//
reading...
MODIGLIANI, Museo d'Arte Moderna Vittoria Colonna, Studio Guastalla Arte Moderna e Contemporanea

IL TEMPO DI MODIGLIANI: Museo d’Arte Moderna Vittoria Colonna, 6 agosto – 20 novembre 2011

AMEDEO MODIGLIANI TESTA SCULTOREA

STUDIO GUASTALLA Arte Moderna e contemporanea è lieta di invitarvi a visitare la mostra IL TEMPO DI MODIGLIANI, a cura di Luciano Caprile, al Museo d’Arte Moderna Vittoria Colonna, Pescara,6 agosto-20 novembre 2011 (clicca qui: MAPPA). Organizzata dal Comune di Pescara, dalla Galleria Rizziero di Pescara con la collaborazione di Studio Guastalla Arte Moderna e Contemporanea di Milano. Catalogo con testi di Luciano Caprile e Guido Guastalla.

*

*

*

BENVENUTO BENVENUTI BASTIONI DI LIVORNO Olio su cartone Cm 56,5x69,5 Anni ‘20 Firmato in basso a sinistra: Benvenuto Benvenuti; firma ripetuta sul verso

Le circa cinquanta opere esposte consentono di delineare il contesto artistico della Livorno in cui Modigliani si è formato alla fine dell’Ottocento, con dipinti di Fattori, Micheli, Romiti, Natali, Benvenuti, Lloyd, Martinelli, Ghiglia. Ne esce, da questa prima sezione, l’immagine di una città vivace culturalmente e artisticamente, capace di fornire a un giovane di talento come Modigliani non solo gli strumenti tecnici per iniziare una carriera pittorica, ma anche stimoli e suggestioni che lo rendono partecipe del clima moderno, e in grado di inserirsi in un contesto d’avanguardia una volta spiccato il grande salto verso la Ville Lumière.

La mostra prosegue poi con un serie di importanti disegni di Modigliani che tracciano il suo percorso artistico, dagli inizi influenzati dallo stile di Toulouse-Lautrec, con una matita su carta che ritrae l’amico critico Mario Buggelli, al segno nitido del carboncino, che delinea volti e corpi di “cariatidi”, del periodo scultoreo (anni ‘10-‘11 del novecento), ai ritratti dal segno più sottile degli amici come Vlaminck, delle compagne, come Beatrice Hastings, dei personaggi del suo mondo artistico, come Hanka Zborowska, moglie del suo mercante Leopold.

Tra questi, spicca il disegno scelto per la copertina del catalogo, una Testa scultorea di grande impatto, influenzata dall’arte africana, che Modigliani spedisce al fratello Umberto, a Milano, per ringraziarlo dell’aiuto economico, insieme a una lettera (anch’essa esposta) in cui gli racconta delle mostre a cui partecipa, del lavoro che svolge, terminando con quello che oggi ci appare un amaro presagio, alla luce del dramma che lo porterà a morire a trentasei anni: ”In pectore sento che così finirò un giorno o l’altro per farmi strada”.

AMEDEO MODIGLIANI
TESTA SCULTOREA
Matita grassa su carta
Cm 43×19
1910-11
Firmato e dedicato, in basso a sinistra, “a Umberto, Dedo”.
NOTE: Il disegno è archiviato presso gli Archivi Modigliani di Parigi, che ne hanno confermato l’autenticità; fino ad ora inedito, verrà inserito da Christian Parisot nel Catalogo Ragionato dell’opera di Modigliani di prossima pubblicazione. È inoltre stato studiato e autenticato da Osvaldo Patani, che lo data agli anni 1910-1911, sia per ragioni stilistiche sia per le affinità che si possono cogliere dal confronto con altri disegni del corpus dell’artista.
Il disegno è dedicato al fratello Umberto, al quale Modigliani lo invia in dono insieme a una lettera allegata.
ESPOSIZIONI:
2006, Milano, Jacob, Modigliani, Picasso. Gouaches, disegni, incisioni,  Studio Guastalla Arte Moderna e Contemporanea, ill. in cat. p. 41.
2008, Livorno, Il Caffè Bardi di Livorno (1909-’21). Le arti all’incontro, Galleria d’Arte Athena, ill. in cat. pag.155, n. 55
2009, Bonn, Amedeo Modigliani, Kunst und Austellungshalle der Bundesrepublik Deutschland
2010-’11, Rovereto (Tn), Modigliani scultore, Mart, ill. in cat. n. 70, pag. 143.
PROVENIENZA:
Dono dell’artista al fratello Umberto;
Fondazione Italiana Ricerca sul Cancro (dono della nipote Nora Modigliani).
Lettera autografa di Amedeo Modigliani che accompagna il disegno Testa scultorea, 1910-1911.
Carissimo Umberto, grazie prima di tutto dell’inaspettato soccorso. Col tempo spero di arrivare a sbrogliarmi: il tutto è di non perdere la testa. Mi domandi cosa conto di fare. Lavorare e esporre. In pectore sento che così finirò un giorno o l’altro per farmi strada. Il Salon d’Autunno è stato relativamente un successo. E l’accettazione in blocco è quasi un caso per la gente che passa per formare una coterie chiusa. Se ribatte bene agli Indipendenti avrò certamente fatto un primo passo. E tu cosa racconti? Salutami la zia Lò. Scrivimi se puoi! Ti abbraccio tuo Dedo.”

MAX JACOB IL MIO CIRCO Acquarello su carta,Cm 31x22 - 1919 - ESPOSIZIONI: 1991, Firenze, Max Jacob l’esoterico, Istituto Francese di Firenze, pubb. in cat. pag. 63. 2006, Milano, Jacob, Modigliani, Picasso. Gouaches, disegni, incisioni, Studio Guastalla Arte Moderna e Contemporanea, ill. in cat. pag. 12.

La terza parte della mostra inserisce Modigliani nel contesto della capitale dell’arte in cui arriva nel 1906 e muore nel 1920, e in cui il pittore diventa uno dei più grandi artisti del novecento: Parigi. Opere di Picasso, Vlaminck, dell’amico fraterno Max Jacob, di Valtat, Soutine, Utrillo, Picabia tracciano un ricco affresco del mondo delle avanguardie artistiche dei primi vent’anni del secolo scorso, e di quel mondo di bohème che rappresenta l’humus in cui si sviluppano i più grandi movimenti artistici dell’epoca.

MAX JACOB RACINE Acquarello e inchiostro di china su carta, Cm 27,5x45,1902 - Firmato in basso a sinistra e in basso a destra. ESPOSIZIONI: 1989, Parigi, Paris, capitale des arts, Galleria Didier Imbert (etichetta sul retro). 2006, Milano, Jacob, Modigliani, Picasso. Gouaches, disegni, incisioni, Studio Guastalla Arte Moderna e Contemporanea, ill. in cat. n. 1, pag.17.

Dal testo: Guido Guastalla, Modigliani ebreo sefardita e i suoi amici tra Livorno e Parigi
“Modigliani, soprattutto negli ultimi dieci anni della sua vita e della sua carriera
di grandissimo artista, cioè dal periodo delle Cariatidi fino ai grandi Nudi e
all’Autoritratto ultimo, si è progressivamente allontanato dalla Scuola di Parigi
e dal suo ritorno all’ordine, ritornando ad essere un pittore squisitamente italiano;
ma non solo nel senso della vecchia critica (pensiamo a Venturi, Carli, russoli) e
cioè di un legame praticamente esclusivo con la grande tradizione iconografica e
stilistica che va dal Due al trecento toscano (pisano, fiorentino e soprattutto senese),
ma soprattutto per un recupero di identità fondato sulla sua eredità ebraico–se-
fardita italiana, influenzata soprattutto dal pensiero cabbalistico di Benamo-
zegh, che gli studi di Jeanne Modigliani degli anni ’70 e ’80 e le sottolineature
di altri, fra cui il sottoscritto, hanno offerto agli studi successivi, sino ad oggi”.

Dal testo: Luciano Caprile, Il tempo di Modigliani
“A contatto di personaggi come Max Jacob e Pablo Picasso egli riuscirà a
trovare un proprio carattere distintivo guardandosi attentamente intorno, va-
lutando l’importanza del cubismo nascente e assorbendo l’influsso dell’arte tri-
bale africana e oceanica, ma rimanendo pur tuttavia artisticamente un isolato,
refrattario ad aderire apertamente a gruppi o a movimenti. D’altronde nessuno
ha voluto o potuto confrontarsi con lui. Sui suoi disegni vale la pena citare
un commento di Filippo de Pisis: “Si potrebbero paragonare agli etruschi per
una semplicità di stile tutta loro particolare e son tuttavia così moderni nello
spirito”. La classicità e la modernità si incontrano nel suo segno semplice e
sicuro. Non a caso egli tiene ben in vista sui muri del suo atelier le riproduzio-
ni di alcuni capolavori di Simone Martini, di Vittore Carpaccio, di Duccio da
Buoninsegna, di tino da Camaino. e la sua memoria corre al leonardo incom-
piuto del Museo di Napoli, ai Botticelli degli uffizi, allo Jugendstil scoperto a
Venezia. In tal modo egli riuscirà a coniugare la personale cultura maturata
in patria con la folgorante emozione suscitata dai lavori di Paul Cézanne e di
Henri de Toulouse-Lautrec da rilevare proprio nella Ballerina appena citata.
Anche il 1909 è un anno cruciale: incontra Costantin Brancusi, scopre non solo
la scultura negra ma anche quella khmer durante le visite al Museo del tro-
cadéro. Inoltre è rilevabile in lui una qualche influenza dell’arte egiziana e del-
la pittura dell’estremo Oriente.

**

L’immagine che segue è:

AMEDEO MODIGLIANI
ERMAFRODITO
Matita grassa su carta
Cm 43×26
1910-11

NOTE:
In basso a sinistra cachet di P.A.(Paul Alexandre) n. 168. Sul retro disegno raffigurante Studio di testa e timbro della Galleria del Milione.

ESPOSIZIONI:
1972, Milano, Amedeo Modigliani. Disegni, Galleria d’Arte Eunomia, n. 5; 1982, Milano, Amedeo Modigliani. Disegni e acquerelli nelle raccolte pubbliche e private, Rotonda della Besana; 1984, Verona, Modigliani. Dipinti e disegni. Incontri Italiani 1900-1920, Galleria dello Scudo; 1985, Torino, Modigliani. Dipinti e disegni. Incontri Italiani 1900-1920, Palazzo Reale; 1988, Verona, Modigliani a Montparnasse, Galleria d’Arte Moderna, Palazzo Forti (due etichette sul retro); 1988-89, Milano, Modigliani a Montparnasse, Palazzo della Permanente, cat. p. 68; 2006, Milano, Jacob, Modigliani, Picasso. Gouaches, disegni, incisioni, Studio Guastalla Arte Moderna e Contemporanea, ill. in cat. p. 42; 2010-’11; Rovereto (Tn), Modigliani scultore, Mart, ill. in cat. n. 46, pag. 178.

PUBBLICAZIONI:
A. Ceroni, A. Modigliani, Edizione del Milione, Milano, 1965, n. 62; AA.VV., Catalogo Bolaffi, volume I, Torino, 1974, p. 212; O. Patani, Modigliani. Disegni, Edizioni La Seggiola, Milano, 1976, n. 5; O. Patani, Modigliani. Disegni, Edizioni Mazzotta, Milano, 1982, n. 63, p. 23; O. Patani, Le carte affascinanti, Edizioni Stanza del Borgo, Milano, 1984, p. 51; C. Parisot, Modigliani Catalogue Raisonné, Edizioni Graphis Arte, Livorno, 1990, tomo I, n. 29/10, p. 239.

PROVENIENZA:
Parigi, Paul Alexandre; Milano, Galleria del Milione; Milano, collezione privata.

* *

Museo Vittoria Colonna, Via Gramsci 1, Pescara Tel 085 4283759

orari: 10.00-13.00 / 17.00-24.00 (fino al 18 settembre)

9.30-13.30 / 15.00-20.00 (fino al 20 novembre)

Il Museo d’Arte Moderna Vittoria Colonna venne inaugurato nel 2002 con una grande mostra dedicata a Chagall. Da allora si sono susseguite rilevanti temporanee: retrospettive di Campigli, Calabria e Manzù. Il Museo è un importante centro di cultura, laboratorio permanente per l’arte moderna. La collezione permanente è costituita da opere di Cascella, Guttuso, Mirò, Picasso, Michetti ed è visibile nella prima sala e nel cortile esterno.

Per ulteriori informazioni:

Studio Guastalla Arte Moderna e Contemporanea
Via Senato 24   20121 Milano
Tel/Fax 02 780918

www.guastalla.com

info@guastalla.com

About these ads

Informazioni su milanoartexpo

Blogzine fondata dal centro culturale Spazio Tadini di Milano. Per info: milanoartexpo@gmail.com
invia una mail a Milano Arte Expo

Milano Arte Expo 2013-2014

  • 868,331 visualizzazioni
Giacometti GAM Milano
Fuorisalone 2015
Storie Milanesi
Aste Milano
Chagall Milano
Ristoranti Milano - Boeucc
Arte Padova 2014
Chiara Ferragni
stampe d'autore

mercato dell’arte e prezzi

artprice
Rossosegnale B&B Milano
Expo Milano - arancio ROSSOSEGNALE Milano B&B Via Antonio Sacchini 18 bed and breakfast e galleria d’arte 3001 LAB (metro: M1 e M2)  +39.02.29527453 – Zona 3, recensione di Federicapaola Capecchi – Uno dei top bed and breakfast e galleria d’arte allo stesso tempo. > LEGGI
UPCYCLE Cafè Milano
UPCYCLE Cafè: urban bike cafè, Via Ampère 59, Milano. Ristorante, bar, ma anche centro di aggregazione per gli appassionati della bicicletta e del cibo biologico, dalle birre al liquore artigianale.   > LEGGI
WOW Museo del Fumetto
Expo Milano - arancio  WOW Spazio Fumetto: museo del fumetto, dell'illustrazione e dell'immagine animata. Milano, viale Campania 12 tel. 02 49524744 – 02 49524745. L'accesso è gratuito alle numerose esposizioni al Piano Terra, alla Biblioteca, al Bookshop e alla Caffetteria. ... > VAI AL SITO >
La Rava e La Fava ristorante - leggi la recensione
Expo Milano - arancio  La Rava e la Fava Trattoria ristorante, Via Principe Eugenio 28 Milano - I ristoranti sparsi per la città di Milano hanno tutti qualcosa da offrire, ma quando trovi quel posticino dove sei il benvenuto come se fosse la cucina di casa dello chef...  LEGGI >
car2go Milano car sharing
Car2go a Milano. Comincia una vera rivoluzione nel car sharing. Car2go permette di prelevare ovunque e di parcheggiare ovunque l’automobile a Milano...   > LEGGI
Le Canottiere Milano
Le Canottiere, Milano Alzaia Naviglio Grande: shopping vestiti e accessori per mamme e bambini – di Roanna Weiss - rubrica MILANO IN QUATTRO PASSI. Bilingue: italiano / inglese). Amo questa città!...  > LEGGI
CREATIVE ANTICHE CREDENZE, mobili d'epoca
Antiche Credenze: Oggetti Unici ed Esclusivi. Impronta ai nostri spazi con uno stile personale, valutando scelte fuori dagli standard. Un mobile antico - o solo vecchio - ripristinato o personalizzato con interventi decorativi, rientra in queste scelte con una soluzione che è a portata di mano e di portafoglio! Guarda dove siamo. Tel. 0243129275 - cell. 3401773602 - >LEGGI e GUARDA.
Milano design - 100FA Vintage
Milano design - Vintage: 100Fa propone arredi industriali, mobili da mestiere, da palestra, oggetti particolari.
L’origine: Francia ed Inghilterra, rigorosamente vintage.Vendita e noleggio. mail: info@100fa.it . MAPPA - Via Molino Delle Armi 48, Milano - Tel/Fax: +390258101184 - INFO E FOTO.

MILANO
FONDAZIONI
SPAZI ESPOSITIVI



Biblioteca di via Senato
Via Senato 14 | t. 0276215318
Info e programmi su www.bibliotecadiviasenato.it

Centre culturel français de Milan
Corso Magenta 63 | t. 02 4859191
Info e programmi su http://www.culturemilan.com

Hangar Bicocca - Spazio d’arte contemporanea
Via Chiese 2 (traversa di Viale Sarca) | t. 02 853531764
Info e programmi su http://www.hangarbicocca.it

Fabbrica del Vapore
Viale Procaccini 4 | t. 02 88464102
Info e programmi su http://www.fabbricadelvapore.org

Fondazione Alessandro Durini - Palazzo Durini
Via Santa Maria Valle 2 | t. 02 8053029
Info e programmi su http://www.fondazionedurini.com

Fondazione Marconi
Via Tadino 15 | t. 02 29419232
Info e programmi su
http://www.fondazionemarconi.org

Fondazione Antonio Mazzotta
Foro Buonaparte 50 | t. 02 878197
Info e programmi su
http://www.mazzotta.it

Fondazione Mudima
Via Tadino 26 | t. 02 29409633
Info e programmi su
http://www.mudima.net

Fondazione Arnaldo Pomodoro
Via Andrea Solari 35 | t. 02 89075394
Info e programmi su
fondazionearnaldopomodoro.it

Fondazione Prada
Via Fogazzaro 36 | t. 02 54670216
Info e programmi su
http://www.fondazioneprada.org

Fondazione Stelline
Corso Magenta 61 | t. 02 45462411
Info e programmi su
http://www.stelline.it

Fondazione Nicola Trussardi
t. 02 8068821
Info e programmi su
fondazionenicolatrussardi.com

Forma – Centro Internazionale di Fotografia
Piazza Tito Lucrezio Caro 1 | t. 02 581188067
Info e programmi su
http://www.formafoto.it

Galleria Gruppo Credito Valtellinese
Corso Magenta 59 | t. 02 48008015
Info e programmi su
http://www.creval.it

Museo Diocesano
Corso di Porta Ticinese 95 | t. 02 89420019
Info e programmi su
http://www.museodiocesano.it

Museo Poldi Pezzoli
Via Manzoni 12 | t. 02 796334
Info e programmi su
http://www.museopoldipezzoli.it

Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia L. da Vinci
Via San Vittore 21 | t. 02 485551
Info e programmi su
http://www.museoscienza.org

Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente
Viale Filippo Turati 34 | tel. 02 6551455
Info e programmi su
http://www.lapermanente-milano.it

Spazio Oberdan
t. 02 77406300/6302
Viale Vittorio Veneto 2, ang. Piazza Oberdan
Info e programmi su
www.provincia.milano.it/cultura

Triennale Bovisa
Via Lambruschini 31, ang. Via Codigoro | t. 02 724341
Info e programmi su
http://www.triennalebovisa.it

Triennale di Milano
Triennale Design Museum

Viale Alemagna 6 | t. 02 724341
Info su http://www.triennale.it 
www.triennaledesignmuseum.it

PressOffice specializzati in arte

PressOffice: Cristina Pariset T.+39 024812584 F +39 024812486 Cell.+39 3485109589 Email Pariset

CLP Relazioni pubbliche
Tel. +39 02433403 – fax +39 024813841
press@clponline.it

SPAINI & PARTNERS
via dell'Ordine di Santo Stefano 229
56128 Marina di Pisa (PI)
tel 050/310920 -36042
www.spaini.it cell 3473839137

Patrizia Cavalletti Comunicazione
Via Nazzareno Cristofani n.3
06135 Perugia, Ponte San Giovanni (PG)
Tel. + 39 075 5990443 Mob. +39 348 3386855
Skype: monteverdi333
info@patriziacavalletticomunicazione.it
www.patriziacavalletticomunicazione.it

Clicca per iscriverti a questo notiziario e ricevere news per e-mail.

Unisciti agli altri 1.892 follower

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 1.892 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: