//
reading...
8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia, Arsenale della Danza, Arte, Awakenings Festival Internazionale di Danza Contemporanea, Biblioteca del corpo, Biblioteca del corpo Festival Internazionale di Danza Contemporanea, Biblioteca del corpo Ismael Ivo, Biennale d'Arte Contemporanea a Venezia, Biennale Danza, Biennale di Venezia, Choreographic Collision, coreografia, coreografo, Danza, Danza contemporanea, direttore del Settore Danza della Biennale di Venezia Ismael Ivo, Expo Milano, expo venezia, Federicapaola Capecchi, Festival di danza della Biennale, Ismael Ivo, Jorge Louis Borge, Milano arte, spettacoli, Teatro, Teatro alle Tese dell’Arsenale, Teatro alle Tese Venezia, Teatrodanza, Venezia arte, Venezia Festival

Ismael Ivo – Biblioteca del corpo: inaugura l’8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia – intervista di Federicapaola Capecchi

Biblioteca del corpo, Ismael Ivo, Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia, Milano arte e cultura

Biblioteca del corpo, Ismael Ivo, Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia

L’8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia, intitolato Awakenings, inaugura con Ismael Ivo: Biblioteca del corpo. - La coreografa Federicapaola Capecchi ha intervistato Ismael Ivo per Milano Arte Expo: Coreografo e danzatore attivo in tutta Europa, Ismael Ivo è anche, dal 2005, il direttore del Settore Danza della Biennale di Venezia. Fin dal suo primo mandato l’esplorazione del corpo, mai distinta dalla riflessione sul contemporaneo, sull’uomo, sul sociale, è il focus. Iniziata con la trilogia – 2005/2007 – Body Attack, Under Skin, Body & Eros, proseguita con la sfida della Bellezza – 2008 – Beauty, e di un “laboratorio delle emozioni” – 2010 – Capturing Emotions, giunge oggi ad un’incitazione – 2012 – Awakenings. Dal corpo aggressivo, il corpo scandagliato sotto pelle, il corpo del desiderio, il corpo in movimento come bellezza/nuovo attuale, il corpo laboratorio di emozioni e visioni condivise, al corpo risveglio della vita e della creatività. >>

Ogni indagine sul corpo di Ismael Ivo non è mai scissa anche dal suo risvolto sociale. Parla infatti spesso di corpo sociale, che non permette dissociazioni dalla politica, l’ambiente, la scienza, l’economia, l’uomo, il mondo. Anche negli spettacoli realizzati per l’Arsenale della Danza, Babilonia – Il terzo paradiso, The Waste Land, Oxygen, ogni tema e sfumatura di esso diviene provocazione alla riflessione. Che è per sua natura un laboratorio di creazione. Non è un caso che le recenti edizioni del Festival abbiano germogliato progetti di ricerca e creazione: Choreographic Collision, ormai giunto alla  sua 6° edizione e Marathon of the Unexpected.

Awakenings - 8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di VeneziaTrasversalità di linguaggi, produttiva, opere sperimentali, percorsi innovativi. Tracce di identità,  rivelatrici della natura della ricerca di Ismael Ivo e della Biennale Danza. Un luogo privilegiato di ricerca, curiosità, sperimentazione, di arte “in divenire”. È dunque naturale che Ismael Ivo ne abbia fatto uno sguardo sul futuro. Con l’ostinazione, in un’accezione positiva, di stabilire delle direttrici di ricerca e culturali sulle quali proporre Arte, che prevedano l’apertura, la comunicazione e l’interazione tra le arti, tra i linguaggi. Un’operazione di avvicinamento delle arti essenziale come dimostra l’inizio del secolo scorso, quando, dal dialogo attivo tra gli artisti, hanno avuto origine movimenti quali il Surrealismo, il Dadaismo, l’Espressionismo.

Insomma un coreografo di rilievo internazionale ed uno dei curatori più attivi e attenti nella creazione di stimoli, circuiti di collaborazione, comunicazione e nuove visioni.

La visione sulla quale soffermerà il pubblico domani sera, venerdì 8 giugno 2012, è quella di corpi come libri. L’8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea di Venezia inaugura con il nuovo spettacolo di Ismael Ivo, Biblioteca del Corpo. Ispirandosi a Biblioteca di Babele di Jorge Louis Borges, Ismael Ivo compone una sua personale biblioteca di corpi, dove cercare informazioni, uniche e originali, e ispirazione. Per non consentire all’umanità di estinguersi e per produrre nuove idee, in generale, e per l’Arte in particolare.

Ismael Ivo - Biblioteca del corpo, Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia

Ismael Ivo – Biblioteca del corpo, Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia

Il racconto fantastico di Jorge Louis Borges disegna un universo, una biblioteca spazialmente infinita di sale esagonali, che raccoglie disordinatamente tutti i possibili libri di 410 pagine in cui si susseguono sequenze di caratteri senza ordine, in tutte le possibili combinazioni. A volte qualcuno riesce a trovare espressioni sintatticamente corrette … ma prive di senso. I caratteri possono, però, per casualità, comporre frasi di senso compiuto e così, nella labirintica Biblioteca di Babele, gli uomini continuano a muoversi ed affannarsi

Ismael Ivo, Direttore del Settore Danza della Biennale di Venezia - Foto di Bettina Stob

Ismael Ivo, Direttore del Settore Danza della Biennale di Venezia – Foto di Bettina Stob

in cerca del Libro che contiene la Verità. Ismael argomenta molto sulla visione di Borges. “Lui vede l’umanità dentro la grande biblioteca […] sembra dire che, in questa grande biblioteca, a parte la diversità, in quanto umanità, a parte il colore della pelle, la nazionalità, i concetti razziali, morali, religiosi, noi tutti abbiamo molto di più in comune come umani [...]” e insiste su quella che definisce la “grande questione” “la grande questione è incontrare dentro questa biblioteca il libro matrice: Dio? Una soluzione? Una risposta alla nostra esistenza? Cosa?”.

La personale biblioteca del corpo di Ivo è distribuita in sale, ognuna intitolata con un tema diverso, seguendo un percorso circolare. È una sorta di installazione coreografica, di impalcatura concettuale in cui i corpi sono raccolti come un libro. Corpi, individui che rappresentano di per sé un libro, contenente informazioni uniche e originali, segrete, inimitabili. Un libro che deve essere aperto. Rivelerà i suoi diversi aspetti, difetti, qualità, potenzialità, diversità. Qui è il miracolo e la sfida. Qui si gioca la partita decisiva della grande enciclopedia umana. “In questo spettacolo tratto i danzatori, ogni corpo, come un libro. Che ha un dna unico. Ognuno risponde con la propria autenticità, unicità, originalità. Non esiste nessuno che è simile all’altro. Questo è il grande mistero e richiesta della nostra umanità e società contemporanea: la differenza, la diversità, che è la richiesta di un’informazione sempre diversa.

Ismael Ivo - Biblioteca del corpo, inaugura l'8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia

Ismael Ivo – Biblioteca del corpo, inaugura l’8° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia

Il corpo, come un libro, cerca di comunicare, di incontrare un ordine o un disordine, uno scontro, una barriera, concordanze e discordanze. Questa è la nostra vita. Questa è l’arte della danza, che si cura di rinnovare il vocabolario, le immagini, le espressioni, le comunicazioni. Vedendo il corpo come un libro, vedendo tutta la possibilità di ordinare o disordinare, di andare verso o contro un ordine, si disegna un modo di portare una domanda nel corpo, nella danza. E trovare una nuova forma di espressione. Questo mondo che stiamo vivendo è in totale crisi umana, economica, morale, religiosa, ecologica, planetaria. Oggi l’arte, e in particolar modo l’arte del corpo, della danza, ha bisogno di awakeness. Ha bisogno di aprire il libro corpo, sfogliando pagina per pagina, cercando lì l’idea. Lì, in questo dna originale, ricco di informazioni. I danzatori aprono il loro proprio libro, unico, autentico, originale. Chi sono. Si guardano mentre Il pubblico guarda loro che si guardano e lì inizia a trovare forse un momento di ispirazione [...]”.

In questa grande enciclopedia che è l’umanità esiste davvero un ordine, una combinazione, una logica da seguire? Con l’ordine di questa enciclopedia esiste un regolare funzionamento che porta al libro matrice, una risposta? Non si sa. Ciò che si sa è il punto di partenza, e di convinzione, di Ismael Ivo: che il corpo sia un libro e che ogni funzione o disfunzione del corpo può condurre ad una nuova scoperta. Che il senso è solo lasciare spazio alla coesistenza con l’imperfezione, in una composizione e scomposizione che cerca di trasformare lo spazio fisico. Un modo per esplorare e rivelare nuove possibilità. Il corpo è un libro di strane idee e possibilità.

Per Ismael è affascinante, infinitamente, vedere il corpo come sensore e documento delle vite e delle esistenze. Come l’investigazione al centro del processo creativo. Come è attratto dalla possibilità e capacità di abitare l’imperfezione e la diversità. Per dare/ridare un senso profondo al corpo e all’uomo. Il lavoro del coreografo, in ultima analisi, consiste proprio nel rivalutare, anche le visioni, proponendone di nuove, nuovi concetti, idee e sfide, tramite il linguaggio della danza.

Federicapaola Capecchi, coreografa

Ismael Ivo

Ismael Ivo

-

Le parole di Ismael Ivo, direttamente con la sua voce, saranno ascoltabili da domani sul canale Youtube di MAE Milano Arte Expo dove verrà pubblicata l’intervista telefonica. Che non verte solo sullo spettacolo ma anche su tematiche naturalmente connesse alla sua indagine del momento: il corpo e l’umanità.

Domani sera, venerdì 8 giugno 2012, Biblioteca del corpo, in prima assoluta, debutta al Teatro alle Tese – Arsenale e replicherà sabato 9 e domenica 10 giugno 2012. La coreografia di Ismael Ivo sarà danzata da 25 danzatori dell’Arsenale della Danza, giovani tra i 19 e i 30 anni, provenienti da Italia, Stati Uniti, Grecia e Brasile.

ARSENALE DELLA DANZA / ISMAEL IVO
Biblioteca del corpo
ideazione, coreografia Ismael Ivo


con i danzatori dell’Arsenale della Danza
Patrícia Bergantin, Giulia Brenzan, Elisa Capecchi, Marina Cervo, César Dias Cirqueira, Martina Fasano, Giampaolo Gobbi, Arianna Henry, Tunai Denise Jones, Malcolm Matheus, Stefano Marletta, Jane Alison McKinney, Ariadne Mikou, Antonio Nicastro, Guilherme Nunes, Giuseppe Paolicelli, Domenico Russo, Valentina Schisa, Paula Sousa, Leilane Teles, Felipe Torquatto, Lucas Valente, Richard Villaverde, Elisabetta Violante, Miles Edward Yeung


scene Marcel Kaskeline
luci Marco Policastro
produzione la Biennale di Venezia 

Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia

Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia

Per altre informazioni, il sito:

http://www.labiennale.org/it/danza/festival/

About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com
invia una mail a Milano Arte Expo

mercato dell’arte e prezzi

artprice
Milano in arte 1956 - 1967 mostra
Expo Milano - arancio MILANO IN ARTE 1956 - 1967 Le opere di grandi maestri della Milano artistica del dopoguerra. Inaugurazione: martedì 10 giugno 2014 dalle 18.00 alle 22.00. L’expo prosegue fino al 10 luglio....  > LEGGI
Rossosegnale B&B Milano
Expo Milano - arancio ROSSOSEGNALE Milano B&B Via Antonio Sacchini 18 bed and breakfast e galleria d’arte 3001 LAB (metro: M1 e M2)  +39.02.29527453 – Zona 3, recensione di Federicapaola Capecchi – Uno dei top bed and breakfast e galleria d’arte allo stesso tempo. > LEGGI
Frida Kahlo mostra Roma
Expo Milano - arancio  Frida Kahlo ROMA Scuderie del Quirinale, mostra aperta fino al 31 agosto 2014 - recensione di Alessandra Pinchera per Milano Arte Expo  > LEGGI
UPCYCLE Cafè Milano
UPCYCLE Cafè: urban bike cafè, Via Ampère 59, Milano. Ristorante, bar, ma anche centro di aggregazione per gli appassionati della bicicletta e del cibo biologico, dalle birre al liquore artigianale.   > LEGGI
WOW Museo del Fumetto
Expo Milano - arancio  WOW Spazio Fumetto: museo del fumetto, dell'illustrazione e dell'immagine animata. Milano, viale Campania 12 tel. 02 49524744 – 02 49524745. L'accesso è gratuito alle numerose esposizioni al Piano Terra, alla Biblioteca, al Bookshop e alla Caffetteria. ... > VAI AL SITO >
La Rava e La Fava ristorante - leggi la recensione
Expo Milano - arancio  La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano - I ristoranti sparsi per la città di Milano hanno tutti qualcosa da offrire, ma quando trovi quel posticino dove sei il benvenuto come se fosse la cucina di casa dello chef...  LEGGI >
Mostre Milano Pocket Exhibit
Expo Milano - arancio  A Milano, città di Expo, c'è un luogo di grande afflusso di pubblico dove realizzare una mostra di una settimana - Pocket Exhibit - ed essere supportati da un gruppo di specialisti della comunicazione - dei media tradizionali e del web - senza spendere nemmeno un euro? Si, c'è! Se sei un artista, un curatore o un ufficio stampa d'arte chiedici dove, come e quando. mail: milanoartexpo@gmail.com
car2go Milano car sharing
Car2go a Milano. Comincia una vera rivoluzione nel car sharing. Car2go permette di prelevare ovunque e di parcheggiare ovunque l’automobile a Milano...   > LEGGI
Giuseppe Verdi - bicentenario
Giuseppe Verdi, La Traviata, Teatro alla Scala Milano, da sabato 7 Dicembre 2013. Milano Arte Expo, scavando nei documenti d’epoca, vi propone uno speciale Giuseppe Verdi in diretta da cento anni fa ... > LEGGI
Sbarco in Normandia 6 giugno 1944
SBARCO IN NORMANDIA in diretta con i grandi inviati del D-Day, minuto per minuto dalla Seconda Guerra Mondiale ... > LEGGI
Emilio Tadini
Emilio Tadini FIABE – mostra a Burago di Molgora, a due passi da Milano. Rassegna I maestri del 900 ideata e organizzata da Marilena Buratti e curata da Simona Bartolena con l’expo dedicata a Emilio Tadini. ... > LEGGI
Le Canottiere Milano
Le Canottiere, Milano Alzaia Naviglio Grande: shopping vestiti e accessori per mamme e bambini – di Roanna Weiss - rubrica MILANO IN QUATTRO PASSI. Bilingue: italiano / inglese). Amo questa città!...  > LEGGI
CREATIVE ANTICHE CREDENZE, mobili d'epoca
Antiche Credenze: Oggetti Unici ed Esclusivi. Impronta ai nostri spazi con uno stile personale, valutando scelte fuori dagli standard. Un mobile antico - o solo vecchio - ripristinato o personalizzato con interventi decorativi, rientra in queste scelte con una soluzione che è a portata di mano e di portafoglio! Guarda dove siamo. Tel. 0243129275 - cell. 3401773602 - >LEGGI e GUARDA.
Milano design - 100FA Vintage
Milano design - Vintage: 100Fa propone arredi industriali, mobili da mestiere, da palestra, oggetti particolari.
L’origine: Francia ed Inghilterra, rigorosamente vintage.Vendita e noleggio. mail: info@100fa.it . MAPPA - Via Molino Delle Armi 48, Milano - Tel/Fax: +390258101184 - INFO E FOTO.
Jean Clair - intervistato da Giancarlo Ricci Milano Arte Expo
 Jean Clair, MEDUSA: Giancarlo Ricci intervista Jean Clair per Milano Arte Expo. A partire dal suo libro Medusa (Abscondita Edizioni, Milano 2013) abbiamo posto alcune domande al suo autore, Jean Clair, rinomato critico e storico dell’arte, saggista, ex direttore del Museo Picasso di Parigi. >>LEGGI
Milano Arte Expo - Fondazione Marconi
Fondazione Marconi di Milano aderisce al progetto Documenti d’Arte del Novecento di Milano Arte Expo con una vasta mole di materiale storico che verrà messo on line. Altre gallerie e fondazioni stanno unendosi a questo cospicuo e progressivo piano di lavoro. Per  collaborare: milanoartexpo@gmail.com.
Il testo che segue è pubblicato nel fascicolo Studio Marconi Documenti n° 8 del 1982La nuova pittura tedesca >leggi

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

PressOffice specializzati in arte

PressOffice: Cristina Pariset T.+39 024812584 F +39 024812486 Cell.+39 3485109589 Email Pariset

CLP Relazioni pubbliche
Tel. +39 02433403 – fax +39 024813841
press@clponline.it

SPAINI & PARTNERS
via dell'Ordine di Santo Stefano 229
56128 Marina di Pisa (PI)
tel 050/310920 -36042
www.spaini.it cell 3473839137

Patrizia Cavalletti Comunicazione
Via Nazzareno Cristofani n.3
06135 Perugia, Ponte San Giovanni (PG)
Tel. + 39 075 5990443 Mob. +39 348 3386855
Skype: monteverdi333
info@patriziacavalletticomunicazione.it
www.patriziacavalletticomunicazione.it

Clicca per iscriverti a questo notiziario e ricevere news per e-mail.

Unisciti agli altri 1.679 follower

Statistiche del Blog

  • 790,914 hits
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.679 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: