//
reading...
Arte, arte contemporanea, Biennale di Venezia, BIENNALE DI VENEZIA – PADIGLIONE ITALIA – MILANO, Cattelan, Cristina Palmieri, DARIO BALLANTINI, DARIO FO, Expo Milano, IVAN CATTANEO, JEAN CLAIR, Milano arte, Vittorio Sgarbi

BIENNALE DI VENEZIA – PADIGLIONE ITALIA – MILANO

BIENNALE DI VENEZIA – PADIGLIONE ITALIA – MILANO di Cristina Palmieri. Dal comunicato stampa: “Giovedì 27 ottobre alle ore 18:00 presso la GALLERIA VITTORIO EMANUELE, SALA DEI RE, si è inaugurata la 54a BIENNALE DI VENEZIA – PADIGLIONE ITALIA – MILANO. Il Direttore del Padiglione Italia della Biennale di Venezia On. Prof. Vittorio Sgarbi ha esteso il Padiglione Italia ad altre città italiane. Adesso è la volta della Capitale economica del Paese. Saranno novanta gli artisti che esporranno e fra questi citiamo DARIO FO che esporrà tre tele, il cantante IVAN CATTANEO, il comico di striscia la notizia DARIO BALLANTINI, il musicista ENDY, il writer ATOMO, l’artista rom MORELLI, nonché ADRIANA FARANDA, che esporrà un opera fotografica. Gli artisti presenti rappresentano lo stato dell’arte in Italia con opere prodotte nel secondo millennio. Obiettivo del curatore Vittorio Sgarbi, che presenterà l’iniziativa insieme con il Direttore Generale del ministero dei Beni Culturali RESCA, è di far conoscere al grande pubblico della Biennale la produzione artisti italiani spesso poco conosciuti ma di grandissima qualità.” 

Per chi quotidianamente si occupa di arte credo, attualmente, sia inevitabile domandarsi come essa si possa specificare e cosa si debba considerare tale.

Non è certo semplice formulare una risposta alla domanda. Da millenni si avvicendano studi e tentativi di definizione per quello che è uno dei maggiori ambiti in cui si concretizza la necessità espressiva dell’uomo. Ognuno di essi serba in sé una parte di verità e offre spunti di riflessione da cui non possiamo prescindere.

L’arte contemporanea, più di ogni altro momento della storia dell’arte, si è prestata, e continua a prestarsi, ad equivoci che sovente  conducono chi si appresta a dissertare in proposito ad un’impasse da cui non è semplice trovare vie d’uscita senza essere, come troppo spesso accade, semplicistici e “distruttivi”.

Non è mai stato questo il compito di chi produce pensiero. Doveroso è invece proporre analisi che consentano di comprendere ragioni e motivazioni di quanto ci circonda e accade intorno a noi a livello culturale. Perché la cultura, e quindi l’arte, non possono che innegabilmente raccontare un’epoca.

La difficoltà odierna di comprendere dove l’arte stia dirigendosi, di definirne canoni estetici e modelli interpretativi e “operativi”, dipende, senza dubbi, dalle contraddizioni del nostro tempo.

L’arte contemporanea nasce da una precisa necessità storica; dopo l’avvento della fotografia e dei nuovi linguaggi ad essa connessi, l’arte, estromessa dall’universo della rappresentazione, cessa di essere lo specchio del mondo. Si trova nelle condizioni di dover ridefinire il proprio ruolo, il proprio territorio di appartenenza, il proprio stesso intrinseco significato. Al termine dell’Ottocento ha inizio quel processo di abbandono del concetto di verosimiglianza che apre la strada all’affermarsi di un’autonomia della medesima rispetto al compito mimetico che per secoli le era stato proprio.

Questo comporta un ripensamento del ruolo dell’artista, che lo induce ad una nuova coscienza di se stesso e del fare pittura. Il quadro diviene – e questo sarà ancor più vero con le avanguardie – il luogo dove egli crea qualcosa che prima non c’era.

Questo spazio di libertà che si spalanca, quasi un “horror vacui” a cui trovare una veste, ha prodotto geniali attestazioni che –  lungi dall’essere solo il prodotto di un atto creativo, di quel “fare” che sempre apparterrà all’artista (del resto il termine poesia, dal greco “poièsis”, reca chiaramente in sé l’etimo del verbo “fare”) e che presuppone conoscenza tecnica – sono anche, e soprattutto, atti di pensiero, attestazioni filosofiche, tentativi di concettualizzazione.

Purtroppo, però, la degenerazione di molta parte dell’arte contemporanea, gli equivoci a cui essa si presta, innegabilmente trovano le proprie radici appunto nella libertà espressiva e nel tentativo di giustificare ogni atto, anche gratuito, con l’etichetta di concettuale. Tutto diventa lecito.

Ma per chi conosce l’iter delle “Avanguardie Storiche”, di coloro che hanno saputo interpretare nel modo più alto e più significativo questo senso e significato di cui il post-espressionismo si è fatto portatore, è ben chiaro che libertà espressiva non significa affatto “assenza di valori”. Non possiamo limitarci a reiterare la formula che magici mondi possa spalancarci, dove tutto è accettato e possibile in nome del diritto di raccontare le proprie emozioni. L’arte ha in sé certamente anche questa ragione fondante, ma non può risolversi in essa, altrimenti ognuno  – come spesso accade – potrebbe definirsi artista solo perché si arroga il diritto di manifestare se stesso e la propria visione del mondo. I valori tecnici, la conoscenza del mezzo e del linguaggio, del codice comunicativo attraverso cui si decide di esprimersi, sono imprescindibili, anche là dove li si scardina per innovarli.

Oggi invece la tecnica sembra essere considerata valore secondario e talvolta superfluo all’idea. Per anni la critica ed il mercato hanno supportato la convinzione che debba essere  il messaggio ad avere rilievo e ruolo fondante. Non intendo negare il significato provocatorio che  alcuni schemi formali  sono stati in grado di esprimere.

Sarebbe come smentire uno dei fondamenti che l’arte contemporanea reca in sé e con sé.

Ritengo però altresì doveroso non accondiscendere, senza discrimine, alla tesi secondo cui nell’opera d’arte siano l’idea o il suo significato ciò che conta.

L’arte non può coincidere tout  court con la filosofia. La filosofia ha infatti dedicato ad essa un ambito preciso di riflessione, quello dell’estetica. L’artista, a differenza del pensatore, si esprime attraverso l’opera, per eseguire la quale è necessaria la conoscenza dei mezzi del mestiere, ma soprattutto la capacità di dominarli. Molti, osservando realizzazioni artistiche contemporanee, si sono convinti che  siano frutto ti tecniche ingenue. Nulla di più distante dal vero, che ha portato ad errori interpretativi, ad incapacità di lettura del valore di molti autori, ancor oggi non compresi nella propria rivoluzionaria portata storica, nonché alla mistificante convinzione che l’arte, intesa come il Novecento ce l’ ha proposta, sia alla portata di tutti.

Picasso disse che possedeva la tecnica pittorica di Raffaello, per dipingere poi tutta la vita come un bambino. Questa asserzione è certamente vera per molti dei più grandi maestri del secolo appena conclusosi.

Non è questa la sede per poter abbracciare l’immenso spazio dissertativo che si spalanca volendo parlare di crisi o di morte dell’arte.

Non voglio abbracciare in toto le tesi distruttive, per esempio, che Jean Clair ha proposto come riflessione nel suo ultimo e recente scritto “L’inverno della cultura”; indubbiamente mi sento di condividerle in parte, pur non approvando completamente lo spirito dissacratore che talvolta caratterizza il noto studioso. Innegabile la stanchezza, almeno da parte mia, nei confronti di quelli che nell’ambiente definiamo gli epigoni duchampiani, propugnatori del gesto fine a se stesso e portato all’estremo limite.

Sostenitori di uno stile non supportato da conoscenze tecniche, i post-dadaisti, spesso privi di mestiere, studiano solo le strategie del marketing. Si vendono come i testimoni di  atti disperati che demonizzano il nostro presente, mentre in realtà lo cavalcano, ne sfruttano le dinamiche e si fanno testimoni e latori di quei valori che affermano di esecrare.

Cito per tutti Cattelan. Celebrato dal Guggenheim Museum di New York, che gli dedicherà una retrospettiva a partire  dal 4 novembre, afferma che smetterà di fare l’artista. Farà il pittore. O meglio, farà dipingere qualcuno al posto suo, visto che, per sua medesima affermazione, non ne è capace. Niente sterili polemiche. Certo è che il suo dito medio in marmo di Carrara in Piazza Affari sembra arridere alla medesima società consumistica verso la quale polemizza.

Arriviamo ora, dopo questa lunga premessa, alla ragione per la quale ho voluto scrivere questo intervento.

Ho presenziato, giovedì 27 ottobre, all’inaugurazione, presso la Sala dei Re, in Galleria Vittorio Emanuele,  del Padiglione Italia di Milano della 54a Biennale di Venezia.

Sappiamo come l’intento dichiarato ed esplicito di Vittorio Sgarbi, nel curare l’attuale Biennale,  estendendo il Padiglione Italia ad altre città, sia stato quello di fotografare lo “stato attuale dell’arte italiana”.

Sgarbi, nel discorso di inaugurazione, ha certamente e abilmente giustificato, non certo dimenticando la demagogia, il proprio operato. Interessante il concetto espresso, secondo il quale questo apocalittico millennio si apre con tante e molteplici proposte, che sarebbe ingiusto ignorare senza far torto alla storia. Per altro condivisibile l’affermazione, suffragata da innumerevoli esempi, che proprio ad inizio secolo spesso vi siano stati i germogli che hanno aperto la storia dell’arte ad importanti novità e rivoluzioni. Figure quali quella di Giotto, di Raffaello, di Caravaggio, nonché le Avanguardie novecentesche, sono tutte analizzabili in tal senso.

Mi domando però una cosa. Se si decide di fotografare lo stato dell’arte, ritengo si debba testimoniare – per riportarmi alle premesse di questo scritto – quanto, anche magari agli occhi di molti discutibile, si fa propugnatore di qualità, magari innovative, e per questo ancora difficili da intravedere agli occhi dei più, ma pur sempre tali. Se invece si compie un’operazione che, oltre ad inserire nomi della cultura indiscutibilmente importanti e apprezzabili in altri ambiti, ma non in quello di cui la Biennale dovrebbe essere testimone, si pescano a casaccio“pseudo-artisti” che forse neppure alcuni premi di provincia, mossi da ben altri intendimenti,  si possono fregiare di aver esposto, solo perché è giusto restituire l’arte agli artisti, temo si equivochi il concetto stesso della medesima. Quello a favore  del quale il famigerato Professore si fregia di combattere.

Non discuto sul fatto di avere creato eventi collaterali in altre sedi (anche se credo questo vada a tradire lo spirito di una manifestazione, pur   indubbiamente creando attenzione e clamore intorno ad essa). Discuto però, ripeto, la populistica formula “L’arte non è cosa nostra”, che certo pare più un’operazione pubblicitaria e di marketing, che non il tentativo sincero di fotografare uno stato di fatto. Altrimenti questo medesimo stato di fatto sarebbe davvero deprimente.

Sgarbi ha più volte dichiarato, nel corso della prolusione, di essere stato mosso dalla precisa volontà di sottrarre l’arte alla “oligarchia” di critici e gallerie che da anni propongono solo determinati nomi. Posso certamente essere d’accordo. Ma non posso condividere che irresponsabilmente, se pur giustificandolo abilmente con la propria dialettica, si amplifichi il concetto di arte sino ad abbracciare il puro dilettantismo. Questo ritengo sia un’operazione ancor più blasfema e distruttiva di quella di chi invoca un ritorno all’ordine. Mi riferisco nuovamente a Jean Clair e alle polemiche innescate dal suo saggio.  Come affermò Trione, commentandolo,  “forse, anche nell’ «inverno della cultura», ci sono significative sacche di resistenza.”

Corretto quindi sarebbe cercare, onestamente e con dovizia, di portare alla luce eventuali indicative testimonianze di quanto l’arte – rinnovandosi – sappia precorrere i tempi e raccontarli con maggior freschezza di altri linguaggi.

Ma mi pare di poter affermare che nella Sala dei Re  vi fosse ben poco che potesse rappresentare questo stato di cose.

CRISTINA PALMIERI

About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com

Discussione

Un pensiero su “BIENNALE DI VENEZIA – PADIGLIONE ITALIA – MILANO

  1. Nella sala del re, non c’era ben poco, ma il peggio del peggio. Non ho mai pensato che Sgarbi fosse un grande critico o storico dell’arte, ma che arrivasse così in basso non l’avrei mai immagginato. Gli artisti che hanno esposto hanno toccato il cielo ma a me fanno semplicemente pena. Con tutto il rispetto per il premio Nobel.

    Pubblicato da vincenzo pellitta | novembre 5, 2011, 11:54 pm
invia una mail a Milano Arte Expo

mercato dell’arte e prezzi

artprice
Milano in arte 1956 - 1967 mostra
Expo Milano - arancio MILANO IN ARTE 1956 - 1967 Le opere di grandi maestri della Milano artistica del dopoguerra. Inaugurazione: martedì 10 giugno 2014 dalle 18.00 alle 22.00. L’expo prosegue fino al 10 luglio....  > LEGGI
Jooble
Expo Milano - arancio JOOBLE Nuovo e funzionale motore di ricerca per trovare lavoro a Milano, In Italia e nel mondo. Veloce e capace di far risparmiare molte energie...  > vai a Jooble.it
Mia Fair 2014
Expo Milano - arancio  MIA FAIR MILANO 2014, la  FIERA INTERNAZIONALE D’ARTE  CONTEMPORANEA della fotografia  23-25 maggio  a SUPERSTUDIO PIÙ > > LEGGI
Photofestival
Expo Milano - arancio PHOTOFESTIVAL 2014 - Milano capitale della fotografia. Dal 29 aprile al 16 giugno Photofestival si svolge in oltre cento sedi espositive: un grande circuito di mostre fotografiche gratuite. Vedi il programma,le recensioni e le segnalazioni > LEGGI
Rossosegnale B&B Milano
Expo Milano - arancio ROSSOSEGNALE Milano B&B Via Antonio Sacchini 18 bed and breakfast e galleria d’arte 3001 LAB (metro: M1 e M2)  +39.02.29527453 – Zona 3, recensione di Federicapaola Capecchi – Uno dei top bed and breakfast e galleria d’arte allo stesso tempo. > LEGGI
Piero Manzoni
Expo Milano - arancio  MOSTRA PIERO MANZONI PALAZZO REALE MILANO
Piero Manzoni 1933-1963
a cura di Flaminio Gualdoni e Rosalia Pasqualino di Marineo. 26 marzo – 2 giugno 2014. Orari: lunedì 14.30-19.30 da martedì a domenica 9.30-19.30 giovedì e sabato 9.30-22.30 Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura. >LEGGI
Frida Kahlo mostra Roma
Expo Milano - arancio  Frida Kahlo ROMA Scuderie del Quirinale, mostra aperta fino al 31 agosto 2014 - recensione di Alessandra Pinchera per Milano Arte Expo  > LEGGI
Mostre Roma
Expo Milano - arancio  Mostre a Roma - Musée d’Orsay. Capolavori. Dal 22 febbraio all’8 giugno 2014 al Complesso del Vittoriano opere tra il 1848 e il 1914 di grandi maestri francesi: Gauguin, Monet, Degas, Sisley, Pissarro, Van Gogh, Manet, Corot, Seurat e altri.  Selezione di settanta opere che partono dalla pittura accademica dei Salon fino alla rivoluzione impressionista e alle soluzioni formali Nabis e dei Simbolisti..
UPCYCLE Cafè Milano
UPCYCLE Cafè: urban bike cafè, Via Ampère 59, Milano. Ristorante, bar, ma anche centro di aggregazione per gli appassionati della bicicletta e del cibo biologico, dalle birre al liquore artigianale.   > LEGGI
WOW Museo del Fumetto
Expo Milano - arancio  WOW Spazio Fumetto: museo del fumetto, dell'illustrazione e dell'immagine animata. Milano, viale Campania 12 tel. 02 49524744 – 02 49524745. L'accesso è gratuito alle numerose esposizioni al Piano Terra, alla Biblioteca, al Bookshop e alla Caffetteria. ... > VAI AL SITO >
La Rava e La Fava ristorante - leggi la recensione
Expo Milano - arancio  La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano - I ristoranti sparsi per la città di Milano hanno tutti qualcosa da offrire, ma quando trovi quel posticino dove sei il benvenuto come se fosse la cucina di casa dello chef...  LEGGI >
cervello istruzioni per l’uso
Expo Milano - arancio  BRAIN Il cervello istruzioni per l’uso – Al Museo di storia naturale di Milano: spettacolare divulgazione scientifica, dal 18 ottobre 2013 al 13 aprile 2014 dei meccanismi che regolano percezioni, emozioni, opinioni e sentimenti con il top della  tecnologia e della multimedialità  >LEGGI
Mostre Milano Pocket Exhibit
Expo Milano - arancio  A Milano, città di Expo, c'è un luogo di grande afflusso di pubblico dove realizzare una mostra di una settimana - Pocket Exhibit - ed essere supportati da un gruppo di specialisti della comunicazione - dei media tradizionali e del web - senza spendere nemmeno un euro? Si, c'è! Se sei un artista, un curatore o un ufficio stampa d'arte chiedici dove, come e quando. mail: milanoartexpo@gmail.com
car2go Milano car sharing
Car2go a Milano. Comincia una vera rivoluzione nel car sharing. Car2go permette di prelevare ovunque e di parcheggiare ovunque l’automobile a Milano...   > LEGGI
Giuseppe Verdi - bicentenario
Giuseppe Verdi, La Traviata, Teatro alla Scala Milano, da sabato 7 Dicembre 2013. Milano Arte Expo, scavando nei documenti d’epoca, vi propone uno speciale Giuseppe Verdi in diretta da cento anni fa ... > LEGGI
Sbarco in Normandia 6 giugno 1944
SBARCO IN NORMANDIA in diretta con i grandi inviati del D-Day, minuto per minuto dalla Seconda Guerra Mondiale ... > LEGGI
Emilio Tadini
Emilio Tadini FIABE – mostra a Burago di Molgora, a due passi da Milano. Rassegna I maestri del 900 ideata e organizzata da Marilena Buratti e curata da Simona Bartolena con l’expo dedicata a Emilio Tadini. ... > LEGGI
Le Canottiere Milano
Le Canottiere, Milano Alzaia Naviglio Grande: shopping vestiti e accessori per mamme e bambini – di Roanna Weiss - rubrica MILANO IN QUATTRO PASSI. Bilingue: italiano / inglese). Amo questa città!...  > LEGGI
CREATIVE ANTICHE CREDENZE, mobili d'epoca
Antiche Credenze: Oggetti Unici ed Esclusivi. Impronta ai nostri spazi con uno stile personale, valutando scelte fuori dagli standard. Un mobile antico - o solo vecchio - ripristinato o personalizzato con interventi decorativi, rientra in queste scelte con una soluzione che è a portata di mano e di portafoglio! Guarda dove siamo. Tel. 0243129275 - cell. 3401773602 - >LEGGI e GUARDA.
Milano design - 100FA Vintage
Milano design - Vintage: 100Fa propone arredi industriali, mobili da mestiere, da palestra, oggetti particolari.
L’origine: Francia ed Inghilterra, rigorosamente vintage.Vendita e noleggio. mail: info@100fa.it . MAPPA - Via Molino Delle Armi 48, Milano - Tel/Fax: +390258101184 - INFO E FOTO.
Jean Clair - intervistato da Giancarlo Ricci Milano Arte Expo
 Jean Clair, MEDUSA: Giancarlo Ricci intervista Jean Clair per Milano Arte Expo. A partire dal suo libro Medusa (Abscondita Edizioni, Milano 2013) abbiamo posto alcune domande al suo autore, Jean Clair, rinomato critico e storico dell’arte, saggista, ex direttore del Museo Picasso di Parigi. >>LEGGI
Milano Arte Expo - Fondazione Marconi
Fondazione Marconi di Milano aderisce al progetto Documenti d’Arte del Novecento di Milano Arte Expo con una vasta mole di materiale storico che verrà messo on line. Altre gallerie e fondazioni stanno unendosi a questo cospicuo e progressivo piano di lavoro. Per  collaborare: milanoartexpo@gmail.com.
Il testo che segue è pubblicato nel fascicolo Studio Marconi Documenti n° 8 del 1982La nuova pittura tedesca >leggi

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

PressOffice specializzati in arte

PressOffice: Cristina Pariset T.+39 024812584 F +39 024812486 Cell.+39 3485109589 Email Pariset

CLP Relazioni pubbliche
Tel. +39 02433403 – fax +39 024813841
press@clponline.it

SPAINI & PARTNERS
via dell'Ordine di Santo Stefano 229
56128 Marina di Pisa (PI)
tel 050/310920 -36042
www.spaini.it cell 3473839137

Patrizia Cavalletti Comunicazione
Via Nazzareno Cristofani n.3
06135 Perugia, Ponte San Giovanni (PG)
Tel. + 39 075 5990443 Mob. +39 348 3386855
Skype: monteverdi333
info@patriziacavalletticomunicazione.it
www.patriziacavalletticomunicazione.it

Clicca per iscriverti a questo notiziario e ricevere news per e-mail.

Unisciti agli altri 1.628 follower

Statistiche del Blog

  • 766,553 hits
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.628 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: