//
reading...
Arte, arte contemporanea, Daniela Basadelli Delegà, Exfabbricadellebambole, Exfabbricadellebambole Patrizia ZARA, gallerie arte contemporanea Milano, gallerie d'arte, gallerie d'arte moderna, Gustavo Bonora, Henry Moore, inaugurazioni Milano, Iperrealismo, Jean Luc Neverborn, MAE, Marcel Duchamp, Milano arte, Milano eventi, Mostre a Milano, Patrizia Zara, realismo radicale, ufficio stampa ANANCHE

Patrizia ZARA – Exfabbricadellebambole, Milano – Limbus, di Jean Luc Neverborn per MAE Milano Arte Expo

Patrizia Zara, exfabbricadellebambole, milano arte

Patrizia Zara, exfabbricadellebambole, milano arte

Patrizia Zara (in mostra a Exfabbricadellebambole, Milano click: MAPPA) ci invita a guardare dei peperoni dipinti. Questi peperoni. Tenuti vicini a chi guarda – a chi dipinge – da una mano. La mano che tiene questi undici peperoni  (appena svolti da una carta di giornale, lasciandoci intuire che provengano da un mercato rionale e non da un Supermercato – ovvero non dal luogo delle Supermerci dove si predispone la Supervita del Superconsumatore ) non è una mano qualunque: è la mano di Patrizia Zara. Abbiamo a che vedere con l’autoritratto – parziale – di Patrizia Zara, quindi. Abbiamo a far si, poi,  che il nostro sguardo ci collochi a reggere undici peperoni nel luogo stesso dell’artista che ha voluto metterli in evidenza.  Patrizia Zara dipinge la posizione della sua mano sinistra che porta vicino allo sguardo undici peperoni che si stagliano su uno sfondo neutro come una tela bianca. Non c’è una cucina – o un qualunque ambiente determinato – a fare da sfondo: c’è un limbo. Limbus, in latino, è una condizione temporanea delle anime. Per i fotografi è il fondale nel quale non c’è l’angolo tra piano orizzontale e piano verticale. Il luogo non finito. L’universo temporaneo dove collocare un prodotto, o un soggetto, fuori da qualunque spigoloso universo permanente.  Il luogo del bello? Il posto del Valore?  >>

Patrizia Zara ci regala due opportunità: amare la bellezza di questi undici peperoni e sostituirci allo sguardo dell’artista che si auto ritrae insieme ai peperoni. Stare vicino ai peperoni potrebbe rivelarci qualcosa. Esserci utile.

Prendiamo a prestito le parole di un artista che non può certo essere definito iperrealista (sempre che sia attuale e importante l’impiego di questa categoria – sinonimo di “realismo radicale”): Henry Moore (da The Sculptor speaks, in “The Listener”, 18 agosto 1937).  “Quantunque sia la figura umana a interessarmi  profondamente, ho sempre prestato una grande attenzione alle forme naturali, come gli ossi, le conchiglie, i ciottoli e via dicendo. Talvolta, nell’arco di parecchi anni, mi sono ritrovato nello stesso punto della spiaggia, ma ogni anno il mio sguardo è attirato da una nuova forma di ciottolo che l’anno prima, sebbene ve ne fossero a centinaia, non avevo mai visto. Fra i milioni di ciottoli che scorrono davanti ai miei occhi lungo la spiaggia, mi sento stimolato a vedere solo quelli che si adattano al mio interesse formale del momento. Le cose cambiano se mi metto a sedere e ne esamino una manciata uno per uno. Posso allora estendere di più la mia esperienza della forma, dando alla mia mente il tempo di rimanere condizionata da una struttura nuova.

Moore ci dice che l’osservazione ha bisogno di tempo – di reiterazione – e che le cose cambiano quando si esamina ogni singolo oggetto. Ci dice che il soggetto possiede un interesse formale temporaneo, capace di farsi condizionare da nuove – elementari e fondamentali  – strutture.  Ci dice che la trasformazione del piombo in oro – del ciottolo in scultura di Henry Moore – è alla portata di qualunque Osservatore.

Credere al bello porta ad una malattia inguaribile (che non può essere curata da nessuna Supervita di un Superconsumatore) :  la ricerca dell’identità tra le milioni – miliardi – di strutture percepite e di comportamenti relativi del Soggetto. Patrizia Zara – innamorata della/delle forme di questi undici peperoni, ci porta lontano da qualunque Pop (siamo o non siamo nel 2012?). Peperoni no logo in limbo bianco (o: davanti a una tela che ancora aspetta un pennello?). Autoritratto con peperoni di un artista che crede (e ne ha ben donde) che il Bello stia nell’individuazione, non nella generalizzazione.

A Voi di credere o, più semplicemente, porvi qualche domanda con occhi ben aperti alla mostra di Patrizia Zara a Exfabbricadellebambole di Milano ( 8 – 30 maggio 2012)

Marcel Duchamp: “Mi piace la parola credere. In generale, quando qualcuno dice io so, non sa, crede. Io credo che l’arte sia l’unica forma di attività mediante la quale l’uomo si manifesta in quanto individuo. Solo per mezzo suo può superare lo stadio animale, perché l’arte sfocia in regioni che non sono dominate né dal tempo né dallo spazio. Vivere è credere – almeno questo è quello che io credo”.

Per il team di MAE Milano Arte Expo, Jean Luc Neverborn

Patrizia Zara, exfabbricadellebambole, milano arte

Patrizia Zara, exfabbricadellebambole, milano arte

Patrizia Zara

Vernissage 8 maggio 2012  ore 18.30

9 maggio 2012 –  30 maggio 2012

Lunedì-venerdì dalle ore 15 alle ore 19   Sabato e domenica su appuntamento

exfabbricadellebambole

via dionigi bussola 6 – 20143 milano tel. 377.190.2076

http://exfabbricadellebambole.ning.com/

-

Comunicato stampa – testo di Gustavo Bonora:

L’Iperrealismo nasce negli USA nel Settanta e, tuttora in auge, fra i movimenti che inaugurano la Neoavanguardia, come la Pop-Art, è anche una mozione ideologica: contro la semiotica astratta, depone per l’iconicità. Finché dura lo statuto Concettuale, escluso l’Informale, tutto il flusso postmoderno attiene alla modalità duchampiana del prelievo oggettuale, con le varianti che vanno dall’Installazione all’effige de La Cosa.

Patrizia Zara, giovane e tecnicamente dotata per talento naturale, è già lì per vocazione, ma anche per scelta, perché nel suo curricolo c’è anche un percorso Informale tuttora assiduo, ma, a suo parere e in tutta umiltà, preferisce mantenerlo nell’ambito decorativo, e sono gli splendidi monili che elargisce agli amici. Noi li esporremo con la giusta considerazione.

Nella semiotica di Zara, oltre all’effige de La Cosa, sono esaltate le mani quali icone della sua mozione ideativa; io direi anche come “prova accademica”; è pur vero che già a livello liceale si diceva che la prova attitudinale più decisiva era il “saper fare le mani”; ma nel talento di Zara questo virtuosismo trascende il verismo e, nell’associare il reale all’immaginario, diviene espressione metafisica ( Gustavo Bonora)

ufficio stampa ANANCHE
Daniela Basadelli Delegà
5, via Mario Pichi
20143 Milano
T  .: +39 02 89408965
M .: +39 335 560 0404
M .: +39 377 190 2033
mailto: ananche@ananche.com
www.exfabbricadellebambole.com


About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com

Discussione

Un pensiero su “Patrizia ZARA – Exfabbricadellebambole, Milano – Limbus, di Jean Luc Neverborn per MAE Milano Arte Expo

  1. Ciao , sono Ornella Piluso art director di Arte Da mangiare mangiare Arte ! Interessante il soggetto ! Se lo desiderate potrete contattarci ! Stiamo lavorando da 17 anni sull’ Arte che guarda al mondo dell’ Ambiente ed Alimentazione! ! Ora siamo impegnati sugli Orti d’ Arte.. http://Www.artedamangiare.it buon lavoro

    Pubblicato da Arte da mangiare mangiare Arte | maggio 11, 2012, 6:23 pm
invia una mail a Milano Arte Expo

Milano Arte Expo 2013-2014

  • 864,807 visualizzazioni
Giacometti GAM Milano
Fuorisalone 2015
Storie Milanesi
Aste Milano
Chagall Milano
Ristoranti Milano - Boeucc
Arte Padova 2014
Chiara Ferragni
stampe d'autore

mercato dell’arte e prezzi

artprice
Rossosegnale B&B Milano
Expo Milano - arancio ROSSOSEGNALE Milano B&B Via Antonio Sacchini 18 bed and breakfast e galleria d’arte 3001 LAB (metro: M1 e M2)  +39.02.29527453 – Zona 3, recensione di Federicapaola Capecchi – Uno dei top bed and breakfast e galleria d’arte allo stesso tempo. > LEGGI
UPCYCLE Cafè Milano
UPCYCLE Cafè: urban bike cafè, Via Ampère 59, Milano. Ristorante, bar, ma anche centro di aggregazione per gli appassionati della bicicletta e del cibo biologico, dalle birre al liquore artigianale.   > LEGGI
WOW Museo del Fumetto
Expo Milano - arancio  WOW Spazio Fumetto: museo del fumetto, dell'illustrazione e dell'immagine animata. Milano, viale Campania 12 tel. 02 49524744 – 02 49524745. L'accesso è gratuito alle numerose esposizioni al Piano Terra, alla Biblioteca, al Bookshop e alla Caffetteria. ... > VAI AL SITO >
La Rava e La Fava ristorante - leggi la recensione
Expo Milano - arancio  La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano - I ristoranti sparsi per la città di Milano hanno tutti qualcosa da offrire, ma quando trovi quel posticino dove sei il benvenuto come se fosse la cucina di casa dello chef...  LEGGI >
car2go Milano car sharing
Car2go a Milano. Comincia una vera rivoluzione nel car sharing. Car2go permette di prelevare ovunque e di parcheggiare ovunque l’automobile a Milano...   > LEGGI
Le Canottiere Milano
Le Canottiere, Milano Alzaia Naviglio Grande: shopping vestiti e accessori per mamme e bambini – di Roanna Weiss - rubrica MILANO IN QUATTRO PASSI. Bilingue: italiano / inglese). Amo questa città!...  > LEGGI
CREATIVE ANTICHE CREDENZE, mobili d'epoca
Antiche Credenze: Oggetti Unici ed Esclusivi. Impronta ai nostri spazi con uno stile personale, valutando scelte fuori dagli standard. Un mobile antico - o solo vecchio - ripristinato o personalizzato con interventi decorativi, rientra in queste scelte con una soluzione che è a portata di mano e di portafoglio! Guarda dove siamo. Tel. 0243129275 - cell. 3401773602 - >LEGGI e GUARDA.
Milano design - 100FA Vintage
Milano design - Vintage: 100Fa propone arredi industriali, mobili da mestiere, da palestra, oggetti particolari.
L’origine: Francia ed Inghilterra, rigorosamente vintage.Vendita e noleggio. mail: info@100fa.it . MAPPA - Via Molino Delle Armi 48, Milano - Tel/Fax: +390258101184 - INFO E FOTO.

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

PressOffice specializzati in arte

PressOffice: Cristina Pariset T.+39 024812584 F +39 024812486 Cell.+39 3485109589 Email Pariset

CLP Relazioni pubbliche
Tel. +39 02433403 – fax +39 024813841
press@clponline.it

SPAINI & PARTNERS
via dell'Ordine di Santo Stefano 229
56128 Marina di Pisa (PI)
tel 050/310920 -36042
www.spaini.it cell 3473839137

Patrizia Cavalletti Comunicazione
Via Nazzareno Cristofani n.3
06135 Perugia, Ponte San Giovanni (PG)
Tel. + 39 075 5990443 Mob. +39 348 3386855
Skype: monteverdi333
info@patriziacavalletticomunicazione.it
www.patriziacavalletticomunicazione.it

Clicca per iscriverti a questo notiziario e ricevere news per e-mail.

Unisciti agli altri 1.879 follower

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.879 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: