Giancarlo Ricci L’INDIGNAZIONE NON BASTA: 1 – Ritrovare l’ago nel pagliaio

Giancarlo Ricci, Il padre dov'era - Le omosessualità nella psicanalisi, Sugarco Edizioni, 2013Giancarlo Ricci – L’INDIGNAZIONE NON BASTA. Giancarlo Ricci, psicanalista e saggista – in collaborazione con Milano Arte Expo – propone con questi interventi di raccontare attraverso le parole dell’attualità la punta di un’indignazione e di una scommessa. Le stesse che lo hanno spinto a scrivere recentemente il libro IL PADRE DOV’ERA. Le omosessualità nella psicanalisi (Sugarco – acquista scontato on line LINK) in cui esplora, come psicanalista, le forme attuali del disagio della civiltà.

1. Ritrovare l’ago nel pagliaio
E’ stato il vento dell’indignazione, teso e costante, a tenere gonfie le vele dell’impresa che questo libro tenta di compiere. L’indignazione è una grande risorsa. Fa pensare molto. Spinge a scrutare i più sottili legami tra cose disparate. Così, quando nel mio lavoro di psicanalista è capitato che incominciassi ad ascoltare diversi pazienti con tematiche relative all’omosessualità o all’identità di genere, qualcosa non mi tornava. Le parole di questi pazienti, così complesse, sofferenti, dense di alterità, non corrispondevano a quell’immagine gaia e spensierata, che i media, nei dibattiti e nei servizi televisivi tessono intorno all’omosessualismo. >>

Uso questa parola, omosessualimo, per designare quella specie di brodo primordiale con cui l’omosessualità viene sbandierata oggi come la punta dei diritti umani, come  l’emblema del modernismo, come la lotta per affermare che un desiderio individuale venga riconosciuto dallo Stato come un diritto. Il tutto in nome dell’uguaglianza naturalmente. Le questioni in realtà sono ben più complesse, mi sembra abbiano una densità simbolica più cogente perché radicalmente chiamano in causa lo statuto dell’umano e il suo contesto antropologico.

In questa discrepanza tra ciò che ascolto nelle sedute e ciò che vuole affermarsi come pensiero dominante nella società, trovo un punto insopportabile. Che non è la differenza di opinione, ossia che qualcuno o altri la pensino differentemente. Ben venga la differenza! (se c’è pensiero). L’alterità è sempre feconda.

E’ altro a risultare insopportabile. Per dirlo uso la metafora dell’ago nel pagliaio che bene illustra un aspetto del funzionamento dei media oggi. Come operare, si chiedono i media, per fare in modo che l’ago, la sua luminosa evidenza, la sua pungente verità, la sua scintillante prova d’esistenza, si perda e si svilisca? Semplice: basta  metterlo nel pagliaio. E poi rovistare e rigirare. Lavorare in cucina per poi servire in sala: in nome dell’informazione, della libertà di opinione e di pensiero devono discutere e dibattere, confrontare e paragonare. Studiare gli indici (di gradimento), le statistiche, i flussi  delle preferenze. Se il pubblico è interessato, rovistare ancora e con rinnovato vigore.

Giancarlo Ricci, Il padre dov'eraL’esito è fatale, perchè quasi sempre l’ago sparisce nel pagliaio. Sparendo l’ago, rimane quello che è stato dibattuto che è sempre controverso, opinabile, interpretabile, indistinto. Freud  lo diceva con la metafora della monetina lanciata per aria: croce vinco io, testa perdi tu. Come volevasi dimostrare, insomma: l’ago è sparito. Non si trova più. Eppure c’era, forse. Mi sembrava di averlo visto brillare tra la paglia. No, l’ago non c’è. Ma prima l’ago c’era, viene da protestare. Ma che ve ne fate di un ago, non vi basta la paglia? Non vi basta il nostro racconto di come l’ago è stato avvistato, dibattuto da una parte e dall’altra, e poi sparito? In fondo avete perso solo un ago!

E così nessuno si accorge che l’ago perso era quello della bussola, questo strano oggetto che indica, tra i tanti orizzonti offerti dalla civiltà,  la direzione  verso cui muovere i nostri passi. Se ci troviamo in mare senza la bussola siamo alla deriva. Se ci troviamo in terra senza la bussola si gira in tondo (come nel deserto) e ben presto, gli sprovvisti scoprono con meritato stupore di ritrovarsi allo stesso punto da cui erano partiti.

La seguente frase di Bauman (da Zygmunt Bauman Intervista sull’identità – acquista on line: LINK) quasi è scivolata da sola ponendosi quale primo esergo che utilizzo nel libro Il padre dov’era. L’esergo  introduce il paragrafo “Alcuni luoghi comuni”: “Gli argomenti [proposti dai media] mutano con  tale rapidità che quasi non rimane tempo per cogliere questa verità: hanno tendenza a sparire dalla vista e venire dimenticati prima che si abbia il tempo di scoprirne il bluff”.

Giancarlo Ricci

Milano Arte Expo consiglia, per maggiori informazioni sulle pubblicazioni e le attività di Giancarlo Ricci, il seguente sito: LINK

Contatti: Giancarlo Ricci – Studio: via Ozanam, 8 – 20129 Milano, Cell: 339 6057.061,  riccigian@tiscali.it

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia Giancarlo Ricci, psicanalista, per il testo L’INDIGNAZIONE NON BASTA: 1 – Ritrovare l’ago nel pagliaio.

Giancarlo Ricci

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *