Permanente MILANO: Dürer L’opera incisa dalla collezione di Novara in mostra al Museo della Permanente

Museo della Permanente DÜRER L’OPERA INCISA DALLA COLLEZIONE DI NOVARA - Albrecht Durer, Adamo ed Eva, 1504, bulino, mm 249 x 191

Museo della Permanente DÜRER L’OPERA INCISA DALLA COLLEZIONE DI NOVARA – Albrecht Durer, Adamo ed Eva, 1504, bulino, mm 249 x 191

Museo della Permanente DÜRER. L’OPERA INCISA DALLA COLLEZIONE DI NOVARA. Fino all’8 settembre 2013 alla Permanente di Milano (MAPPA) in mostra centosettanta incisioni di Albrecht Dürer (Norimberga, 21 maggio 1471 – Norimberga, 6 aprile 1528) di proprietà del comune di Novara. Alla Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente si può ammirare l’intera magnifica collezione di stampe di Dürer che furono donate a Novara nel 1833 da Venanzio e Gaudenzio De Pagave, come parte di un ampio lascito che annoverava quadri, disegni, libri, beni mobili e immobili. Conservato per un lungo periodo presso la Biblioteca Civica di Novara nata l’anno 1852, il nucleo di incisioni entrò quindi a far parte delle collezioni dei Musei Civici della città.  > 

La Permanente a Milano, una delle sedi dell’arte di più lunga tradizione, è senza dubbio una validissima cornice per la mostra Dürer L’opera incisa dalla collezione di Novara, di alto valore culturale e che ha l’obiettivo di coinvolgere un pubblico molto vasto, a partire dal contesto milanese per allargarsi al turismo in arrivo e di passaggio a Milano.

Albrecht Durer, La Malinconia (Melencolia I), 1514, bulino, 240 x 185 mm

Albrecht Durer, La Malinconia (Melencolia I), 1514, bulino, 240 x 185 mm

L’esposizione è progettata seguendo una linea di continuità con le numerose rassegne e attività dedicate dalla Permanente all’arte incisoria fin dall’inizio del Novecento. Nel 1915, infatti, si svolse la Mostra dell’Incisione Italiana, la prima rivolta esclusivamente alle tecniche grafiche, che erano già presenti alle esposizioni annuali e biennali nelle sezioni di “Bianco e nero”.

L’attenzione alla tecnica dell’incisione è proseguita nella seconda metà del Novecento con numerose mostre, da L’Acquaforte Italiana dell’800 del 1955 al ciclo delle Triennali dell’Incisione inaugurato nel 1969 e proseguito sino ad anni recenti.  Per l’occasione Michele Tavola ha scritto un testo dal titolo Dürer incisore.

Albrecht Durer, Il figliol prodigo, c. 1496, bulino, 245 x 190 mm

Albrecht Durer, Il figliol prodigo, c. 1496, bulino, 245 x 190 mm

Nell’ambito della mostra delle incisioni di Dürer,  sabato 7 settembre 2013 dalle ore 17 alle ore 19 Michele Cannaò ha organizzato Omaggio a Dürer, un incontro studio con Elvieri, Martini e Togo sulle tecniche incisorie con la preparazione di lastre ed esecuzione stampa.

Albrecht Durer, Il Cavaliere, la Morte e il Diavolo, 1513, bulino, 246 x 188 mm

Albrecht Durer, Il Cavaliere, la Morte e il Diavolo, 1513, bulino, 246 x 188 mm

Mostre, eventi ed expo a Milano:

Museo della Permanente Milano

DÜRER. L’OPERA INCISA DALLA COLLEZIONE DI NOVARA

Periodo della mostra: 4 luglio – 8 settembre 2013

Inaugurazione 3 luglio 2013

Orari della mostra – apertura al pubblico: da martedì a domenica 10-13/14,30-18,30; chiuso tutti i lunedì e il 15 e il 16 agosto

Ingresso libero – informazioni tel. + 39 02 6599803

Ufficio Stampa Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente, Via Filippo Turati, 34, 20121 Milano –  http://www.lapermanente.it/ – Francesca D’Avola e Cristina Moretti | 02 6551445 – ufficiostampa@lapermanente-milano.it

Museo della Permanente DÜRER L’OPERA INCISA DALLA COLLEZIONE DI NOVARA - Albrecht Durer, Sansone uccide il leone, c. 1496, silografia, mm 386 x 281

Museo della Permanente DÜRER L’OPERA INCISA DALLA COLLEZIONE DI NOVARA – Albrecht Durer, Sansone uccide il leone, c. 1496, silografia, mm 386 x 281

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com-  ringrazia l’Ufficio Stampa Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente di Milano per le notizie e le fotografie delle incisioni di Albrecht Dürer relative alla mostra Dürer, L’opera incisa dalla collezione di Novara.

Milano Expo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *