Cy Twombly: da un cielo del Louvre

E’ morto  Cy Twombly (1928, Lexington, Virginia – 5 luglio 2011, Roma), uno dei grandi dell’espressionismo astratto del secondo dopoguerra, con Robert Rauschenberg e Jasper Johns. Una delle tappe della sua esistenza – è noto: quella nell’esercito – l’ha portato a fare il crittografo. A cimentarsi con segni e codici segreti, per decriptarli…Qualcuno ha messo in relazione questa attività con il suo “alfabeto” segnico. Con la sua “complicazione”. In realtà, sono parole di Twombly  “dipingere è una cosa infantile. Spesso utilizzo le mani. (…) E’ istintivo, con un certo genere di pittura …non state per dipingere un oggetto o delle cose precise. E’ piuttosto come attraversare il sistema nervoso. E’ come un sistema nervoso. (…) Parto da una senzazione, da qualcosa di dolce, di sognante, di duro, di arido, qualcosa di solitario, qualcosa che sta finendo, qualcosa che comincia. E’ l’esperienza che faccio e ho bisogno di essere in questa azione, di continuare, di avanzare. Non so come descrivere questo stato. (…) Pollock, quando lo vedete al lavoro, per me, è uno dei più grandi pittori americani, è molto lirico. O Gorki, che poteva prendere un disegno e trasferirlo esattamente nella pittura. Anche Mirò, poteva tradurre i suoi disegni in pittura. C’è un certo manierismo in loro, che io non ho. Io non penso alla composizione, ne’ al colore, io cerco la progressione. Questa cosa è più simile a un’esperienza che a un quadro.”

Twombly è stato un grande e semplice sperimentatore. Lo si può paragonare, anche per  la personalità, a John Cage, che conobbe al Black Mountain College in Nord Carolina. Gli “spartiti” di Cage hanno, forse, la stessa fresca “casualità” di molte opere di Cy. Così come a Merce Cunningham (che nel  1944 presenta a New York la prima coreografia proprio su musica di Cage), che proponeva le coreografie per la prima volta ai suoi danzatori la sera stessa del debutto.

Noi troviamo giusto e interessante che il Louvre gli abbia dedicato uno spazio importante: The Ceiling, (2007-2009) nella sala dei bronzi (quella con piccole figure in bronzo, e gioielli greci risalenti al periodo esteso degli ultimi secoli a.C. e ai primi secoli d.C.) al  primo piano della Cour Carrée.  (E’ l’immagine qui riportata)

E’ stato affidato ancora ad un artista contemporaneo il ruolo di giocare la sfida tutta parigina di fondere l’antico con il nuovo- peraltro, sempre al Louvre,  dopo Anselm Kiefer e François Morellet, oltre che a Georges Braque nel 1950 .  Twombly ha realizzato un immenso cielo ( o mare?) con dischi colorati (o pianeti?) e placche bianche con inscritti i nomi dei sette più noti scultori greci del quarto secolo avanti Cristo: Kephisodotos, Lysippos, Myron, Pheidias, Polykleitos, Praxitélês, Skopas.

Si è molto discusso e molto polemizzato – in primo luogo in Francia – sulla scelta di Twombly di “cercare Giotto” allontanandosi dal proprio “stile”. E, poi, sulla selezione di un artista americano per giunta italianizzato. (A peggiorare l’odio/invidia c’era poi il precedente del sipario dell’Opéra Bastille, sempre a Parigi!..)

Queste fatti  non fanno che convincerci – ancora di più – che i nostri cugini francesi sanno osare più di noi. Che sanno comunicare la cultura meglio di noi. Che sanno sfidare le onde tempestose mosse da chi, in sostanza, non crede alla cultura come vera dialettica tra passato e presente.

Se si guarda dalle finestre orientate a ovest nella sala del Louvre dipinta da Cy Twombly, si impone la vista della Piramide di Pei. Altro Scandalo! Milanesi “radical chic” di ritorno da Parigi – non pochi, anche sulle pagine dei giornali – hanno schifato lo “scempio” alla prospettiva del cortile del museo più famoso del mondo. Gli stessi milanesi che, oggi, devono – in silenzio? – accontentarsi  di veder riposto Il Quarto Stato di Pellizza da Volpedo in uno spazio angusto di un museo comunicato male (con, oltre al resto, un catalogo brutto, un sito internet nel quale si fa fatica a trovare quale opere vi siano esposte – come confronto: guardate quello del Centre Pompidou…) e che dovrebbe rilanciare la città come capitale dell’arte…

Che dire? Impareremo? Pisapia saprà dare nuovo ossigeno. Nuovi Entusiasmi?

Per ora, in un minuto di riflessione, limitiamoci a immaginare Cy Twombly che, da quel cielo parigino/greco – e in compagnia degli scultori da lui citati – ci osserva  affaccendati nelle nostre indecriptabili attività di promotori d’arte.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *