//
reading...
Alessandro Negrini, Archimedia, Casa del Cinema Roma, Cinema, cortometraggi, Giusi Alessio, IRISH FILM FESTA, IRISHFILMFESTA, Neil Jordan, Parked Darragh Byrne, Rewind PJ Dillon, Single Handed, Stephen Rea, Thaddeus O’Sullivan, The Ballad of Des & Mo, The Butcher Boy, The Guard John Michael McDonagh, The Pier Gerard Hurley, The Runway di Ian Power, Zètema Progetto Cultura

IRISH FILM FESTA V edizione: alla Casa del Cinema di Roma 1 – 5 dicembre

Il meglio del cinema irlandese contemporaneo per la V edizione dell’IRISHFILMFESTA alla Casa del Cinema di Roma. V EDIZIONE ROMA, 1 – 5 DICEMBRE 2011, Casa del Cinema, largo Marcello Mastroianni, 1 (clicca: MAPPA), INGRESSO LIBERO. Dall’1 al 5 dicembre torna a Roma l’IRISHFILMFESTA, l’appuntamento dedicato alla cinematografia irlandese, giunto quest’anno alla V edizione e ospitato dalla Casa del Cinema di Roma, struttura promossa dall’Assessorato alle Politiche Culturali e Centro Storico di Roma Capitale con la collaborazione dell’Assessorato alla Cultura, Arte e Sport della Regione Lazio per la direzione artistica di Caterina d’Amico e la gestione di Zètema Progetto Cultura.IL MEGLIO DEL CINEMA IRLANDESE CONTEMPORANEO / IL SERGENTE BRENDAN GLEESON E L’AGENTE FBI DON CHEADLE ‘STRANA COPPIA’ DI THE GUARD / NEL DOC BLAZING THE TRAIL I PRIMI FILM AMERICANI GIRATI IN EUROPA / SINGLE HANDED – LA POPOLARE SERIE TV IRLANDESE ALLA QUARTA STAGIONE / IN PARKED LA PIAGA SOCIALE DEGLI HOMELESS NELLA GRANDE INTERPRETAZIONE DI COLM MEANEY / CONCORSO CORTOMETRAGGI, 10 TITOLI IN LIZZA / SU THE BUTCHER BOY (NEIL JORDAN) MASTERCLASS DI STEPHEN REA, OSPITE D’ONORE DEL FESTIVAL

In programma, come sempre, una panoramica di opere recenti e recentissime che danno conto della varietà di temi, generi e suggestioni del cinema irlandese contemporaneo. Titoli per lo più inediti, che saranno accompagnati a Roma da attori, produttori e registi ancora in larga parte sconosciuti al pubblico italiano, ma spesso già noti alle platee dei festival internazionali.

La serata inaugurale del festival propone The Guard opera prima di John Michael McDonagh (fratello di Martin, l’autore di In Bruges). Premiato come miglior film al festival di Galway 2011 e come miglior film d’esordio al Festival di Berlino, The Guard ha già battuto il record d’incassi in Irlanda, superando anche Il vento che accarezza l’erba di Ken Loach.Al centro della vicenda il burbero e irrispettoso sergente Gerry Boyle (interpretato da Brendan Gleeson) e l’agente dell’FBI (il candidato all’Oscar Don Cheadle) sono alle prese con un’indagine sul traffico internazionale di cocaina.

Largo spazio ad altre opere prime. The Runway di Ian Power, miglior lungometraggio irlandese a Galway nel 2010, si ispira alla vera vicenda di un pilota che nel 1983 dopo un atterraggio di fortuna nella cittadina di Mallow, a sud dell’Irlanda, venne aiutato a costruire una pista di decollo dagli abitanti del posto.

Esordio nel lungometraggio anche per Darragh Byrne, già conosciuto documentarista, con Parked, anch’esso appena premiato al Galway Film Fleadh (miglior opera prima). Il film, nel narrare l’amicizia tra il senzatetto Fred Daly e il suo irruente vicino, un tossicodipendente di 21 anni, deciso a travolgere Fred con la sua allegria e il suo ottimismo, rende l’attuale situazione sociale irlandese con estremo realismo. Nel ruolo di Fred, Colm Meaney (The Commitments, Star Trek, Con Air) dà prova di grande versatilità, dando vita a un personaggio assai diverso da quelli per cui è conosciuto.

Direttore della fotografia per numerosi lavori tra cui lo stesso The Runway, PJ Dillon firma la sua prima opera da regista con Rewind, storia delle difficoltà di Karen, alcolista in cura ed ex-tossicodipendente, a lasciarsi alle spalle un passato da cui in tutti i modi cerca di fuggire.

Di background fotografico anche Conor Horgan, che dopo numerosi spot pubblicitari e corti di successo dirige il film One Hundred Mornings, in programma al Festival. La vicenda, ambientata in un mondo stravolto da un completo collasso della società civile, ruota attorno a due coppie che si rifugiano in una capanna nei pressi di un lago sperando di sopravvivere alla crisi.

Il difficile rapporto tra un padre irlandese e suo figlio di ritorno dall’America è invece al centro del sorprendente The Pier di Gerard Hurley, girato a Cork e che ha riscosso notevoli consensi all’anteprima del Galway Film Fleadh quest’anno. Fra gli interpreti, l’attrice del cinema indipendente americano Lily Taylor.

Una nuova scommessa produttiva per James Fair è The Ballad of Des & Mo, che racconta l’avventura vissuta a Melbourne da Des e sua moglie Mo (cui dà volto Kate O’Toole, figlia di Peter O’Toole) nel corso della loro seconda luna di miele. Il film è stato girato, montato e proiettato nell’arco di soli tre giorni al festival di Melbourne dello scorso anno. James Fair, docente universitario e film-maker non nuovo a questo genere di esperimenti, sarà all’IRISHFILMFESTA per spiegare come ha realizzato il progetto.

Nel programma di IRISHFILMFESTA anche una serie televisiva di successo: Single Handed cheè ambientata nell’ovest del Paese, e ruota intorno alla vita del sergente di polizia Jack Driscoll. In onda dal 2007 sulla rete RTÉ, la serie – parzialmente ispirata ad alcune vicende di corruzione nel corpo di polizia del Donegal – è arrivata alla quarta stagione. Al festival si vedrà l’episodio The Lost Sons (diretto da Thaddeus O’Sullivan), per la cui interpretazione Stephen Rea ha vinto quest’anno l’Irish Film and Television Award come miglior attore non protagonista.

Proprio Stephen Rea sarà l’ospite d’onore di IRISHFILMFESTA 2011: la sua Masterclass farà seguito alla proiezione di The Butcher Boy (di Neil Jordan, 1998, inedito nelle sale italiane), titolo scelto dallo stesso Rea come ‘Irish Classic’ di questa edizione e considerato il miglior film irlandese di tutti i tempi.

Ancora dal piccolo schermo proviene Jack Taylor: The Pikemen di Stuart Orme, il tv movie basato sui romanzi di Ken Bruen: ex poliziotto, ora investigatore privato, Jack Taylor (Iain Glen) ritorna a Galway dopo essere stato via per un anno. Disintossicato e ben deciso a stare lontano dall’alcool e dai problemi è costretto a intervenire quando un uomo viene brutalmente assassinato da un gruppo di vigilantes locali che si fanno chiamare The Pikemen.

Anche quest’anno il festival conferma la grande attenzione per il documentario, con due titoli: Blazing The Trail di Peter Flynn, la storia di alcuni pionieri americani del cinema guidati dall’attore e regista Sidney Olcott e dall’attrice e sceneggiatrice Gene Gauntier, che fra il 1910 e il 1915 hanno realizzato nella regione irlandese del Kerry circa trenta film su soggetti locali. Si tratta dei primi film americani girati in Europa.

Del regista e poeta italiano Alessandro Negrini, dal 2001 trasferitosi in Nord Irlanda, l’altro documentario in programma: Paradiso, ambientato nel Fountain, quartiere nel pieno centro della città di Derry nell’Irlanda del Nord, un tempo vitale e popoloso grazie anche alla presenza delle maggiori sale da ballo, oggi quasi disabitato, un ghetto in procinto di scomparire dietro il muro di sicurezza eretto durante i Troubles.

Oltre alla rassegna di lungometraggi, IrishFilmFesta propone una sezione competitiva interamente dedicata ai cortometraggi. Il corto vincitore, decretato da una giuria di professionisti del settore, sarà premiato nel corso della serata conclusiva del Festival. Anche il pubblico avrà la possibilità di scegliere il suo corto preferito attraverso una votazione in sala.

IRISHFILMFESTA nasce nel 2007 per promuovere la cinematografia irlandese in Italia. Prodotto dall’associazione culturale Archimedia, è stato creato ed è diretto da Susanna Pellis, specialista di cinema irlandese. IRISHFILMFESTA è realizzato in collaborazione con Irish Film Institute e con il sostegno di Culture Ireland e Tourism Ireland, con il patrocinio dell’Ambasciata irlandese in Italia.

Per informazioni: www.irishfilmfesta.org – info 

Dove Casa del Cinema Largo Marcello Mastroianni, 1
Parking: Parcheggio di Villa Borghese
La Casa del Cinema è accessibile ai visitatori disabili
Informazioni tel. 060608 www.casadelcinema.it www.060608.it
Come raggiungerci Autobus (fermate accanto alla Casa del Cinema su Viale San Paolo del Brasile) Linee 490 – 491 – 495 – C3 – 88 – 95 – 116; Metropolitana Linea A (fermate Spagna-Villa Borghese, Barberini, Flaminio, Piazza del Popolo)
Biglietti Ingresso gratuito
In collaborazione con Rai; Rai Cinema 01 distribution; Banche tesoriere di Roma Capitale: BNL Gruppo BNP Paribas, Unicredit, Banca Monte dei Paschi di Siena
Sponsor tecnici Deluxe; Kodak
Partner tecnologico Cinemeccanica
Bar ristorante Cinecaffé – Casina delle Rose tel. 06 42016224Il Cinecaffé – Casina delle Rose è aperto tutti i giorni dalle ore 9.00 alle ore 20.00-

IRISH FILM FESTA 2011

Programma

Casa del Cinema – Sala Deluxe

Giovedì 1 Dicembre

16:30 Proiezione speciale:

BLAZING THE TRAIL (P. Flynn, 2011 – documentario, 86’)

[seguirà il film breve del
1912, His Mother (10’)]

20:30 THE GUARD (J.M. McDonagh, 2011 – 86’)

[prima del film, proiezione del
corto Atlantic (4’)]

22:30 REWIND (P.J. Dillon, 2010 – 90’)

[prima del film, proiezione del
corto Shoe (13’)]

Venerdì 2 Dicembre

16:00 PARADISO (A. Negrini, 2010 – documentario, 60’)

a seguire: Q&A con il regista Alessandro Negrini

[prima del film, proiezione del
corto Story of One (6’)]

17:30 Proiezione di tutti i cortometraggi in concorso (sala Kodak)

18:00 THE BALLAD OF DES & MO (J. Fair, 2010 – 75’)

a seguire: Lezione di cinema del regista James Fair

[prima del film, proiezione del
corto The Situation Is (8’)]

21:30 ONE HUNDRED MORNINGS (C. Horgan, 2010 – 88’)

[prima del film, proiezione del
corto Ticket to Ride (8’)]

Sabato 3 Dicembre

16:00 Irish Classic (scelto da Stephen Rea)

THE BUTCHER BOY (N. Jordan, 1998 – 110’)

a seguire:

“The Acting Game” - Incontro con Stephen Rea

20:30 PARKED (D. Byrne, 2011 – 90’)

[prima del film, proiezione del
corto Signs (3’)]

22:30 SINGLE HANDED 4 – THE LOST SONS (T. O’Sullivan, 2010 – serie tv, 100’)

[prima del film, proiezione del
corto The Christening (14’)]

Domenica 4 Dicembre

16:00 THE RUNWAY (I. Power, 2010 – 95’)

[prima del film, proiezione del
corto Loft (5’)]

18:30 THE PIER (G. Hurley, 2011– 83’)

a seguire: Q&A con il regista Gerard Hurley

[prima del film, proiezione del corto Procrastination
(5’)]

-

-

SCHEDE DEI FILM:

IRISH CLASSIC
THE BUTCHER BOY
(Ireland, USA, 1997)

Director: Neil Jordan; screenplay: Neil Jordan, Patrick McCabe; cinematography: Adrian Biddle; editing: Tony Lawson; production design: Anthony Pratt; costumes Sandy Powell, Eimer Nì Mhaoldomhnaigh; musiche: Elliot Goldenthal; producers: Redmond Morris, Stephen Wolley; production companies: Geffen Pictures, Warner Brothers; Irish location: Co. Monaghan, Dublin; duration: 110’
Cast: Eamonn Owens, Stephen Rea, Aisling O’Sullivan, Fiona Shaw, Alan Boyle, Brendan Gleeson, Ian Hart, Sean McGinley, Milo O’Shea, Sinead O’Connor, Stuart Graham, Gerard McSorley

In una piccola città irlandese dei primi anni Sessanta, il dodicenne Francie Brady e il suo amico del cuore Joe vivono in un mondo di fantasia, pieno di avventure e di cowboys, alimentato dall’arrivo della televisione e dalla eccitante e confusa consapevolezza dell’inizio dell’era atomica. Ma la realtà per Francie è tristemente e violentemente molto diversa dalla sua immaginazione. Una storia di follia e omicidio, di lotta di classe e superstizione religiosa, tratta da un romanzo di Patrick McCabe, che Neil Jordan porta sullo schermo con grande forza visionaria. The Butcher Boy è considerato il miglior film irlandese di tutti i tempi.

Nato a Sligo nel 1950, scrittore e regista, Neil Jordan è il più noto cineasta irlandese. Il suo primo lungometraggio è stato Angel, del 1982. Molte delle sue opere successive sono legate all’Irlanda: Un amore, forse due (The Miracle, 1991); La moglie del soldato (The Crying Game, 1993, premio Oscar per la miglior sceneggiatura originale); Michael Collins (1996, Leone d’Oro al Festival di Venezia); The Butcher Boy (1998); Breakfast on Pluto (2006), Ondine (2009). Come scrittore ha pubblicato finora una raccolta di racconti brevi e quattro romanzi.

THE BALLAD OF DES & MO (United Kingdom, Australia, Ireland 2010)

Director: James Fair; screenplay: James Fair (based on a story by James Fair & Irune Gurtuba); script editing: Olivia Clarke, James Smith, Anne Sofie Baekdal Brauner, Ben Arntz, Ivor King; cinematography: John Bradburn; editing: Gareth Nolan, Andy Paton, Jim McElroy, Jim McLeish; producer: Gary Hoctor; production: Hello Camera, 72 Hour Movie Project; duration: 75’
Cast: Michael F. Cahill, Kate O’Toole, Don Bridges, Jennifer Hall, Anita Clements

Des e Mo (Michael F. Cahill e Kate O’Toole) sono due coniugi irlandesi che, atterrati a Melbourne per una seconda luna di miele, scoprono che il loro bagaglio è stato smarrito. I problemi aumentano per un problema con la carta di credito che li costringe a pernottare in un ostello. Quando Des viene arrestato per oltraggi allo staff dell’aeroporto e Mo è costretta a impegnare l’anello per pagare la cauzione, tutto sembra precipitare. Invece, grazie a incontri inaspettati il loro secondo viaggio di nozze si trasforma in una vera e propria avventura. The Ballad of Des & Mo è stato girato, montato e proiettato nell’arco di soli tre giorni al festival di Melbourne lo scorso anno.

James Fair insegna Film Technology alla Staffordshire University, in Gran Bretagna, ed è un filmmaker indipendente. Particolarmente interessato ai modi di produzione cinematografica alternativa, ha girato, montato e presentato in sole 72 ore i lungometraggi Watching & Waiting (Galway Film Festival del 2008), e The Ballad of Des & Mo (Melbourne International Film Festival, 2010).

THE GUARD (Ireland, United Kingdom 2011)

Director: John Michael McDonagh; screenplay: John Michael McDonagh; cinematography: Larry Smith; editing: Chris Gill; production design: John Paul Kelly; costumes: Eimer Nì Mhaoldomhnaigh; casting: Jina Jay; producers: Chris Clark, Flora Fernandez-Marengo, Ed Guiney, Andrew Lowe; production companies: Reprisal Films, Element Pictures; Irish location: Co. Galway; Italian distribution: Eagle Pictures; duration: 96’
Cast: Brendan Gleeson, Don Cheadle, Liam Cunningham, David Wilmot, Rory Keenan, Mark Strong, Fionnula Flanagan, Gary Lydon, Pat Shortt, Lawrence Kinlan, Darren Healy, Mark O’Halloran

Gerry Boyle (Brendan Gleeson) è un sergente di polizia di una piccola cittadina dell’Irlanda dell’Ovest. Ha una personalità aggressiva, un umorismo sovversivo, una madre morente, molta simpatia per le prostitute. E nessuna intenzione di indagare sul traffico internazionale di cocaina che ha portato fin lì l’agente dell’FBI Wendell Everett (Don Cheadle).

Miglior Film Galway Film Festival 2011.

John Michael McDonagh è nato e cresciuto a Elephant & Castle, a South London, da genitori irlandesi. John e suo fratello minore, il commediografo e regista Martin McDonagh (In Bruges) hanno studiato in Inghilterra, ma tornavano frequentemente in Irlanda per andare a trovare i loro genitori. Nel 2000, John M. McDonagh ha scritto, prodotto e diretto il suo primo cortometraggio, The Second Death. Tre anni dopo, la sua sceneggiatura del film Ned Kelly (di Gregor Jordan), con Heath Ledger nel ruolo del leggendario fuorilegge australiano, gli è valsa le nomination dell’Australian Film Institute e dal Film Critics’ Circle of Australia.The Guard è il suo primo lungometraggio.

JACK TAYLOR: THE PIKEMEN (Ireland, Germany 2010) tv movie

Director: Stuart Orme; screenplay: Marteinn Thorisson; cinematography: John Conroy; editing: Helen Chapman; production design: Derek Wallace; producers: Clodagh Freeman, Ralph Christians; production company: Magma Productions; Irish location: Galway; duration: 90’
Cast: Iain Glen, Tara Breathnach, Stuart Graham, Paraic Breathnach, Nora-Jane Noone

Ex poliziotto, ora investigatore privato, Jack Taylor (Iain Glen) ritorna a Galway dopo essere stato via per un anno. È disintossicato e ben deciso a stare lontano dall’alcool e dai guai. Ma quando un uomo viene brutalmente assassinato da un gruppo di vigilantes locali che si fanno chiamare The Pikemen, Jack è costretto a intervenire.

Tv movie ispirato ai romanzi di Ken Bruen.

Lo scrittore Ken Bruen è nato a Galway nel 1951, dove vive attualmente. Dopo aver completato un dottorato di ricerca in Metafisica ha trascorso 25 anni come insegnante di inglese in Africa, Giappone, Asia e Sud America. The Guards, il suo primo romanzo della serie di Jack Taylor, è stato pubblicato nel 2001 ed è diventato un bestseller internazionale. Gli altri della serie sono The Killing of the Tinkers, The Magdalen Martyrs, The Dramatist, Priest, Cross, Sanctuary, The Devil, Headstone.

Ken è anche autore di romanzi polizieschi ambientati a Londra. Uno di questi, London Boulevard, è stato portato al cinema da William Monahan e interpretato da Colin Farrell e Keira Knightly.

ONE HUNDRED MORNINGS (Ireland 2010)

Director: Conor Horgan; screenplay: Conor Horgan; cinematography: Suzie Lavelle; editing: Frank Reid; production design: Lucy Van Lonkhuyzen; producer: Katie Holly; production company: Blinder Films; Irish location: Wicklow; duration 88’
Cast: Alex Reid, Rory Keenan, Kelly Campbell, Paul Ronan, Robert O’Mahoney

In un mondo stravolto dal completo collasso della società civile, due coppie si rifugiano in una capanna nei pressi di un lago sperando di sopravvivere alla crisi. Via via che le risorse scarseggiano e che aumentano le minacce esterne, ciascuno di loro si trova di fronte a una decisione critica che non avrebbe mai pensato di dover prendere.

Conor Horgan è un fotografo che negli anni Novanta ha iniziato a dirigere spot pubblicitari. Dopo averne realizzati più di settanta, ha deciso, nel 2004, di concentrarsi su cortometraggi e su documentari. Il suo primo corto, intitolato The Last Time (2003), è stato proiettato a decine di festival internazionali, fra cui il festival di Cannes. Altri suoi lavori sono i film sperimentali Happiness (2005) e Fear (2009), i documentari About Beauty (2008), e The Beholder (2010), il corto Deep End Dance (2010). One Hundred Mornings è il suo primo lungometraggio.

PARADISO (Northern Ireland 2010) documentary

Director: Alessandro Negrini; screenplay: Alessandro Negrini; cinematography: Odd-Geir Sæther; editing: Luca Benetti, Claire O’Neill; music: John Trotter, Roy Arbuckle; producer: Margo Harkin; production company: Besom Productions; Irish location: Derry; duration: 60’
Cast: May Hamilton, Kathleen McKane, Roy Arbuckle, The Signetts Showband

Il Fountain, nel pieno centro della città di Derry, Irlanda del Nord: un tempo quartiere vitale dove erano situate le maggiori sale da ballo, oggi un ghetto prigione in procinto di scomparire dietro il muro di sicurezza eretto durante la guerra nordirlandese.
Roy Arbuckle, musicista e troubadour, decide che è venuto il tempo di sfidare una delle mostruosità lasciate dal conflitto: la paura. Il suo piano e’ di riunire la sua vecchia showband ed i suoi frizzanti musicisti, oramai ultra settantenni, The Signetts, nel tentativo di organizzare una grande serata danzante e far ballare cattolici e protestanti nuovamente insieme. Come se non bastasse, per questo evento Roy decide di riaprire “The Mem”, a suo tempo la sala da ballo protestante più popolare in tutta la città.

Alessandro Negrini è un regista e poeta italiano. Nato a Torino, si definisce “regista per errore”. Ha trascorso la maggior parte degli ultimi anni ’90 viaggiando in Europa, e scrivendo, fino a trasferirsi nel 2001 in Irlanda del Nord. Prima di diventare regista ha lavorato come bidello in una scuola elementare, come rappresentante dello sconosciuto Circo Tribertis, come guida non accreditata in un museo e come distributore a domicilio di Pagine Gialle. I suoi lavori più conosciuti parlano di esclusione sociale, e sono una combinazione di documentari, fiction e poesia.

PARKED (Ireland, Finland 2011)

Director: Darragh Byrne; screenplay Ciaran Creagh; cinematography: John Conroy; editing: Guy Montgomery; production design: Owen Power; producers: Jacqueline Kerrin, Dominic Wright, Aleski Bardy; production companies: Ripple World Pictures, Helsinki Filmi Oy; Irish location: Dublin; duration: 90’
Cast: Colm Meaney, Colin Morgan, Milka Ahlroth, Stuart Graham, Michael McElhatton, David Wilmot

Tornato da poco in Irlanda, Fred Daly (Colm Meaney) non ha più una casa e vive in macchina, in un parcheggio affacciato sulla baia di Dublino. È un uomo solo, di mezza età, con poche speranze di migliorare la propria situazione: finché non incontra Cathal (Colin Morgan), un tossicodipendente di 21 anni, deciso a coinvolgerlo e travolgerlo con la sua allegria e il suo ottimismo.

Miglior opera prima Galway Film Festival 2011.

Nato in Irlanda, Darragh Byrne si è fatto conoscere come documentarista, lavorando vent’anni per la televisione nazionale irlandese RTÉ. Nel 1994 ha girato il suo primo cortometraggio, JFK in the Island of Dreams. Con Parked esordisce nel lungometraggio.

THE PIER (Ireland, USA 2011)

Director: Gerard Hurley; screenplay: Gerard Hurley; cinematography: Jesse Cain; editing: Frank Reid; production design: Antonia Spamatie; music: Maurice Seezer; producers: Gerard Hurley, Jim Stark; production company: Black Equus Film; Irish location: Co. Cork; duration: 83’
Cast: Karl Johnson, Gerard Hurley, Lili Taylor

Jack McCarthy (Gerard Hurley) ha lasciato l’Irlanda venti anni fa, quando un fallimento economico lo aveva costretto a partire precipitosamente per l’America. Adesso è richiamato a casa da suo padre Larry (Karl Johnson), che gli fa sapere di essere in punto di morte. Quando arriva, trova il padre in apparente piena forma, che sta giocando a golf: Jack si infuria ma avendo speso tutto per il viaggio, decide di restare. I due non si parlano da vent’anni, tornare a vivere insieme non sarà facile.

Gerard Hurley è andato via dall’Irlanda a quindici anni, per trasferirsi in Svizzera e lavorare con I cavalli. Nel 1987 si è stabilito negli Stati Uniti, lavorando prima nei giacimenti petroliferi dell’Oklahoma, poi facendo mille altri mestieri diversi, dal carpentiere al barista. All’inizio degli anni Novanta, collaborando alla realizzazione di film low budget a New York, ha cominciato ad appassionarsi alla scrittura cinematografica.
Nel 2008 ha scritto, diretto, interpretato e prodotto il suo primo film, The Pride, che affrontava la questione degli abusi domestici nella comunità nomade irlandese d’America. The Pier è il suo secondo film.

THE RUNWAY (Ireland, Luxembourg 2010)

Director: Ian Power; screenplay: Ian Power; cinematography: PJ Dillon; editing: Amine Jaber; production design: Ray Ball; producers: Macdara Kelleher, Brendan McDonald, Bernard Michaux; production companies: Fastnet Films, Poderosa Pictures, Lucil Films; Irish location: Co. Cork; duration: 95’
Cast: Demian Bichir, Kerry Condon, James Cosmo, Jamie Kierans, John Carpenter

The Runway si ispira alla storia vera di un pilota sudamericano che nel 1983 fece un atterraggio di fortuna su un prato vicino a Mallow, in Irlanda e che fu, inaspettatamente, aiutato dagli abitanti del posto a costruire una pista di decollo per poter ripartire. Una vicenda che monopolizzò per qualche tempo l’attenzione degli irlandesi, e che nel film è raccontata attraverso gli occhi di Paco, un bambino di nove anni. Cresciuto con la giovane madre, Paco è convinto che il padre che non ha mai incontrato sia un astronauta spagnolo e lavori per la NASA.

Miglior film irlandese al festival di Galway 2010.

Laureato con lode in Film & Television al Dublin Institute of Technology nel 1999, Ian Power ha diretto cortometraggi e spot pubblicitari, ricevendo diversi premi e riconoscimenti. È fra gli sceneggiatori della serie televisiva The Clinic, uno dei maggiori successi della televisione nazionale irlandese. Per produrre i propri film ha fondato la Poderosa Pictures. The Runway è il suo primo lungometraggio.

REWIND (Ireland 2010)

Director: PJ Dillon; screenplay: Ronan Carr, PJ Dillon, Roger Karshan; cinematography: Ken Byrne; editing: John Murphy, Brian Tucker; production design: Philip Murphy; producers: Alex Jones, John Wallace; production company: Carbon Films; Irish location: Co. Kildare; duration: 90’
Cast: Amy Huberman, Allen Leech, Owen McDonnell, Sophie Brosnan, Simon Delaney, Rachael Dowling

Karen (Amy Huberman) è un’alcolista in cura ed ex-tossicodipendente, si è costruita una nuova vita con il marito Brendan (Owen McDonnell) e la loro bambina. Quando Karl (Allen Leech), un ex fidanzato appena uscito di prigione, riappare nella sua vita portando con sé il ricordo di un passato oscuro, che invade e minaccia l’idilliaco presente, Karen è costretta a seguirlo in un mondo a cui pensava di essere sfuggita.

Laureato al Dublin Institute of Technology, PJ Dillon ha lavorato come direttore della fotografia e cameraman in film, serie televisive, spot pubblicitari, video musicali, documentari e cortometraggi. Ha vissuto a New York dal 1994 al 1999. I suoi lavori precedenti includono: Kings (2006, direttore della fotografia), 32A (2007, direttore della fotografia), An Ranger (2008, corto, regista), My Brothers e The Runway (2010, direttore della fotografia). Rewind è il suo primo lungometraggio da regista.

SINGLE HANDED 4 – The Lost Sons (Ireland, 2010) tv series

Director: Thaddeus O’Sullivan; screenplay: Barry Simners; cinematography: Darran Tiernan; production design: Derek Wallace; production companies: Element Pictures, Touchpaper Television Production for ITV and RTÉ; location: Co. Donegal; duration: 100‘
Cast: Owen McDonnell, Ruth McCabe, David Herlihy, Stephen Rea, Simone Lahbib, Matthew McNulty, Sean McGinley, Úna Kavanagh, Barry Barnes, Diarmuid Noyes

Single Handed è una serie della televisione nazionale irlandese RTÉ. Girata e ambientata nell’ovest del paese, ruota intorno alla vita del sergente di polizia Jack Driscoll (interpretato da Owen McDonnell). In onda dal 2007, la serie – parzialmente ispirata ad alcune vicende di corruzione nel corpo di polizia del Donegal – è arrivata alla quarta edizione.
Per la sua interpretazione in The Lost Sons, Stephen Rea ha vinto quest’anno l’Irish Film and Television Award come miglior attore non protagonista.

Il regista Thaddeus O’Sullivan è nato a Dublino nel 1947, ma si è trasferito giovanissimo a Londra per studiare arte, finendo per appassionarsi al cinema e per dirigere dei cortometraggi, fra cui il notevole The Woman Who Married Clark Gable (1985) con Bob Hoskins e Brenda Fricker. Apprezzato direttore della fotografia di alcuni dei migliori film indipendenti irlandesi degli anni Settanta e Ottanta, è passato alla regia con December Bride (1990), tratto dal romanzo di Sam Hanna Bell e ambientato nella comunità presbiteriana dell’Ulster all’inizio del Novecento. Sempre in Irlanda ha diretto Niente di personale (Nothing Personal, 1995), sul conflitto nordirlandese, e Un perfetto criminale (Ordinary Decent Criminal, 1999), un gangster film con protagonista Kevin Spacey. O’Sullivan ha lavorato molto anche per la televisione, girando fra gli altri la miniserie Into the Storm, per la HBO, con Brendan Gleeson nella parte di Winston Churchill, e alcuni episodi della serie irlandese di grande successo Single Handed. È di prossima uscita il suo lungometraggio Stella Days, con Martin Sheen e Stephen Rea, visto in anteprima mondiale al festival di Galway nel luglio scorso.

PROIEZIONE SPECIALE /SPECIAL SCREENING

BLAZING THE TRAIL (Ireland, USA 2011) documentary

Director: Peter Flynn; screenplay: Peter Flynn; cinematography: Peter Flynn; editing: Peter Flynn, Cobb Carlson; producer: Tony Tracy; narrator: Neil McGarry; production company: BIFF Productions; Irish location: Co. Kerry; duration: 86’

Gli ‘O’Kalem’ è il soprannome di un piccolo gruppo di pionieri del cinema della Kalem Company di New York, guidati dall’attore e regista Sidney Olcott e dall’attrice e sceneggiatrice Gene Gauntier, che fra il 1910 e il 1915 hanno realizzato circa trenta film su soggetti irlandesi. La maggior parte di questi film (quasi sempre brevi) sono stati girati nei dintorni di Killarney, nel Kerry, sfruttandone i celebri panorami e usando come comparse gli abitanti del luogo. Realizzati nell’arco di quattro estati successive, i film degli O’Kalem sono stati non solo le prime pellicole di finzione girate in Irlanda, ma anche i primi film americani girati in Europa.

Nato a Dublino e residente in Massachussets, Peter Flynn insegna Media Production e Storia all’Emerson College di Boston. È co-fondatore e co-direttore del Boston Irish Film Festival, giunto alla tredicesima edizione. I suoi articoli sul cinema irlandese e sul cinema americano delle origini sono apparsi su varie pubblicazioni, fra cui recentemente su “Cinema Journal”. Ha scritto il libro Coming into Clover: Ireland and the Irish in Early American Cinema, di prossima pubblicazione.

CONCORSO CORTOMETRAGGI / SHORTS COMPETITION

La Giuria/The Jury

Daniela Catelli, Matteo D’Arienzo, Leonardo Paulillo, Boris Sollazzo, Luca Telese

Atlantic (Conor Ferguson, 2008) Park Films, 4’

Un solitario agricoltore trascorre le sue giornate interminabili senza sapere gli sta per arrivare una lettera dalla donna che amava. Una lettera che potrebbe cambiare la sua vita.

Story of One (Elena Gallotta, 2009) Arts Council in association with Dance Ireland, 6’

Ricerca, conflitto, fatica/impegno, tutto si sviluppa attorno all’interazione fra I danzatori (i due celebri coreografi Ennio Sammarco and Cynthia Phung-Ngoc) e la particolare architettura della Dancehouse dublinese

Procrastination (John Kelly, 2008) Nexus Productions, 5’

A volte, l’unico modo di portare a termine qualcosa è di farne prima molte altre.

Shoe (Nick Kelly, 2010) Zanita Films, 13’

Vince sta per suicidarsi, ma un balordo mendicante continua a disturbarlo.

Loft (Gareth Chambers, 2010) Underground Films, 5’

Un bambino e il suo pallone stanno seriamente infastidendo un anziano vicino che alleva piccioni. Quando il vecchio signore decide di averne avuto abbastanza, le cose cambiano per sempre.

Signs (Vincent Gallagher, 2010) prod. Vincent Gallagher, 3’

C’è del magico in quello che vediamo tutti i giorni. Bisogna solo guardare bene.

Ticket to Ride (Liam Heffron, 2010) Big Idea Films Ltd, 911 Films, 8’

Un biglietto trasforma un normale viaggio in treno in un tragitto dalla destinazione inaspettata…

The Christening (Oonagh Kearney, 2010) Underground Films, 14’

Ailbhe è intelligente, sicura di sé, schietta. Niente la intimorisce, salvo l’imminente battesimo di sua nipote.

Pentecost (Peter McDonald , 2010) EMU production, 11’

Un adolescente impara a ribellarsi a suo padre e alla sua comunità.

Producer:Eimear O’Kane

The Situation Is (Robbie Hamilton, 2011) prod.Chris Aylmer, Matthew McPherson, 8’

Due piccoli truffatori si imbattono in circostanze inaspettate mentre devono portare a termine il più facile degli incarichi: consegnare un pacco.

-

Ufficio Stampa Casa del Cinema – Zètema Progetto Cultura
Giusi Alessio +39 06 82077327 – +39 340 4206562 g.alessio www.zetema.it

IFF5 – PROGRAMMA ita.pdf

IFF5_schede FILM_ita.docx

About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com
invia una mail a Milano Arte Expo

mercato dell’arte e prezzi

artprice
Milano in arte 1956 - 1967 mostra
Expo Milano - arancio MILANO IN ARTE 1956 - 1967 Le opere di grandi maestri della Milano artistica del dopoguerra. Inaugurazione: martedì 10 giugno 2014 dalle 18.00 alle 22.00. L’expo prosegue fino al 10 luglio....  > LEGGI
Jooble
Expo Milano - arancio JOOBLE Nuovo e funzionale motore di ricerca per trovare lavoro a Milano, In Italia e nel mondo. Veloce e capace di far risparmiare molte energie...  > vai a Jooble.it
Mia Fair 2014
Expo Milano - arancio  MIA FAIR MILANO 2014, la  FIERA INTERNAZIONALE D’ARTE  CONTEMPORANEA della fotografia  23-25 maggio  a SUPERSTUDIO PIÙ > > LEGGI
Photofestival
Expo Milano - arancio PHOTOFESTIVAL 2014 - Milano capitale della fotografia. Dal 29 aprile al 16 giugno Photofestival si svolge in oltre cento sedi espositive: un grande circuito di mostre fotografiche gratuite. Vedi il programma,le recensioni e le segnalazioni > LEGGI
Rossosegnale B&B Milano
Expo Milano - arancio ROSSOSEGNALE Milano B&B Via Antonio Sacchini 18 bed and breakfast e galleria d’arte 3001 LAB (metro: M1 e M2)  +39.02.29527453 – Zona 3, recensione di Federicapaola Capecchi – Uno dei top bed and breakfast e galleria d’arte allo stesso tempo. > LEGGI
Piero Manzoni
Expo Milano - arancio  MOSTRA PIERO MANZONI PALAZZO REALE MILANO
Piero Manzoni 1933-1963
a cura di Flaminio Gualdoni e Rosalia Pasqualino di Marineo. 26 marzo – 2 giugno 2014. Orari: lunedì 14.30-19.30 da martedì a domenica 9.30-19.30 giovedì e sabato 9.30-22.30 Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura. >LEGGI
Frida Kahlo mostra Roma
Expo Milano - arancio  Frida Kahlo ROMA Scuderie del Quirinale, mostra aperta fino al 31 agosto 2014 - recensione di Alessandra Pinchera per Milano Arte Expo  > LEGGI
Mostre Roma
Expo Milano - arancio  Mostre a Roma - Musée d’Orsay. Capolavori. Dal 22 febbraio all’8 giugno 2014 al Complesso del Vittoriano opere tra il 1848 e il 1914 di grandi maestri francesi: Gauguin, Monet, Degas, Sisley, Pissarro, Van Gogh, Manet, Corot, Seurat e altri.  Selezione di settanta opere che partono dalla pittura accademica dei Salon fino alla rivoluzione impressionista e alle soluzioni formali Nabis e dei Simbolisti..
UPCYCLE Cafè Milano
UPCYCLE Cafè: urban bike cafè, Via Ampère 59, Milano. Ristorante, bar, ma anche centro di aggregazione per gli appassionati della bicicletta e del cibo biologico, dalle birre al liquore artigianale.   > LEGGI
WOW Museo del Fumetto
Expo Milano - arancio  WOW Spazio Fumetto: museo del fumetto, dell'illustrazione e dell'immagine animata. Milano, viale Campania 12 tel. 02 49524744 – 02 49524745. L'accesso è gratuito alle numerose esposizioni al Piano Terra, alla Biblioteca, al Bookshop e alla Caffetteria. ... > VAI AL SITO >
La Rava e La Fava ristorante - leggi la recensione
Expo Milano - arancio  La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano - I ristoranti sparsi per la città di Milano hanno tutti qualcosa da offrire, ma quando trovi quel posticino dove sei il benvenuto come se fosse la cucina di casa dello chef...  LEGGI >
cervello istruzioni per l’uso
Expo Milano - arancio  BRAIN Il cervello istruzioni per l’uso – Al Museo di storia naturale di Milano: spettacolare divulgazione scientifica, dal 18 ottobre 2013 al 13 aprile 2014 dei meccanismi che regolano percezioni, emozioni, opinioni e sentimenti con il top della  tecnologia e della multimedialità  >LEGGI
Mostre Milano Pocket Exhibit
Expo Milano - arancio  A Milano, città di Expo, c'è un luogo di grande afflusso di pubblico dove realizzare una mostra di una settimana - Pocket Exhibit - ed essere supportati da un gruppo di specialisti della comunicazione - dei media tradizionali e del web - senza spendere nemmeno un euro? Si, c'è! Se sei un artista, un curatore o un ufficio stampa d'arte chiedici dove, come e quando. mail: milanoartexpo@gmail.com
car2go Milano car sharing
Car2go a Milano. Comincia una vera rivoluzione nel car sharing. Car2go permette di prelevare ovunque e di parcheggiare ovunque l’automobile a Milano...   > LEGGI
Giuseppe Verdi - bicentenario
Giuseppe Verdi, La Traviata, Teatro alla Scala Milano, da sabato 7 Dicembre 2013. Milano Arte Expo, scavando nei documenti d’epoca, vi propone uno speciale Giuseppe Verdi in diretta da cento anni fa ... > LEGGI
Sbarco in Normandia 6 giugno 1944
SBARCO IN NORMANDIA in diretta con i grandi inviati del D-Day, minuto per minuto dalla Seconda Guerra Mondiale ... > LEGGI
Emilio Tadini
Emilio Tadini FIABE – mostra a Burago di Molgora, a due passi da Milano. Rassegna I maestri del 900 ideata e organizzata da Marilena Buratti e curata da Simona Bartolena con l’expo dedicata a Emilio Tadini. ... > LEGGI
Le Canottiere Milano
Le Canottiere, Milano Alzaia Naviglio Grande: shopping vestiti e accessori per mamme e bambini – di Roanna Weiss - rubrica MILANO IN QUATTRO PASSI. Bilingue: italiano / inglese). Amo questa città!...  > LEGGI
CREATIVE ANTICHE CREDENZE, mobili d'epoca
Antiche Credenze: Oggetti Unici ed Esclusivi. Impronta ai nostri spazi con uno stile personale, valutando scelte fuori dagli standard. Un mobile antico - o solo vecchio - ripristinato o personalizzato con interventi decorativi, rientra in queste scelte con una soluzione che è a portata di mano e di portafoglio! Guarda dove siamo. Tel. 0243129275 - cell. 3401773602 - >LEGGI e GUARDA.
Milano design - 100FA Vintage
Milano design - Vintage: 100Fa propone arredi industriali, mobili da mestiere, da palestra, oggetti particolari.
L’origine: Francia ed Inghilterra, rigorosamente vintage.Vendita e noleggio. mail: info@100fa.it . MAPPA - Via Molino Delle Armi 48, Milano - Tel/Fax: +390258101184 - INFO E FOTO.
Jean Clair - intervistato da Giancarlo Ricci Milano Arte Expo
 Jean Clair, MEDUSA: Giancarlo Ricci intervista Jean Clair per Milano Arte Expo. A partire dal suo libro Medusa (Abscondita Edizioni, Milano 2013) abbiamo posto alcune domande al suo autore, Jean Clair, rinomato critico e storico dell’arte, saggista, ex direttore del Museo Picasso di Parigi. >>LEGGI
Milano Arte Expo - Fondazione Marconi
Fondazione Marconi di Milano aderisce al progetto Documenti d’Arte del Novecento di Milano Arte Expo con una vasta mole di materiale storico che verrà messo on line. Altre gallerie e fondazioni stanno unendosi a questo cospicuo e progressivo piano di lavoro. Per  collaborare: milanoartexpo@gmail.com.
Il testo che segue è pubblicato nel fascicolo Studio Marconi Documenti n° 8 del 1982La nuova pittura tedesca >leggi

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

PressOffice specializzati in arte

PressOffice: Cristina Pariset T.+39 024812584 F +39 024812486 Cell.+39 3485109589 Email Pariset

CLP Relazioni pubbliche
Tel. +39 02433403 – fax +39 024813841
press@clponline.it

SPAINI & PARTNERS
via dell'Ordine di Santo Stefano 229
56128 Marina di Pisa (PI)
tel 050/310920 -36042
www.spaini.it cell 3473839137

Patrizia Cavalletti Comunicazione
Via Nazzareno Cristofani n.3
06135 Perugia, Ponte San Giovanni (PG)
Tel. + 39 075 5990443 Mob. +39 348 3386855
Skype: monteverdi333
info@patriziacavalletticomunicazione.it
www.patriziacavalletticomunicazione.it

Clicca per iscriverti a questo notiziario e ricevere news per e-mail.

Unisciti agli altri 1.628 follower

Statistiche del Blog

  • 767,212 hits
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.628 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: