TIEPOLO e VERONESE, Udine: I colori della seduzione, Giambattista Tiepolo e Paolo Veronese in mostra al Castello di Udine Galleria d’Arte Antica

Paolo Veronese e bottega, Adorazione dei Magi, 1585 ca., Olio su tela

Paolo Veronese e bottega, Adorazione dei Magi, 1585 ca., Olio su tela

I colori della seduzione. Giambattista Tiepolo e Paolo Veronese al Castello di Udine – Galleria d’Arte Antica. La mostra, organizzata in occasione della edizione della Giornate del Tiepolo 2012si articola in quattro sezioni nelle quali Tiepolo e Veronese vengono messi a confronto nella trattazione di temi religiosi, mitologici e della storia antica: il Mosè salvato dalle acque, il Ratto d’Europa, le Cene e i Banchetti, l’Adorazione dei Magi. Dal 17 novembre 2012 al 1 aprile 2013: (MAPPA) Castello di Udine. >>  Il confronto tra i due artisti è messo in luce anche dai bozzetti e dai disegni, che illustrano le modalità con cui Tiepolo ha riletto l’eredità figurativa di Veronese nei vari momenti del processo creativo, ispirandovisi sia in termini di composizione spaziale che di formulazione di singoli motivi. La mostra è a cura di William L. Barcham, Linda Borean e Caterina Furlan.

Ufficio Stampa SPAINI & PARTNERS.  – La mostra I colori della seduzione. Giambattista Tiepolo e Paolo Veronese – organizzata dai Civici Musei e Gallerie di Storia e Arte di Udine con la convinta adesione ed il sostegno della Fondazione Crup – espone per la prima volta riunite le due tele che compongono il Mosè salvato dalle acque  di Giambattista Tiepolo, opera tagliata negli anni ’20 dell’800 e mai ricomposta. Castello di Udine - Galleria d’Arte Antica, Giambattista Tiepolo e Paolo VeroneseSarà così possibile vedere il quadro nella sua composizione originaria, riaccostando il Mosè della Scottish National Gallery di Edimburgo con l’Alabardiere della collezione Agnelli di Torino, così come viene documentato da una copia coeva attribuita a Giandomenico Tiepolo della Staatsgalerie di Stoccarda. Le due parti della tela, che hanno avuto destini conservativi diversi, presentano oggi colori leggermente diversi. Un sistema di illuminotecnica all’avanguardia renderà possibile vedere l’opera sia come è realmente, che secondo una colorazione uniforme.

Ideale risulta qui l’accostamento al Mosè salvato dalle acque di Paolo Veronese del Musée des Beaux Arts di Digione, sia per rilevare le assonanze ma anche la personale soluzione adottata da Tiepolo. Dal confronto diretto tra le due opere, nasce il senso dell’esposizione che vuole riportare l’attenzione sullo speciale rapporto intessuto da Tiepolo con uno dei più importanti esponenti della tradizione pittorica veneziana del Cinquecento. Negli ultimi due secoli è mancata, infatti, un’iniziativa che si concentrasse su questo specifico aspetto della cultura figurativa dell’artista. Tiepolo trovò nell’arte di Paolo Veronese lo stimolo al superamento della “maniera scura” e il punto di partenza per la maturazione di un linguaggio che lo avrebbe trasformato in uno dei grandi protagonisti della pittura europea del Settecento.

A partire dagli affreschi della galleria del Palazzo arcivescovile di Udine (databili intorno alla metà del terzo decennio del Settecento), che fornisce una sorta di prologo e punto di partenza della mostra, Tiepolo intraprende un percorso di ‘emulazione’ di Veronese destinato a maturare nei decenni successivi. Tale accostamento non sfuggì ai contemporanei, soprattutto al critico Francesco Algarotti, che definì l’amico Tiepolo ‘l’emulo di Paolo’. Al di là di puntuali derivazioni di forme e motivi, per Tiepolo guardare a Veronese significa sia rivisitarne l’interpretazione di temi religiosi o della storia antica, mediante scenografiche impostazioni di natura teatrale, prospettive architettoniche e opulenza decorativa, sia appropriarsi di una tavolozza squillante di colori puri e ombre colorate.

Giambattista Tiepolo, Adorazione dei Magi, 1745 ca

Giambattista Tiepolo, Adorazione dei Magi, 1745 ca

Oltre alle tele la mostra vanta un gruppo straordinario di fogli di Tiepolo e Veronese, prestati da diversi musei nazionali e internazionali, quali la Galleria degli Uffizi, il Victoria and Albert Museum di Londra, l’Ashmolean Museum di Oxford, il Département des Arts Graphiques del Louvre, lo Schlossmuseum di Weimar e lo Städel Museum di Francoforte. Sarà pertanto possibile far dialogare visivamente sia indagini con singoli motivi sia composizioni di più ampio respiro spaziale e narrativo: così il disegno d’insieme approntato da Tiepolo per il Banchetto di Antonio e Cleopatra verrà esposto contemporaneamente insieme ai pensieri veronesiani sul tema dei banchetti, rappresentati dallo studio preparatorio per le Nozze di Cana, e al modello a olio della National Gallery di Londra, con un allestimento che consentirà di mostrare le diverse tappe del processo creativo del grande protagonista della pittura del Settecento veneziano.

Paolo Veronese, Ratto d’Europa, 1580 ca

Paolo Veronese, Ratto d’Europa, 1580 ca

Davvero significativo è il contributo della Fondazione Crup, la cui vicinanza all’iniziativa è stata così espressa dal presidente Lionello D’Agostini: “La partecipazione della Fondazione Crup ad un evento di questo tipo ribadisce l’attenzione della Fondazione nei confronti delle realtà, come i Civici Musei e Gallerie di Storia e Arte che promuovono la cultura in tutte le sue forme cogliendone l’alto valore artistico. Attraverso il sostegno alla mostra Tiepolo, la Fondazione interviene concretamente per agevolare la conoscenza di artisti che in Friuli hanno lasciato testimonianze di straordinario fascino.

L’esposizione, che si avvale di un Comitato scientifico costituito da Svetlana Alpers, William L. Barcham, Linda Borean, Caterina Furlan, Vania Gransinigh, Peter O. Krückmann, Giuseppe Pavanello e Catherine Whistler, è curata da William L. Barcham, Linda Borean e Caterina Furlan.

Giambattista Tiepolo, Ratto d’Europa, 1743 ca

Giambattista Tiepolo, Ratto d’Europa, 1743 ca

I colori della seduzione. Giambattista Tiepolo e Paolo Veronese

Castello di Udine – Galleria d’Arte Antica, via Lionello 1 Udine

17 novembre 2012- 1° aprile 2013

orario
da martedì a domenica dalle 10.30 alle 17.00

ingresso
intero € 8,00, con visita alla Galleria d’Arte Antica
ridotti € 5,00
scolaresche € 2,00
Cumulativo con la visita alla mostra dei Civici Musei e al Museo Diocesano: 10,00 €

I colori della seduzione. Giambattista Tiepolo e Paolo Veronese, Castello di UdineL’ingresso alla mostra è gratuito per i possessori di FVG Card, la carta turistica del Friuli Venezia Giulia che consente di accedere gratuitamente ai musei regionali, a molte mostre in corso, alle visite guidate organizzate da TurismoFVG, ai servizi di audioguida e di ottenere sconti per l’ingresso a teatri, parchi tematici, riserve naturali e trasporti. La FVG Card è acquistabile negli infopoint TurismoFVG, negli hotel e agenzie viaggi convenzionati della regione a costi proporzionali alla durata, sempre vantaggiosi rispetto ai servizi offerti: 15€ per 48 ore, 20€ per 72 ore, 29€ per un’intera settimana. La FVG Card è valida per un adulto e un bambino sotto i 12 anni.

Per informazioni
Puntoinforma +39 0432/414717
e-mail puntoinforma@comune.udine.it   www.udinecultura.it

Ufficio Stampa Nazionale
SPAINI & PARTNERS Tel. 050310920/36042
Guido Spaini guido.spaini@spaini.it
Matilde Meucci 329 6321362 matilde.meucci@spaini.it
Rachele Giannessi ufficiostampa@spaini.it

Ufficio Stampa Locale
Giulia Basso 349 3117889 giulia.basso@spaini.it
Daniela Sartogo 347 2141898 daniela.sartogo@spaini.it

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia Rachele Giannessi dell’Ufficio Stampa SPAINI & PARTNERS per le notizie e le immagini della mostra a Udine I colori della seduzione, Giambattista Tiepolo e Paolo Veronese.

milano arte expo

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *