//
reading...
L'Hiver de la culture

Dorfles, Sgarbi, Bonito Oliva, Parente, Hirst, Cattelan, Koons e JEAN CLAIR, L’Hiver de la culture

Jean Clair ha scritto un libro, “L’Hiver de la culture“. Un pamphlet non ignorabile. I giornali ne parlano e le loro “firme” sono convocate a risolvere rapidamente la questione. Il problema che Clair pone (scagliandosi contro la fabbrica delle “superstar” dell’arte) è contenuto, per sintesi, in queste due affermazioni…

1 – “Une étrange oligarchie financière mondialisée, comportant deux ou trois grandes galeries parisiennes et new-yorkaises, deux ou trois maisons de vente, et deux ou trois institutions publiques responsables d’un patrimoine d’un État, décide ainsi de la circulation et de la titrisation d’œuvres d’art qui restent limitées à la production, quasi industrielle, de quatre ou cinq artistes.” Una strana oligarchia finanziaria globale – traduciamo velocemente – composta da due o tre grandi gallerie parigine e newyorkesi, due o tre case d’asta, e due o tre istituzioni pubbliche responsabili del patrimonio di uno stato, decidono così la circolazione e la cartolarizzazione (n.d.r. Collateralized Debt Obligations o Cdo: obbligazioni che hanno per collaterale un debito, comprati e venduti da privati a privati, da banche a fondi, da banche a banche, in un intreccio senza fine di scambi meramente finanziari) di opere d’arte che si limitano alla produzione, quasi industriale, di quattro o cinque artisti.

2- “Il existe encore une musique sacrée: de jeunes compositeurs écrivent encore des messes, des requiem, des opéras métaphysiques. La danse non n’a jamais peut-être été aussi belle, fascinante (…) On devine la raison: il y a dans ces disciplines – le mot reprend son sens – un métier, une maîtrise du corps longuement apprise, une technique singulière, année après année enseignée et transmise. Or il n’y a plus ni métier ni maîtrise en arts plastiques.”  Esiste ancora una musica sacra: giovani compositori scrivono ancora delle messe, dei requiem, delle opere metafisiche. La danza non è forse mai stata così bella, affascinante (…) Se ne intuisce la ragione: c’è in queste discipline – la parola riprende il suo significato – un mestiere, un controllo del corpo appreso con il tempo, una tecnica specifica, insegnata e trasmessa anno dopo anno. Oggi non ci sono più ne’ mestiere ne’ controllo nelle arti plastiche.

*

Gillo Dorfles, sul Corriere della Sera, conclude: ” …Un esempio: Lucian Freud, il quale pur essendo un pittore notevole, secondo me non è all’ altezza della sua fama. Invece mi sembra eccessivo il terrore di Clair per artisti come Maurizio Cattelan o Damien Hirst, che pur essendo in un certo senso paradossali, non sono degni del suo disprezzo. Tutto ciò che precede mi induce a formulare un giudizio su Jean Clair che lui stesso si attira: è un reazionario. E non mi si venga a dire che così faccio entrare la politica nella critica d’ arte. In questo caso esiste, e come, un parallelo malefico tra posizione politica e posizione critica.”

Massimiliano Parente, dalle colonne de Il Giornale risolve così: “… ogni anno, a cicli più mestruali che storici, qualche intellettuale troppo di sinistra o troppo di destra o semplicemente troppo vecchio si lagna della modernità (…) Basta anche andarsi a spulciare per curiosità il Libro dei conti di Lorenzo Lotto, grande ritrattista rinascimentale della borghesia veneziana, tanto per farsi un’idea di quanto fosse pratica e mercantile l’arte che oggi ci fa tanto sdilinquire d’ammirazione: il costo di un quadro variava non solo rispetto alle dimensioni ma perfino rispetto al numero di figure e oggetti dipinti, un tot al chilo. Vuoi essere ritratto a cavallo? Costa trecento ducati. Però se vuoi risparmiare ti ritraggo in piedi con una mela in mano, una mela costa solo trenta ducati, affare fatto? “

Achille Bonito Oliva, intervistato da Adnkronos: “L’arte contemporanea è un massaggio al muscolo atrofizzato della sensibilità collettiva perché la nostra è una società di massa addomesticata dai media. L’arte ha una funzione energetica. (…) Le critiche di Jean Clair  vengono da lontano. Già in altri testi ha lanciato queste invettive. Ma in realtà le sue teorie sono il frutto della sua depressione culturale. La sua è una sfiducia nel futuro. Vede l’arte come una minaccia.”

Terminiamo le citazioni di questa polemica con Sgarbi che, per così dire, trae le conclusioni e tuona, ancora da Il Giornale: ” Il problema non è che gli artisti siano pagati! Figuriamoci per Clair, già direttore del Museo Picasso, che certo non si scandalizza per le quotazioni del grande artista spagnolo, di Van Gogh o di Pollock. Il problema è l’inconsistenza (che si esaurisce in una battuta non approvata) delle proposte di Cattelan, Hirst o Koons. E la risposta non può essere né quella di chi considera Clair reazionario (con ciò compiacendolo), come fa Dorfles, né quella di chi, come Beatrice, ne condivide lo spirito e però contesta il richiamo a testimonianze «autentiche», a «interrogazioni assolute e drammatiche» che Clair evoca ma che non possono essere cercate «nell’antica figurazione di un Freud o un Music perché, per quanto si parli di grandi maestri, siamo in presenza di un linguaggio troppo antico e lontano inadatto a spiegarci come siamo oggi». Ingenua riflessione, se si pensa che il marmo di Carrara lo ha usato Michelangelo ma lo possono usare anche artisti innovativi o concettuali come Jan Fabre e lo stesso Cattelan.”

*

A noi sembra – e lo speriamo – che le fiamme appiccate da Jean Clair siano destinate a durare oltre all’estate e ai tentativi di spegnere l’incendio. Clair, in fondo, dice cose semplici.  1- il mercato dell’arte è globalizzato analogamente a quello finanziario ed è nelle mani di pochi potenti , ricchissimi. 2- Molti artisti approcciano l’arte in maniera “improvvisata” e senza  lunga disciplina. Noi siamo d’accordo. A noi pare che non siano affermazioni ne’ di destra ne’ di sinistra. Non crediamo che Clair si “lagni della modernità” o che sia un depresso che “veda l’arte come una minaccia”. Pensiamo che le opere d’arte e il loro mercato non siano la stessa cosa. Il mercato è il mercato.

Il teschio coperto di diamanti di Hirst, è valutato decine di milioni di Euro. Hirst stesso, in un’intervista, ha ricordato: “…Elvis Presley ha realizzato tanti soldi sia dalle t-shirt con su scritto Amo Elvis Presley sia con quelle con Odio Elvis Presley e questa idea mi è sempre piaciuta.”

E, con ciò, non intendiamo ipotizzare che sia, poi, così inattuale l’idea di una “vanitas” del terzo millennio, libera da ogni metafisica (se non quella del “Potere del Denaro”)… Vogliamo semplicemente sottolineare come ci sia una differenza sostanziale tra chi pensa  – come Andy Warhol –  che “Fare denaro è un’arte. Un buon affare è il massimo di tutte le arti” e chi crede che l’arte sia, oggi come sempre, uno dei modi migliori di porre domande, inesauribili, sull’identità umana.  A cosa serve il Gusto se non a dire “chi siamo”? A cosa la Forma se non a definire lo spazio di un’esistenza e il perimetro di una “Casa”.

La Casa di Hirst, dei suoi – abili! – manager, critici, gallerie che muovono oceani finanziari, è un’abitazione con il pavimento in oro. Per noi è inabitabile, ma contenti loro…   Circa 300 degli “Spot” di Hirst  saranno, l’anno prossimo,  esposti  planetariamente nelle gallerie Gagosian  di New York, Londra, Los Angeles, Parigi, Roma, Atene, Ginevra e Hong Kong. Questo è marketing! La Coca Cola fa più profitti del Barolo? Noi ci ostiniamo a preferire il secondo.

D’altra parte nemmeno la provincia dell’Impero si muove su logiche tanto differenti. In  Italia, quante sono le riviste d’arte non ridotte, ormai, a elenchi di “locandine a pagamento”? Quante le gallerie – anche storiche – che riescono ad affermare ancora la loro centralità riunendo gruppi di artisti che “ci credono” e discutono come matti, producendo Manifesti , teorie, scontri, controteorie…?

Anche se è un verbo orrendo, ci viene da dire: si “vivacchia”. Rimedio? Propendiamo per la “cura” che ripropone Jean Clair: “…une maîtrise du corps longuement apprise”. Disciplina e rigore. Ricerca. Distanza dal potere e dal lusso. Troppo difficile?

Jean Luc Neverborn

About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com

Discussione

Un pensiero su “Dorfles, Sgarbi, Bonito Oliva, Parente, Hirst, Cattelan, Koons e JEAN CLAIR, L’Hiver de la culture

  1. L’intervento critico di Gillo Dorfles: (…) sul Corriere della Sera, conclude: ” …Un esempio: Lucian Freud, il quale pur essendo un pittore notevole, secondo me non è all’ altezza della sua fama. Invece mi sembra eccessivo il terrore di Clair per artisti come Maurizio Cattelan o Damien Hirst, che pur essendo in un certo senso paradossali, non sono degni del suo disprezzo. Tutto ciò che precede mi induce a formulare un giudizio su Jean Clair che lui stesso si attira: è un reazionario. E non mi si venga a dire che così faccio entrare la politica nella critica d’ arte. In questo caso esiste, e come, un parallelo malefico tra posizione politica e posizione critica.” lo sottoscrivo sotto ogni punto di vista e lo ringrazio .
    Vittorio Del Piano di Taranto

    Pubblicato da VITTORIO DEL PIANO DI TARANTO | marzo 28, 2012, 11:44 am
invia una mail a Milano Arte Expo

mercato dell’arte e prezzi

artprice
Milano in arte 1956 - 1967 mostra
Expo Milano - arancio MILANO IN ARTE 1956 - 1967 Le opere di grandi maestri della Milano artistica del dopoguerra. Inaugurazione: martedì 10 giugno 2014 dalle 18.00 alle 22.00. L’expo prosegue fino al 10 luglio....  > LEGGI
Rossosegnale B&B Milano
Expo Milano - arancio ROSSOSEGNALE Milano B&B Via Antonio Sacchini 18 bed and breakfast e galleria d’arte 3001 LAB (metro: M1 e M2)  +39.02.29527453 – Zona 3, recensione di Federicapaola Capecchi – Uno dei top bed and breakfast e galleria d’arte allo stesso tempo. > LEGGI
Frida Kahlo mostra Roma
Expo Milano - arancio  Frida Kahlo ROMA Scuderie del Quirinale, mostra aperta fino al 31 agosto 2014 - recensione di Alessandra Pinchera per Milano Arte Expo  > LEGGI
UPCYCLE Cafè Milano
UPCYCLE Cafè: urban bike cafè, Via Ampère 59, Milano. Ristorante, bar, ma anche centro di aggregazione per gli appassionati della bicicletta e del cibo biologico, dalle birre al liquore artigianale.   > LEGGI
WOW Museo del Fumetto
Expo Milano - arancio  WOW Spazio Fumetto: museo del fumetto, dell'illustrazione e dell'immagine animata. Milano, viale Campania 12 tel. 02 49524744 – 02 49524745. L'accesso è gratuito alle numerose esposizioni al Piano Terra, alla Biblioteca, al Bookshop e alla Caffetteria. ... > VAI AL SITO >
La Rava e La Fava ristorante - leggi la recensione
Expo Milano - arancio  La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano - I ristoranti sparsi per la città di Milano hanno tutti qualcosa da offrire, ma quando trovi quel posticino dove sei il benvenuto come se fosse la cucina di casa dello chef...  LEGGI >
Mostre Milano Pocket Exhibit
Expo Milano - arancio  A Milano, città di Expo, c'è un luogo di grande afflusso di pubblico dove realizzare una mostra di una settimana - Pocket Exhibit - ed essere supportati da un gruppo di specialisti della comunicazione - dei media tradizionali e del web - senza spendere nemmeno un euro? Si, c'è! Se sei un artista, un curatore o un ufficio stampa d'arte chiedici dove, come e quando. mail: milanoartexpo@gmail.com
car2go Milano car sharing
Car2go a Milano. Comincia una vera rivoluzione nel car sharing. Car2go permette di prelevare ovunque e di parcheggiare ovunque l’automobile a Milano...   > LEGGI
Giuseppe Verdi - bicentenario
Giuseppe Verdi, La Traviata, Teatro alla Scala Milano, da sabato 7 Dicembre 2013. Milano Arte Expo, scavando nei documenti d’epoca, vi propone uno speciale Giuseppe Verdi in diretta da cento anni fa ... > LEGGI
Sbarco in Normandia 6 giugno 1944
SBARCO IN NORMANDIA in diretta con i grandi inviati del D-Day, minuto per minuto dalla Seconda Guerra Mondiale ... > LEGGI
Emilio Tadini
Emilio Tadini FIABE – mostra a Burago di Molgora, a due passi da Milano. Rassegna I maestri del 900 ideata e organizzata da Marilena Buratti e curata da Simona Bartolena con l’expo dedicata a Emilio Tadini. ... > LEGGI
Le Canottiere Milano
Le Canottiere, Milano Alzaia Naviglio Grande: shopping vestiti e accessori per mamme e bambini – di Roanna Weiss - rubrica MILANO IN QUATTRO PASSI. Bilingue: italiano / inglese). Amo questa città!...  > LEGGI
CREATIVE ANTICHE CREDENZE, mobili d'epoca
Antiche Credenze: Oggetti Unici ed Esclusivi. Impronta ai nostri spazi con uno stile personale, valutando scelte fuori dagli standard. Un mobile antico - o solo vecchio - ripristinato o personalizzato con interventi decorativi, rientra in queste scelte con una soluzione che è a portata di mano e di portafoglio! Guarda dove siamo. Tel. 0243129275 - cell. 3401773602 - >LEGGI e GUARDA.
Milano design - 100FA Vintage
Milano design - Vintage: 100Fa propone arredi industriali, mobili da mestiere, da palestra, oggetti particolari.
L’origine: Francia ed Inghilterra, rigorosamente vintage.Vendita e noleggio. mail: info@100fa.it . MAPPA - Via Molino Delle Armi 48, Milano - Tel/Fax: +390258101184 - INFO E FOTO.
Jean Clair - intervistato da Giancarlo Ricci Milano Arte Expo
 Jean Clair, MEDUSA: Giancarlo Ricci intervista Jean Clair per Milano Arte Expo. A partire dal suo libro Medusa (Abscondita Edizioni, Milano 2013) abbiamo posto alcune domande al suo autore, Jean Clair, rinomato critico e storico dell’arte, saggista, ex direttore del Museo Picasso di Parigi. >>LEGGI
Milano Arte Expo - Fondazione Marconi
Fondazione Marconi di Milano aderisce al progetto Documenti d’Arte del Novecento di Milano Arte Expo con una vasta mole di materiale storico che verrà messo on line. Altre gallerie e fondazioni stanno unendosi a questo cospicuo e progressivo piano di lavoro. Per  collaborare: milanoartexpo@gmail.com.
Il testo che segue è pubblicato nel fascicolo Studio Marconi Documenti n° 8 del 1982La nuova pittura tedesca >leggi

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

PressOffice specializzati in arte

PressOffice: Cristina Pariset T.+39 024812584 F +39 024812486 Cell.+39 3485109589 Email Pariset

CLP Relazioni pubbliche
Tel. +39 02433403 – fax +39 024813841
press@clponline.it

SPAINI & PARTNERS
via dell'Ordine di Santo Stefano 229
56128 Marina di Pisa (PI)
tel 050/310920 -36042
www.spaini.it cell 3473839137

Patrizia Cavalletti Comunicazione
Via Nazzareno Cristofani n.3
06135 Perugia, Ponte San Giovanni (PG)
Tel. + 39 075 5990443 Mob. +39 348 3386855
Skype: monteverdi333
info@patriziacavalletticomunicazione.it
www.patriziacavalletticomunicazione.it

Clicca per iscriverti a questo notiziario e ricevere news per e-mail.

Unisciti agli altri 1.679 follower

Statistiche del Blog

  • 790,009 hits
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.679 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: