SPAZIO TADINI Milano: Goffredo Radicati di Primeglio in mostra al centro culturale d’arte di via Jommelli 24

Spazio Tadini Milano arte contemporanea, Goffredo Radicati, Silenzio 50×50 2008

Spazio Tadini Milano arte contemporanea, Goffredo Radicati, Silenzio 50×50 2008

SPAZIO TADINI Milano Arte Contemporanea: Goffredo Radicati di Primeglio con la mostra LE METAMORFOSI al centro d’arte di via Jommelli 24 (MAPPA) a Milano – che fu lo studio del pittore e scrittore Emilio Tadini. Goffredo Radicati (n.1950) inaugura mercoledì 7 novembre dalle ore 18.30 insieme ad altre due mostre personali a Spazio Tadini: OLTRE UOMO di Francesca Magro (>leggi) e VIVA L’ITALIA (quando l’arte e il cinema s’incontrano) del pittore Giuseppe Farina – autore delle tele del film Viva L’Italia di Massimiliano Bruno. Jean Blanchaert: Il percorso scelto è tortuoso e sinuoso e se in un musicista contemporaneo si possono ascoltare gli echi di Prokofiev, Stravinsky e Ravel, nei quadri di Radicati si notano certe curve di Salvator Dalì e certe atmosfere di James Ensor. Le battaglie poi mostrano i cavalli grigi e luminosi del Palio di Asti discendenti diretti dei possenti destrieri che Paolo Uccello ha posto al centro della battaglia di San Romano nel 1450.” La mostra di Radicati presso Spazio Tadini di Milano proseguirà fino al 30 novembre 2012. >>

Lea Vergine: “L’utopia non scaturisce certo da stati di tranquillità e soddisfazione. E’ proprio l’assenza di queste condizioni a far da forza motrice…L’esercizio dell’utopia, la pratica dell’operare perché le cose mutino impongono rinuncia, fatica, determinazione, coraggio e forse, alla fine, se ci sarà libertà, l’utopia sarà vedova di piacere.”

Paolo BiscottiniNon ho chiesto a Goffredo Radicati se si riconosca nella riflessione di Lea Vergine, ma sono fermamente convinto che in essa consista molto del suo sforzo artistico. E usando il termine “sforzo” anziché “progetto” o semplicemente “intento”, aggiungo alle parole citate il senso, tutto personale e autobiografico, di un’arte che non si propone altro obiettivo che quella di essere, di esistere in sé, come necessità e in qualche modo urgenza della vita stessa (…)”

Spazio Tadini Milano arte , Goffredo Radicati, L’aquilone, olio su tela 160×120

Spazio Tadini Milano arte , Goffredo Radicati, L’aquilone, olio su tela 160×120

Melina Scalise:  Le opere di Goffredo Radicati rievocano tutta la forza dei capolavori surrealisti dei primi del Novecento. A dominare il suo lavoro artistico troviamo il sogno, la fantasia, la follia e l’allucinazione che contraddistinsero anche la produzione artistica di alcuni importanti pittori surrealisti come Max Ernst e Salvator Dalì. I soggetti di Radicati, però, accentuano la trasfigurazione, le forme raggiungono quasi l’astrazione e, in qualche caso, richiamano una dinamicità che ricorda persino certi pittori futuristi come Balla e Depero.

Siamo di fronte, dunque, ad un’interpretazione del surrealismo che, conserva, anche tracce della pittura più recente, capace di  trasfigurare il mondo fino a quasi liberarsi dalla forma, per diventare segno, colore, rappresentazione del movimento, del cambiamento: metamorfosi.

Vediamo così un aquilone fatto di punte che sembrano becchi di pellicani, mani che si trasformano in creste di gallo, nasi in corni, ombre in corpi, foglie in carne. Scopriamo forme improbabili diventare possibili, ombre rette diventare cure, forme spigolose generare sinuose linee corpose e carnose. Sentiamo il calore del giallo e del rosso mitigarsi all’insinuarsi del verde, il blu e l’azzurro mischiarsi con il bruno e il marrone, il tutto in un susseguirsi incessante di colpi di colore e di forme capaci di stagliarsi in primo piano su fondi viola scuro, quasi nero. Eccolo l’oggetto. Ecco l’elaborato mentale, ecco l’avviluppamento onirico, ecco il pensiero trasfigurato, ecco la musica senza suono, ecco la voce trasformarsi in segno.

Questi soggetti e mondi improbabili sono quasi tutti sospesi, appartenenti, anche solo per questo, al sogno, là dove la gravità rimane un ricordo delle ore diurne, quando la luce richiama la Terra.  Radicati però va con forza e vigore verso il buio, non teme l’ignoto, ci si intrufola curioso come un giullare e si beffa della gravità della vita. I suoi cicli sono una dimostrazione di questa ironia, di questo gioco che si spinge fino all’inconscio senza paura di svelare l’indizio, senza temere giudizio, né pregiudizio.

Troviamo infatti, tra le sue opere lavori dedicati a figure nell’ambito della famiglia, come la nonna e la coppia, a fatti di cronaca, come lo sfratto e la dipendenza dal denaro, a situazioni  ludiche come bevitori e musicisti, a opere più chiaramente oniriche come frammenti, il sonno, mutazioni. Un ruolo principe hanno poi i sentimenti, come l’amore e il dolore, quanto la morte e la vita, verso cui non risparmia riferimenti anche al sacro, con opere dedicate alla croce, dove però prevale l’elemento umano, il bisogno di liberazione dalla sofferenza esistenziale.

Negli ultimi lavori di Radicati i colori sono più brillanti e rispetto alle prime tele, lo sfondo dei suoi soggetti non appartiene più alle tenebre, ma ad un pianeta di orizzonti dove torna ad avere un ruolo, la profondità, il tempo, lo spazio, non vi è la pesantezza e con la sua gravità materiale. L’artista rifugge dall’aderenza al terreno e il suo viaggio pittorico non è più una sequenza infinita di oggetti onirici collezionati come matriosche pronte a svelare l’arcano dell’essere e dell’esistere, ma piuttosto un tuffo nel sogno.

Radicati viaggia lontano, trova orizzonti verdi, gialli e rossi, altrimenti impossibili e, in questi scenari, incontra le sue figure che gli raccontano del mondo e della vita. Lo fanno a modo loro, senza usare gli schemi della lingua, né della figura stereotipata, ma la straordinaria dinamicità che può solo un flusso libero di pensiero. L’artista, attraverso la sua mano e il suo pennello, riesce a riempire ogni centimetro della tela come se fosse un’occupazione abusiva in un mondo che non lascia spazio alla fantasia e alla libertà, sempre più cementificato nel corpo e nello spirito.

Melina Scalise

Spazio Tadini Milano,  Goffredo Radicati, Le coppie, olio su tela 100×100

Spazio Tadini Milano, Goffredo Radicati, Le coppie, olio su tela 100×100

Goffredo Radicati di Primeglio

Goffredo Radicati di Primeglio – vedi sito http://goffredoradicati.wordpress.com/  – nasce a Milano il 24 marzo 1950. Il suo lavoro pittorico inizia nello studio del padre, Giuseppe, anch’egli pittore, mentre frequenta il Politecnico di Milano, dove poi si laurea in architettura. Inizia a lavorare come art director, ma non abbonerà mai la sua passione per la pittura. E’ vicino all’ambito culturale e critico di Franco Russoli e Mario De Micheli. Dal 1993 inizia il suo ingresso nel mondo dell’arte in qualità di professionista con le prime esposizioni in Italia e all’estero. Vive e lavora a Milano.

SPAZIO TADINI Milano Arte Contemporanea

Goffredo Radicati di Primeglio

LE METAMORFOSI

Inaugurazione il 7 novembre alle ore 18.30

Dal 7 al 30 novembre 2012

Spazio Tadini Milano arteSpazio Tadini, via Jommelli, 24 – (MM2 Piola, MM1 Loreto, Bus 62 e81) apertura dalle 15.30 alle 19 da martedì a sabato

http://spaziotadini.wordpress.com/

http://spaziotadiniatmalpensa.wordpress.com/

http://www.spaziotadini.it/

Per ulteriori informazioni e immagini: Melina Scalise: cell.3664584532-ms@spaziotadini.it

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia Melina Scalise dell’Associazione Culturale Spazio Tadini di Milano per le notizie e le immagini relative alla mostra di Goffredo Radicati di Primeglio.

milano arte expo

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.450 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: