Mostre Milano 2013: Galleria Blu, Traditori del segno – Vincenzo Agnetti, Gianfranco Baruchello, Claudio Costa, Vincenzo Ferrari, Ray Johnson

Gianfranco Baruchello, Teorico-pratica linguaggio e comportamenti, 1977, tecnica mista su  alluminio, cm 50x50

Galleria Blu – Gianfranco Baruchello, Teorico-pratica linguaggio e comportamenti, 1977, tecnica mista su alluminio, cm 50×50

Mostre Milano 2013 – alla Galleria Blu (MAPPA) la mostra Traditori del segno con Vincenzo Agnetti, Gianfranco Baruchello, Claudio Costa, Vincenzo Ferrari, Ray Johnson. Inaugurata lunedì 10 giugno 2013. Aperta al pubblico fino al 20 luglio 2013. La Galleria Blu continua la ricerca sulla scena artistica degli anni sessanta e settanta, esponendo alcuni autori sui quali rinnovare uno sguardo critico capace di andare in profondità e oltre alle mode correnti. In mostra una selezione di opere di artisti che lavorano particolarmente sul linguaggio compiendo una serie di operazioni di tradimento della funzione comunicativa della parola: Vincenzo Agnetti, Gianfranco Baruchello, Claudio Costa, Vincenzo Ferrari e Ray Johnson. Non più chiarezza dunque – come ci si aspetta da un sistema linguistico appositamente creato dagli uomini per evolvere o semplicemente per intendersi – ma dubbio, interrogativo e apertura.  > 

Galleria Blu, Claudio Costa, Analisi su un oggetto del museo di Monteghirfo, 1976, Foto, calchi in cera, terracotta, argilla su legno , cm 55x140

Galleria Blu, Claudio Costa, Analisi su un oggetto del museo di Monteghirfo, 1976, Foto, calchi in cera, terracotta, argilla su legno , cm 55×140

Se Vincenzo Agnetti prende di mira l’oggetto quadro portandolo fuori dalle sue tradizionali possibilità espressive, Baruchello e Ferrari presentano campionari di segni che simulano una scrittura significante: tasselli di colore, false didascalie, segnali e figure disposti in modo lineare. Costa costruisce piccole teche di reperti antropologici, anch’essi significanti solo in parte, in un ambito di impressioni intuitive sul passare delle ere, delle vicende umane e delle abitudini.

Infine, il lavoro dell’americano Ray Johnson, fondatore della mail art, porta ad un ulteriore “tradimento”, in questo caso del sistema di ricezione dell’arte: la mail art è già un fatto artistico, perché sottrae l’oggetto artistico dai suoi luoghi e dai suoi tempi (citando lo stesso Johnson “Mail Art has no history, only a present”).

Così per tutti gli artisti in mostra, il linguaggio e i suoi sistemi di trasmissione, diventano parenti del gioco, un gioco serio, che ci allontana dalla tentazione di giustificare, interpretare o comprendere i segni in modo convenzionale. – Lorena Giuranna

Galleria Blu, Ray Johnson Eighteen Potato Mashers 1972 cm37x37

Galleria Blu, Ray Johnson Eighteen Potato Mashers 1972 cm37x37

Mostre Milano 2013:

Galleria Blu

Traditori del segno

Vincenzo Agnetti, Gianfranco Baruchello, Claudio Costa, Vincenzo Ferrari, Ray Johnson

Milano, Galleria Blu, Via Senato 18
Tel. 02/76022404 e 02/76020028 – galleriablu@fastwebnet.it – www.galleriablu.com

11 giugno – 19 luglio 2013
da lunedì a venerdì 10-12.30 / 15.30-19.00, sabato 15.30-19.00 (chiuso domenica e festivi)

inaugurazione: lunedì 10 giugno 2013, ore 21

Ufficio Stampa: Luigi Cavadini / uessearte – Via Natta 22 – 22100 Como, tel. (+39) 031.269393 – fax (+39) 031.267265

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia l’Ufficio stampa Uessearte per le notizie e le immagini fotografiche relative alla mostra presso la Galleria Blu Traditori del segno con opere degli artisti Vincenzo Agnetti, Gianfranco Baruchello, Claudio Costa, Vincenzo Ferrari, Ray Johnson.

milano arte expo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *