HANS RICHTER Galleria Peccolo, Livorno: opere 1940-1970 e film 1921-1961 di Richter, grande artista e regista sperimentale

Hans Richter, Rhythmus 25, Galleria Peccolo Livorno

Hans Richter, Rhythmus 25, Galleria Peccolo Livorno

HANS RICHTER Galleria Peccolo Livorno. La galleria livornese di Roberto Peccolo inaugura la mostra opere 1940-1970 e film 1921-1961 di Hans Richter. Durante il periodo della mostra, in galleria, saranno visibili, oltre alle opere di pittura,  alcuni piccoli capolavori di sperimentazione cinematografica. Inaugurazione: sabato 27 ottobre 2012 alle ore 18. L’espozizione alla Galleria Peccolo (MAPPA) proseguirà fino al 30 novembre 2012. Mae Milano Arte Expo consiglia la visione di Rhythmus 21 (1921) on-line a questo LINK  e di 8 x 8: A Chess Sonata in 8 Movements (1957), film sperimentale diretto da Hans Richter, Marcel Duchamp e Jean Cocteau. Il film – fu descritto dallo stesso Richter come “metà Freud, metà Lewis Carrol” – è una fiaba dell’inconscio basata sul gioco degli scacchi. 8 x 8 lo trovate a questo LINK. “Dare una chance al caso” seguendo questa massima che ha accompagnato tutta la sua vita artistica, Hans Richter (nato a Berlino nel 1888 e morto a Locarno nel 1976), è stato uno  dei pionieri dell’arte d’avanguardia sperimentale internazionale. Da giovane aderì nel 1917 al movimento DADA fondato a  Zurigo; poi, insieme con Hausmann, Schwitters, Huelsenbeck e altri, organizza  e partecipa a Berlino a serate e manifestazioni dadaiste. >>

In pittura, dopo gli inizi di derivazione espressionista e poi cubo-futurista, sperimenta il contrasto positivo-negativo nel quadro e dipinge tra il 1918-20 una serie di  opere dal  titolo “Teste-Dada”  utilizzando solo i colori  bianco e nero. Sperimentazione che lo porterà ad usare rotoli orizzontali o verticali di tela.

Decide allora di sperimentare con la pellicola, queste sue nuove scoperte; sono del 1921 i suoi primi Film astratti “Rythme 21″,”Fuga 1- e 2-” e poi nel 1923 “Orchestrazione del colore” che lo ha reso famoso nel mondo come artista multimediale e di Film. E’ del 1927 l’altro suo breve Film capolavoro “Vormittagspuk”.

Galleria Peccolo Livorno, Hans Richter, 8 x 8 A Chess Sonata in 8 Movements, fotogramma del film

Hans Richter, 8 x 8 A Chess Sonata in 8 Movements, fotogramma del film

Nel 1940 si rifugia a New York dove insegnerà Filmografia al City College.

Espone in ottobre del 1946 le sue opere grafiche, disegni e dipinti a New York nella “Art of this Century Gallery” di Peggy Guggenheim che gli sponsorizza la realizzazione del suo principale Film sonoro “Dreams that Money can buy” del 1947, premiato alla Biennale di Venezia.

Hans Richter, Rhytmus 21, 1921, fotogramma

Hans Richter, Rhytmus 21, 1921, fotogramma

Tra il 1955 e 1962  gli sono dedicate mostre antologiche itineranti nei Musei olandesi, Stedelijk di Amsterdam; in Germania nei Musei d’Arte Moderna di Berlino, Monaco e Baden-Baden; in Italia presso la Galleria Nazionale di Roma e al  Museo d’Arte Moderna di Torino. Dopo il  1960 inizia anche la sua collaborazione con gallerie di Milano dove espone le tele astratte di  quegli anni presso la Galleria Pagani (1960-61-63) e opere degli anni tra il 1917 e 1950 da Arturo Schwarz (1964-65).

Hans Richter ha sempre cercato in tutto il suo operare, siano film o pittura o disegno di mantenere un equilibrio tra “caso” e ordine, tra improvvisazione e libero arbitrio. Aveva scritto:- “Dada: una nuova arte anti-arte. Con Dada ho scoperto la libertà assoluta del “caso”, come superamento della spontaneità e reazione alla banalità in arte”.

HANS RICHTER Galleria Peccolo Livorno, opere 1940-1970 e film 1921-1961Accompagna la mostra un catalogo che illustra le opere esposte, contiene un’ampia filmografiae brevi scritti dell’autore. Completano la presentazione una prefazione di Arturo Schwarz: “Dada: una rivoluzione culturale” ; il testo di Yan Ciret: “H.R.dal Dada a Hollywood” e uno scritto conversazione-immaginaria di Sandro Ricaldone “H.R.. Il caso e l’anti-caso”.

In esposizione un’ampia documentazione bibliografica sulla carriera e l’Arte di Hans Richter.

Filmografia di Hans Richter

Dadascope (1961)
8 x 8: A Chess Sonata in 8 Movements (1957)
Dreams That Money Can Buy (1947)
Vom Blitz zum Fernsenhbild (1936)
Keine Zeit für Tränen (1934)
Hallo Everybody (1933)
Europa Radio (1931)
Neues Leben (1930)
Alles dreht sich, alles bewegt sich (1929)
Everyday (1929)
Rennsymphonie (1929)
The Storming of La Sarraz (1929)
Zweigroschenzauber (1929)
Vormittagsspuk (“Ghosts Before Breakfast”, with music by Hindemith) (1928)
Inflation (1927)
Filmstudie (1926) with music by Darius Milhaud
Rhythmus 25 (1925)
Rhythmus 23 (1923)
Rhythmus 21 (1921)

Galleria Peccolo Livorno

HANS  RICHTER

opere 1940-1970 e film 1921-1961

 

Galleria Peccolo Livorno arte contemporanea mostra Hans RichterInaugurazione: sabato 27 ottobre 2012 alle ore 18,00

Mostra n. 356

Periodo espositivo: da sabato 27 ottobre al 30 novembre 2012

Orari di apertura: h. 10/13 – 16/20 esclusi festivi e lunedì.

EDIZIONI e GALLERIA ROBERTO  PECCOLO

Piazza Repubblica 12, I-57123  LIVORNO (Italy), tel/fax.  0586.88.85.09, galleriapeccolo@libero.it

MAE Milano Arte Expo -milanoartexpo@gmail.com- ringrazia la Galleria Peccolo di Livorno per le notizie relative alla mostra di Hans Richter.

milano arte expo

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.450 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: