//
archives

Archivio per marzo 2012

Mario DAVICO: la Galleria Bianconi ripropone una mostra della Biennale di Venezia del 1962 al MiArt 2012, a cura di Flaminio Gualdoni

M. Davico, Colore e spazio n. 1,1962, cm 65 x 85

Si possono comprendere passaggi cruciali della storia dell’arte recente e delle mostre italiane senza averli, in qualche modo vissuti? Noi crediamo che non siano sufficienti l’osservazione e lo studio di qualche opera isolata in una istituzione museale – o a casa di un illuminato collezionista (Si veda il progetto 1000 MOSTRE di Mae Milano Arte Expo). Nemmeno un’antologica ben organizzata può, in realtà, restituire il clima culturale che ha portato un artista, una galleria, un curatore a scommettere su una mostra. La storia di ogni mostra, soprattutto nei decenni rifondativi del dopoguerra, ha subito e generato, al contempo, un effetto domino nel movimento complessivo delle arti che si confrontavano con le avanguardie (o le loro prosecuzioni), da un lato, e con una parte del mondo che, in piena guerra fredda, guardava agli Stati Uniti come decisiva, ricca, potente fonte di ogni novità e progresso. Basti pensare all’avvento della Pop Art americana, alla Biennale di Venezia del 1964: potremmo dire che lì – oltre che in politica – si consumò una grande vittoria culturale degli Stati Uniti verso l’Europa. Potremmo dire che, oltre al cinema, da lì in avanti gli Stati Uniti avrebbero dominato il Sistema delle Arti. A poco valse ricordare che veniva prima la pop inglese…  Due anni prima di quel 1964, sempre alla Biennale di Venezia, si svolse una personale che giudichiamo importante ed estremamente interessante riproporre. E’ la mostra di Mario Davico che, con la curatela di Flaminio Gualdoni, verrà esposta dalla Galleria Bianconi di Milano al MiArt 2012, dal 13 al 15 aprile. “È rarissimo, oggi, poter ricostruire e riproporre nella sua interezza una mostra del passato. Ma è, oltre che importante, assai affascinante: è un clima che si riforma sotto i nostri occhi, una stagione del passato che ci appartiene e che ancora ci parla.”, afferma Renata BianconiQuei quadri di Davico dicono di un tempo in cui la pittura era amore, passione, scelta esclusiva autenticamente di vita, e ci riportano a quel momento  in cui nel rigore dell’astrazione si insedia compiutamente il valore della “linea curva come forma naturale eminentemente organica”, secondo le parole dello stesso Davico. Continua a leggere

Valerio ADAMI – Figure nel tempo: Galleria Tega, Milano, aperta fino 21 aprile 2012

ADAMI, 3 attori - entrée in scène, acrilico su tela, 146x114 cm

Valerio AdamiFigure nel tempo: una mostra da non perdere – aperta fino 21 aprile 2012 –  presentata da Maurizio Ferraris e Vincenzo Trione alla Galleria Tega di Milano (click: MAPPA), che ha – con la mostra di Adami – inaugurato i suoi nuovi spazi espositivi (il 28 febbraio). Dai taccuini di Valerio Adami: “Bambino, a Milano, gli anni della guerra; nel giardino sotto casa un pittore veniva ogni mattina, metteva il cavalletto e disegnava gli alberi e tutto quel che vedeva in quel piccolo rettangolo verde, e lì rimaneva fino al tramonto. Fu allora che mi sono detto: questa è la vita che voglio fare. Ora, a settant’anni, lo stile è il mio giardino e io, a questo, lavorerò fino al tramonto”.  Adami è indubbiamente uno degli artisti italiani più noti internazionalmente. La pittura – e i disegni! – di Valerio Adami sono stati affrontati, approfonditi, narrati, discussi e consegnati alla storia dell’arte da una quantità di critici, storici, poeti, scrittori e filosofi (uno fra tutti: Jacques Derrida). A noi sembra interessante riproporre, qui, un corposo testo anni sessanta di un altro grande pittore e scrittore che crescette – si può forse dire, data la loro lunga amicizia – con Valerio Adami e percorse quegli anni del dopoguerra e della ricostruzione che furono decisivi per lo sviluppo di una generazione molto solida di artisti. (Per il testo ringraziamo Spazio Tadini di Milano, sede dell’Archivio Emilio Tadini, che ha voluto cortesemente concedercene l’utilizzo). Emilio Tadini, Adami (per una mostra alla Galleria L’Attico, Roma, 1965) > Il buon selvaggio, naturalmente, non sapeva di essere né buono né selvaggio: il segreto della sua innocenza e della sua naturalezza era anche lì, nel suo non sapere. Questi buoni selvaggi che sono, in genere, i pittori americani di ieri e di oggi – la cui bontà, è logico, si riferisce ad una moralità più attuale, e la cui innocenza è debitamente più violenta – sanno benissimo di esserlo. E questo non fa che favorire la loro operazione di conquista. Non sto cercando miseramente di demolire con una battuta alcune tra le situazioni più clamorose della pittura di oggi. Credo di rendermi conto di certe esigenze reali, al di là della massiccia attività di mercato, spietatamente fedele a quel mito della novità sovrastrutturale (della carrozzeria, potremmo dire) che è alla base della civiltà dei consumi: tanto è vero che si sta cercando di infilare a forza nel colombario del museo il corpo ancora vivo e recalcitrante della pop-art, per mettere in circolazione al suo posto la op-art, nata – o scoperta – ieri.  >>  Continua a leggere

THE LAST SUPPER – L’ultima Cena di Andy Warhol a Palazzo Magnani di Reggio Emilia: dal 31 marzo al 15 aprile

Andy Warhol, L'Ultima Cena The Last Supper, acrilico su tela, 100 x 100 cm, Gruppo Credito Valtellinese, a Palazzo Magnani, Reggio Emilia

Andy Warhol: THE LAST SUPPER / L’ultima Cena – Da sabato 31 marzo  e fino al 15 aprile 2012, Palazzo Magnani di Reggio Emilia (click: MAPPA) ospita The Last Supper, una delle opere più significative nella produzione di Andy WarholThe Last Supper è una interpretazione straordinaria del Cenacolo di Leonardo da Vinci, realizzata da Andy Warhol nel 1986. L’evento, che cade nel 25° anniversario della morte di Warhol, è parte del progetto Arte in Agenda. A tu per tu con… ideato e promosso dalla Fondazione Palazzo Magnani. >> Continua a leggere

IL GEROGLIFICO DI UN SOFFIO tracce dell’attore di Jerzy Grotowski: Casa dei Teatri – Villa Doria Pamphilj, Roma

Serge Ouaknine, disegni - partitura grafica - realizzati per Principe Costante

IL GEROGLIFICO DI UN SOFFIO – TRACCE DELL’ATTORE DI JERZY GROTOWSKI: DISEGNI E NOTE DI SERGE OUAKNINE. FILM IL PRINCIPE COSTANTE di Ferrucio Marotti. A cura di Guido Di Palma e Luisa Tinti. CASA DEI TEATRI e SCUDERIE (click: INFO), Roma, da sabato 24 marzo al 3 maggio 2012.  C’è una linea che unisce l'”incantazione” di Antonin Artaud “Fare la metafisica del linguaggio articolato significa indurlo ad esprimere ciò che di solito non esprime (…) restituirgli le sue possibilità di scuotimento fisico, significa frazionarlo e distribuirlo attivamente nello spazio, significa prendere le intonazioni in modo assolutamente concreto restituendo loro il potere originario di sconvolgere e di manifestare effettivamente qualcosa, significa ribellarsi al linguaggio e alle fonti bassamente utilitarie, alimentari si potrebbe dire, alle sue origini di bestia braccata, significa infine considerare il linguaggio sotto forma di Incantazione” (A. Artaud, Il teatro e il suo doppio) a questa mostra romana che è gioiello da non perdere. Questa linea passa dal Teatr 13 Rzedów (Teatro delle Tredici File …di poltrone) al Teatr Laboratorium con il quale – all’inizio degli anni Sessanta –  Grotowski ha avviato una piccola rivoluzione. Tale rivoluzione ha riguardato il Teatro e – sinteticamente e complessivamente – l’Arte. >> Continua a leggere

Art 43 Basel, 2012: la più importante Mostra internazionale d’arte, dal 14 al 17 giugno

A Gentil Carioca Rodrigo Torres Uns trocados (Some change), 2009 Courtesy of the artist and A Gentil Carioca, Courtesy of Art Basel

Art 43 Basel, che si terrà a Basilea, in Svizzera, da giovedì 14 al 17 giugno 2012, presenterà nuovamente una selezione di prim’ordine delle gallerie più autorevoli e d’avanguardia di tutto il mondo. Ai primi di giugno, Art Basel segna l’appuntamento estivo del mondo dell’arte internazionale, accolto dalla città di Basilea, che per secoli è stata una capitale culturale. MAE Milano Arte Expo seguirà “in diretta” la manifestazione dando largo spazio alle gallerie e agli artisti e ai curatori presenti, con report dettagliati e interviste. > c. stampa > Quest’anno, più di 300 gallerie di 36 paesi in sei continenti esporranno opere di oltre 2500 artisti del XX e del XXI secolo. Selezionate tra le quasi 1000 candidature dall’Art Basel Committee, una Giuria internazionale composta da rinomati galleristi, esse comprendono 73 gallerie provenienti dagli Stati Uniti; 55 dalla Germania; 31 dalla Svizzera; 29 dalla Gran Bretagna; 28 dalla Francia; 15 dall’Italia; 9 dal Belgio; 6 dall’Austria, dal Giappone e dalla Spagna; 4 dal Brasile, dalla Cina e dai Paesi Bassi; 3 dal Messico, dalla Norvegia e dalla Polonia; 2 dal Canada, dalla Danimarca, dal Dubai, dall’India e dal Sudafrica … >> Continua a leggere

PICASSO E VOLLARD Il genio e il mercante: Venezia, Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti, Palazzo Cavalli Franchetti, 6 aprile – 8 luglio 2012

Pablo Picasso, La Minotauromachia, 1935 Acquaforte e raschietto, Collezione privata © Succession Picasso, by SIAE 2012

Per la prima volta in Italia, nelle sale dell’Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti (clicca: MAPPA), 150 opere racconteranno l’intenso rapporto tra il mercante d’arte Ambroise Vollard e quello che diventerà il più grande artista del XX secolo.  Da venerdì 6 aprile all’8 luglio 2012, la mostra PICASSO e VOLLARD. Il genio e il mercante che  illustra il lungo  e contrastato sodalizio intercorso tra il mercante d’arte Ambroise Vollard e Pablo Picasso> c. stampa > L’iniziativa, ideata e organizzata da GAmm Giunti in collaborazione con l’Istituto Veneto di Scienze Lettere ed Arti, curata da Claudia Beltramo Ceppi, propone, nelle sale di Palazzo Franchetti, un percorso espositivo con oltre 150 opere, tra cui la serie completa delle 100 incisioni della Suite Vollard, la Minotauromachia, forse l’assoluto capolavoro grafico di Picasso, le 30 acqueforti originali per l’Histoire Naturelle di Buffon, le acqueforti dei Saltimbanchi. >> Continua a leggere

Avanguardie russe – Malevič, Kandinskij, Chagall, Rodčenko, Tatlin e gli altri: 5 Aprile – 2 Settembre 2012, al Museo dell’Ara Pacis, Roma

Al Museo dell’Ara Pacis a Roma verranno realizzati lavori di ridistribuzione degli spazi. Si otterranno oltre 1000 mq per le mostre temporanee e saranno riallestiti i reperti archeologici con apparati multimediali all’avanguardia. A sei anni dalla sua inaugurazione – dopo essere stato visitato da oltre 1 milione e mezzo di persone – il Museo dell’Ara Pacis, progettato dallo studio dell’architetto statunitense Richard Meier, si rinnova. > c. stampa > I lavori di sistemazione e riallestimento del museo, progettati e diretti da Zètema Progetto Cultura con i consulenti italiani dello studio Richard Meier & Partners Architects e il coordinamento dell’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico – Sovraintendenza ai Beni Culturali di Roma Capitale, dopo una breve chiusura al pubblico dal 26 marzo al 4 aprile, consentiranno di riaprire in grande stile con la mostra “Avanguardie russe” (dal 5 Aprile al 2 Settembre 2012, con una presentazione alla stampa prevista il 4 aprile)70 opere di 24 artisti tra cui Chagall, Kandinskij, Rodčenko, Malevič, Tatlin , Lentulov, Falk. >> Continua a leggere

EMANUEL GAT A MILANO, martedì 20 marzo 2012

Emanuel Gat

IL COREOGRAFO ISRAELIANO A MILANO A SPAZIO TADINI PER IL PROGETTO “SPAZIO, CORPO E POTERE”  Spazio Tadini con il progetto Spazio, corpo e potere ospita Emanuel Gat, per la prima volta a Milano, martedì 20 marzo 2012 ore 20:45. Il coreografo israeliano Emanuel Gat sarà ospite del ciclo di interviste dal vivo Spazio, corpo e potere. Emanuel Gat è considerato un purista della danza, in cui spicca tutta la sensualità e la fisicità del movimento, ed è, oggi, uno dei maggiori coreografi a livello internazionale.  >>

Continua a leggere

DADAMAINO – L’Assoluta leggerezza dell’essere, Cortina Arte, 2008: continua il progetto 1000 MOSTRE di MAE Milano Arte Expo

Dadamaino: “Lucio Fontana ha avuto un ruolo determinante nella mia pittura; […] Se non fosse stato Fontana a perforare la tela, probabilmente non avrei osato farlo neppure io. Si asportava totalmente la materia, al punto da rendere visibili anche parti della tela, per eliminare ogni elemento materiale, per privarla di ogni retorica e ritornare così alla tabula rasa, alla purezza. Così sulle tele pulite operai grandi squarci ovoidali, a volte uno solo, grande come tutto il quadro. Dopo questo atto liberatorio rimasi perplessa sul come proseguire. Il come lo trovai interessandomi al futurismo…“. Con queste parole programmatiche, cariche delle frequentazioni intense di Emilia Maino (poi Eduarda, detta Dada e, infine, Dadamaino) della fine degli anni ’50 – a cominciare dal bar Giamaica a Milano nel “fecondissimo” quartiere milanese di Brera – introduciamo questa ulteriore pubblicazione del progetto 2012/2015: 1000 MOSTRE on line MAE Milano Arte Expo (blogzine della Casa Museo Spazio Tadini). In accordo con Stefano Cortina, segue per intero (180 pagine), qui, la monografia “Dadamaino”, del 2008, edita da Cortina Arte Edizioni in occasione della mostra “Dadamaino – L’Assoluta leggerezza dell’essere” presso L’Associazione Culturale Renzo Cortina di Milano. >> Continua a leggere

CECILIA VISSERS – Masters & Pelavin, New York – Galerie Nouvelles Images, Den Haag

Due mostre di Cecilia Vissers (1964, Beverwijk) : ULTIMA THULE (THE FAR NORTH) alla Masters&Pelavin, New York  fino al 31 marzo 2012 e THE MATCH (insieme a Ditti Ketting) alla Galerie Nouvelles Images a Den Haag (Paesi Bassi), fino all’11 aprile. Testo per MAE Milano Arte Expo di Jean Luc Neverborn >  Si può indicare velocemente una qualità delle opere di Cecilia Vissers, dicendo che posseggono Gusto.  Gusto come sintesi culturale di un intero secolo d’arte – e di design e architettura  – che ci ha messo a disposizione una Forma quotidiana  per la quale Bello e Razionale sono diventati, dopo lunga convivenza, coppia di fatto.  Si può ammirare la semplicità delle opere di Cecilia Vissers e approvarne la capacità di sfuggire all’Horror vacui dominante in molte correnti di pensiero artistico. I quadri/scultura di Cecilia hanno leggerezza di farfalla e corpo d’acciaio. … >> Continua a leggere

L’istruttoria – di Peter Weiss: capolavoro teatrale in scena al Teatro Elfo Puccini di Milano, regia Gigi Dall’Aglio

L’Istruttoria di Peter Weiss – al Teatro Elfo Puccini di Milano (clicca: MAPPA), sala Fassbinder – è in scena dal 13 al 25 marzoL’Istruttoria è uno dei più alti esempi di teatro documento che la drammaturgia contemporanea abbia prodotto, è lo spettacolo-cult di Fondazione Teatro Due, presentato da 28 anni ininterrottamente come fondamentale appuntamento con la memoria. Spettacolo visto da generazioni di spettatori (945 repliche per quasi 150.000 spettatori), che ha visto cambiare il pubblico – la sua coscienza – la storia politica e che ha visto crescere i suoi interpreti. Regia Gigi Dall’Aglio. Con Roberto Abbati, Paolo Bocelli, Cristina Cattellani, Laura Cleri, Gigi Dall’Aglio, Pino L’Abbadessa, Milena Metitieri, Tania Rocchetta. >> Continua a leggere

ARTE PROGRAMMATA E CINETICA DA MUNARI A BIASI A COLOMBO E … : Roma, Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea

GNAM Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea, a Roma (click: MAPPA) apre da venerdì 23 marzo al 27 maggio 2012 la mostra ARTE PROGRAMMATA E CINETICA DA MUNARI A BIASI A COLOMBO E … (conferenza stampa giovedì 22 marzo alle ore 12.00. Inaugurazione giovedì 22 marzo ore 18.00 ). > c. stampa >  Il “gruppo”, fulcro delle poetiche dell’arte programmata e cinetica, rappresenta la sigla sotto la quale far convergere una metodologia collettiva di lavoro. Tuttavia, già nella prima metà degli anni Sessanta i gruppi cominciano a sciogliersi e si fanno avanti gli individualismi che il concetto stesso di arte comporta. Nella mostra, a documentare queste posizioni, si è scelto di partire dalle varie individualità artistiche, cominciando da colui che è considerato il padre del movimento: Bruno Munari che, pur non facendo parte di alcun gruppo, ha partecipato assiduamente a manifestazioni espositive dei gruppi non solo italiani. La stessa individualità, pur nella sintonia con le premesse metodologiche ed estetiche dei gruppi, è riservata a Enzo Mari e a Getulio Alviani. Particolare rilievo, inoltre, è stato dato ad Alberto Biasi e Gianni Colombo, i capofila del gruppo N di Padova e del gruppo T di Milano, che hanno continuato ad avere nei decenni a seguire una grande risonanza anche internazionale. Con loro non potevano mancare tutti gli altri componenti dei gruppi N, Edoardo Landi, Toni Costa, Ennio Chiggio, Manfredo Massironi, e T, Giovanni Anceschi, Davide Boriani, Gabriele De Vecchi, Grazia Varisco. >> Continua a leggere

Winfred GAUL – alla Fondazione Zappettini la mostra dedicata a uno dei fondatori negli anni Settanta della Pittura analitica

Winfred GAUL.Signal.1967. acrilico su tavola.90x90cm

Winfred GAUL - inaugura giovedì 3 maggio 2012, ore 17:30 – a cura di Alberto RIGONI – la mostra che Fondazione Zappettini di Milano  (click: MAPPA) dedica a uno dei fondatori negli anni Settanta della Pittura analitica.  Aperta fino al 29 giugno, l’esposizione propone una selezione di lavori di Winfred GAUL, protagonista di mezzo secolo di pittura in Germania, già presenti in mostre dell’epoca e provenienti da varie collezioni italiane. In primo piano saranno le celebri “Markierungen”, le minimali tracciature che il Maestro di Düsseldorf realizzò come passo decisivo verso il “grado zero” del linguaggio pittorico. > c. stampa > Continua a leggere

Giò Marconi presenta la prima personale di WILL BENEDICT: Bonjour Tourist – dal 14 aprile al 19 maggio 2012 a Milano

Will Benedict, Pro Choice, 2010, Gouache on foamcore, gouache on canvas, photocollage, glass, tape, 108 x 155 cm

La galleria Giò Marconi di Milano  (click: MAPPA) inaugura venerdì 13 aprile 2012 dalle 19.00 alle 22.00 (in occasione della notte bianca di MiArt) la prima personale di Will Benedict (1978, vive e lavora a Vienna). > c. stampa > Nel 2008 Will Benedict inizia la serie “Post Card”: imitando su foamcore – uno strato di poliuretano espanso racchiuso da 2 fogli di cartone bianco – il retro di una cartolina vuota, Will lavora sul tema della comunicazione e del ruolo della pittura nella contemporaneità. La linea verticale che separa lo spazio dell’indirizzo da quello del testo e il piccolo dipinto nell’angolo solitamente destinato al francobollo si prestano a questo gioco: spesso le sue “cartoline” non hanno un destinatario, o in alcuni casi si limitano o più genericamente al classico messaggio “Vorrei fossi qui”; altre invece, come quella per Silvio Berlusconi (2011), contengono una nota scritta a mano, poco leggibile, che recita “Buona fortuna con l’indigestione”… >> Continua a leggere

ARKEN Museum for Moderne Kunst – Una visita al museo di Copenhagen, Federica A. Sala

Damien Hirst, 2-Amino-5-Bromobenzotrifluoride, 2011. Photographed by Prudence Cuming Associates © Damien Hirst and Science Ltd. All rights reserved, DACS 2011. Gift from The Merla Art Foundation, London, 2011

Federica A. Sala – corrispondente di MAE Milano Arte Expo – ha visitato lo splendido museo ARKEN, progettato dall’architetto Søren Robert Lund e inaugurato nel 1996 in occasione della nomina di Copenhagen capitale europea della culturaFederica A. Sala >  Una visita al museo ARKEN trasporta ad una dimensione sospesa, dove tempo e spazio si incontrano distorti, parti di una relazione osmotica esclusiva che restituisce il senso del presente della società contemporanea. Fondato nel 1996 dalla regina Margherita di Danimarca, ha dimostrato sin da subito una marcata identità, che si manifesta visibilmente nella sua architettura: la forma richiama metaforicamente un’arca, spazio di preservazione; è una citazione materiale che pronuncia la sua propria definizione di arte, concetto la cui evoluzione non ha mai osservato arresto, come veicolo di redenzione in una realtà plasmata da materialismo e consumismo.  >> Continua a leggere

invia una mail a Milano Arte Expo

Milano Arte Expo 2013-2014

  • 843,215 visualizzazioni
Giacometti GAM Milano
Fuorisalone 2015
Storie Milanesi
Aste Milano
Chagall Milano
Salgado Milano
Ristoranti Milano - Boeucc
Arte Padova 2014
Chiara Ferragni
stampe d'autore

mercato dell’arte e prezzi

artprice
Rossosegnale B&B Milano
Expo Milano - arancio ROSSOSEGNALE Milano B&B Via Antonio Sacchini 18 bed and breakfast e galleria d’arte 3001 LAB (metro: M1 e M2)  +39.02.29527453 – Zona 3, recensione di Federicapaola Capecchi – Uno dei top bed and breakfast e galleria d’arte allo stesso tempo. > LEGGI
UPCYCLE Cafè Milano
UPCYCLE Cafè: urban bike cafè, Via Ampère 59, Milano. Ristorante, bar, ma anche centro di aggregazione per gli appassionati della bicicletta e del cibo biologico, dalle birre al liquore artigianale.   > LEGGI
WOW Museo del Fumetto
Expo Milano - arancio  WOW Spazio Fumetto: museo del fumetto, dell'illustrazione e dell'immagine animata. Milano, viale Campania 12 tel. 02 49524744 – 02 49524745. L'accesso è gratuito alle numerose esposizioni al Piano Terra, alla Biblioteca, al Bookshop e alla Caffetteria. ... > VAI AL SITO >
La Rava e La Fava ristorante - leggi la recensione
Expo Milano - arancio  La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano - I ristoranti sparsi per la città di Milano hanno tutti qualcosa da offrire, ma quando trovi quel posticino dove sei il benvenuto come se fosse la cucina di casa dello chef...  LEGGI >
car2go Milano car sharing
Car2go a Milano. Comincia una vera rivoluzione nel car sharing. Car2go permette di prelevare ovunque e di parcheggiare ovunque l’automobile a Milano...   > LEGGI
Le Canottiere Milano
Le Canottiere, Milano Alzaia Naviglio Grande: shopping vestiti e accessori per mamme e bambini – di Roanna Weiss - rubrica MILANO IN QUATTRO PASSI. Bilingue: italiano / inglese). Amo questa città!...  > LEGGI
CREATIVE ANTICHE CREDENZE, mobili d'epoca
Antiche Credenze: Oggetti Unici ed Esclusivi. Impronta ai nostri spazi con uno stile personale, valutando scelte fuori dagli standard. Un mobile antico - o solo vecchio - ripristinato o personalizzato con interventi decorativi, rientra in queste scelte con una soluzione che è a portata di mano e di portafoglio! Guarda dove siamo. Tel. 0243129275 - cell. 3401773602 - >LEGGI e GUARDA.
Milano design - 100FA Vintage
Milano design - Vintage: 100Fa propone arredi industriali, mobili da mestiere, da palestra, oggetti particolari.
L’origine: Francia ed Inghilterra, rigorosamente vintage.Vendita e noleggio. mail: info@100fa.it . MAPPA - Via Molino Delle Armi 48, Milano - Tel/Fax: +390258101184 - INFO E FOTO.

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

PressOffice specializzati in arte

PressOffice: Cristina Pariset T.+39 024812584 F +39 024812486 Cell.+39 3485109589 Email Pariset

CLP Relazioni pubbliche
Tel. +39 02433403 – fax +39 024813841
press@clponline.it

SPAINI & PARTNERS
via dell'Ordine di Santo Stefano 229
56128 Marina di Pisa (PI)
tel 050/310920 -36042
www.spaini.it cell 3473839137

Patrizia Cavalletti Comunicazione
Via Nazzareno Cristofani n.3
06135 Perugia, Ponte San Giovanni (PG)
Tel. + 39 075 5990443 Mob. +39 348 3386855
Skype: monteverdi333
info@patriziacavalletticomunicazione.it
www.patriziacavalletticomunicazione.it

Clicca per iscriverti a questo notiziario e ricevere news per e-mail.

Unisciti agli altri 1.817 follower

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.817 follower