Louise Lawler all’Art Unlimited Basel 42

Tra i 62 progetti in formato gigante di Art Unlimited all’Art Basel 42, appositamente realizzati per il generoso settore che offre circa 17000 m2 del padiglione espositivo, c’è anche la nuova installazione a muro Light and Dark (Adjusted to fit) di Louise Lawler (1947 Bronxville, New York).

L’opera sonoraBirdcalls (1972/1981), sempre dell’artista newyorkese rappresentata dalla Metro Pictures di New York, Sprüth Magers di Berlino e Yvon Lambert di Paris, sarà invece suonata ininterrottamente per tutta la giornata di oggi nello stand di Metro Pictures. Birdcalls dura all’incirca 7 minuti e si basa sulla trasformazione dei nomi di artisti uomini e famosi come Artschwager, Beuys, Ruscha, Warhol, Merz, Cucchi, Clemente, Acconci, Chia, Kiefer, Polke, Twombly, Judd, in un verso di uccello che l’artista fa ripetutere insistentemente a mò di pappagallo: è una parodia delle condizioni di privilegio e riconoscimento dati agli artisti uomini in quel momento(chiudiamo qui la parentesi), ovvero dai primi anni ’70 agli anni’80 dal mercato dell’arte. Abbiamo trovato online l’audio in streaming in formato mp3, pertanto vi invitiamo al gioco. Riuscite a riconoscere e indovinare i nomi degli artisti maschi nei cinguettii irriverenti di Lawler?

19 giugno 2011

Louise Lawler/ Metro Pictures, opera sonora ‘Birdcalls’ (1972–1981) 7 minuti, registrato e mixato da Terry Wilson

Hall 2.1, Art Basel 42

Info: Cristina Pariset, Via Alberto da Giussano 7, I-20145 Milano,

Tel. +39 02 481 25 84, fax +39 02 481 24 86, email cristina.pariset@libero.it

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *