Giancarlo Ricci: PABLO PICASSO, LA CODA DEL DESIDERIO – per Picasso a Palazzo Reale, Milano Arte Expo MOSTRE

Picasso Milano Palazzo Reale, Pablo Picasso, Self-portrait in his studio 1901

Pablo Picasso, Self-portrait in his studio, 1901-02, Gelatin silver print, cm 12 x 9, Masterpiece from the Musée National Picasso Paris to be held at Palazzo Reale in Milan from September 2012 to January 2013 © Succession Picasso by SIAE 2012

Giancarlo Ricci: PABLO PICASSO, LA CODA DEL DESIDERIO – MAE Milano Arte Expo – autore lo psicanalista Giancarlo Ricci – pubblica una serie di testi dedicati alla mostra di Pablo Picasso a Palazzo Reale di Milano (Capolavori dal Museo Nazionale Picasso di Parigi: per biglietti e prenotazioni, visite guidate e programmi didattici consultate il LINK  ), aperta fino al 6 gennaio 2013.

PABLO PICASSO, LA CODA DEL DESIDERIO di Giancarlo Ricci – Picasso si è misurato anche con la letteratura, con la testualità e la poesia. Addirittura secondo Gertrude Stein per due anni, dal ’35 al ’37, egli smette di dipingere per dedicarsi alla scrittura. Secondo altri non è del tutto vero. Racconta l’amico e biografo Sabartés che “per scrivere tutti i posti gli andavano bene: l’angolo di un tavolo, l’orlo di un mobile, il bracciolo di una poltrona, il suo stesso ginocchio. Non appena è solo tira fuori il suo taccuino, e se arriva qualcuno lo nasconde. Si chiude in camera sua o nel bagno per essere sicuro che, almeno là, non sarà disturbato”. >>

In effetti a partire dal 1935 per quasi un decennio Picasso incomincia a scrivere e a pubblicare poesie, versi, commenti a proprie litografie, pensieri poetici. Si ispira alla scrittura surrealista da cui tuttavia come pittore aveva preso le distanze. I suoi amici Apollinaire, Breton, Aragon lo incoraggiano. Picasso, che aveva lavorato con tutti i materiali possibili – i colori, la creta, il ferro, la ceramica, la cera, la pietra – ora si misura anche con la materia della parola. E si accorge che la parola non è una materia come le altre. Emblematica la sua frase: “Io non dico tutto, ma dipingo tutto”.

Pablo Picasso, Il desiderio preso per la codaNel gennaio del 1941, in soli quattro giorni, Picasso scrive una commedia teatrale dal titolo curioso: “Il desiderio preso per la coda”. Il titolo è enigmatico perché, soprattutto in francese, pare vi siano diversi modi di dire intorno al “diavolo preso per la coda” per indicare la prudenza o l’allontanamento da qualcosa di diabolico.

Qui non è in gioco il diavolo ma il desiderio, forza forse troppo indomabile per la tempra di Picasso. Sartre pare avesse preso sul serio il titolo di questa commedia attribuendole il senso secondo cui “il male è soltanto apparenza”. Il testo, di decisa impronta surrealista, con poca punteggiatura, si svolge in sei atti. I personaggi, parodisticamente assurdi, dialogano con battute sferzanti dove la realtà diventa funambolica.

Difficile dire se questo testo teatrale sia significativo. Ma è unico quello che accade la sera del 19 marzo del 1944, a pochi mesi dalla liberazione di Parigi dall’occupazione nazista. A casa dei coniugi Leiris alcuni amici si improvvisano attori e organizzano, secondo le indicazioni di Albert Camus, la lettura di questa commedia.

Ciascuno sceglie la propria parte: Michel Leiris è Piedone; Raymond Queneau è Cipolla; Zanie Aubier è La Torta; Simone de Beauvoir è La Cugica; Sartre è Punta Rotonda; Louise Leiris è I Due Piccoli Cani; Jacques Bost è Il Silenzio; Germaine Hugnet è L’angoscia Grassa; Dora Maar è L’angoscia Magra.

MILANO Picasso Palazzo Reale

Brassaï (1899-1984) Répétition du Désir attrapé par la queue chez Picasso, 16 juin 1944 – Photographie, épreuve aux sels d’argent. 23 x 18 cm, BNF, Estampes et Photographie

Anche Picasso recita. Tra il pubblico c’era Lacan, Sylvia e Georges Bataille, Jean Louis Barrault, Georges Braque, Henry Michaux e altri. Qualche mese più tardi Picasso invita i suoi amici attori a casa sua per ringraziarli. Abbiamo ancora oggi la fotografia scattata da Brassai quel giorno.

Un’intera generazione di artisti, pensatori, scrittori, quella sera era lì, quasi per gioco: il poeta, lo scrittore, il filosofo, il saggista, il fotografo, l’antropologo, lo psicanalista, il pittore, e potremmo proseguire. Sul filo dell’epica, sentimento oggi dismesso, difficilmente riusciamo a immaginare ciò che sarà stata quella serata in cui erano presenti le istanze più innovative e più forti della cultura e dell’arte. Sono istanze che ancora oggi ci interrogano e, per dirla alla Picasso, prendono per le corna la nostra contemporaneità.

Giancarlo Ricci

Picasso Milano mostra Palazzo Reale

 

Milano Arte Expo consiglia la lettura de

ubulibri, Pablo Picasso, Teatro, Il desiderio preso per la coda -Le quattro bambine; Introduzione di Renato Barilli; pp. 128, € 15,00 (ISBN 978-88-77480-38-5) (LINK per l’acquisto on line)

Per informazioni sulle pubblicazioni e il lavoro di Giancarlo Ricci, la visita al seguente sito: LINK

Per contattare Giancarlo Ricci – Studio: via Ozanam, 8 – 20129 Milano, Cell: 339 6057.061,  riccigian@tiscali.it

PICASSO Milano

Capolavori dal Museo Nazionale Picasso di Parigi

Palazzo Reale di Milano

dal 20 settembre 2012, fino al 6 gennaio 2013

PICASSO

Orari mostra Picasso:

lunedì, martedì e mercoledì: 8.30-19.30; giovedì, venerdì, sabato e domenica: 9.30-23.30 – Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura

Biglietti mostra Picasso a Palazzo Reale – on line a ticket.it

€ 9,00 intero

€ 7,50 ridotto

€ 4,50 ridotto speciale

Gruppi

€ 9,00 gruppi di adulti nei giorni sabato, domenica e festivi

€ 7,50 gruppi di adulti nei giorni feriali

€ 4,50 gruppi di studenti delle scolaresche di ogni ordine e grado

Le richieste vanno inviate a:

Ufficio Gruppi Grandi Mostre

Tel. 02-542727

Fax 02-54101046

e-mail: ufficiogruppi@ticket.it

Prevendita Picasso a Milano

€ 2.00 singoli e gruppi

€ 1.00 scuole

Circuiti prevendita Picasso Milano Palazzo Reale 2012

http://www.ticket.it

http://www.ticketone.it

Visite guidate

Radio cuffia obbligatoria e inclusa nel prezzo

€117,00 visita guidata gruppi

€ 83,00 visita guidata scuole

€ 137,00 visita guidata in inglese/francese

€ 103,00 visita guidata scuole in inglese/francese

Sistema di microfonaggio obbligatorio per gruppi con guida propria:

€ 30,00 gruppi di adulti

€ 15,00 scolaresche

Per informazioni e prenotazioni relativi alla mostra di Picasso a Palazzo Reale di Milano

Ad Artem

02/6597728

info@adartem.it

Audioguida mostra di PICASSO a Milano – Palazzo Reale individuale

€ 5,00 adulti

€ 4,00 bambini

Contatti ufficio stampa per la mostra di PICASSO a Palazzo Reale di Milano:
Comune di Milano
Elena Conenna
elenamaria.conenna@comune.milano.it
T 02 884 53314

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia sentitamente Giancarlo Ricci per il testo PABLO PICASSO, LA CODA DEL DESIDERIO nonché Elena Conenna – Ufficio Stampa del Comune di Milano – per le immagini delle opere di Pablo Picasso – Milano, mostra a Palazzo Reale.

mostra PABLO Picasso a Palazzo Reale Milano

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.246 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: