espone alcune pitture alla Galerie Denise René e alcune gouaches alla Galerie de Beaune di Parigi.

Il 1951 è l’anno in cui espone le sue recenti opere alla Galerie Dina Vierny di Parigi e nel contempo prende parte a varie esposizioni di gruppo ospitate in Inghilterra e Giappone. Nel 1952 avviene il primo contatto con la Galerie Bing, che permetterà a Poliakoff di dedicarsi interamente alla propria pittura. Visita la mostra “L’Art du XX siede“, organizzata dal Museé d’Art Moderne di Parigi, dove rimane impressionato dall’opera di Kasimir Malevic Carré blanc sur fond blanc, ripensando alla quale più tardi affermerà: “Il m’a démontré une fois de plus le role capital de la vibration de la matière. Memes s’il n’y pas de couleur, un tableau où la matière vibre, reste vivant”. Nello stesso anno Serge Poliakoff realizza la sua prima esposizione personale a New York, presso la Circle and Square Gallery.

Nel 1953 tiene una grande esposizione personale in Belgio: aH’A.PI.A.W. di Liegi e al Palais des Beaux-Arts di Bruxelles, presentando quarantacinque pitture e sei gouaches. Tra il 1954 e il 1955 è impegnato in parecchie esposizioni in Francia e all’estero. Nel 1956 riceve il Premio Lissone, mentre nel 1957 esegue la scenografia per il balletto “Contrépoint“, per le musiche di Marius Constant e con le coreografie di Roland Petit. Tra il 1958 e il 1962 espone in numerose mostre personali tenute in vari musei in Svizzera e nei paesi scandinavi. E così in Germania, in Inghilterra e a Pittsburgh. Si ricordano le partecipazioni a Documenta II, alla III International Exhibition of Contemporary Painting, al Carnegie Institute di Pittsburgh, a “50 ans d’Art Moderne”, tenuta a Bruxelles. Ottiene la cittadinanza francese.

Lorenzelli Arte, Serge Poliakoff - 27. Assiette. pièce unique. 1959, ceramica, diametro cm 34,5

Lorenzelli Arte, Serge Poliakoff – 27. Assiette. pièce unique. 1959, ceramica, diametro cm 34,5

Nel dicembre 1960 Serge Poliakoff è tra i trentacinque artisti invitati ad esporre alla grande collettiva “Ecole de Paris“, organizzata dalla Galleria Lorenzelli a Milano.

Nel 1962 è invitato ad esporre con una sala personale alla XXXI Biennale di Venezia, mentre nel 1965 riceve il Premio Internazionale della Biennale di Tokio e nel 1966 il grande Premio della Biennale di Menton. Lo stesso anno tiene un’importante retrospettiva al Musée di St. Gallen in Svizzera.

Nel 1968 viene organizzata una retrospettiva alla Maison de la Culture de Caen. mentre l’anno successivo altre retrospettive vengono ospitate nei musei di Despiau-Wlerick e Mont-de-Marsan. Muore a Parigi il 12 ottobre 1969.

Dopo la scomparsa dell’artista, diverse mostre sono state organizzate presso le gallerie Lorenzelli di Milano e Bergamo. La personale del dicembre 1970 e la collettiva: “Otto Pittori Russi” del maggio 1971, si sono tenute alla Galleria Lorenzelli di Bergamo.

L”‘Omaggio a Serge Poliakoff” del gennaio 1978, e la personale dei “Dipinti 1952/1968” del novembre 1983, si sono tenute presso la Galleria Lorenzelli, poi Lorenzelli Arte, di Milano.

Lorenzelli Arte, Serge Poliakoff - 6. Composition abstraite, 1960, gouache sur papier, cm 47x63

Lorenzelli Arte, Serge Poliakoff – 6. Composition abstraite, 1960, gouache sur papier, cm 47×63

Elenco esposizioni personali di Serge Poliakoff dal 1965 al 2009

2009

Serge Poliakoff. Lorenzelli Arte, Milano

Serge Poliakoff. Musée Maillol, Fondation Dina Vierny, Paris

2008

Serge Poliakoff – Neuerwerbungen auf Papier. Galerie Art 204, Dusseldorf

2007

Serge Poliakoff. Galerie Proarta, Zùrich

Serge Poliakoff. Kunsthalle der Hypo-Kulturstiftung, Mùnchen

Serge Poliakoff – Retrospektive, Kunsthalle in Emden, Emden

2006

Serge Poliakoff. Samuelis Baumgarte Galerie, Bielefeld

Serge Poliakoff. Lorenzelli Arte, Milano

2005

Serge Poliakoff. Galerie Art 204, Dusseldorf

Serge Poliakoff – Originai und Grafik. Galerie Art 204, Dusseldorf

2004

Serge Poliakoff- La saison des gouaches, Musée Maillol – Fondation Dina Vierny Paris

Poliakoff, rétrospective de l’oeuvre peint, Anciennes Ecuries, Trélazé

Serge Poliakoff auf sylt. Galerie Peerlings, Kampen-Sylt

2003

Serge Poliakoff (Moskau 1900 – 1969 Paris). Galerie Dòbele GmbH, Dresden

Serge Poliakoff- Retrospectiva 1935-1969, Palacio de Sastago, ZaragozaSe

Serge Poliakoff. Fundacion Bilbao Bizkaia Kutxa, Bilbao

Poliakoff, rétrospective des estampes, Musée des Beaux-Arts Denys-Puech, Rodez

Serge Poliakoff, Galerie Dòbele, Dresde

Poliakoff, Musée de Tessè et Collegiale Saint-Pierre la Cour, Le Mans

2002

Serge Poliakoff. Musée des Beaux-Arts et d’Archélogie J. Déchelette, Roanne

Serge Poliakoff. Musée de L’Hospice St-Roch, Issoudun

Serge Poliakoff, Musée des Beaux-Arts, Dunkerque

2001

Serge Poliakoff, Musée des Beaux-Arts, Carcassonne

Serge Poliakoff. Association Campredon Art et Culture, L’Isle-sur-la-Sorgue

2000

Serge Poliakoff. Galerie Proarta, Zùrich

Serge Poliakoff, Tissus-Fabrics, Galerie Pixi, Paris

Serge Poliakoff. Galerie Schwarzer, Dusseldorf

Serge Poliakoff. Galerie Pixi (FIAC), Paris

Serge Poliakoff, Galerie Francaise, Mùnchen

1998

Poliakoff, Galerie Am Lindenplatz, Schaan

Serge Poliakoff, Galerie Wolf, Steinbach-am-Attersee

Serge Poliakoff. Galerie Pixi, Paris

Serge Poliakoff. Galerie Ludorff, Dusseldorf

Serge Poliakoff. Kùnstlerhaus, Wien

1997

Serge Poliakoff. Eine Retrospektive – Museum Wùrth, Kùnzelsau

Serge Poliakoff. Museum Wùrth, Kùnzelsau

Poliakoff – Pincemin. Galerie Jacques Elbaz, Paris

Les Diptyques, Galeie Pixi, Paris

1996

Serge Poliakoff. Galerie Schmitt-Zulauf, Freinsheim

Serge Poliakoff. Galerie Im Erker, St-Gallen

1995

Serge Poliakoff, Musée Maillol, Fondation Dina Vierney, Paris

Serge Poliakoff. Galerie Francaise, Mùnchen

Serge Poliakoff. Galleri Haaken, Olso

1994

Serge Poliakoff Intime, Galerie Pixi, Paris

1993

Serge Poliakoff. Galerie Régis Dorval, Le Touquet

1992

Serge Poliakoff, Galerie Estiarte, Madrid

1991

Serge Poliakoff, Galerie Melki, Paris

1990

Serge Poliakoff, Galerie Artcurial, Mùnchen

Serge Poliakoff, Galerie Im Erker, St-Gallen

1989

Serge Poliakoff, Galerie Scheffel GmbH, Bad Homburg

Serge Poliakoff, Galerie Proarta, Zùrich

Serge Poliakoff, Galerie Navarro (ARCO), Madrid

1988

Poliakoff, Galerie Enrico Navarra, Paris

Serge Poliakoff, Tsukashin Hall, Amagasaki

Serge Poliakoff, The Seibu Museum of Art, Tokyo

Serge Poliakoff. Galerie Régis Dorval, Le Touquet

1987

Serge Poliakoff. Fondation Pierre Gianadda, Martigny

1986

Serge Poliakoff, Galerie Dina Vierny (FIAC), Paris

Serge Poliakoff. Association Campredon Art et Culture, L’Isle-sur-la-Sorgue

Serge Poliakoff, Galerie Fanny Guyon-Lafaille, Paris

1985

Serge Poliakoff, Stàdtische Galerie am Markt, Schwàbisch Hall

Serge Poliakoff, Gallery Gio Sanjyo, Kyoto

Serge Poliakoff. Galerie Gravure Actuelle, Paris

1984

Serge Poliakoff. Christian Fayt Art Gallery, Knokke-Heist

Serge Poliakoff, Bilder Gouaches, Galerie Im Erker, St-Gallen

Serge Poliakoff lithographies, Galerie Les Flandres, Lille

Serge Poliakoff, Galerie Régis Dorval, Lille

1983

Serge Poliakoff: dipinti 1952-1968, Lorenzelli Arte, Milano

Serge Poliakoff, Ti-Kan, Locronan

Serge Poliakoff, Galerie Salis, Salzburg

Serge Poliakoff. Galerie Tendances, Paris

1982

Serge Poliakoff. Art Point Gallery, Tokyo

Serge Poliakoff. Galerie A., Mùnchen

1981

Serge Poliakoff. Galerie Louis Carré & Cie, Paris

Serge Poliakoff, Lefebre Gallery, New York

Serge Poliakoff, Galerie Ponce, Mexico

1980

Serge Poliakoff. Musée Ingres, Montauban

1979

Serge Poliakoff. Galerie Lwe Verger, Le Touquet

Serge Poliakoff. Maison des Arts et Loisirs, Sochaux

1978

Omaggio a Serge Poliakoff. Galleria Lorenzelli, Milano

Serge Poliakoff, Galerie Im Erker, St-Gallen

Serge Poliakoff. Musée Municipal, Vallauris

Serge Poliakoff, Fuji Television Gallery, Osaka

Serge Poliakoff, Fuji Television Gallery, Tokyo

Serge Poliakoff. Galerie Wentzel. Hambourg

Serge Poliakoff, Galerie Im Taxispalais, Innsbruck

Serge Poliakoff, Neue Galerie am Laudesmuseum, Graz

1977

Serge Poliakoff, Wolfgang Gurlitt-Museum, Neue Galerie der Stadt Linz, Linz

Serge Poliakoff, Galerie Melki (FIAC), Paris

Serge Poliakoff, Galerie Ulysses, Wien

Serge Poliakoff, Galerie Charles Kriwin, Bruxelles

Serge Poliakoff – gouaches 1944/1969, Galerie de France, Paris

1976

Serge Poliakoff, Galerie Riis, Tronheim

Poliakoff. Konsthall, Lund

Poliakoff, Henie-Onstad Kunstsenter, Hovikodden

1975

Rétrospective Poliakoff, Palais des Beaux-Arts, Charleroi

Serge Poliakoff, Kasseler Kunstverein, Kassel

Poliakoff, Galerie Melki, Basel

Poliakoff, Galerie Melki, Paris

Serge Poliakoff, Musée des Beaux-Arts, La Chaux-de-Fonds

1974

Rétrospective, Fabre Museum, Montpellier

Serge Poliakoff. Galerie Cavalero, Cannes

Serge Poliakoff, Jiyugaoka, Tokyo

1973

Serge Poliakoff, Galerie ABCD, Paris

Serge Poliakoff, Galleria Editalia, Roma

Serge Poliakoff, Galerie La Hune, Paris

Serge Poliakoff, Galerie Im Erker, St-Gallen

Serge Poliakoff, Galerie de France, Paris

Serge Poliakoff, Galerie Aronowitsch, Stockholm

Serge Poliakoff, L’Enseigne du Cerceau, Paris

Poliakoff, Galerie Alvarez, Porto

Serge Poliakoff, Galerie Veranneman, Bruxelles

1972

Serge Poliakoff, Crédit Frangais, Paris

Poliakoff, Galeria S. Mamède, Lisboa

Serge Poliakoff, Galerie Govaerts, Bruxelles

Serge Poliakoff, Galleria Dinasta, Lisboa

Serge Poliakoff, Galerie Mélisa, Lausanne

Serge Poliakoff, Galerie du Fleuve, Bordeaux

Serge Poliakoff. Centro Rizzoli, Milano, Milano

Serge Poliakoff, Galerie La Hune, Paris

Serge Poliakoff, Galerie Jacob, Paris

Serge Poliakoff. Galerie des Arts, Helsinki

Serge Poliakoff, Musée d’Art Moderne, Tampere

Serge Poliakoff, Lillehammer Bys Malerisamlung, Lillehmmer

Serge Poliakoff, Trondhjems Kunstforening, Trondheim

Serge Poliakoff, Kunstnernes Hus, Oslo

Serge Poliakoff, Musée des Beaux-Arts, Kobenhavn

1971

Serge Poliakoff. Musée de Tel-Aviv, Tel-Aviv

Homagge à Poliakoff, Galerie Calatchi, Paris

Serge Poliakoff, Galerie Artek, Helsinki

Serge Poliakoff, Musée d’Unterlinden, Colmar

Serge Poliakoff, Maison de la Culture André Malraux, Reims

Serge Poliakoff, Lefebre Gallery, New York

1970

Serge Poliakoff, Galleria Lorenzelli, Bergamo

Serge Poliakoff. Galerie Dina Vierny, Paris

Serge Poliakoff, Musée National d’Art Moderne, Paris

1969

Retrospective, Musée Despiau-Wlérick Museum, Mont-de-Marsan

Serge Poliakoff, Galerie Régence, Bruxelles

Serge Poliakoff, Galleria del Naviglio, Venezia

Serge Poliakoff, Galerie Cavalero, Cannes

1968

Retrospective, Théatre et Maison de la Culture, Caen

Serge Poliakoff, Galerie Xxe Siede, Paris

Serge Poliakoff. Lefebre Gallery, New York

Serge Poliakoff, Galerie Cavalero, Cannes

1967

Serge Poliakoff, Galerie Cavalero, Cannes

Serge Poliakoff, Galerie Carrefour, Bruxelles

1966

Retrospective, Saint-Gali Museum, Saint Gali

Serge Poliakoff. Galerie Argos, Nantes

Serge Poliakoff, Galerie Stangl, Mùnchen

Serge Poliakoff, Kunstmuseum, St-Gallen

Serge Poliakoff. Galerie Cavalero, Cannes

Serge Poliakoff, Galleria del Naviglio, Milano

Serge Poliakoff, Galerie at Home, Toulouse

Serge Poliakoff. Redfern Gallery, London

Serge Poliakoff. Galerie d’Art Moderne, Basel

1965

Serge Poliakoff, La Hune, Paris

Serge Poliakoff, Galerie Flaviana, Locamo

Serge Poliakoff, Galerie Hebert, Grenoble

Serge Poliakoff. Galerie Ràber, Lucerne

Serge Poliakoff, Galerie Dina Vierny, Paris

Poliakoff, Galerie Im Erker, St-Gallen

Serge Poliakoff, Moos Gallery, Toronto

1964

Serge Poliakoff, Lefebre Gallery, New York

Serge Poliakoff, Galerie de France, Paris

Serge Poliakoff. Galerei d’Eendt, Amsterdam

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia galleria Lorenzelli Arte moderna e contemporanea di Milano – e in modo particolare Matteo Lorenzelli – per la documentazione e il testo messi a disposizione sulla mostra del 2009 dedicata a Serge Poliakoff. 

Milano Arte Expo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *