//
reading...
1000 mostre, art concret, Arte, arte astratta, astrattismo, Carlo Cardazzo, Collezione Guggenheim, Galleria del Cavallino, Galleria del Milione, gallerie arte contemporanea, Gualtieri di San Lazzaro, Kandinskij, Luca Pietro Nicoletti, Marino Marini, Mauro Pagliai editore, Milano arte, San Lazzaro editore, storia dell'arte, Vasilij Vasil'evič Kandinskij, Wassily Kandinsky, XXe siècle

1000 mostre: Wassily Kandinsky, Galleria d’arte del Cavallino, Venezia 6 – 19 settembre 1951

MAE Milano Arte Expo re-inaugura 1000 mostre dal dopoguerra a oggi. Kandinsky, Venezia 1951. Testo di Luca Pietro Nicoletti - Il 6 settembre 1951, a Venezia, Carlo Cardazzo inaugura la prima mostra italiana del dopoguerra sull’opera grafica di Kandinsky. Il pittore russo era già morto dal 1944, e la Biennale di Venezia, nel 1950, gli aveva dedicato una grande sala retrospettiva, che valeva come una consacrazione ufficiale in quella che era ancora la più importante manifestazione internazionale per l’arte contemporanea. Cardazzo, in cui era costante la tensione verso l’avanguardia e il desiderio di arrivare prima degli altri con proposte espositive inedite, non si era fatto sfuggire l’occasione di cavalcare l’onda del successo lagunare per proporre anche lui, nella stessa città, una mostra del genere. I tempi erano molto cambiati da quando i Ghiringhelli, negli anni Trenta, avevano proposto a Milano, alla Galleria del Milione, la prima mostra italiana del pittore russo: la novità non era stata recepita se non da uno sparuto gruppo di artisti particolarmente ricettivo ed incline al mondo astratto. >

Ma nemmeno a Parigi, del resto, la prima mostra di Kandinsky, anche questa nella prima metà degli anni Trenta, era andata bene; in quegli anni il mercato parigino aveva occhi soltanto per i cubisti, e non c’era spazio per proposte alternative.

Nel 1951, invece, una volta che la vicenda umana del pittore si era conclusa, Kandinsky era un maestro riconosciuto, meritevole, appunto, di un riconoscimento mondiale (e tre sue grandi tele si erano già viste, sempre a Venezia, nel 1948, nella mostra della Collezione Guggenheim).

Ma Cardazzo non era solo in questa occasione: come in molti altri casi, infatti, poteva avvalersi di validi collaboratori che gli consentissero di ottenere opere e artisti altrimenti inavvicinabili. Nello specifico, il “gancio” era stato Gualtieri di San Lazzaro, scrittore e raffinato editore d’arte italiano che viveva a Parigi, con qualche interruzione, dal 1924. Qui si era affermato grazie alle preziose monografie d’arte delle edizioni Chroniques du jour, che gli avevano guadagnato la stima di Picasso, Matisse e di altri maestri. Fra questi, alla mostra del 1930, era riuscito ad avvicinare Kandinsky, che avrebbe rivisto poi solo qualche anno più tardi, ma che sarebbe stato decisivo per le sorti di San Lazzaro.

Nel 1938, infatti, quest’ultimo dava vita ad una rivista destinata ad aver fortuna, “XXe siècle”, che si caratterizzava per la compresenza di testi critici e litografie o grafiche originali, che ne facevano una rivista che univa la critica militante e l’oggetto d’arte: il libro, secondo San Lazzaro, doveva essere un oggetto da guardare con lo stesso piacere con cui si apprezza un dipinto.

Kandinsky non aveva esitato a dare il suo sostegno all’impresa di quel giovane italiano, allora poco più che trentenne: il primo numero della rivista, infatti, si apriva con un bell’articolo del pittore russo sull’art concret; e nel secondo, San Lazzaro, poteva vantare la presenza di sei xilografie del padre dell’astrattismo impresse dai legni datigli direttamente dal pittore.

Con Kandinsky, dunque, San Lazzaro, aveva maturato una grande familiarità, di cui sono testimonianze alcune bellissime pagine di Parigi era viva, il romanzo autobiografico “in terza persona” in cui l’editore italiano, sotto le mentite spoglie di Silvio, raccontava vent’anni di vita artistica parigina. Già nella prima edizione del romanzo, nel 1948, si poteva leggere una bella descrizione dello studio del pittore, ampliato poi nella seconda edizione del libro, nel 1966 (ora riedito da Mauro Pagliai di Firenze, 2011, http://www.mauropagliai.it/asp/sl.asp?id=5503):

Dalla sala da pranzo passarono nell’atelier del pittore, dove l’ordine era anche più perfetto. Le tele erano collocate in speciali armadi e i colori che l’artista fabbricava da sé erano raccolti in alcuni vasetti disposti su una mensolina, come vasetti di marmellata. Sui muri bianchissimi le mosche non s’erano mai posate. Silvio pensò ai tre atelier di Soutine – sudice spelonche – e anche a quello di Picasso, con i mucchi di cicche negli angoli – in cui nessun essere umano era mai entrato munito di una scopa, e comprese perché una macchiolina d’inchiostro fosse diventata per Kandinsky una cosa viva, un’illuminazione: il punto. Solo quell’ordine esemplare del suo spirito, del suo organismo e dell’ambiente in cui viveva, gli aveva potuto consentire di chinarsi con tanto amore sul più piccolo dei segni formali: il punto. “Se la nostra è l’epoca del microbo” disse Silvio tra sé “e l’uomo è ancora tollerato, perché è un ottimo propagatore di microbi, il vero pittore della nostra epoca è Kandinsky”. Ma scacciò quel pensiero che certamente avrebbe rattristato l’artista per il quale egli sentiva già tanta ammirazione e un cosi vivo affetto. Quel punto, evidentemente, Silvio sentiva di amarlo, soprattutto perché gli ricordava Vivaldi. Solo Vivaldi avrebbe potuto dipingere i quadri di Kandinsky del periodo parigino. Kandinsky, però, non era solo il musico del punto magico, che un flauto inseguiva per le vie lattee del cosmo. Ch’egli avesse inventato l’arte astratta in Germania, non c’era da stupirsi. L’episodio del quadro rovesciato sul cavalletto era forse un pochino ridicolo, come quello della mela di Newton. All’autore della Spiritualità nell’arte erano bastate, forse, due righe di Hegel: “Ciò che manca alle opere nate dall’imitazione, non è qualcosa di secondario, ma l’essenziale, e cioè la spiritualità”. In Francia, chi aveva mai letto Hegel? Focillon? Elie Faure? In Francia, tutta la critica d’arte moderna era nata da una costola di Baudelaire, come Eva da quella di Adamo. E i pittori, salvo qualche rara eccezione, si contentavano di dipingere. Non leggevano nulla.

San Lazzaro, dunque, era la persona giusta per Cardazzo per arrivare all’opera di Kandinsky: dopo la morte del pittore, infatti, egli aveva mantenuto rapporti amichevoli con Nina, la seconda moglie di Kandinsky, che rimase sempre fra le persone più vicine all’editore italiano.

Non a caso, proprio in quegli anni, un altro amico italiano di San Lazzaro, lo scultore Marino Marini, lo aveva consigliato di sposare Nina: in questo modo avrebbe risolto gli affannosi problemi economici che lo assillavano e minavano di continuo la vita di “XXe Siècle”.

Se non arrivo a sposarla, certo San Lazzaro era comunque la persona giusta per proporle una mostra di grafica in una galleria di Venezia che avesse il prestigio del Cavallino.

L’evento avrebbe avuto successo, ed anche una discreta stampa.

Non sappiamo con precisione che cosa vi fosse esposto: per la mostra fu fatto solo un piccolo invito con una riproduzione e un conciso ma pregnante testo di San Lazzaro:

Per la prima volta in Italia ha luogo l’esposizione retrospettiva dell’opera grafica di Kandinsky, così importante nelle sue diverse espressioni e nella tecnica perfetta. Nelle incisioni in legno, su linoleum, su cuoio e nelle litografie che ora sono esposte alla Galleria del Cavallino di Venezia, si trovano le tracce di quella evoluzione che portò Kandinsky dal figurativo al concreto. Alle incisioni in nero di Kandinsky si possono adattare le note di Willy Grohmann che scriveva a proposito dei disegni: «Il fatto che colpisce più fortemente lo spettatore è l’irrealtà dell’arte grafica, fatto che parrebbe qui dare risalto nel modo più pertinente alle intenzioni di un’arte riposante sull’astrazione. È che il segno, per la sua stessa natura, ha qualcosa di più immateriale del colore, qualcosa di più libero, riguardo al piano e allo spazio». Ma se si confrontano le incisioni in nero con quelle a colori, dopo il «Lever de Lune» del 1902 sino ai commoventi «Petits Mondes» del 1923, non si può che ammirare lo sforzo fatto dall’artista per togliere ogni materialità al colore. Durante questa conquista della spiritualità, nell’opera grafica come nei dipinti, il disegno ha senza dubbio preceduto il colore, ma a poco il colore ha seguito lo stesso movimento (le tavole di Klänge sono del 1913) e Kandinsky ha potuto raggiungere felicemente quella sintesi che era il suo scopo più alto. La sua arte, nata dalla terra, diventa così interamente aerea. Per caratterizzare l’evoluzione di Kandinsky sarebbe più giusto dire che è andata «dal materiale allo spirituale» invece che «dal figurativo al concreto», perché questi termini non hanno che un significato polemico, mentre l’opera di Kandinsky si situa completamente ben al di là della polemica, nel puro clima spirituale che raggiungono solo i più grandi. Wassily Kandinsky. Opera grafica, Venezia, Galleria d’arte del Cavallino, 6-19 settembre 1951.

About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com

Discussione

4 pensieri su “1000 mostre: Wassily Kandinsky, Galleria d’arte del Cavallino, Venezia 6 – 19 settembre 1951

  1. I am looking for Galleria Del Milione. In the 1930′s it was located at Brera, 21 Milano and had a pnone number of 82.542. Is this the gallery?
    I have two works acquired from the Gallery and require information.
    Thank you,
    Wilbur Springer

    Pubblicato da Wilbur C. Springer | novembre 28, 2011, 4:01 pm

Trackback/Pingback

  1. Pingback: milanoclick.com » Blog Archive » 1000 mostre: Wassily Kandinsky, Galleria d’arte del Cavallino, Venezia 6 – 19 settembre 1951 - novembre 13, 2011

  2. Pingback: DADAMAINO – L’Assoluta leggerezza dell’essere, Cortina Arte, 2008: continua il progetto 1000 MOSTRE di MAE Milano Arte Expo « milano arte expo - marzo 16, 2012

  3. Pingback: Franco Fossa MOSTRA ANTOLOGICA 1955 – 1999: con un testo di Cristina Palmieri, MAE Milano Arte Expo 1000 Mostre dal dopoguerra a oggi « milano arte expo - aprile 13, 2012

invia una mail a Milano Arte Expo

mercato dell’arte e prezzi

artprice
Milano in arte 1956 - 1967 mostra
Expo Milano - arancio MILANO IN ARTE 1956 - 1967 Le opere di grandi maestri della Milano artistica del dopoguerra. Inaugurazione: martedì 10 giugno 2014 dalle 18.00 alle 22.00. L’expo prosegue fino al 10 luglio....  > LEGGI
Jooble
Expo Milano - arancio JOOBLE Nuovo e funzionale motore di ricerca per trovare lavoro a Milano, In Italia e nel mondo. Veloce e capace di far risparmiare molte energie...  > vai a Jooble.it
Mia Fair 2014
Expo Milano - arancio  MIA FAIR MILANO 2014, la  FIERA INTERNAZIONALE D’ARTE  CONTEMPORANEA della fotografia  23-25 maggio  a SUPERSTUDIO PIÙ > > LEGGI
Photofestival
Expo Milano - arancio PHOTOFESTIVAL 2014 - Milano capitale della fotografia. Dal 29 aprile al 16 giugno Photofestival si svolge in oltre cento sedi espositive: un grande circuito di mostre fotografiche gratuite. Vedi il programma,le recensioni e le segnalazioni > LEGGI
Rossosegnale B&B Milano
Expo Milano - arancio ROSSOSEGNALE Milano B&B Via Antonio Sacchini 18 bed and breakfast e galleria d’arte 3001 LAB (metro: M1 e M2)  +39.02.29527453 – Zona 3, recensione di Federicapaola Capecchi – Uno dei top bed and breakfast e galleria d’arte allo stesso tempo. > LEGGI
Piero Manzoni
Expo Milano - arancio  MOSTRA PIERO MANZONI PALAZZO REALE MILANO
Piero Manzoni 1933-1963
a cura di Flaminio Gualdoni e Rosalia Pasqualino di Marineo. 26 marzo – 2 giugno 2014. Orari: lunedì 14.30-19.30 da martedì a domenica 9.30-19.30 giovedì e sabato 9.30-22.30 Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura. >LEGGI
Frida Kahlo mostra Roma
Expo Milano - arancio  Frida Kahlo ROMA Scuderie del Quirinale, mostra aperta fino al 31 agosto 2014 - recensione di Alessandra Pinchera per Milano Arte Expo  > LEGGI
Mostre Roma
Expo Milano - arancio  Mostre a Roma - Musée d’Orsay. Capolavori. Dal 22 febbraio all’8 giugno 2014 al Complesso del Vittoriano opere tra il 1848 e il 1914 di grandi maestri francesi: Gauguin, Monet, Degas, Sisley, Pissarro, Van Gogh, Manet, Corot, Seurat e altri.  Selezione di settanta opere che partono dalla pittura accademica dei Salon fino alla rivoluzione impressionista e alle soluzioni formali Nabis e dei Simbolisti..
UPCYCLE Cafè Milano
UPCYCLE Cafè: urban bike cafè, Via Ampère 59, Milano. Ristorante, bar, ma anche centro di aggregazione per gli appassionati della bicicletta e del cibo biologico, dalle birre al liquore artigianale.   > LEGGI
WOW Museo del Fumetto
Expo Milano - arancio  WOW Spazio Fumetto: museo del fumetto, dell'illustrazione e dell'immagine animata. Milano, viale Campania 12 tel. 02 49524744 – 02 49524745. L'accesso è gratuito alle numerose esposizioni al Piano Terra, alla Biblioteca, al Bookshop e alla Caffetteria. ... > VAI AL SITO >
La Rava e La Fava ristorante - leggi la recensione
Expo Milano - arancio  La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano - I ristoranti sparsi per la città di Milano hanno tutti qualcosa da offrire, ma quando trovi quel posticino dove sei il benvenuto come se fosse la cucina di casa dello chef...  LEGGI >
cervello istruzioni per l’uso
Expo Milano - arancio  BRAIN Il cervello istruzioni per l’uso – Al Museo di storia naturale di Milano: spettacolare divulgazione scientifica, dal 18 ottobre 2013 al 13 aprile 2014 dei meccanismi che regolano percezioni, emozioni, opinioni e sentimenti con il top della  tecnologia e della multimedialità  >LEGGI
Mostre Milano Pocket Exhibit
Expo Milano - arancio  A Milano, città di Expo, c'è un luogo di grande afflusso di pubblico dove realizzare una mostra di una settimana - Pocket Exhibit - ed essere supportati da un gruppo di specialisti della comunicazione - dei media tradizionali e del web - senza spendere nemmeno un euro? Si, c'è! Se sei un artista, un curatore o un ufficio stampa d'arte chiedici dove, come e quando. mail: milanoartexpo@gmail.com
car2go Milano car sharing
Car2go a Milano. Comincia una vera rivoluzione nel car sharing. Car2go permette di prelevare ovunque e di parcheggiare ovunque l’automobile a Milano...   > LEGGI
Giuseppe Verdi - bicentenario
Giuseppe Verdi, La Traviata, Teatro alla Scala Milano, da sabato 7 Dicembre 2013. Milano Arte Expo, scavando nei documenti d’epoca, vi propone uno speciale Giuseppe Verdi in diretta da cento anni fa ... > LEGGI
Sbarco in Normandia 6 giugno 1944
SBARCO IN NORMANDIA in diretta con i grandi inviati del D-Day, minuto per minuto dalla Seconda Guerra Mondiale ... > LEGGI
Emilio Tadini
Emilio Tadini FIABE – mostra a Burago di Molgora, a due passi da Milano. Rassegna I maestri del 900 ideata e organizzata da Marilena Buratti e curata da Simona Bartolena con l’expo dedicata a Emilio Tadini. ... > LEGGI
Le Canottiere Milano
Le Canottiere, Milano Alzaia Naviglio Grande: shopping vestiti e accessori per mamme e bambini – di Roanna Weiss - rubrica MILANO IN QUATTRO PASSI. Bilingue: italiano / inglese). Amo questa città!...  > LEGGI
CREATIVE ANTICHE CREDENZE, mobili d'epoca
Antiche Credenze: Oggetti Unici ed Esclusivi. Impronta ai nostri spazi con uno stile personale, valutando scelte fuori dagli standard. Un mobile antico - o solo vecchio - ripristinato o personalizzato con interventi decorativi, rientra in queste scelte con una soluzione che è a portata di mano e di portafoglio! Guarda dove siamo. Tel. 0243129275 - cell. 3401773602 - >LEGGI e GUARDA.
Milano design - 100FA Vintage
Milano design - Vintage: 100Fa propone arredi industriali, mobili da mestiere, da palestra, oggetti particolari.
L’origine: Francia ed Inghilterra, rigorosamente vintage.Vendita e noleggio. mail: info@100fa.it . MAPPA - Via Molino Delle Armi 48, Milano - Tel/Fax: +390258101184 - INFO E FOTO.
Jean Clair - intervistato da Giancarlo Ricci Milano Arte Expo
 Jean Clair, MEDUSA: Giancarlo Ricci intervista Jean Clair per Milano Arte Expo. A partire dal suo libro Medusa (Abscondita Edizioni, Milano 2013) abbiamo posto alcune domande al suo autore, Jean Clair, rinomato critico e storico dell’arte, saggista, ex direttore del Museo Picasso di Parigi. >>LEGGI
Milano Arte Expo - Fondazione Marconi
Fondazione Marconi di Milano aderisce al progetto Documenti d’Arte del Novecento di Milano Arte Expo con una vasta mole di materiale storico che verrà messo on line. Altre gallerie e fondazioni stanno unendosi a questo cospicuo e progressivo piano di lavoro. Per  collaborare: milanoartexpo@gmail.com.
Il testo che segue è pubblicato nel fascicolo Studio Marconi Documenti n° 8 del 1982La nuova pittura tedesca >leggi

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

PressOffice specializzati in arte

PressOffice: Cristina Pariset T.+39 024812584 F +39 024812486 Cell.+39 3485109589 Email Pariset

CLP Relazioni pubbliche
Tel. +39 02433403 – fax +39 024813841
press@clponline.it

SPAINI & PARTNERS
via dell'Ordine di Santo Stefano 229
56128 Marina di Pisa (PI)
tel 050/310920 -36042
www.spaini.it cell 3473839137

Patrizia Cavalletti Comunicazione
Via Nazzareno Cristofani n.3
06135 Perugia, Ponte San Giovanni (PG)
Tel. + 39 075 5990443 Mob. +39 348 3386855
Skype: monteverdi333
info@patriziacavalletticomunicazione.it
www.patriziacavalletticomunicazione.it

Clicca per iscriverti a questo notiziario e ricevere news per e-mail.

Unisciti agli altri 1.640 follower

Statistiche del Blog

  • 769,166 hits
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.640 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: