Cinema documentario: Massimo D’Anolfi e Martina Parenti – di Alessandra Montesanto

IL CASTELLO di Massimo D'Anolfi e Martina Parenti - un fotogramma del film

IL CASTELLO di Massimo D’Anolfi e Martina Parenti – un fotogramma del film

Cinema documentario: Massimo D’Anolfi e Martina Parenti – di Alessandra Montesanto per MAE Milano Arte Expo.  Dal 7 al 10 novembre 2012 la città di Varese ha ospitato la prima edizione del festival Documentamy, nato dall’iniziativa dell’associazione FilmStudio90, con il contributo di Fondazione Cariplo. Il festival si è avvalso dello sguardo, sensibile e attento, di giovani autori – massimo 35 anni – che hanno presentato al pubblico i loro documentari corti. Massimo D’Anolfi e Martina Parenti sono stati chiamati a comporre la giuria del festival. >>

Com’è stata questa esperienza?

Abbiamo visionato una dozzina di lavori ed è stato molto interessante vedere una varietà di generi (intimistico, artistico, di inchiesta). E’ stato premiato il documentario intitolato E’ troppo vicino per mettere a fuoco, una storia personale, di una ragazza che, attraverso alcune fotografie, riflette sulle propria vita, intrecciata a due guerre, quella nei Balcani e quella in Iraq.

E’ anche vero, però, che, negli ultimi anni, c’è stato un incremento nella produzione dei documentari che spesso non coincide con la qualità.

Durante la rassegna è stato presentato anche il vostro lavoro, Il castello, in cui si racconta un anno trascorso all’interno dell’aeroporto di Malpensa…

Massimo D'Anolfi e Martina Parenti, dal film Il castello

Massimo D’Anolfi e Martina Parenti, dal film Il castello

E’ stato girato, appunto, nell’arco di un anno e racconta la vita di un aeroporto attraverso quattro stagioni. Abbiamo voluto riprendere uno spazio nel tempo e far emergere storie e situazioni per raccontare l’umanità. L’elemento di frattura, ad esempio, o di rottura del “castello” è rappresentato da una signora che si appropria dello spazio e lo fa diventare “casa”; ma lo è anche, in un certo senso, il ragazzo nigeriano che vuole tornare nel proprio Paese…Se scegli di raccontare il Presente e una realtà complessa e questo racconto si allarga, allora lo spettatore attento può scoprire, nel film, vari significati. In particolare, lavorando a questo documentario, abbiamo capito che l’aeroporto è un laboratorio sul tema della sicurezza perchè si mettono in atto delle pratiche di controllo molto capillari: sta poi allo spettatore trarre le conclusioni o fare le riflessioni su questo argomento.

Cosa significa per voi fare cinema documentario?

I documentari sono la forma di cinema più vitale. Il documentario partecipa della realtà. Non racconta la verità, ma è sicuramente una reinterpretazione della realtà, uno sguardo sulla realtà. Inoltre, dal punto di vista creativo, offre una serie di spunti, di suggestioni, di ricerche e di imprevisti che il cinema di finzione offre meno, soprattutto nella pratica del fare. Fare un documentario è un lavoro artigiano, in cui si controllano tutte le fasi di realizzazione e, alla fine, il lavoro lo senti tuo.

C’è un filo conduttore che lega Il Castello alle vostre opere precedenti, I promessi sposi e Grandi Speranze?

Prima di tutto, rubiamo i titoli alla letteratura.

Con “il senno di poi” ci siamo accorti di aver fatto film che hanno a che fare con le istituzioni e con il Potere. I promessi sposi racconta dei corsi prematrimoniali in Chiesa e presso i Comuni italiani. Grandi speranze racconta della futura classe dirigente, di giovani sotto i quarant’anni che, forse, in futuro avranno il potere. E Il castello, in fondo, riprende  queste tematiche. Ma non era nelle nostre intenzioni iniziali. Lavorando a questi documentari abbiamo finito con il parlare di persone comuni, normali che si ritrovano invischiate in meccanismi complessi.

Siete una coppia e lavorate spesso insieme. Come vi dividete i ruoli durante la realizzazione dei film?

Scriviamo insieme il soggetto del film che si sviluppa mentre lo realizziamo. Parliamo molto, ci confrontiamo, ma abbiamo deciso di non scrivere le sceneggiature perchè, anche nella fase di montaggio ad esempio, scopriamo delle cose. E anche al montaggio lavoriamo insieme; durante le riprese, invece, io filmo e Martina prende il suono.

A cosa state lavorando adesso?

E’ un segreto, ma il nuovo documentario uscirà a gennaio.

Alessandra Montesanto

Alessandra Montesanto

Alessandra Montesanto

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia Alessandra Montesanto per l’intervista a  Massimo D’Anolfi e Martina Parenti e consiglia di vedere il film “Il castello” al seguente link: http://vimeo.com/17097674.

Milano Arte Expo

 

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.246 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: