Choreographic Collision

La presentazione di questo libro notevole, dal sito dell’editore Marsilio racconta: “Nei primi quattro anni di vita, dal 2007 al 2010, Choreographic Collision ha mostrato di essere un progetto capace di operare indistintamente, e senza vincoli, secondo modalità, incontri e presenze diverse e con la tenace direzione artistica di Ismael Ivo. La missione principale è ogni volta, per ogni singola edizione, cambiata in virtù di una precisa strategia integrativa e organizzativa, e in un contesto fortemente strutturato quale quello veneziano della Biennale Danza. La varietà di spunti di lavoro ha tracciato una mappa che unisce fin dal suo avvio la più libera, e per questo necessaria, ricerca coreografica (2007) all’esperienza di produzione (2008); la riflessione dalla parte del pubblico (2009) a un doppio percorso di studio, con la lezione coreografica di Marie Chouinard e l’esercizio di analisi critica del fare danza contemporanea (2010). Due differenti parti compongono questo libro, curato da Stefano Tomassini, ognuna delle quali narra rispettivamente due anni di lavoro. Il percorso visivo, raccolto da Orlando Sinibaldi e Alvise Nicoletti, contribuisce a documentare l’intera trama di quanto discusso e messo in pratica in questi quattro anni di attività.”

Noi non possiamo che augurare buona diffusione a questa pubblicazione – oltre che alla prosecuzione del progetto presso la Biennale – perché ci sembra brulicante di idee, attuale, fondativa. Gettare ponti tra le arti è sempre stata e sarà cosa buona e giusta. Entusiasmante è pensare che tracce e percorsi così innovativi provengano da una zona dell’arte in chiara espansione teorica. Dovrebbe accorgersene il pubblico dei teatri tutti, così pigro in questi periodi di sonnolenta crisi. Potrebbero trarne giovamento i cugini dell’arte pittorica, scultorea, installatoria – non pochi – in apparente stato di encefalite letargica postavanguardista.

Il libro, oltre che di fotografie disposte in un ordine quasi cinematografico – come a suggerire una vera sceneggiatura, una storia di emozioni – è denso di citazioni scelte a tracciare un sentiero dove riaffiorano domande importanti. Ovvero a recuperare ciò che alcune persone intelligenti, nel passato millennio e negli ultimi anni, hanno fissato nero su bianco per impedire che la stupidità umana vinca definitivamente la guerra. Adorno, Canetti, Thoreau, Barthes, Benjamin e tanti altri prendono parola in un testo dove protagonista assoluta è (si legge a pagina 36) “l’idea dell’infezione del movimento tra i corpi, la fatalità del trasferimento delle idee tra performer e platea o scena urbana”. Verrebbe da dire: Teatro del Movimento, più ancora che Teatro-Danza. Ismael Ivo, del resto, naviga in acque di confine, al di là di ogni colonna d’Ercole: prende sulla barca tutta la teoria disponibile per non morire di avitaminosi nella traversata lunga, ma concede al nuovo – e così fà chi collabora con lui – di cercare forma tramite “impulso e risonanza”. Nella burrasca delle improvvisazioni capita spesso che qualcuno gridi “Terra!”. Pare sia così che ogni profilo prenda forma, che ogni costa venga avvistata. E’ così che l’estetica continua a ripercorrere da millenni gli stessi, mutevoli, specchianti oceani.

Tra le citazioni di Choreographic Collision scegliamo “Lo spazio rappresenta una forza dinamica nella lotta contemporanea riguardante il significato, l’appartenenza e il potere” Jody Berland, Spazio 2005. Ci sembra quanto mai adeguata per dissodare l’orto, seminare vento e sperare in una tempesta artistica. Lo spazio di una scena teatrale è lo spazio di un’opera d’arte, di un quadro, di un blocco di pietra, di un obiettivo fotografico o cinematografico. E’ il perimetro di un conflitto. Dello spostamento di un limite. E’ lo spazio della ricerca della libertà. Bisogna tagliarne ancora tante, di tele, per “terminare” questo problema. Collisione infinita, convergenza delle arti.

Potrebbero interessarti anche...

6 Risposte

  1. luglio 28, 2011

    […] l’ha infatti voluta anche tra i docenti del progetto di ricerca coreografica Arsenale Danza e Choreographic Collision. Marie Chouinard per ogni lavoro progetta un universo ogni volta unico e nuovo, di invenzioni e di […]

  2. ottobre 6, 2011

    […] trasversale tra processi creativi e generazioni. É uno spazio condiviso di confronto, moderato da Stefano Tomassini, dove i processi creativi, proposti in showcase, dialogano con il […]

  3. novembre 24, 2011

    […] e relatori: Per la danza, Viviana Palucci, Ideatrice e organizzatrice di Choreographic Collision, progetto di formazione, ricerca coreografica/Danza Venezia/Biennale Internazionale di danza […]

  4. febbraio 8, 2012

    […] and speakers: Dance: Viviana Palucci, Author and organizer of Choreographic Collision, formation’s plan, choreographic research/Danza Venezia/Biennale Internazionale di danza […]

  5. febbraio 9, 2012

    […] Spazio Tadini Moderatori e relatori: Per la danza Viviana Palucci, Ideatrice e organizzatrice di Choreographic Collision, progetto di formazione, ricerca coreografica/Danza Venezia/Biennale Internazionale di danza […]

  6. febbraio 9, 2012

    […] Spazio Tadini Moderatori e relatori: Per la danza Viviana Palucci, Ideatrice e organizzatrice di Choreographic Collision, progetto di formazione, ricerca coreografica/Danza Venezia/Biennale Internazionale di danza […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *