Carmine CICCARINI: al Chiostro del Bramante di Roma la mostra a cura di Daniela Brignone e Giovanni Faccenda

Carmine Ciccarini, CITTA' INDUSTRIALE DEL CONNECTICUT, 2011, mostra Chiostro del Bramante Roma, Milano Arte Expo

Carmine Ciccarini, CITTA’ INDUSTRIALE DEL CONNECTICUT, 2011, mostra Chiostro del Bramante Roma

Carmine CICCARINI – Chiostro del BramanteRoma (MAPPA), mostra personale Dalla veduta alla visione: il mito della città a cura di Daniela Brignone e Giovanni Faccenda. dal 5 settembre al 7 ottobre 2012 > c. stampa > L’esposizione raccoglie 40 dipinti (oli su tela) realizzati per lo più negli ultimi due anni di attività e dedicati al soggetto prediletto dall’artista: la metropoli contemporanea. La pittura di Ciccarini, pur accogliendo le suggestioni della modernità (dal realismo americano degli anni trenta di Hopper e Sheeler che ha influenzato letterati come Carver alle evocazioni sironiane, al cinema di Antonioni e Wenders), ha un’impronta del tutto personale e descrive megalopoli e città, carpendone il cuore e il movimento. >>

Mobili e pulsanti, le sue metropoli colpiscono lo spettatore con le vedute aeree di grattacieli, palazzi e ponti, ma soprattutto con il fascinoso dinamismo delle loro strade, nelle quali freme il flusso veloce delle automobili e scorre – inquieta – l’esistenza degli uomini.

Scrive Giovanni Faccenda: La pittura di Carmine Ciccarini echeggia questi turbamenti: l’insicurezza e la precarietà insite nell’esistenza dell’uomo del terzo millennio; il fagocitante, incontrollato e perfino disumano moltiplicarsi del cemento nelle ormai ciclopiche città; i mille presagi racchiusi dentro un monotono quotidiano che offre a tutti, o quasi, qualche vaga verità la notte o al volgere della sera.

Il segno di Ciccarini è essenziale e tende a volte a impennarsi in taglienti sciabolate, ma sa anche dipanarsi in campiture morbide e pastose d’ampio respiro. Nell’alternanza e contrapposizione di tinte fredde e calde, colpisce l’emergere di un giallo allusivo: «declinato ogni volta – sempre secondo Faccenda – con ruolo di luce salvifica, se non addirittura come fonte di speranza, nel buio della ragione, fra le tenebre che imprigionano la spiritualità.

La mostra è corredata da un catalogo edito da Arte in Books, con testi dei curatori.

mostra Chiostro del Bramante Roma, Milano Arte Expo, Carmine Ciccarini, subway, 2011

Carmine Ciccarini, subway, 2011

Carmine Ciccarini

Carmine Ciccarini nasce a Chieti nel 1956. Laureato in medicina con specializzazione in oculistica, vive e lavora a Perugia. Avviato al disegno da uno zio pittore, conosce in gioventù Giovanni Omiccioli e ha modo di incontrare a Firenze Pietro Annigoni, che lo influenzerà nel disegno.

Nel 1981 alla Galleria Mazzoli di Modena conosce Jean–Michel Basquiat che lo stimola all’approfondimento dell’arte moderna e contemporanea. Attraverso la frequentazione di Fernanda Pivano, scopre Kerouac, Ginzberg, Corso, Duchamp, Warhol. La grande scrittrice e traduttrice lo incita a proseguire nel suo percorso riconoscendogli talento, coraggio e personalità.

Giramondo, visita incessantemente musei e mostre, studia i più diversi generi pittorici, dall’arte rinascimentale alla computer grafic. Nel 2005 stringe amicizia con Edo Bertoglio, film-maker e fotografo della rivista “Interview” fondata da Andy Warhol e Glenn O’Brien.

Ciccarini ha tenuto mostre a New York, Francoforte, Londra, Parigi, Salisburgo e Sidney; in Italia ha esposto al Museo dei Panciatichi di Firenze, sede del Consiglio della Regione Toscana (una sua opera, La vita, 2001, è stata acquisita alla Collezione regionale), quindi a Milano, Cetona, Perugia, Spoleto, Asolo. Numerosi critici, fra cui Carlo Franza, storico dell’arte e allievo di Argan, si interessano alla sua produzione.

Nel 2007, a Milano, gli viene conferito il Premio dell’Internazionalità alla XIX edizione del Premio delle Arti-Premio della cultura, istituito da Indro Montanelli nel 1988. L’anno successivo, alla XX edizione della stessa manifestazione, vince il riconoscimento quale artista dell’anno.

Ciccarini è stato invitato da Vittorio Sgarbi alla 54ª Biennale di Venezia. Nel 2012, nelle sale di Palazzo Zenobio a Venezia, ha tenuto la personale “Brain Maps” a cura di Roberta Semeraro.

Carmine Ciccarini, NEW YORK LA SOLITUDINE DELLA METROPOLI, 2012, mostra Chiostro del Bramante Roma, Milano Arte Expo

Carmine Ciccarini, NEW YORK LA SOLITUDINE DELLA METROPOLI, 2012, mostra Chiostro del Bramante Roma

Ciccarini Dalla veduta alla visione: il mito della città

Chiostro del Bramante

Arco della Pace, 5 – Roma

Dal 5 settembre al 7 ottobre 2012

A cura di Daniela Brignone e Giovanni Faccenda

Catalogo bilingue (italiano e inglese)

edito da Arte in Books, con testi dei curatori

Info: tel. +39 06 68809035

www.chiostrodelbramante.it

www.ciccariniarte.it

Carmine Ciccarini, PRIME LUCI, 2012, mostra Chiostro del Bramante Roma, Milano Arte Expo

Carmine Ciccarini, PRIME LUCI, 2012, mostra Chiostro del Bramante Roma

MAE Milano Arte Expo ringrazia Carmine Ciccarini per le immagini

Milano Arte Expo, Gallerie d'arte Chiostro del Bramante Roma

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 4.246 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: