//
reading...
Carlo Orsi, Città/Milano, Emilio Tadini, Federico Sardella, fotografia, gallerie arte contemporanea, Guido Vergani, No photoshop di Carlo Orsi, Raffaella De Chirico Galleria

Carlo Orsi: No Photoshop – galleria Raffaella De Chirico, Torino, dal 6 ottobre al 18 novembre 2011

Untitled 2005, stampa montata su alluminio,cm100x70

La mostra No photoshop di Carlo Orsi merita indubbiamente una visita. “..Tutte inedite ed avente formato 70×100 cm, montate su alluminio, queste stampe corrispondono ad un punto di svolta decisivo nel lavoro di Orsi, nella sua attività e nella sua vita. Queste fotografie, stampe digitali ottenute dall’acquisizione di pellicole naturalmente deterioratesi od ammuffite, si propongono come icone di un mondo in frantumi, putrefatto eppur magnifico.(…)”, racconta la presentazione della Galleria Raffaella De Chirico, a Torino (clicca:MAPPA), dove inaugura  giovedì 6 ottobre 2011, ore 18.00. Di seguito, riportiamo anche (cortesia dell’Archivio Tadini) un testo che scrisse Emilio Tadini su Carlo Orsi. Colpisce nel segno, Tadini, quando sostiene che ” l’obiettivo di Carlo Orsi sembra essere mosso, indirizzato e regolato, ogni volta, da qualche desiderio. Da qualche desiderio che ha come oggetto le forme della narrazione ancora prima che la cosa narrata (…)”.

Colpisce anche perché Carlo Orsi -sito: http://www.carloorsi.com/index.php – oltre a essere “uno dei rari fotografi che sappiano essere contemporaneamente grandi, onesti reporter e grandi creatori, inventori di immagini”(Guido Vergani), è un ideatore di forme e contenitori del Racconto. Città/Milano è il nome della rivista che Carlo Orsi ha concepito a metà degli anni Novanta, mettendo insieme una redazione composta anche da Emilio Tadini, Gianfranco Pardi, Guido Vergani, Giorgio Terruzzi e Silvana Beretta.  Ne uscirono solo dieci numeri, ma vi invitiamo a fare di tutto al fine di procurarvene una copia. Città/Milano ha riportato la foto – seppure per poco –  al ruolo che aveva con Life, o con Epoca: ha liberato la foto reportage dalla prigionia alla quale è stata costretta dall’evoluzione dei giornali, soprattutto in Italia. Ha riprovato, per così dire, a sciogliere una sudditanza alle parole per le quali, la fotografia, si era ridotta a svolgere un lavoro di supporto.

Untitled 2008,stampa montata su alluminio,cm100x70

-

Con No photoshop, Carlo Orsi non inventa un contenitore nuovo, ma parla di una fine e di un inizio. Tramonta la pellicola e vince il digitale. Muore la memoria – e si decompone – del  triacetato di celluloide e segue quella dei megabyte, degli hard disk, del Web. In questo Viale del tramonto, la frantumazione delle vecchie immagini le rende quasi irriconoscibili. La decomposizione le carica di significati analoghi, forse, a quelli appartenenti a un volto che sia invecchiato senza subire interventi plastici, o alle “qualità” dei quartieri decadenti di un’area industriale diventata “archeologia”. Non esistono più come prima. Trasformate da un ciclo naturale di vita. Sono nate, invecchiano, moriranno, verranno ricordate, forse riciclate …

Fin qui tutto bene. Potremmo osservare i No photoshop di Carlo Orsi uscendo indenni dalla mostra. Potremmo provare a sdrammatizzare – come si fa alla fine di ogni funerale in piena regola – e berci su …

Eppure, a pensarci meglio, queste immagini di Carlo Orsi non raccontano solo la storia di un ex-diva: la Foto in Pellicola, nuda e pura, senza post produzione digitale. Ne’, a noi sembra, invocano un ritorno ai “tempi d’oro”.

Untitled 3 2008,stampa montata su alluminio,cm100x70

-

I No photoshop di Orsi ci sussurrano che sta accadendo qualcosa senza che noi ci si renda conto. Queste immagini che sono diventate “astratte” per via d’invecchiamento, forse, ci portano a osservare – da un punto di vista sufficientemente lontano, nello spazio e nel tempo – la realtà Presente della nostra immagine presente: un’identità che si stacca da noi e fluttua in un luogo della memoria perenne che non è un cimitero. L’immagine digitale. L’immagine che non vuole invecchiare al posto nostro, anche se vorremmo. L’immagine che non ha giorno ne’ notte. Sempre accesa, sempre illuminata, sempre condivisa, mai impolverata in una soffitta, incessantemente uguale a se stessa.

E’ in costruzione e svolgimento un eterno Presente sostenuto – nella sua incapacità di diventare passato e, allo stesso tempo, di pre-figurare l’idealità nel Futuro – da milioni e milioni di “prese di vista” simultanee, in perenne visione. Questa è l’immagine nell’era Web. Nell’epoca dei social network. …..

Non c’è alcun ritmo circadiano nel Presente elettrico della Rete. Noi vi carichiamo (c’è chi lo fa varie volte quotidianamente) i nostri “ritratti di Dorian Gray” sapendo – con certezza – che non avremo nemmeno la possibilità di lacerarli con un coltello.

Forse, in conclusione, dovremmo ricorrere a una distinzione salvifica: ricordarci che la Fotografia non è “l’immagine fotografica” e che la Memoria non è fatta di terabyte. I fotografi bravi esistono per ricordarcelo. Quelli come Carlo Orsi.

*

Carlo Orsi. No Photoshop

A cura di: Federico Sardella

Inaugurazione: giovedì 6 ottobre ore 18.00
Periodo: dal 7 ottobre al 18 novembre 2011

RAFFAELLA DE CHIRICO GALLERIA D’ARTE – sito: http://www.dechiricogalleriadarte.com/
Via Vanchiglia, 11/A, Torino

Tel. 011 19503550 – mail:  info@dechiricogalleriadarte.it

*

Carlo Orsi  – testo di Emilio Tadini (cortesia Archivio Tadini – Spazio Tadini)

Emilio Tadini ha disegnato una faccia sulla pelata di Fabio Bellotti, Foto di Carlo Orsi, 2001

Se si dovesse cercare di definire in poche parole lo stile della fotografia di Carlo Orsi, si potrebbe indicare, prima di tutto, qualche coppia di opposti: la coppia scabro-levigato, per esempio, la coppia semplice-complesso. O, addirittura, la coppia realistico-fantastico.

Queste coppie di opposti si mostrano in azione non soltanto in una serie di fotografie, da una fotografia all’altra, ma, in molti casi, anche nelle singole fotografie.

E’ come se in un testo letterario si facessero sentire, insieme – accostati, affrontati- un tono “alto” e un tono “basso”, parlato quotidiano e declamazione oratoria, discorso sintetico e discorso analitico.

Ma è proprio quella che si chiama la ricchezza di un testo.

Le scene-gli ambienti- cambiano radicalmente, nelle fotografie di Carlo Orsi.

Ci sono scene e ambienti che sembrano mettere insieme un mondo da sofisticazione fantastica – da fanta-sofisticazione, proprio: con personaggi stravolti e impassibili, simili a splendidi replicanti. Ci sono scene e ambienti dove si mostra, del reale, la violenza, la durezza – o la raccolta semplicità.

Ci sono scene e ambiente aperti e definiti dal caso, e che proprio per questo ci appaiono tanto più veri. Ci sono scene e ambienti da commedia borghese…..

Che cosa vuol dire? Vuol dire che l’obiettivo di Carlo Orsi registra freddamente ciò che si mostra al suo sguardo meccanico? Questo vuol dire, piuttosto, che l’obiettivo di Carlo Orsi è come se fosse strutturato secondo certe categorie che sono nella mente di questo fotografo prima di ogni fotografia.

E vuol dire anche che quell’obiettivo è come se fosse un organo, sollecitato direttamente dalla mente di questo fotografo- da quello, insomma, che questo fotografo pensa, sente, o ricorda. Così come ogni articolazione del nostro organismo è sollecitata dalla nostra mente mediante certi stimoli nervosi.

Potremmo anche dire che è come se lo sguardo meccanico dell’obiettivo si facesse sguardo vero, corporeo. Come se andasse alla cosa già carico della forma di un’idea, prima di tornarne carico di una figura.

Ma forse, più semplicemente, si potrebbe dire così: l’obiettivo di Carlo Orsi sembra essere mosso, indirizzato e regolato, ogni volta, da qualche desiderio. Da qualche desiderio che ha come oggetto le forme della narrazione ancora prima che la cosa narrata.

E’ come se le fotografie di Carlo Orsi fossero le illustrazioni di un racconto. Anzi, no. Tutto al contrario. E’ come se queste fotografie venissero prima di un racconto destinato a seguirle, a “illustrarle”.

E’ questo lo spazio che le fotografie di Carlo Orsi sanno aprire ogni volta: lo spazio della narrazione.

Emilio Tadini

About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com
invia una mail a Milano Arte Expo

mercato dell’arte e prezzi

artprice
Milano in arte 1956 - 1967 mostra
Expo Milano - arancio MILANO IN ARTE 1956 - 1967 Le opere di grandi maestri della Milano artistica del dopoguerra. Inaugurazione: martedì 10 giugno 2014 dalle 18.00 alle 22.00. L’expo prosegue fino al 10 luglio....  > LEGGI
Rossosegnale B&B Milano
Expo Milano - arancio ROSSOSEGNALE Milano B&B Via Antonio Sacchini 18 bed and breakfast e galleria d’arte 3001 LAB (metro: M1 e M2)  +39.02.29527453 – Zona 3, recensione di Federicapaola Capecchi – Uno dei top bed and breakfast e galleria d’arte allo stesso tempo. > LEGGI
Frida Kahlo mostra Roma
Expo Milano - arancio  Frida Kahlo ROMA Scuderie del Quirinale, mostra aperta fino al 31 agosto 2014 - recensione di Alessandra Pinchera per Milano Arte Expo  > LEGGI
UPCYCLE Cafè Milano
UPCYCLE Cafè: urban bike cafè, Via Ampère 59, Milano. Ristorante, bar, ma anche centro di aggregazione per gli appassionati della bicicletta e del cibo biologico, dalle birre al liquore artigianale.   > LEGGI
WOW Museo del Fumetto
Expo Milano - arancio  WOW Spazio Fumetto: museo del fumetto, dell'illustrazione e dell'immagine animata. Milano, viale Campania 12 tel. 02 49524744 – 02 49524745. L'accesso è gratuito alle numerose esposizioni al Piano Terra, alla Biblioteca, al Bookshop e alla Caffetteria. ... > VAI AL SITO >
La Rava e La Fava ristorante - leggi la recensione
Expo Milano - arancio  La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano - I ristoranti sparsi per la città di Milano hanno tutti qualcosa da offrire, ma quando trovi quel posticino dove sei il benvenuto come se fosse la cucina di casa dello chef...  LEGGI >
Mostre Milano Pocket Exhibit
Expo Milano - arancio  A Milano, città di Expo, c'è un luogo di grande afflusso di pubblico dove realizzare una mostra di una settimana - Pocket Exhibit - ed essere supportati da un gruppo di specialisti della comunicazione - dei media tradizionali e del web - senza spendere nemmeno un euro? Si, c'è! Se sei un artista, un curatore o un ufficio stampa d'arte chiedici dove, come e quando. mail: milanoartexpo@gmail.com
car2go Milano car sharing
Car2go a Milano. Comincia una vera rivoluzione nel car sharing. Car2go permette di prelevare ovunque e di parcheggiare ovunque l’automobile a Milano...   > LEGGI
Giuseppe Verdi - bicentenario
Giuseppe Verdi, La Traviata, Teatro alla Scala Milano, da sabato 7 Dicembre 2013. Milano Arte Expo, scavando nei documenti d’epoca, vi propone uno speciale Giuseppe Verdi in diretta da cento anni fa ... > LEGGI
Sbarco in Normandia 6 giugno 1944
SBARCO IN NORMANDIA in diretta con i grandi inviati del D-Day, minuto per minuto dalla Seconda Guerra Mondiale ... > LEGGI
Emilio Tadini
Emilio Tadini FIABE – mostra a Burago di Molgora, a due passi da Milano. Rassegna I maestri del 900 ideata e organizzata da Marilena Buratti e curata da Simona Bartolena con l’expo dedicata a Emilio Tadini. ... > LEGGI
Le Canottiere Milano
Le Canottiere, Milano Alzaia Naviglio Grande: shopping vestiti e accessori per mamme e bambini – di Roanna Weiss - rubrica MILANO IN QUATTRO PASSI. Bilingue: italiano / inglese). Amo questa città!...  > LEGGI
CREATIVE ANTICHE CREDENZE, mobili d'epoca
Antiche Credenze: Oggetti Unici ed Esclusivi. Impronta ai nostri spazi con uno stile personale, valutando scelte fuori dagli standard. Un mobile antico - o solo vecchio - ripristinato o personalizzato con interventi decorativi, rientra in queste scelte con una soluzione che è a portata di mano e di portafoglio! Guarda dove siamo. Tel. 0243129275 - cell. 3401773602 - >LEGGI e GUARDA.
Milano design - 100FA Vintage
Milano design - Vintage: 100Fa propone arredi industriali, mobili da mestiere, da palestra, oggetti particolari.
L’origine: Francia ed Inghilterra, rigorosamente vintage.Vendita e noleggio. mail: info@100fa.it . MAPPA - Via Molino Delle Armi 48, Milano - Tel/Fax: +390258101184 - INFO E FOTO.
Jean Clair - intervistato da Giancarlo Ricci Milano Arte Expo
 Jean Clair, MEDUSA: Giancarlo Ricci intervista Jean Clair per Milano Arte Expo. A partire dal suo libro Medusa (Abscondita Edizioni, Milano 2013) abbiamo posto alcune domande al suo autore, Jean Clair, rinomato critico e storico dell’arte, saggista, ex direttore del Museo Picasso di Parigi. >>LEGGI
Milano Arte Expo - Fondazione Marconi
Fondazione Marconi di Milano aderisce al progetto Documenti d’Arte del Novecento di Milano Arte Expo con una vasta mole di materiale storico che verrà messo on line. Altre gallerie e fondazioni stanno unendosi a questo cospicuo e progressivo piano di lavoro. Per  collaborare: milanoartexpo@gmail.com.
Il testo che segue è pubblicato nel fascicolo Studio Marconi Documenti n° 8 del 1982La nuova pittura tedesca >leggi

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

PressOffice specializzati in arte

PressOffice: Cristina Pariset T.+39 024812584 F +39 024812486 Cell.+39 3485109589 Email Pariset

CLP Relazioni pubbliche
Tel. +39 02433403 – fax +39 024813841
press@clponline.it

SPAINI & PARTNERS
via dell'Ordine di Santo Stefano 229
56128 Marina di Pisa (PI)
tel 050/310920 -36042
www.spaini.it cell 3473839137

Patrizia Cavalletti Comunicazione
Via Nazzareno Cristofani n.3
06135 Perugia, Ponte San Giovanni (PG)
Tel. + 39 075 5990443 Mob. +39 348 3386855
Skype: monteverdi333
info@patriziacavalletticomunicazione.it
www.patriziacavalletticomunicazione.it

Clicca per iscriverti a questo notiziario e ricevere news per e-mail.

Unisciti agli altri 1.679 follower

Statistiche del Blog

  • 790,588 hits
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.679 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: