PICASSO E LACAN di Giancarlo Ricci – Milano Arte Expo per la mostra a Palazzo Reale

Pablo Picasso, La Célestine - La Femme à la Taie, mostra Picasso Milano

Pablo Picasso, La Célestine (La Femme à la Taie), Marzo 1904, Olio su tela, cm 74,5 x 58,5, Masterpiece from the Musée National Picasso Paris to be held at Palazzo Reale in Milan from September 2012 to January 2013, © Succession Picasso by SIAE 2012

PABLO PICASSO e Jacques Lacan di Giancarlo Ricci  MAE Milano Arte Expo  pubblica una serie di testi dello psicanalista Giancarlo Ricci in occasione della grande mostra di Picasso a Palazzo Reale di Milano (Capolavori dal Museo Nazionale Picasso di Parigi: per prenotazioni, biglietti, visite guidate e proposte per le scuole cliccate il LINK  : è disponibile anche una App monografica dedicata a Picasso), che prosegue fino al 6 gennaio 2013.

Giancarlo Ricci – PICASSO E LACAN.
Il delitto è orribile. Il 2 febbraio 1933 nella cittadina francese di Le Mans due giovani sorelle, impiegate come domestiche, nel cuore della notte uccidono le loro padrone, madre e figlia. Si accaniscono sui loro corpi con coltelli e martelli deturpandole e cavandole gli occhi “come le Baccanti castravano”, commenterà poi Jacques Lacan. Lavano gli strumenti dell’atroce rito, si purificano anche loro e tornano a letto. Il delitto fece scalpore anche perché le due sorelle non presentavano, finché erano assieme, alcun segno di alterazione, di delirio o di demenza. Non sapevano spiegare il motivo del loro gesto. Solo dopo alcuni mesi una di loro, Christine, tenuta isolata dalla sorella, presenta una serie di crisi violentissime di agitazione, con allucinazioni e deliri terrificanti in cui tra l’altro cerca di strapparsi gli occhi. Il processo desta un’immensa curiosità. Il 30 settembre, le sorelle vengono condannate dai giurati. Christine udendo che le verrà tagliata la testa sulla piazza di Le Mans, accoglie la notizia in ginocchio. Successivamente verranno graziate. >>

In quello stesso anno e nei successivi i surrealisti fecero delle sorelle omicide due eroine “dell’istinto libero e trionfante”. Tra gli altri parlano di loro Breton, Eluard, Peret. Sartre in Il muro (1939) e de Beauvoir in La forza dell’età (1960) accennano alla vicenda. Non può mancare Jean Genet che teatralizza questa atroce storia in un atto unico, Le cameriere (1948). Il cinema riprenderà a suo modo questa vicenda. Anche Lacan interviene  ma in un modo diverso dagli altri pubblicando un breve saggio scientifico sulla celebre rivista surrealista “Minotaure”. Il saggio, dal titolo “Motivi del delitto paranoico”, lo si trova incluso nel volume Della psicosi paranoica (Einaudi, 1980) che era la sua tesi di dottorato in psichiatria in cui esplora alcuni casi di paranoia femminile.

PicassoIl gallerista Kahnweiler riporta, in una conversazione con Picasso verso la fine del ’33, che questi “ha visto il dott. Lacan con il quale non è affatto d’accordo: egli sostiene che le sorelle Papin sono pazze”. Picasso sconsolato da questa divergenza con Lacan rincara la dose dicendo che lui invece “ammirava le sorelle Papin in quanto avevano osato fare ciò che ciascuno vorrebbe fare, ma che nessuno osa fare”. E si chiede: “Che cosa sarebbe la tragedia se togliamo questo aspetto?” Kahnweiler gli fa notare che i giudici le avevano considerate pazze. E Picasso: “Oh, i giudici hanno una cultura classica!”. E Kahnweiler ridendo: “Sì, il diritto romano!”. “Gli psichiatri moderni – replica Picasso – sono i nemici della tragedia e della santità. Dire che le sorelle Papin sono pazze, è come abolire questa cosa ammirabile, il peccato”.

Curioso turbinio di parole e di temi alquanto densi. Di sicuro oggi le affermazioni di Picasso desterebbero scandalo e censura. Non è difficile ammetterlo: c’è della follia nel regno del surrealismo e Picasso vi ha soggiornato a lungo. Curioso inoltre che questo sottile filo della follia, che si intreccia con quello della tragedia, della trasgressione, della santità, del diritto e del peccato, ritorni dodici anni dopo, nel ’45, quando Picasso, preoccupato degli incontenibili deliri di Dora Maar, sua inseparabile amante, chiederà a Lacan di occuparsene facendola ricoverare all’ospedale psichiatrico di Sant’Anna.

Jacques Lacan, Massimo RecalcatiPer Picasso sempre faccende di donne, per Lacan sempre questione di teoria e di inconscio. Il discorso qui diventa enorme: si potrebbe accostare la pratica dell’arte e della sublimazione con il tema della soggettività e del godimento. Addentrarsi in queste faccende non è facile.

Ci si può provare attraversando il corposo volume di Massimo Recalcati dedicato a Jacques Lacan (Raffaello Cortina 2012) il cui sottotitolo, “Desiderio, godimento e soggettivazione”, apre un orizzonte in cui l’istanza dell’arte e quella della follia possono seriamente fare i conti.

Probabilmente i due giganti, Picasso e Lacan, sapevano entrambi che i conti non tornano e che questa constatazione andava presa alquanto seriamente. Cosa, del resto, a cui entrambi si sono seriamente adeguati nel loro immane lavoro.

Giancarlo Ricci

Milano Arte Expo consiglia, per maggiori informazioni sulle pubblicazioni e le attività di Giancarlo Ricci, il seguente sito: LINK

Contatti: Giancarlo Ricci – Studio: via Ozanam, 8 – 20129 Milano, Cell: 339 6057.061,  riccigian@tiscali.it

Picasso Milano Palazzo Reale - Recalcati

JACQUES LACAN
DESIDERIO, GODIMENTO E SOGGETTIVAZIONE

RECALCATI M.

Raffaello Cortina Editore, 2012

ISBN: 9788860304988
Pagine: 640

Prezzo scontato: 33,15 € (Sconto 15%)
Prezzo copertina: 39,00 €

Al seguente LINK del sito di Raffaello Cortina Editore l’acquisto on line del volume di Massimo Recalcati.

PICASSO Milano

Capolavori dal Museo Nazionale Picasso di Parigi

Palazzo Reale di Milano

dal 20 settembre 2012, fino al 6 gennaio 2013

PICASSO

Orari mostra Picasso:

lunedì, martedì e mercoledì: 8.30-19.30; giovedì, venerdì, sabato e domenica: 9.30-23.30 – Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura

Biglietti mostra Picasso a Palazzo Reale – on line a ticket.it

€ 9,00 intero

€ 7,50 ridotto

€ 4,50 ridotto speciale

Gruppi

€ 9,00 gruppi di adulti nei giorni sabato, domenica e festivi

€ 7,50 gruppi di adulti nei giorni feriali

€ 4,50 gruppi di studenti delle scolaresche di ogni ordine e grado

Le richieste vanno inviate a:

Ufficio Gruppi Grandi Mostre

Tel. 02-542727

Fax 02-54101046

e-mail: ufficiogruppi@ticket.it

Prevendita Picasso a Milano

€ 2.00 singoli e gruppi

€ 1.00 scuole

Circuiti prevendita Picasso Milano Palazzo Reale 2012

http://www.ticket.it

http://www.ticketone.it

Visite guidate

Radio cuffia obbligatoria e inclusa nel prezzo

€117,00 visita guidata gruppi

€ 83,00 visita guidata scuole

€ 137,00 visita guidata in inglese/francese

€ 103,00 visita guidata scuole in inglese/francese

Sistema di microfonaggio obbligatorio per gruppi con guida propria:

€ 30,00 gruppi di adulti

€ 15,00 scolaresche

Per informazioni e prenotazioni relativi alla mostra di Picasso a Palazzo Reale di Milano

Ad Artem

02/6597728

info@adartem.it

Audioguida mostra di PICASSO a Milano – Palazzo Reale individuale

€ 5,00 adulti

€ 4,00 bambini

mostra di Picasso Milano Palazzo Reale

Contatti ufficio stampa per la mostra PICASSO a Palazzo Reale di Milano:
Comune di Milano
Elena Conenna
elenamaria.conenna@comune.milano.it
T 02 884 53314

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia Giancarlo Ricci, psicanalista, per il testo PABLO PICASSO e Jacques Lacan  ed Elena Conenna – dell’Ufficio Stampa del Comune di Milano – per le immagini delle opere di Pablo Picasso alla mostra di Palazzo Reale di Milano.

mostra PABLO Picasso a Palazzo Reale Milano

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.246 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: