//
reading...
Biennale Danza, Biennale di Venezia, Biennale Venezia, Paris Quartier d'Eté

Emanuel Gat: Brilliant Corners al Paris Quartier d’Eté

L’ultimo lavoro del coreografo israeliano al Paris Quartier d’Eté. Emanuel Gat è considerato un purista della danza, in cui spicca tutta la sensualità e la fisicità del movimento, ed è, oggi, uno dei maggiori coreografi della scena internazionale. Il suo nuovo spettacolo, Brilliant Corners, che indaga l’arte effimera della danza, che nasce muore e sempre si rinnova nello spazio circoscritto di un gesto, ha appena debuttato in prima mondiale a Venezia al Teatro Piccolo Arsenale, e dal 3 al 6 agosto sarà a Parigi, per la 22° edizione del Paris Quartier d’Eté Festival.

Lo spettacolo nasce nell’ambito del programma European Network of Performing Arts che la Biennale di Venezia promuove e condivide, per la danza, con il festival Dance Umbrella di Londra e il centro Dansens Hus di Stoccolma.

È nella chiarezza e nella semplicità di un quadrato di luce ben definito che si dispiega un organismo coreografico in perenne mutamento creato da 10 danzatori. Quasi un’esplosione simultanea di idee, Brilliant Corners funziona come un sismografo dell’attività coreografica, traccia le sue strutture evanescenti e le sue molteplici prospettive. Regole e meccanismi si creano e si confrontano immediatamente con le aspettative, mettendo in luce sia la fragilità dell’istante coreografico che la sua bruciante rilevanza. Come quando si versa la pittura nell’acqua, emerge un disegno in costante mutamento. Una struttura complessa a 4 dimensioni di eventi cinetici, fatta di infiniti strati ritmici e melodici che si compongono nello spazio e nel tempo in elaborati contrappunti. Brilliant Corners si fonda sull’ intima fiducia nella capacità del processo coreografico di inventare strutture che posseggono una verità fondamentale” (E. Gat).

Questo suo ultimo lavoro Gat lo ha concepito in toto, musiche comprese. È realizzato per 10 danzatori, quattro ragazze e sei ragazzi, e, di fatto, applica alla costruzione coreografica la metodologia compositiva di Thelonious Monk, pianista e compositore statunitense, genio radicale del jazz, conosciuto per il suo singolare stile di improvvisazione. Monk è creatore di una visione della composizione incentrata sul fattore “sorpresa”. Il fraseggio frastagliato e pieno di cluster (un gruppo di note adiacenti – solitamente da tre a cinque – suonate simultaneamente), la diteggiatura ineducata, armonie strane e ricercate, un virtuosismo ritmico fatto di ritardi, accenti spostati, l’uso affascinante e sorprendente dei silenzi. Gioca con le note, non si limita ad improvvisare ma reinventa ogni volta la struttura armonica tra dissonanze e giochi di note che si rincorrono e si scontrano in una esemplare disinvoltura.

Emanuel Gat, esattamente in modo analogo, dà vita ad una coreografia che è una continua e virtuosa invenzione, messa in discussione, rielaborazione e ripensamento delle relazioni tra i danzatori, delle dinamiche nello spazio e di ogni singolo gesto/segno e sviluppo o conseguenza di esso; una sensuale, voluttuosa e ammaliante indagine dell’individuo/corpo, carne e ossa, nello spazio e in relazione allo spazio scenico attraverso lo scandaglio, anche interiore, del peso, della gravità, del ritmo. Il tutto in assoluta dinamica, da lasciare quasi senza respiro lo spettatore, senza soluzione di continuità.

Le variazioni, le dissonanze, i ritorni, i legati, il reverse, l’anti metodo e regola, la casualità (forse solo apparente) sono costanti, ininterrotti. Non vi è emotività, tutto è impersonale. Il gesto è impersonale, solido ad incidere lo spazio e a divenire quasi un intaglio nello spazio. Davvero tutto è impersonale e privo di emotività, se cerchiamo un segno specifico, una storia, un perché che ci rassicuri e dia spiegazioni, se cerchiamo uno spettacolo tradizionale, anche i costumi, o meglio, i non costumi: abiti casual. Anche l’atteggiamento dei danzatori – c’è chi si sistema i capelli in piena evoluzione coreografica o appena finita – lì rende degli impersonali esecutori, forse.

Sicuramente, e non credo né di sbagliarmi né con ciò di non rendere omaggio alla bravura di Emanuel Gat, non è uno spettacolo “tradizionale”. È un puro atto di ricerca e creativo. Nel senso che per circa 1 ora siamo in un laboratorio costante. Assistiamo ad un puro atto creativo e di composizione. E forse non tutti, in Italia,  sono abituati a entrare nel puro meccanismo di sperimentazione, ricerca, creazione, composizione. Ma…che meraviglioso esercizio di stile, che eccezionale virtuosismo e forse anche auto compiacimento compositivo, che male c’è. Fossero tutti così gli spettacoli di danza “non tradizionali”.

Visto il 25 giugno al Teatro Piccolo Arsenale, Venezia

Federicapaola Capecchi

Brilliant Corners” is a new piece for 10 dancers to an original score by Emanuel.

The work explores the forces, both mechanical and human, which generate the choreographic substance. The ever evolving structures are a direct manifestation of these forces and as such, hold reveling qualities and possible insights.

Within the simplicity and clarity of a well-determined square of light, unfolds an ever-changing choreographic organism. An explosion of simultaneous ideas, “Brilliant Corners” functions as a seismograph of choreographic activity, tracking its vanishing structures and multiple perspectives, exposing both the fragility of the choreographic moment and its burning relevancy.

A flow of kinetic events with endless rhythmic and melodic layers, “Brilliant Corners” moves through time and space in elaborate counterpoint, built around an intimate confidence in the capacity of the choreographic process to invent structures, which hold fundamental truths.”

http://www.emanuelgatdance.com/

Une aire de jeux pour un groupe de dix danseurs, un endroit où les forces qui mènent au mouvement prennent leur libre cours, se confrontent et montent en puissance jusqu’à façonner un monde cohérent” : c’est ainsi que l’Israélien Emanuel Gat présente sa nouvelle création, Brilliant Corners. Un titre emprunté à Thelonious Monk et qui a valeur d’indice : Emanuel Gat est jazz comme Toni Morrison est jazz, comme Piet Mondrian est jazz.
Musicien autant que chorégraphe, attentif aux notes comme aux silences, il compose ici pour la première fois la musique de son spectacle. Avec ses danseurs, il a conçu un moment où les puissances de la mesure et de la liberté coexistent et où “des règles et mécanismes s’établissent pour immédiatement se confronter à leurs exceptions“.
En ombres portées et en brillants éclats, en retenue et en force, il lance une invitation à partager l’intensité de l’instant.

http://www.quartierdete.com/programme/spectacles/?id=833

PROSSIME DATE DI Brilliant Corners: 16 e 17 agosto a TANZ FEST IM AUGUST Berlino

Emanuel Gat
Artistic Director and Choreographer.

Born in Israel 1969.

His first encounter with dance was at the age of 23 during a workshop led by Israeli choreographer Nir Ben Gal. Six months later, at age 23, Gat joined the Liat Dror Nir Ben Gal Company with whom he toured in Israel and around the world. Shortly after Gat began working as an independent choreographer, creating his first solo piece “Four Dances” in 1994 to music by Bach. Over the next 10 years Gat created a number of independent projects as dancer and choreographer. His work has been presented in Israel as well as internationally at dance festivals around the world. Gat received a scholarship from the Ballet Master Albert Gaubiers Fund in 1995 and the Rosenblum Award for Performing Arts in 2003 as well as the Landau award (2004). In January 2004 Gat established his company – Emanuel Gat Dance, which received Israel’s Minister of Culture Award in 2005 for outstanding dance performances. In 2006 Gat was named a chosen artist of the Israel Cultural Excellence Foundation IcExcellence, one of Israel’s highest honors for artists.

In 2004 Emanuel founded his independent company “Emanuel Gat Dance”. The premier of “Winter Voyage” and “The Rite of Spring” took place at Uzes festival in June 2004. These two works were performed since to great acclaim more than 300 times worldwide. In 2006 Emanuel Gat received the Bessie award for the presentation of this program at the Lincoln Center Festival in New York. In 2006 Emanuel created “K626” a work for 8 dancers based on Mozart’s Requiem, which was premiered at the Festival de Marseilles.

The following year, the company premiered “3for2007” (a three piece program including “My Favorite things” a solo danced by Emanuel to music by John Coltrane, “Petit torn de dança”a duet to medieval French songs and “through the center…” a piece for 8 dancers to electronic music by Squarepusher.

In September 2007, Emanuel moved to France and based his company at the town of Istres where it is hosted since by Ouest Provence.

“Silent Ballet”, a piece for 8 dancers with no music, was premiered on July 2008 at Montpellier Danse Festival. Co-produced by the Lincoln Center Festival New York, Romaeuropa Festival, the Sadler’s Wells Theater in London and the Montpellier Dance Festival. Later that year, Emanuel and Roy Assaf went back to their long time collaboration creating “Winter Variations”, a 50 minutes duet premiered at the American Dance Festival on June 2009 and presented later at Montpellier Danse and The Lincoln Center Festival.

Emanuel is regularly invited to set his work and create new choreographies for dance compnies arround the world including: The Paris Opera Ballet, Sydney Dance Company, Le Ballet du Rhin, Tanztheater Bremen, Le Ballet du Grand Théâtre de Genève, Ballet de Marseille, Noord Nederlandse Dans, Polish National Ballet among others.

*

Nato in Israele nel 1969, Emanuel Gat si unisce all’età di 23 anni alla compagnia Liat Dror Nir Ben Gal con cui fa torunée internazionali. La sua carriera solista ha inizio nel 1994 quando crea il suo primo assolo, Four Dances, su musiche di Bach. Nei dieci anni successivi intensifica la sua attività di coreografo creando pezzi come Al-Kuds (1996/98) con il musicista Mariano Weinstein, autore anche dei testi, Kasha (1999), un duetto di cui Gat è autore anche delle musiche, Good Year (2000), un pezzo per 9 danzatori commissionato dalla Kibbutz Dance Company di cui firma anche la colonna sonora, Two Stupid Dogs (2002), un lavoro per 5 danzatori in collaborazione con il gruppo arabo MWR, commissionato dal Festival Israeli/Jerusalem. Dopo aver presentato i suoi lavori anche all’estero e aver vinto premi e borse di studio, nel 2004 Gat fonda la compagnia che porta il suo nome. Da allora 6 sono i pezzi che coreografa esclusivamente per la sua compagnia e che fanno il giro del mondo: Winter Voyage, The Rite of Spring (con cui ottiene un Bessie Aaward nel 2006), K626, 3for2007 (My Favourite things, un assolo su musiche di Coltrane, Petit torn de dança, un duetto su musiche medievali francesi, through the center…, per 8 danzatori con la musica elettronica degli Squarepusher).

Nel 2007 Gat si trasferisce in Francia e stabilisce la sua compagnia a Istres, Ouest Provence, dove resta in residenza per 3 anni. Qui crea Silent Ballet, un pezzo senza musica per 8 danzatori, presentato al Festival di Montpellier. Nel 2009 è invitato dal Corpo di ballo dell’Opèra di Parigi a creare una coreografia per 13 danzatrici. Dello stesso anno è Winter Variations, un duetto con Roy Assaf, che ha debuttato all’American Dance Festival, per poi essere presentato a Montpellier Danse e al Lincoln Center Festival.

About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com
invia una mail a Milano Arte Expo

mercato dell’arte e prezzi

artprice
Milano in arte 1956 - 1967 mostra
Expo Milano - arancio MILANO IN ARTE 1956 - 1967 Le opere di grandi maestri della Milano artistica del dopoguerra. Inaugurazione: martedì 10 giugno 2014 dalle 18.00 alle 22.00. L’expo prosegue fino al 10 luglio....  > LEGGI
Jooble
Expo Milano - arancio JOOBLE Nuovo e funzionale motore di ricerca per trovare lavoro a Milano, In Italia e nel mondo. Veloce e capace di far risparmiare molte energie...  > vai a Jooble.it
Mia Fair 2014
Expo Milano - arancio  MIA FAIR MILANO 2014, la  FIERA INTERNAZIONALE D’ARTE  CONTEMPORANEA della fotografia  23-25 maggio  a SUPERSTUDIO PIÙ > > LEGGI
Photofestival
Expo Milano - arancio PHOTOFESTIVAL 2014 - Milano capitale della fotografia. Dal 29 aprile al 16 giugno Photofestival si svolge in oltre cento sedi espositive: un grande circuito di mostre fotografiche gratuite. Vedi il programma,le recensioni e le segnalazioni > LEGGI
Rossosegnale B&B Milano
Expo Milano - arancio ROSSOSEGNALE Milano B&B Via Antonio Sacchini 18 bed and breakfast e galleria d’arte 3001 LAB (metro: M1 e M2)  +39.02.29527453 – Zona 3, recensione di Federicapaola Capecchi – Uno dei top bed and breakfast e galleria d’arte allo stesso tempo. > LEGGI
Piero Manzoni
Expo Milano - arancio  MOSTRA PIERO MANZONI PALAZZO REALE MILANO
Piero Manzoni 1933-1963
a cura di Flaminio Gualdoni e Rosalia Pasqualino di Marineo. 26 marzo – 2 giugno 2014. Orari: lunedì 14.30-19.30 da martedì a domenica 9.30-19.30 giovedì e sabato 9.30-22.30 Il servizio di biglietteria termina un’ora prima della chiusura. >LEGGI
Frida Kahlo mostra Roma
Expo Milano - arancio  Frida Kahlo ROMA Scuderie del Quirinale, mostra aperta fino al 31 agosto 2014 - recensione di Alessandra Pinchera per Milano Arte Expo  > LEGGI
Mostre Roma
Expo Milano - arancio  Mostre a Roma - Musée d’Orsay. Capolavori. Dal 22 febbraio all’8 giugno 2014 al Complesso del Vittoriano opere tra il 1848 e il 1914 di grandi maestri francesi: Gauguin, Monet, Degas, Sisley, Pissarro, Van Gogh, Manet, Corot, Seurat e altri.  Selezione di settanta opere che partono dalla pittura accademica dei Salon fino alla rivoluzione impressionista e alle soluzioni formali Nabis e dei Simbolisti..
UPCYCLE Cafè Milano
UPCYCLE Cafè: urban bike cafè, Via Ampère 59, Milano. Ristorante, bar, ma anche centro di aggregazione per gli appassionati della bicicletta e del cibo biologico, dalle birre al liquore artigianale.   > LEGGI
WOW Museo del Fumetto
Expo Milano - arancio  WOW Spazio Fumetto: museo del fumetto, dell'illustrazione e dell'immagine animata. Milano, viale Campania 12 tel. 02 49524744 – 02 49524745. L'accesso è gratuito alle numerose esposizioni al Piano Terra, alla Biblioteca, al Bookshop e alla Caffetteria. ... > VAI AL SITO >
La Rava e La Fava ristorante - leggi la recensione
Expo Milano - arancio  La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano - I ristoranti sparsi per la città di Milano hanno tutti qualcosa da offrire, ma quando trovi quel posticino dove sei il benvenuto come se fosse la cucina di casa dello chef...  LEGGI >
cervello istruzioni per l’uso
Expo Milano - arancio  BRAIN Il cervello istruzioni per l’uso – Al Museo di storia naturale di Milano: spettacolare divulgazione scientifica, dal 18 ottobre 2013 al 13 aprile 2014 dei meccanismi che regolano percezioni, emozioni, opinioni e sentimenti con il top della  tecnologia e della multimedialità  >LEGGI
Mostre Milano Pocket Exhibit
Expo Milano - arancio  A Milano, città di Expo, c'è un luogo di grande afflusso di pubblico dove realizzare una mostra di una settimana - Pocket Exhibit - ed essere supportati da un gruppo di specialisti della comunicazione - dei media tradizionali e del web - senza spendere nemmeno un euro? Si, c'è! Se sei un artista, un curatore o un ufficio stampa d'arte chiedici dove, come e quando. mail: milanoartexpo@gmail.com
car2go Milano car sharing
Car2go a Milano. Comincia una vera rivoluzione nel car sharing. Car2go permette di prelevare ovunque e di parcheggiare ovunque l’automobile a Milano...   > LEGGI
Giuseppe Verdi - bicentenario
Giuseppe Verdi, La Traviata, Teatro alla Scala Milano, da sabato 7 Dicembre 2013. Milano Arte Expo, scavando nei documenti d’epoca, vi propone uno speciale Giuseppe Verdi in diretta da cento anni fa ... > LEGGI
Sbarco in Normandia 6 giugno 1944
SBARCO IN NORMANDIA in diretta con i grandi inviati del D-Day, minuto per minuto dalla Seconda Guerra Mondiale ... > LEGGI
Emilio Tadini
Emilio Tadini FIABE – mostra a Burago di Molgora, a due passi da Milano. Rassegna I maestri del 900 ideata e organizzata da Marilena Buratti e curata da Simona Bartolena con l’expo dedicata a Emilio Tadini. ... > LEGGI
Le Canottiere Milano
Le Canottiere, Milano Alzaia Naviglio Grande: shopping vestiti e accessori per mamme e bambini – di Roanna Weiss - rubrica MILANO IN QUATTRO PASSI. Bilingue: italiano / inglese). Amo questa città!...  > LEGGI
CREATIVE ANTICHE CREDENZE, mobili d'epoca
Antiche Credenze: Oggetti Unici ed Esclusivi. Impronta ai nostri spazi con uno stile personale, valutando scelte fuori dagli standard. Un mobile antico - o solo vecchio - ripristinato o personalizzato con interventi decorativi, rientra in queste scelte con una soluzione che è a portata di mano e di portafoglio! Guarda dove siamo. Tel. 0243129275 - cell. 3401773602 - >LEGGI e GUARDA.
Milano design - 100FA Vintage
Milano design - Vintage: 100Fa propone arredi industriali, mobili da mestiere, da palestra, oggetti particolari.
L’origine: Francia ed Inghilterra, rigorosamente vintage.Vendita e noleggio. mail: info@100fa.it . MAPPA - Via Molino Delle Armi 48, Milano - Tel/Fax: +390258101184 - INFO E FOTO.
Jean Clair - intervistato da Giancarlo Ricci Milano Arte Expo
 Jean Clair, MEDUSA: Giancarlo Ricci intervista Jean Clair per Milano Arte Expo. A partire dal suo libro Medusa (Abscondita Edizioni, Milano 2013) abbiamo posto alcune domande al suo autore, Jean Clair, rinomato critico e storico dell’arte, saggista, ex direttore del Museo Picasso di Parigi. >>LEGGI
Milano Arte Expo - Fondazione Marconi
Fondazione Marconi di Milano aderisce al progetto Documenti d’Arte del Novecento di Milano Arte Expo con una vasta mole di materiale storico che verrà messo on line. Altre gallerie e fondazioni stanno unendosi a questo cospicuo e progressivo piano di lavoro. Per  collaborare: milanoartexpo@gmail.com.
Il testo che segue è pubblicato nel fascicolo Studio Marconi Documenti n° 8 del 1982La nuova pittura tedesca >leggi

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

PressOffice specializzati in arte

PressOffice: Cristina Pariset T.+39 024812584 F +39 024812486 Cell.+39 3485109589 Email Pariset

CLP Relazioni pubbliche
Tel. +39 02433403 – fax +39 024813841
press@clponline.it

SPAINI & PARTNERS
via dell'Ordine di Santo Stefano 229
56128 Marina di Pisa (PI)
tel 050/310920 -36042
www.spaini.it cell 3473839137

Patrizia Cavalletti Comunicazione
Via Nazzareno Cristofani n.3
06135 Perugia, Ponte San Giovanni (PG)
Tel. + 39 075 5990443 Mob. +39 348 3386855
Skype: monteverdi333
info@patriziacavalletticomunicazione.it
www.patriziacavalletticomunicazione.it

Clicca per iscriverti a questo notiziario e ricevere news per e-mail.

Unisciti agli altri 1.645 follower

Statistiche del Blog

  • 771,443 hits
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.645 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: